Giorno: 28 giugno 2016

28 giugno 2016 0

Brucia rifiuti di materiale plastico. In manette un nigeriano 37enne a Castel Volturno

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Aveva appiccato il fuoco ad cumulo di rifiuti di materiale plastico, non curandosi delle terribili conseguenze sull’ ambiente, ma i carabinieri della stazione di Castel Volturno, in località Pescopagano, lo hanno sorpreso ed arrestato per il reato di combustione illecita di rifiuti. Si tratta di un cittadino nigeriano di 37 anni senza fissa dimora ed irregolare sul territorio nazionale.L’uomo, dopo aver appiccato il fuoco ad un cumulo di rifiuti di materiale plastico, ha provocato anche un rogo più esteso che attraverso la sterpaglia ha interessato un fondo di circa 1.000 circa mq. Per domare le fiamme sono intervenuti prontamente i vigili del fuoco di Caserta e Mondragone. L’arrestato è stato condotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. N.C.

28 giugno 2016 0

Contestó Napolitano a Cassino con il megafono, il 13 luglio il processo  

Di Antonio Nardelli

Ha contestato con il megafono l’allora presidente della repubblica Giorgio Napolitano nel giorno della cerimonia per il 70esimo anniversario della distruzione di Cassino il 15 marzo 2014.

Per questo, Chiara De Marchis del partito dei Carc, dovrà comparire a processo davanti al giudice del tribunale di Cassino il prossimo 13 luglio.

Durante le celebrazioni ci furono diverse contestazioni al presidente Napolitano e Cassino era una città blindata delle forze dell’ordine.

Il partito dei Carc ha invitato attraverso Facebook tutti i cittadini e le associazini che quel giorno erano in strada a partecipare al presidio di solidarietà il giorno del processo in piazza Labriola. “La migliore difesa della costituzione é la sua applicazione“ si legge nell’evento creato su Facebook dai Carc.

Ant. Nard.

41.490788913.8333776
28 giugno 2016 0

Furti in abitazione ed azienda, i carabinieri intercettano due bande. Una a Ferentino, l’altra a Paliano

Di redazione

Nella decorsa notte, in Ferentino, personale del NORM – Aliquota Radiomobile della Compagnia di Anagni, nel corso di un predisposto servizio per il controllo del territorio, intercettavano sulla via Asi un’autovettura con quattro persone a bordo che alla vista dei militari si davano ad una precipitosa fuga. Dopo un breve inseguimento, i quattro abbandonavano l’auto dileguandosi nelle campagne limitrofe, facendo perdere le loro tracce. All’interno del veicolo, intestato ad una società del napoletano, venivano trovati arnesi atti allo scasso e materiale informatico che risultava esser stato asportato precedentemente presso una ditta del capoluogo; il materiale veniva restituito al legittimo proprietario.

Nella notte scorsa, invece, a Paliano, i militari della locale Stazione Carabinieri impedivano il perpetrarsi di un furto in abitazione. Infatti, cinque persone si erano appena introdotte all’interno di una casa di quel centro, allorquando, al sopraggiungere degli operanti in servizio perlustrativo, si davano a precipitosa fuga a bordo di un’autovettura che nel corso dell’inseguimento ad opera dei militari erano costretti ad abbandonare nel territorio di Anagni. Il veicolo, nel quale venivano rinvenuti arnesi atti allo scasso, risultava essere altresì oggetto di furto avvenuto a Napoli; il tutto veniva posto sotto sequestro.

28 giugno 2016 0

49enne finisce in manette a Villa Latina. Aveva appiccato il fuoco lungo il costone della montagna

Di redazione

49enne in manette. Aveva appiccato il fuoco in montagna e aveva predisposto anche un’alimentazione idonea per il rogo, ma è stato sorpreso dai carabinieri. Nello specifico ieri sera è stato arrestato a Villa Latina dai militari della Stazione Carabinieri di Picinisco. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso mentre appiccava il fuoco con un accendino lungo il costone di montagna adiacente la SR 627, tra l’altro nei pressi di un traliccio dell’alta tensione, alimentandolo in più punti della strada, con cartoni e plastica. Il focolaio veniva domato dai Vigili del Fuoco di Sora intervenuti su richiesta dei militi. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva trattenuto nelle camere di sicurezza su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo.

28 giugno 2016 0

Un 15enne ed un 18enne a spasso con un motorino rubato. Prima non si fermano al posto di blocco e poi aggrediscono i carabinieri

Di redazione

Questa mattina, a Roccasecca, il personale della locale Stazione Carabinieri, nel corso di un articolato dispositivo di prevenzione attivato per il contrasto dei reati predatori, procedevano all’arresto di un 18enne e al deferimento in stato di libertà di un 15enne, entrambi della zona, in quanto resisi responsabili dei reati di concorso finalizzato alla resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, alla ricettazione e detenzione di monete falsificate. I militari operanti, mentre effettuavano un posto di controllo, intimavano l’alt al motociclo su cui erano a bordo i due giovani, risultato successivamente oggetto di furto. A quel punto, i due accelerando repentinamente la propria corsa, attuavano una pericolosa e intimidatoria manovra di elusione del controllo, gettando sulla carreggiata il casco. Nonostante tale tentativo venivano prontamente raggiunti dai militi che dopo una breve colluttazione riuscivano a bloccarli. La successiva perquisizione eseguita presso il domicilio del maggiorenne, consentiva il rinvenimento e sequestro di una banconota da €. 50,00 risultata contraffatta.

28 giugno 2016 0

D’Alessandro smentisce l’esistenza di un “tesoretto” nelle casse comunali

Di redazionecassino1

Cassino – Nei giorni scorsi era apparsa, sulla stampa locale, la notizia dell’esistenza di un “tesoretto” nelle casse comunali, frutto dell’attenta gestione economica e di risanamento del deficit portate avanti dall’amministrazione Petrarcone. Oggi, però, la smentita sull’esistenza di quelle somme, circa 5,5 milioni di euro,, da parte del neo sindaco D’Alessandro, che in un comunicato stampa ha ridimensionato la vicenda. “Sul presunto tesoretto che avremmo ereditato qualcuno mente sapendo di mentire. Voglio, comunque, precisare che alla consegna della cassa devono prendere parte il sindaco eletto, il sindaco uscente, il segretario comunale ed il collegio dei revisori dei conti. Soltanto per garbo istituzionale ho lasciato che vi partecipasse anche il passato detentore della delega economica. Per quanto mi riguarda non ho necessità di essere accompagnato”. Lo ha dichiarato Il Sindaco del comune di Cassino, Ing. Carlo Maria D’Alessandro. “Il termine tesoretto si usa per indicare delle risorse economiche in più che un Comune si è trovato ad avere nelle casse grazie ad entrate non previste. Di certo questo non è il caso della nostra città. Mi spiego meglio: la somma di cui si è parlato abbondantemente sulla stampa oggi è un’entrata corrente a cui non sono state detratte le spese. Mi riferisco al fatto che dal documento contabile che abbiamo visionato ieri, mancano, ad esempio, le uscite relative ai lavori di manutenzione effettuati nel periodo della campagna elettorale, ai mutui e agli stipendi e le somme non utilizzabili a causa dei pignoramenti dei conti correnti postali. Nel dettaglio: – 4 milioni di euro relativi agli stipendi senza calcolare la tredicesima mensilità, – 2.787.026,66 rate mutui Cassa depositi e prestiti in scadenza oltre ad altre rate da verificare – 526.013,00 Quota capitale Boc A queste somme deve essere aggiunta la seconda rata del fondo di rotazione pari a 163.140,00 €. Cifra che dovrà essere erogata ogni sei mesi per i prossimi trenta anni. Questo a testimonianza che la passata gestione non ha risanato un bel niente ma ha spalmato il debito sulle teste dei nostri figli. Inoltre mancano le anticipazioni di cassa con relativi interessi, pari a un milione e quattrocentomila euro, tutte le somme relative ai lavori svolti durante la campagna elettorale che ancora non sono state quantificate e le locazioni passive del I semestre che, i grandi “prestigiatori” della passata amministrazione, si sono dimenticati di pagare e quelle del II semestre che stanno per arrivare. Voglio, inoltre precisare che a pagina 4 del verbale sottoscritto ieri il fondo di cassa al 21 giugno 2016 è pari 51,32 € come comprovato dai Revisori dei Conti!!! Pertanto, di che tesoretto parliamo? Purtroppo, abbiamo ereditato soltanto tantissime bugie, nell’incontro con Acea e Ato 5, domani, ne scopriremo anche altre e consolidati debiti. In ultimo ricordo ai grandi “maghi” del bilancio che la campagna elettorale è terminata da qualche giorno e non serve continuare a mentire”. Ha concluso il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro.

28 giugno 2016 0

Giovane perde la vita con la sua moto. Tragedia ad Anagni

Di redazione

Tragedia ad Anagni, perde la vita un centauro 30enne. Un uomo, di  circa 30 anni è morto oggi pomeriggio, schiantandosi con la sua moto sulla strada Statale Anticolana ad Anagni. La tragedia è avvenuta alle 14.30 circa non molto lontano dal casello autostradale e a quanto sembra non ha coinvolto nessun altro mezzo. Per il ragazzo, purtroppo, non c’è stato nulla da fare, è morto sul posto vicino ai rottami della sua potente moto. La vittima, dalle prime indiscrezioni, era un commerciante molto conosciuto e stimato.

28 giugno 2016 0

Incidente tra tir tra Valmontone e Colleferro, autostrada A1 chiusa

Di Antonio Nardelli

E’ stata da poco chiusa l’autostrada A1 nel tratto tra Colleferro e Valmontone a causa di un incidente che ha interessato due mezzi pesanti. Ancora non sappiamo la gravità dell’incidente ma come mostrano le foto ci sarebbe un tir ribaltato sulla carreggiata mentre l’altro si è intraversato su tutte e tre le corsie di marcia.

L’autostrada è chiusa e ci sarebbero diversi chilometri di auto incolonnate.

La nota Autostrade per l’Italia Roma, 28 giugno 2016 – Autostrade per l’Italia comunica che sulla A1 Milano-Napoli intorno alle 14 è stato chiuso il tratto tra Anagni e Valmontone in direzione di Roma, a causa di un incidente con il coinvolgimento di due mezzi pesanti avvenuto all’altezza del km 588, in cui sono rimaste ferite due persone. Sul luogo dell’incidente, dove il traffico è bloccato e si registra 1 km di coda verso Roma, sono intervenuti gli operatori di Autostrade per l’Italia della Direzione 5° Tronco di Fiano Romano, i soccorsi meccanici e sanitari, insieme alle pattuglie della Polizia Stradale e ai vigili del Fuoco. Autostrade per l’Italia consiglia, dopo l’uscita obbligatoria ad Anagni, di percorrere la via Casilina verso Valmontone dove rientrare in autostrada verso Roma. Costanti aggiornamenti sulla situazione della viabilità e sui percorsi alternativi sono diramati tramite: i collegamenti “my way” in onda sul canale 501 Sky Meteo24; sulla app my way scaricabile gratuitamente dagli store di Android e Apple‎; su Sky TG24 HD (canali 100 e 500 di Sky) e su Sky TG24, disponibile al canale 50 del Digitale Terrestre. Sul sito autostrade.it; su RTL 102.5; su Isoradio 103.3 FM; attraverso i pannelli a messaggio variabile e sul network TV Infomoving in Area di Servizio. Per ulteriori informazioni si consiglia di chiamare il Call Center Autostrade al numero 840.04.21.21.

28 giugno 2016 0

Viaggiava con un chilo di droga in autostrada, 33enne ciociaro arrestato a Ferentino

Di Antonio Nardelli

Nell’ambito di uno specifico servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere organizzati in ambito provinciale dalla Polizia di Stato e, nello specifico, opportunamente predisposto sull’autostrada del Sole A/1, personale della Polizia Stradale della Sottosezione di Frosinone nei pressi della progressiva chilometrica 617, territorio del Comune di Ferentino, procedeva al fermo ed al controllo di un veicolo, un’autovettura Lancia Y con targa italiana.

Il conducente, di anni 33 nato e residente in Ciociaria, manifestava sin da subito nervosismo dimostrandosi riluttante al controllo. Tale atteggiamento induceva gli operatori ad effettuare una perquisizione personale e veicolare. L’attività dava esito positivo in entrambi i casi.

Infatti, occultata nella cassa dell’altoparlante posteriore dx veniva rinvenuta sostanza stupefacente del tipo Hashish pari a gr. 1012,82, mentre in possesso del fermato venivano trovati euro 960, probabilmente, provento dello spaccio della droga. L’uomo è stato arrestato.

28 giugno 2016 0

Tentava di spacciare mezzo etto di fumo, 21enne arrestato a Sora

Di Antonio Nardelli

Nel pomeriggio di ieri la Volante del Commissariato di Sora notava, nei pressi del Lungoliri, un giovane a piedi che tentava di passare un pacchetto ad un altro ragazzo che era a bordo di un’autovettura il quale, però, cercava di restituirglielo.

Insospettiti gli agenti della Polizia di Stato si sono avvicinati. Il giovane, vista la Polizia, provava a celare il pacchetto all’interno dei pantaloni, ma la mossa non sfuggiva agli uomini della Polizia di Stato che, nel frattempo, lo avevano riconosciuto per un ventunenne del posto già noto per specifici precedenti.

Scatta la perquisizione ed il pacchetto si rivela essere un “ tocco” di fumo dal peso di circa 50 grammi. Gli agenti della Polizia sentono anche l’altro ragazzo a bordo della macchina il quale riferisce che non era assolutamente interessato all’acquisto della droga nonostante le forti insistenze del venditore. Il ventunenne, che già un mese fa era stato denunciato dalla Polizia di Stato, è stato arrestato e dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.