Via Muraglie a Sant’Apollinare, la strada di Kesserling tra incuria e abbandono

Via Muraglie a Sant’Apollinare, la strada di Kesserling tra incuria e abbandono

20 settembre 2018 1 Di admin

SANT’APOLLINARE – Una strada desolata, alberi caduti e un pizzico di rifiuti abbandonati fra le erbacce.

La zona in questione interessa via Muraglie, storico percorso che si snoda per alcuni chilometri lungo la zona est di Sant’Apollinare.
Utilizzata da secoli, ebbe un ruolo ben definito durante la Seconda Guerra Mondiale. Di fatti proprio lungo di essa sorgeva una struttura di ricovero per civili e persino la dimora del feldmaresciallo tedesco Albert Kesserling, fra i principali protagonisti della Battaglia di Montecassino.
Da anni questo prezioso pezzo di storia giace dimenticato, soggetto all’incuria del tempo. La via venne infatti chiusa circa un decennio fa, ritenuta pericolosa e non adatta al transito di pedoni e veicoli.

Ai cittadini che aspettavano fiduciosi la sua messa in sicurezza e riapertura, l’amministrazione comunale si era dichiarata in attesa di fondi regionali per sostenere i lavori. Fondi che, a quanto pare, in ben 10 anni non sarebbero mai arrivati. Nel mentre si è preferito nascondere il problema sotto strati di macerie d’asfalto e piante malsane, ignorando le famiglie che vivono nei pressi di via Muraglie. Adulti ma soprattutto anziani e bambini costantemente esposti al pericolo ambientale che la strada ormai rappresenta, con l’ulteriore massiccia presenza di insetti molesti. A tutto questo va aggiunto l’impossibilità di transito per i mezzi di emergenza in caso di bisogno.
Inoltre la riapertura del percorso agli automobilisti permetterebbe un più rapido collegamento fra via le Grotte e via Sterparo, così come fra quest’ultima e via Colle Ponaro.
L’amministrazione comunale ha quindi ignorato i disagi ai cittadini, la tutela dell’ambiente e persino la dovuta valorizzazione di un luogo storico: per quanto ancora intenderà nascondere la polvere sotto al tappeto?

Giulia Guerra