pubblicato il7 maggio 2017 alle 19:12

Incendio Eco X Pomezia, tre giorni di inferno. Ancora focolai nello stabilimento

Pomezia – Sembra una guerra chimica quella che i vigili del fuoco stanno combattendo da tre giorni per l’incendio all’interno dello stabilimento Eco X di Pomezia.

Le operazioni di spegnimento dei focolai di incendio sono ancora in corso da parte di circa 35 pompieri protetti da maschere e autorespiratori. Se l’odore di plastica bruciata è arrivata fino ai castelli, diffondendosi per il litorale pontino da Anzio fino a Santa Marinella, è facile immaginare cosa sia l’aria all’interno dello stabilimento.

I vigili del fuoco del comando di Roma supportati dalle squadre di Pomezia e Marino, sono al lavoro con tre autobotti, una chilolitrica, mezzi aeroportuali e  movimento terra coordinati da un carro comando postazione avanzata. Il lavoro che si protrae ormai da venerdì sera quando il rogo principale è stato domato,  consiste nello spegnimento degli ultimi focolai, raffreddamento e smassamento dei materiali coinvolti.

L’attività meticolosa  e senza interruzioni del nucleo GOS, ha ridotto la densa colonna di fumo dei giorni precedenti riducendole in  fumate bianche e lievi considerando la mole di materiali rimossi. Pertanto, dal comando dei vigili del fuoco fanno sapere, si afferma che la fase critica è superata e che nelle prossime 24 ore i provvedimenti a scopo precauzionale coordinati dalle autorità competenti e locali la prima fase di emergenza potrebbe terminare.

Ermanno  Amedei

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini

Tags: , , , , ,



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07