pubblicato il11 settembre 2013 alle 10:19

Cagnolina con cucciolata sulla SP 335 a Maddaloni salvata dai carabinieri e dall’Enpa

Nella tarda serata di ieri, i Carabinieri sono intervenuti in circostanze alquanto singolari. Ad aver bisogno dell’aiuto dei militari, infatti, oggi è stata una cagnolina e la sua tenera cucciolata. Sulla SP 335, arteria di comunicazione tra Caserta, Maddaloni e Marcianise, a breve distanza proprio dalla rampa di svincolo per Maddaloni, il traffico è stato seriamente rallentato dalla presenza, sul ciglio della strada, della mamma a quattro zampe e dei suoi dieci piccoli cuccioli che impauriti e smarriti hanno rischiato di finire tra le ruote dei mezzi in transito. Solo l’intervento dei Carabinieri coadiuvati attivamente da personale dell’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) ha consentito, con non poca difficoltà e dopo numerosi tentativi di trarre in salvo tutti cagnolini che terrorizzati dal fragore del traffico si erano rintanati in un canale di scolo ai bordi della strada. Insomma a concludere l’avventura non poteva che esserci un lieto fine, tutti i piccoli e la coraggiosa mamma sono stati affidati al personale dell’ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali), giunto sul posto dalla sede Provinciale di Mignano Montelungo con un’ambulanza ed il medico veterinario che provvederà al loro ricovero presso il più vicino centro di accoglienza per cani. Inoltre, proprio per ricordare il particolare salvataggio i Carabinieri del Comando Provinciale di Caserta che, tra l’altro, hanno seguito da vicino tutte le fasi della delicata operazione, hanno scelto di richiedere l’affido di uno dei cuccioli al quale provvederanno direttamente, accudendolo negli ampi spazi della sede del Reparto di via Laviano.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07