In Cile i minatori “cominciano” a rinascere

13 ottobre 2010 0 Di redazione

Nascere una secoda volta. Dopo 69 giorni di prigionia nelle viscere della terra, alcuni dei 33 minatori cileni cominciano a rivedere la luce. Alle cinque in Italia, il primo soccorritore è sceso nella camera di sicurezza a 700 metri di profondita con la capsula allestita in tempi da record. Ben 17 minuti ha impiegato la capsula per raggiungere il fondo del tunnel. Poi i minatori sono cominciati ad uscire e, davanti le telecamere delle televisioni di tutto il mondo, hanno abbracciato familiari e presidente della repubblica cilena prima di essere ricoverati per controlli di routine. Il completamento del recupero, però, è ancora lungo e i soccorritori procedono con prudenza.