Tag: babbo

13 dicembre 2017 0

Manette dopo la rapina, presa la banda dei “babbo Natale” di Alatri

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Alatri – Due uomini travestiti da Babbo Natale, a volto scoperto, ieri mattina hanno rapinato un negozio di oggettistica di Alatri. I malfattori, con accento dell’est, armati di un taglierino e con tono minaccioso, hanno intimato alla titolare e ad una cliente, di consegnare loro i soldi contanti. Sono scappati con poche decine di euro Immediatamente, i Carabinieri della Compagnia di Alatri sono intervenuti con più pattuglie, diramando le ricerche dei due uomini nell’intero territorio giurisdizionale. Poche ore dopo, i fuggitivi, con ancora indosso gli abiti da Babbo Natale, sono stati intercettati e fermati all’interno di un’attività commerciale di Fiuggi, dove si erano rifugiati nel tentativo di eludere il controllo. A seguito di perquisizione personale sono stati rinvenuta e posto sotto sequestro la somma provento della rapina. Al termine delle formalità di rito, gli arrestati, un 42enne senza fissa dimora ed un 30enne residente a Napoli, entrambi incensurati di nazionalità romena, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Frosinone e contestualmente, a loro carico, è stata inoltrata la proposta per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di via Obbligatorio, con divieto di ritorno in quel comune per anni tre. Appena qualche giorno fa, altri due malviventi, travestiti anche loro da Babbo Natale, hanno rapinato l’ufficio postale di Frosinone. Gli investigatori escluderebbero che si ano gli stessi arrestati ieri.

7 dicembre 2017 0

Due finti Babbo Natale rapinano l’ufficio postale di Frosinone

Di admin
FROSINONE – Rapinatori “babbo Natale” a Frosinone. In due, alle 10.20 circa, indossando il vestito rosso e la barba bianca di Santa Claus, si sono introdotti nell’ufficio postale nei pressi della stazione ferroviaria e, armati uno di pistola e l’altro di taglierino, si sono fatti consegnare dal personale circa 3mila euro. Ottenuto ciò che volevano, sono usciti scappando e dileguandosi in pochi minuti. Dei due si sa solamente che sono quasi sicuramente italiani e che la pistola potrebbe essere un giocattolo. Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Frosinone che stanno indagando per risalire agli autori del colpo.
8 gennaio 2010 0

Altro che renne e scopa, Befana e Babbo Natale arrivano con il motopeschereccio

Di redazione

E’ entrato a buon titolo nelle tradizioni della città di Barletta. In qualsiasi altro posto, Babbo Natale arriva con le renne e la Befana con la scopa, nella città della disfida, i due arrivano invece a bordo del motopeschereccio Nap guidato da capitan Ruggero. L’iniziativa in questione si chiama “Babbo Natale e befana d’Amare”, seconda edizione interforze e 18esima edizione di “Operazione sorriso”. A coordinare quello che è un enorme lavoro organizzativo è il cavalier Sebastiano Lavecchia che riesce, ogni anno, a mettere insieme le sinergie di tante istituzioni e sponsor per offrire a bambini e portatori di handicap, una giornata all’insegna dello svago e della spensieratezza.

La manifestazione, tra l’altro, ha un primato nazionale, quello di essere interforze. A scortare il motopeschereccio Nap, c’erano infatti la motovedetta della Guardia Costiera, quella dell’Arma dei carabinieri, quella della polizia di Stato e il gommone della protezione civile dell’Avser. Ad attenderli, sulla banchina del porto di Barletta, c’erano oltre 500 persone, in larga parte bambini, a cui sono stati distribuiti panettoni, magliette, cappelli e portachiavi. Ad intrattenerli poi, sono state le esibizioni dell’unità cinofile dei carabinieri e i labrador anti esplosivi della polizia di Stato, ma anche i cabarettisti Nicola Pignataro e Mago Ciccio. Un successo che ha soddisfatto gli organizzatori che puntano, per il prossimo anno, all’Alto patrocinio del Presidente della Repubblica e al patrocinio, oltre del comune di Barletta, anche della neonata provincia Bat. Ermanno Amedei Foto Pino Marchisella

11 dicembre 2009 0

Arriva babbo Natale prima di Cisco Roma-Cassino

Di redazionecassino

KERMESSE DI NATALE, CALCIO E DIVERTIMENTO PER FAMIGLIE E BAMBINI AL FLAMINIO Anteprima di Cisco- Cassino con Babbo Natale paracadutato dal cielo di Santa Klaus. Il pre-partita Cisco Roma – Cassino, partita di Lega Pro- seconda divisione, diverrà una “kermesse” di festa e divertimento denominata “Natale in Famiglia allo Stadio” per le famiglie ed in particolare per i bambini romani. Il prossimo sabato 12 dicembre 2009 allo Stadio Flaminio di Roma, a partire dalle ore 11.00 numerosi bambini di alcune scuole romane saranno ospitati all’interno dello stadio Flaminio in una apposita area divertimento ed intrattenimento situata nella zona Tribuna a fianco la Curva Sud. “La manifestazione rientra in una serie di iniziative previste per affermare la filosofia che distingue da sempre la terza squadra di calcio romana, La Cisco Roma, che attraverso una apposita politica di una in favore dei bambini e dei più giovani intende perseguire e promuovere con forza una sana competizione sportiva così da poter ritrovare la vera essenza dello sport, che è gioco, voglia di divertirsi e di stare insieme. Riempire lo stadio di giovanissimi tifosi rappresenta un segnale dirompente, anche perché loro rappresentano il futuro”. Ha dichiarato Mario Ciaccia Presidente della Cisco Roma. All’ evento patrocinato dal Comune di Roma saranno presenti alcuni pazienti del reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico Umberto I, accompagnati Professoressa Anna Maria Clerico che avranno modo di partecipare alle diverse esibizioni calcistiche che si terranno in campo tra diverse scuole calcio della regione. La splendida cornice di divertimento intrattenimento per i giovani aspiranti calciatori avrà il suo momento “clou” con il lancio di dieci babbo natale paracadutisti che atterreranno sul campo da calcio per salutare e distribuire doni ai bambini presenti. “Abbiamo voluto, per questa specifica occasione coinvolgere i soggetti sportivi ed educativi, ma anche istituzionali, affinché siano promosse occasioni per una organizzata e qualificata presenza di bambini e famiglie all’interno dello stadio durante le partite di calcio, attraverso il coinvolgimento delle scuole e dell’associazionismo sportivo e culturale della città”. Ha concluso Mario Ciaccia.