Giorno: 19 febbraio 2013

19 febbraio 2013 0

Incidente mortale tra moto e furgone sulla tangenziale di Napoli a Corso Malta

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Autostrade per l’Italia comunica che intorno alle 14.30 è avvenuto un incidente in corrispondenza dell’uscita di Corso Malta, sulla Tangenziale di Napoli, con il coinvolgimento di un furgone e una moto. Nel sinistro ha perso la vita il conducente della moto. Sul luogo dell’incidente, dove non si registrano turbative per la circolazione, sono intervenuti gli operatori Società Tangenziale di Napoli, i soccorsi sanitari e meccanici e le pattuglie della Polizia Stradale. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità sono diramati su RTL 102.5 FM, ISORADIO 103.3 FM, attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV INFOMOVING in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

19 febbraio 2013 0

Scuole, a Frosinone prove di evacuazione per rischio sismico

Di admin

A seguito dell’evento sismico che si è verificato sul territorio comunale lo scorso 16 febbraio, il sindaco Nicola Ottaviani ordina che per tre giorni consecutivi, da domani mercoledì 20 febbraio a venerdì 22 febbraio in tutte le scuole di ogni ordine e grado e negli asili nido pubblici e privati presenti sul territorio comunale vengano effettuate prove di evacuazione per rischio sismico, come previsto dai rispettivi piani di evacuazione.

L’iniziativa si pone come obiettivo prioritario la salvaguardia della pubblica incolumità e l’educazione e la sensibilizzazione della popolazione scolastica al corretto comportamento da tenersi in circostanze di emergenza derivanti dal rischio sismico.

19 febbraio 2013 0

Servizio di raccolta differenziata ‘porta a porta’, domani conferenza stampa alla biblioteca

Di redazionecassino1

Domani, mercoledì 20 febbraio alle ore 11.30, presso la Biblioteca Comunale ‘Pietro Malatesta, avrà luogo una conferenza stampa di presentazione del nuovo servizio di raccolta differenziata ‘porta a porta’ che interesserà l’intero territorio di Cassino.

Nel corso della conferenza verranno illustrati i dettagli del nuovo servizio e della campagna di comunicazione denominata ‘Cassino a Raccolta’.

Interverranno il sindaco di Cassino, Giuseppe Golini Petrarcone, l’assessore all’ambiente, Riccardo Consales, Stefano Della Rosa, responsabile De Vizia Transfer Spa e Massino Santucci, direttore Achab Med Srl.

 

19 febbraio 2013 0

Movimento Arancione Cassino: Rilanciare la politica partendo dalla legalità, giovedì alla biblioteca ‘P. Malatesta’

Di redazionecassino1

L’iniziativa che i  simpatizzanti del Movimento Arancione di Cassino, avranno nel pomeriggio di  giovedì 21 c.m., presso i locali della Biblioteca Comunale  di Cassino  verte innanzitutto sulla voglia di  lanciare un messaggio nuovo nel modo di intendere  la Politica, quella con la P maiuscola. Si vuole descrivere  che, un altro mondo, dove le parole pesano come macigni e quando uno ci mette la faccia non lo fa per esibizionismo o per rompere la monotonia quotidiana, ma solo se si ha il coraggio di rivendicare diritti e legalità per la propria gente e se ad alta voce  si condanna la illegalità e la corruzione che  ha  avvelenato l’Italia ed il territorio e messo il guinzaglio alla società: si può intraprendere una nuova strada per ricostruire la Società ed il nostro Paese.

Bisogna cercare di  cambiare il  paese nella mentalità e nei comportamenti, non tentennare quando si accusa in quando  ormai la  “legalità illegalità hanno perso qualsiasi significato” e occorre far presto per liberare il territorio dagli intrecci che continuano ad esistere e si vuole difendere a tutti i costi.

Dobbiamo uscire dal  tunnel dell’illegalità che uccide il futuro dei giovani, che uccide i piccoli imprenditori veri motori trainanti dell’economia sociale.

Bisogna cercare di parlar chiaro, senza funambolismi teorici, senza schematismi ideologici, ma solo con la certezza che per cambiare la società occorre partire dal rispetto dei principi della costituzione che ora è alla mercè della logica affaristico-mafiosa dei gruppi di potere, dei comitati d’affari, delle caste che quasi non distinguono più le sedi istituzionali da quelle dei covi dei camorristi.

Legalità è da contrapporre alla corruzione, è la  partecipazione della gente per far funzionare il paese, è il  rispetto delle regole per evitare che i giovani laureati fuggano via da una terra alla quale si sentono legati per tradizioni, cultura e affetto.

Le parole non nascondono il mondo che si vuole  costruire, al contrario servono per descrivere gli orizzonti dove si vuole  arrivare, narrare una storia fatta di violenza e  sopraffazione degli uni contro gli altri, dal  quale vogliamo  liberarci e la politica descritta con queste parole,  diventa vera, credibile, appassionata e non deve essere assolutamente rischiosa per chi ne vuole esserne portatore.

La politica è questo sogno, che se si rimane in pochi o da soli rimane tale,  se a sognare ne siamo in tanti  diventa realtà e se si sogna tutti insieme diventa  una nuova rivoluzione sociale.

La logica della politica vorrebbe che queste esperienze, queste voci, queste testimonianze fossero annullate, non contassero nulla e sparissero dallo scenario politico in nome del dualismo dei poli e del voto utile. Ma se a predominare, sono solo quelle di far apparire la loro forza economica e  “contrattuale” al cospetto  e continuare ad eregersi  che solo loro, che hanno prodotto tale scempio culturale e sociale, ad averne le soluzioni, allora per rintracciare la democrazia non occorrerà andare nei comuni o in Parlamento ma basterà recarsi al più vicino cimitero.

E’  questo il messaggio che il Movimento Arancione di Cassino, vuole trasmettere  a tutta la Società Civile e rispettosa delle regole, per dare un volto nuovo alla politica sia locale che nazionale, fatta da persone pulite e perbene, senza essere connessi con gli attuali intrighi del sistema politico attuale.

 

19 febbraio 2013 0

Oltre 200 chili di hashish sequestrati dai carabinieri nei pressi del casello A1 a Cassino

Di admin

Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone – Reparto Operativo – Nucleo Investigativo, coordinati dal Ten. Col. Fernando Maisto congiuntamente a quelli della Compagnia di Cassino, coordinati dal Capitano Adolfo Grimaldi, nel corso di una intensa attività info-investigativa traevano in arresto per “detenzione illecita di sostanza stupefacente” A.T., 36enne Campano. In particolare, i militari operanti individuavano e bloccavano in prossimità del casello autostradale di Cassino l’autovettura condotta dal predetto all’interno della quale, a seguito di accurata perquisizione veniva rinvenuta, abilmente occultata in un vano appositamente creato sotto il bagagliaio posteriore, sostanza stupefacente del tipo “hashish” per un quantitativo complessivo di 210,00 kg. suddivisa in panetti. La sostanza stupefacente, il cui valore commerciale all’ingrosso è di circa 400.000,00 Euro e l’autovettura utilizzata, venivano poste sotto sequestro mentre l’arrestato veniva associato presso la Casa Circondariale di Cassino a disposizione dell’A.G..

19 febbraio 2013 0

Soccorsa scialpinista infortunata su Monte Pesco Falcone

Di admin

Si è concluso alle ore 3.30 l’intervento di soccorso ad un gruppo di 5 scialpinisti tedeschi ed una austriaca su Monte Pesco Falcone (2646m), sul versante settentrionale del massiccio della Majella. Nel primo pomeriggio di lunedì 18 febbraio una componente del gruppo, M.R. sessantaquattrenne di Breitenwang (Austria), mentre scendeva con gli sci è caduta procurandosi la lussazione di una spalla. La guida alpina tedesca che li accompagna, non riuscendo a ridurre la lussazione, ha dato l’allarme comunicando la loro posizione ed ha iniziato la discesa a piedi per accompagnare l’infortunata. Da valle sono subito partiti una guida alpina austriaca, componente del soccorso alpino austrico, ospite del loro stesso albergo a Caramanico Terme (PE) e che ha offerto il proprio aiuto, ed un tecnico di soccorso del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese. L’organizzazione dei soccorsi, con il coordinamento della Prefettura di Pescara, ha coinvolto subito altre squadre del CNSAS, del Soccorso Alpino Guardia di Finanza (SAGF) e del Soccorso Alpino Forestale (SAF), oltre ai Carabinieri e ai Vigili del Fuoco. Il resto del gruppo di scialpinisti, inizialmente fermatosi su Monte Pesco Falcone, ha poi iniziato la discesa raggiungendo la guida alpina e la compagna infortunata. Il gruppo è stato raggiunto dai primi soccorritori poco dopo le ore 20.30, ed ha proseguito la lenta discesa verso il Rifugio Barrasso, a quota 1542m. Mentre le squadre CNSAS, SAGF e SAF si muovevano sotto la nevicata per raggiungere ed accompagnare il gruppo di scialpinisti, poco più a monte della località San Nicolao, Caramanico Terme (PE), era stata allestita la base dei soccorsi, ed i Vigili del Fuoco vi avevano portato anche una fotoelettrica. Raggiunto il Rifugio Barrasso la signora, abbastanza provata dalla lunga camminata nella neve, è stata caricata su una barella portantina e poco dopo le ore 3 è arrivata alla base di coordinamento dei soccorsi. Da qui è stata portata in macchina a Caramanico Terme dove è stata presa in consegna dai sanitari del 118, giunti da Scafa (PE) con una ambulanza che non era potuta salire oltre a causa della neve, e portata all’ospedale di Popoli (PE).

19 febbraio 2013 0

Sequestrati dalla Guardia di Finanza 8mila prodotti per l’igiene e cosmesi

Di admin

I finanzieri della Compagnia Guardia di Finanza di Frosinone, nel corso di un’operazione di servizio volta a verificare il rispetto delle disposizioni di legge a tutela dei consumatori in genere, hanno controllato numerosi esercizi commerciali del capoluogo dediti principalmente alla vendita di prodotti di bellezza e per l’igiene, sequestrando 8.000 prodotti non conformi ai requisiti di sicurezza.

In particolare, nell’ambito di tali controlli, all’interno di un noto negozio, sono stati rinvenuti numerosi prodotti quali creme viso e corpo, saponi e prodotti per l’igiene intima ed orale, esposti per la vendita al pubblico a prezzi vantaggiosi, ma che non rispettavano le prescrizioni imposte a tutela dei consumatori.

L’attenzione delle Fiamme Gialle si è concentrata sui prodotti – alcuni dei quali erano stati privati della scritta non vendibili al pubblico – che da un primo esame visivo non risultavano idonei a soddisfare i requisiti di sicurezza per carenza di molte prescrizioni rese obbligatorie dalla legislazione vigente.

In assenza delle citate indicazioni che, oltre ad essere obbligatorie devono essere ben visibili, facilmente leggibili e riportate nella lingua ufficiale del paese in cui il prodotto viene venduto, la commercializzazione del prodotto è sempre vietata.

Al termine dei controlli, i finanzieri hanno sequestrato complessivamente 8.000 prodotti non sicuri, tutti privi dei contenuti minimi delle informazioni obbligatorie per essere immessi sul mercato, comminando ai trasgressori una sanzione amministrativa per oltre 25.000 euro.

Le anomalie riscontrate nel corso dei citati controlli, sono state segnalate alla Camera del Commercio di Frosinone per l’adozione delle misure inibitorie nei confronti dei responsabili.

19 febbraio 2013 0

Marino Fardelli incontra gli operatori del Distretto del Marmo

Di admin

Nonostante la crisi mondiale del settore marmifero, il Distretto del Marmo e del Lapideo di Coreno Ausonio continua a dare lavoro a quasi un migliaio di persone con un fatturato di circa 50 milioni di euro e una capacità produttiva di 350mila tonnellate annue. “Sono numeri che fanno qualificare questo settore, come un vero e proprio fattore di eccellenza di tutta l’economia provinciale. Le potenzialità d’impatto su decine di migliaia di abitanti candidano l’area a distretto industriale”. Lo ha rimarcato Marino Fardelli in un incontro proprio con gli operatori del settore che insiste nei comuni di Coreno Ausonio, Esperia, Ausonia, Castelnuovo Parano, San Giorgio a Liri e Pignataro Interamna. “Bisogna garantire alle imprese, costrette a perdere tempo e risorse economiche, una burocrazia meno pressante che non le limiti e non ne ostacoli il fluido processo produttivo” ha detto Marino Fardelli al quale gli operatori del settore marmifero, hanno chiesto che l’attenzione del territorio sia costante e pressante, a prescindere da appartenenze politiche. Marino Fardelli ha accolto l’appello e ha aggiunto che bisogna colmare una serie di vuoti legislativi. “Il settore marmifero rappresenta per la provincia di Frosinone un vanto e un’eccellenza. E’ una sorta di marchio identificativo che portiamo all’estero. Bisogna intervenire affinchè un fattivo rilancio del distretto non sia un’utopia ma che consideri l’innovazione del prodotto, la facilitazione dell’accesso al credito, la ricerca di nuovi mercati coinvolgendo le strutture pubbliche, la formazione anche in ambito artistico, l’internazionalizzazione”. Il candidato al Consiglio regionale del Lazio ha ricordato infatti che il distretto del marmo è una ricchezza non solo per i comuni che ne fanno parte ma per l’intero territorio provinciale. “Occorre collaborazione tra le Istituzioni e il mondo economico, ma soprattutto cooperazione tra gli stessi imprenditori i quali rappresentano uno degli esempi più riusciti delle capacità imprenditoriali della nostra provincia”. Proprio per avere continuamente l’aggiornamento di un settore in continua evoluzione, Marino Fardelli ha proposto un tavolo permanente per poter studiare continuamente nuove strategie d’intervento. “Un impegno a cadenza – ha concluso Fardelli – perché gli stessi operatori del settore possano portare in Regione Lazio le loro richieste”.