Tag: fiore

29 giugno 2017 0

Guanto d’oro 2017: Convocato Alessio Di Fiore di Villa Santa Lucia per il torneo nazionale

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Quando si cercano con determinazione gli obiettivi, i risultati non si fanno attendere. Ed è andata proprio così per un giovane atleta ciociaro, o meglio originario di Piumarola, frazione di Villa Santa Lucia. Parliamo del pugile Alessio Di Fiore. È stato infatti convocato per partecipare all’evento sportivo Guanto d’oro d’Italia 2017. Alessio Di Fiore è stato convocato infatti dalla commissione tecnica nazionale per partecipare a questo importante torneo nazionale per pugili Élite sotto i 23 anni. Il commento emozionato del suo preparatore, Sergio Simula, è stato “Già esserci è una vittoria! 1 match di questi ne vale 5 ordinari, per il fatto che ci si confronta coi migliori della categoria. Questo ragazzone di 185 cm x Kg 81, di soli 18 anni, dirà la sua, in questa esperienza riservata a pochi pugili provenienti da tutta Italia (8 per categoria). Un ragazzo taciturno e umile, ma quando infila i guantoni esprime una forza e un coraggio da leone come pochi!”. Noi della Redazione de Il punto a mezzogiorno che seguiamo dagli esordi Alessio, non possiamo fare altro che tifare per lui e fargli i migliori auguri per questa nuova e spettacolare avventura. Natalia Costa

23 maggio 2017 0

Piedimonte al voto. Ferdinandi: “Le case popolari diventeranno un fiore all’occhiello”

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – Grande partecipazione di pubblico, oltre trecento persone domenica sera hanno assistito con entusiasmo al comizio del candidato Sindaco di Piedimonte San Germano, Gioacchino Ferdinandi. Il trentacinquenne avvocato è salito sul palco accompagnato dai dodici candidati della lista numero 2, Piedimonte #ORA, ed ha parlato ai cittadini della zona popolare dal palco allestito in viale Brunelleschi. Tanti gli argomenti trattati, tanti i progetti che la compagine civica ha in animo per la zona come, ad esempio, la sistemazione del palazzetto dello sport, la riqualificazione dell’illuminazione stradale e la predisposizione di un collegamento pedonale sicuro tra la zona commerciale e il centro della città, oltre all’affidamento dei lavori – nei primi cento giorni di governo – per la realizzazione di un parco verde tra Viale Tiziano e Via Cimabue. Gioacchino Ferdinandi, con un pizzico di emozione, ha iniziato il suo discorso sottolineando da subito la massiccia partecipazione: “La vostra presenza mi fa capire che la città di Piedimonte è pronta al cambiamento – ha detto a gran voce l’aspirante primo cittadino – e non è un caso che questa avventura cominci proprio da qui. E’ da qui che bisogna ripartire, è da qui che Piedimonte, attraverso la nostra politica, riavrà la giusta spinta per un futuro migliore”. Poi ha aggiunto: “Non dobbiamo commettere il grave errore, come è accaduto negli ultimi venticinque anni, di trascurare e ghettizzare luoghi come questo dove non sono state poste in essere azioni di sviluppo concrete e pensate per la gente. Con noi le case popolari diventeranno un fiore all’occhiello della città. La nostra sarà una politica diversa perché Piedimonte #ORA ha costruito il suo programma elettorale su segnalazione dei cittadini, che sono e saranno sempre la nostra marcia in più e con i quali governeremo spalla a spalla”. Nel corso del comizio non sono mancate bordate al “competitor”, che nelle ultime settimane ha fatto diverse affermazioni pubbliche nelle quali ha sottolineato come: “da Presidente Ater ho ottenuto miliardi per realizzare alcune palazzine di edilizia popolare”. “Mi meraviglia che un uomo che vanta una grande esperienza politica – ha continuato Ferdinandi – pensa ancora oggi che la gente debba obbligatoriamente sentirsi in debito con lui. Forse dimentica che la realizzazione dei palazzi a cui allude erano delle semplici eredità di progetti della Regione Lazio del “periodo d’oro” in cui venivano finanziati decine e decine di Comuni. Dimentica che l’Ater segue l’indirizzo politico regionale? Non voglio entrare in polemica con lui, che si vanta di aver intercettato fondi per l’edilizia popolare ma poi non spiega cosa ha fatto per sviluppare questa zona. Chi come lui, che non perde occasione per ricordare di aver rivestito ruoli istituzionali, cosa ha fatto realmente per i cittadini di questo quartiere? Caro “competitor” non è così che si fa la politica”. Ma il comizio di Ferdinandi non è stata solo un’occasione per dare qualche bordata all’avversario, ma ha visto impegnato il candidato Sindaco di Piedimonte #ORA nel presentare i progetti realizzabili e necessari per lo sviluppo ed il miglioramento della vita dei cittadini della zona popolare. “Come nostro primo atto nei primi cento giorni di governo – ha detto Ferdinandi – vi sarà l’affidamento dei lavori per la realizzazione di un parco verde tra Viale Tiziano e Via Cimabue. Questa è una zona con un’alta densità abitativa, e vi sono strutture fatiscenti che vanno riqualificate ed adeguate ai tempi. Oltre al fatto che nelle vicinanze abbiamo il Palazzetto dello sport, che va potenziato e risistemato e nel quale vanno incentivate nuove attività sportive. Noi crediamo in questa offerta, soprattutto per i giovani di Piedimonte. Questo fa un’amministrazione seria: pensa ed attua le scelte giuste per la gestione, la cura e la manutenzione, una delle cose a mio avviso più importante. Mantenere dignitosamente ciò che si ha, valorizzarlo, renderlo fruibile e pensare come gestirlo al meglio e soprattutto nell’interesse della cittadinanza. Altra cosa che ci sta particolarmente a cuore è la riqualificazione dell’illuminazione stradale, con soluzioni che rendano di più, sia in termini di qualità sia in termini di risparmio per l’Ente. Altro argomento di primaria importanza – ha continuato Ferdinandi – è la mappatura di tutto il patrimonio immobiliare e ambientale in disuso: dobbiamo predisporre un collegamento pedonale sicuro tra la zona commerciale e il centro città, considerando che questo è un punto nevralgico del territorio, con la presenza di edifici scolastici, baby parking e biblioteca”. L’avvocato Ferdinandi ha concluso il suo articolato intervento fra gli applausi dei tantissimi intervenuti, ha chiuso con forza e determinazione, due elementi che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale sin dalle prime battute. “La gente sa come votare – ha detto – e vi dirò di più, sa anche a chi votare e lo farà sostenendo con cuore e convinzione questa squadra di giovani professionisti, lasciandosi alle spalle anni di chiacchiere, di promesse mai mantenute, di proposte mai realizzate, di giochi e giochetti che sono serviti a qualcuno solo per sistemarsi personalmente. Noi – è stata la conclusione di Ferdinandi – andremo sulla proposta, credibile, realizzabile e insieme amministreremo questa città consapevoli che ogni risultato raggiunto sarà il punto di partenza per raggiungerne un altro”.

21 novembre 2016 0

Festa degli alberi: “Per fare tutto ci vuole un fiore” il sindaco D’Alessandro alla scuola dell’infanzia via Zamosch

Di redazionecassino1

Cassino – Il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro si è recato, come da tradizione, in una scuola dell’infanzia della città in occasione della Festa degli Alberi. Quest’anno il primo cittadino ha fatto visita al plesso scuola dell’infanzia di via Zamosch, accompagnato dall’Assessore alle Politiche Sociali, Benedetto Leone e dal presidente della Commissione Politiche Sociali, Francesca Calvani, per provvedere alla messa a dimora due alberi, un ulivo e un limone, per salutare i piccoli alunni e il personale docente. “Per fare tutto ci vuole un fiore. –ha dichiarato il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – E’ l’insegnamento che ci hanno dato e che continuano a dare ai nostri figli attraverso una celebre canzone. Le parole sono semplici, ma colpiscono nel profondo dei valori essenziali e insegnano il giusto, ovvero la forza e i miracoli della natura e l’importanza del suo rispetto. Fra le continue meraviglie della natura, l’albero è quella che si avvicina di più a quella dell’uomo. Questa è una delle tante frasi presenti nell’opuscolo, stampato nel 1959 per pubblicizzare la festa degli alberi e la ricorrenza di oggi, che si tramanda da moltissimo tempo, ci ricorda che tutti possiamo fare qualcosa per l’ambiente che ci circonda. Oggi, per esempio, abbiamo piantumato due alberi, ma è importante ricordarne il valore tutti i giorni attraverso piccoli gesti quotidiani, come non gettare le carte per terra o sprecare acqua ed energia. I sorrisi di questi bambini sono quanto di più caro abbiamo. Quando hanno cantato la canzone dell’albero tutti insieme, ho dovuto riconoscere che hanno ragione loro: per tirar su un albero forte, per gioire della bellezza del fiore ed assaporare la dolcezza del frutto dobbiamo partire dall’attenzione che mettiamo nella semina. Rendiamo omaggio ai polmoni verdi del territorio, cercando sempre di sensibilizzare le giovani generazioni alla sostenibilità ambientale ed al rispetto della natura. Sempre”. Ha concluso il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro.

21 maggio 2010 0

Weekend, al borgo medievale di Candelo in fiore

Di redazionecassino

Siamo in maggio. Mi piace questo mese, aprile e maggio sono tra “i miei mesi” preferiti. Leggevo che sono in corso numerose manifestazioni a carattere culturale-folcloristico, feste religiose e kermesse che coinvolgono abitanti e richiamano turisti per fare del bene, del bello e… del buono i  protagonisti della giornata.

Attrattivo è di sicuro l’incantevole borgo medievale di Candelo che dal 22 maggio al 2 giugno accoglie visitatori e appassionati di vario genere nella nota kermesse biennale che già dal titolo ci fa’ capire molto: Candelo in fiore. Vale la pena “immaginare” una passeggiata nel “paese fiorito” tra giardini dove prati, siepi, alberi, fiori, composizioni artistiche e floreali, doni naturali della terra che attraverso l’opera degli “stilisti del verde” diventano attrattiva culturale, salutare e religiosa. Quest’anno sottotitolo dell’evento è “Santuari della  fede   in mostra”, per ricreare in questo luogo ambienti verdi citati nella Bibbia. Scenari di essenzialità come l’orto dei Getsemani fino alla prorompenza floreale del giardino dell’Eden. La manifestazione è aperta con i suoi itinerari floreali tutti i giorni dalle 9.30 alle 23.00. News, gallery fotografica e allettanti concorsi a tema su www.candeloinfiore.it Ideale per chi la passione per i fiori e per i più piccoli laboratori didattici. Organizzare un piccola escursione nel fine settimana può essere una piacevole uscita con la  famiglia. Elsa Emilienne Anne Niola

21 maggio 2010 0

Weekend, al borgo medievale di Candelo in fiore

Di redazionecassino

Siamo in maggio. Mi piace questo mese, aprile e maggio sono tra “i miei mesi” preferiti.Leggevo che sono in corso numerose manifestazioni a carattere culturale-folcloristico, feste religiose e kermesse che coinvolgono abitanti e richiamano turisti per fare del bene, del bello e… del buono i  protagonisti della giornata.

Attrattivo è di sicuro l’incantevole borgo medievale di Candelo che dal 22 maggio al 2 giugno accoglie visitatori e appassionati di vario genere nella nota kermesse biennale che già dal titolo ci fa’ capire molto: Candelo in fiore. Vale la pena “immaginare” una passeggiata nel “paese fiorito” tra giardini dove prati, siepi, alberi, fiori, composizioni artistiche e floreali, doni naturali della terra che attraverso l’opera degli “stilisti del verde” diventano attrattiva culturale, salutare e religiosa. Quest’anno sottotitolo dell’evento è “Santuari della  fede  in mostra”, per ricreare in questo luogo ambienti verdi citati nella Bibbia. Scenari di essenzialità come l’orto dei Getsemani fino alla prorompenza floreale del giardino dell’Eden. La manifestazione è aperta con i suoi itinerari floreali tutti i giorni dalle 9.30 alle 23.00.News, gallery fotografica e allettanti concorsi a tema su www.candeloinfiore.it Ideale per chi la passione per i fiori e per i più piccoli laboratori didattici. Organizzare un piccola escursione nel fine settimana può essere una piacevole uscita con la  famiglia.

Elsa Emilienne Anne Niola

4 marzo 2010 0

“L’Impero” di Gigi Di Fiore presentato dall’associazione docenti europei Asdoe

Di redazione

Venerdì 5 marzo alle ore 10.30 l’associazione docenti europei ASDOE, presso la biblioteca comunale “Malatesta” di Cassino, nell’ambito del progetto “Legalità e solidarietà” presenterà il Libro di Gigi Di Fiore “L’Impero”. Dopo i saluti del presidente dell’ASDOE prof. Antonio Riccardi interverranno il sostituto procuratore della Repubblica dott. Paolo Andrea Taviano e l’autore del libro Gigi Di Fiore attualmente cronista del Mattino di Napoli, moderatrice sare0 la vicepresidente dell’ASDOE prof.ssa Gabriella Latempa. L’ASDOE (Associazione Docenti Europei), convinta di dover contribuire all’educazione dei giovani alla legalità e alla solidarietà, nonché alla conoscenza della realtà territoriale dopo il progetto “Leggiamo Gomorra” ha organizzato la resentazione del libro di Gigi Di Fiore giornalista del “Mattino” di Napoli, già redattore al “Giornale” di Indro Montanelli e vincitore, nel 2001, del premio “Saint Vincent” per il giornalismo.