Barbara Di Rollo: “Dobbiamo rendere trasparente e accessibile la Pubblica Amministrazione”

10 aprile 2011 0 Di admin

Dall’ufficio stampa di Barbara Di Rollo riceviamo e pubblichiamo:
Sempre più sentito e dibattuto dai cittadini il tema riguardante la trasparenza amministrativa che deve assicurare la massima circolazione possibile delle informazioni sia all’interno del sistema amministrativo, sia fra quest’ ultimo ed il mondo esterno.
La candidata a sindaco Barbara Di Rollo interviene con idee chiare su questo delicato argomento. “Abbiamo una legge che non solo prevede il diritto di prendere visione degli atti di un procedimento, ma anche che l’attività amministrativa deve ispirarsi al principio di trasparenza, inteso come accessibilità alla documentazione dell’amministrazione o ai riferimenti da quest’ultima utilizzati nell’assumere una determinata posizione”.
Barbara Di Rollo, nelle priorità di un rinnovamento all’interno del palazzo comunale di Cassino, andrebbe immediatamente a lavorare su questo tema per consentire ai cittadini di veder garantiti i propri diritti nei confronti dell’amministrazione pubblica. “Tutti hanno diritto, afferma Barbara Di Rollo, ad una informazione qualificata, ad accedere ai documenti amministrativi e a conoscere, nei limiti precisati dalla legge, lo stato dei procedimenti amministrativi che li riguardano, seguendo le fasi attraverso cui l’attività amministrativa si articola”.
La Di Rollo ritiene che il cittadino abbia la necessità di sentire il palazzo comunale non solo trasparente, ma anche accogliente e accessibile.
E per renderlo tale la candidata a sindaco propone uno “sportello polifunzionale”, una struttura in grado di fornire informazioni e/o servizi di competenza di uffici diversi.
“L’obiettivo è certamente quello di migliorare il rapporto tra la pubblica amministrazione e i cittadini, ma soprattutto di assicurare una maggiore accessibilità delle informazioni, attraverso la semplificazione e la razionalizzazione dei procedimenti amministrativi”, afferma la candidata a sindaco che continua:
“In pratica l’utente viene accolto e da li’ viene indirizzato ai vari uffici.
Questo significa che lo sportello non sostituisce la competenza degli uffici comunali, ma che aiuta i cittadini che hanno un quesito o un’esigenza, a capire se esiste una risposta al loro bisogno, a quale ufficio o altro ente o associazione devono rivolgersi e quali documenti devono presentare”.
Lo “sportello polifunzionale” serve per facilitare l’informazione e semplificare la vita del cittadino, “eliminando passaggi burocratici spesso superflui, conclude la Di Rollo, ma anche per rendere più scorrevole il lavoro degli impiegati degli stessi uffici”.