Tag: legalità

23 marzo 2018 0

Educazione alla legalità : Porte della Questura ai giovani studenti dell’Istituto Comprensivo Frosinone 4

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Personale della Questura e della Sezione di Polizia Stradale ha accolto i giovani studenti dell’Istituto Comprensivo Frosinone  4 nell’ambito del progetto educativo “arte e territorio”.

Questa mattina gli alunni dell’Istituto Comprensivo Frosinone  4, nell’ambito del progetto educativo  “arte e territorio”- conoscenza dei luoghi istituzionali della città di Frosinone, hanno vissuto concretamente  l’esperienza della cittadinanza attiva con il personale della Questura e della Sezione di Polizia Stradale.

“Rispetto delle regole” è stata la parola d’ordine del percorso formativo della giovanissima scolaresca: dall’Educazione Stradale con il personale della “Specialià” allo studio delle impronte e del DNA con gli esperti della Polizia Scientifica.La finalità dell’incontro è stata anche quella di fare avvicinare i giovani alunni al poliziotto visto come l’amico, che va contattato, nei momenti di difficoltà o di pericolo, anche per la  prevenzione ed il contrasto di fenomeni quali il bullismo o il cyberbullismo.

A salutare i giovani studenti è intervenuto il Questore dr.ssa Rosaria Amato che ha risposto alle loro domande anche in tema di ordine pubblico.  Esserci sempre

 

30 novembre 2017 0

Educare alla legalità, a polizia fra i banchi di scuola a Pontecorvo

Di redazionecassino1

Pontecorvo – La Polizia di Stato  continua il tour informativo nell’ambito del progetto di educazione alla legalità con i giovani studenti della provincia.

A Pontecorvo i poliziotti del Commissariato di Cassino hanno incontrato gli alunni dell’Istituto Comprensivo I

In particolare,  il Sovrintendente Capo della Polizia di Stato Erica Gasperini ha interagito  con la  numerosa ed interessata platea sul fenomeno del bullismo, del cyberbullismo e del blue whale.

In quest’ultimo caso l’ inconsapevole vittima viene spinta a commettere atti estremi, lesivi per la sua  stessa vita.

In quest’ ottica nasce “YouPol”, un nuovo strumento che permette di segnalare tempestivamente alla Polizia di Stato situazioni a “rischio”.

28 marzo 2017 0

Educazione alla legalità, carabinieri tra gli alunni della “Innocenzo III” di Gavignano

Di admin

Colleferro – Oltre due ore è durato il primo incontro di educazione alla legalità, svoltosi lunedì 27 marzo, tra gli alunni della Scuola “Innocenzo III” di Gavignano, appartenente all’I.C. “Colleferro II”, ed i Carabinieri della Stazione di Gavignano.

Al centro i temi di più scottante attualità come cyberbullismo, droga, disagio giovanile e familiare, violenza di genere e una piccola lezione extra su come riconoscere il denaro falso, che hanno interessato e coinvolto i ragazzi, i quali hanno risposto positivamente sommergendo di domande il m.llo Remo Pizziconi, comandante la Stazione di Gavignano, ed il suo vice, il brigadiere capo Guido Lanna. Alla fine, la foto di rito davanti alla Jeep ed il permesso per i più piccoli di suonare la sirena e azionare i lampeggianti.

21 febbraio 2017 0

Incontro sulla legalità con studenti e Arma dei Carabinieri ad Anagni

Di redazione

Nella mattinata odierna, il Comandante della Compagnia Carabinieri di Anagni, ha tenuto una conferenza agli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore per Geometri e Ragionieri “Guglielmo Marconi” e Liceo Artistico “Giovanni Colacicchi” di Anagni. L’iniziativa è connessa al protocollo d’intesa denominato “Contributi dell’Arma dei Carabinieri alla formazione della cultura della legalità” che il Comando Generale dell’Arma ha stipulato con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Nel corso dell’incontro, dopo aver illustrato ai giovani le attività dei vari Reparti dell’Organizzazione dell’Arma, ha affrontato tematiche di interesse generale e d’attualità, quali lo spaccio, il consumo e gli effetti sulla salute delle sostanze stupefacenti, soffermandosi particolarmente su “stalking” e “bullismo”.

Gli studenti si sono dimostrati molto interessati, partecipando attivamente con quesiti e domande, nel corso delle quali è emersa la consapevolezza dei giovani circa la vicinanza dell’Arma e delle Istituzioni a tutti i cittadini con speciale riguardo ai ragazzi che sono stati, altresì, sensibilizzati sul corretto utilizzo di internet e dei social network.

Molti di essi hanno, inoltre, dimostrato di essere già a conoscenza delle enormi risorse in termini di conoscenze e, soprattutto, dei consigli utili ed informazioni che si possono acquisire visitando il sito www.carabinieri.it.

8 febbraio 2017 0

Incontro sul tema legalità presso l’istituto Don Minzoni a Piedimonte San Germano. Promosso dalla Camera Penale di Cassino

Di redazione

Importante incontro sul tema legalità,quello promosso dalla Camera Penale di Cassino nelle scorse ore presso l’Istituto Secondario Don Minzoni, ex Scuola Media, di Piedimonte San Germano. Alla presenza della preside la professoressa Paola Materiale è stato possibile approfondire aspetti di notevole interesse. La dottoressa Maria Cristina Carbone, Dottore di Ricerca presso la Cattedra di Diritto Costituzionale dell’Universita’ di Cassino, ha parlato della genesi storica della normazione scritta, dal primo Codice di Hammurabi fino alla Costituzione vigente. L’Avvocato Antonio D’Alessandro, Segretario della Camera Penale di Cassino, ha parlato dei diritti inviolabili, delle liberta’ e della funzione del giusto processo penale da farsi nel rispetto delle regole. L’Avv. Antonella Evangelista, del Foro di Cassino, ha parlato di un concreto processo penale per inquinamento ambientale, la reazione dello Stato in caso di violazione delle regole. Moderatrice e’ stata la Prof.ssa Concetta Gaiano Cappelli, Docente in Lettere. Presente il consigliere comunale di Villa Santa Lucia, Francesco Romano, il quale ha portato i saluti dell’amministrazione comunale villendese. Ha partecipato anche il Luogotenente Gennaro Raucci, Comandante della locale Stazione dei Carabinieri, che ha portato i saluti dell’Arma. N.C.

23 maggio 2016 0

Quattrocento studenti di Frosinone in tribunale per discutere di legalità e giustizia

Di admin

Frosinone – Un incontro tra legalità, giustizia e gli studenti del territorio di Frosinone proprio nei luoghi in cui giustizia e legalità vengono amministrate: il tribunale. E’ quanto avvenuto sabato scorso nel Palazzo di Giustizia di Frosinone, protagonisti quasi quattrocento studenti dell’ultimo anno delle Scuole secondarie di secondo grado di Frosinone. Una media di sessanta studenti per istituzione scolastica che con grande attenzione hanno ascoltato i protagonisti della giustizia – i Magistrati del Tribunale e della Procura della Repubblica di Frosinone – rispondere alle domande elaborate da loro stessi, nel corso di discussioni e dibattiti avvenuti in classe alla presenza dei loro docenti,in questi ultimi mesi di attività didattica.

Una giornata, quella del 21 maggio scorso, che ha preso le mosse con il saluto della dott.ssa Emilia Zarrilli, Prefetto di Frosinone rivolto a tutti i partecipanti e seguito dall’intervento del Procuratore della Repubblica, Dott. Giuseppe De Falco e dal benvenuto dei rappresentanti della sottosezione di Frosinone dell’Associazione Nazionale Magistrati, il dott. Massimo Lisi e la dott.ssa Caracuzzo, alla presenza del Vicario dell’Ufficio scolastico di Frosinone, dott. Pierino Malandrucco.

Profonda la sensibilità mostrata, anche in questa occasione, dalle Scuole del territorio, ossia dall’I.I.S. ‘N. Turriziani’, dall’I.I.S. ‘A. Volta’, dall’I.I.S. ‘Brunelleschi – da Vinci’, dal Liceo Scientifico ‘F. Severi’, dall’I.I.S. ‘A.G. Bragaglia’ e dall’I.I.S. ‘L. Angeloni’, che condividendo pienamente gli obiettivi della manifestazione, hanno partecipato attivamente alla piena riuscita dell’iniziativa. Non solo prendendo parte agli incontri ed ai dibattiti che nelle Aule di udienza del primo piano del Palazzo di Giustizia, i Magistrati hanno animato dibattendo tematiche e curiosità con i gruppi di studenti accompagnati dai docenti referenti per la Legalità delle singole Scuole, ma da vere protagoniste – come hanno fatto l’I.I.S. ‘L. Angeloni’ e l’I.I.S. ‘A.G. Bragaglia’-  esponendo i lavori dei propri studenti nell’atrio del Tribunale, realizzati con le più disparate modalità espressive: pittura, grafica, scrittura, moda, e altro.

Gli studenti, i docenti ed i dirigenti scolastici – spendendo parole di elogio per le attività messe in campo già dallo scorso anno con tali esercizi di legalità – auspicano incontri sempre più ravvicinati con gli operatori della giustizia, sia nelle aule di Tribunale che nelle aule scolastiche, sia in incontri formali che in occasioni non strutturate, al fine di annodare forti e costruttivi  legamiper costruire una società più libera e più giusta.

2 agosto 2010 0

Legalità, il contributo mancato delle Amministrazioni locali

Di redazione

In questo numero il giudice Paolo Andrea Taviano si occupa del contribuoto alla legalità che le Amministrazioni locali stentano a dare. “Qualche tempo fa in un convegno svoltosi presso il Comune di Cassino sul giusto processo e sulle prospettive di riforma della giustizia cui ha partecipato il senatore Mancino vice presidente del CSM, il collega Coletta della Procura di Frosinone… (clicca qui)

5 giugno 2010 0

L’associazione Vas presenta il cineforum “Ambiente e legalità”

Di redazione

“CINEFORUM VAS. Ambiente e legalità” questo il nome del Cineforum organizzato dall’Associazione Vas di San Giorgio a Liri. Per la prima volta sul territorio Sangiorgese viene organizzato un cineforum dai contenuti forti con l’intento di far conoscere e riflettere i cittadini su problematiche apparentemente lontane ma in realtà molto vicine! Il primo appuntamento è fissato per domenica 6 giugno alle ore 21 in Piazza Santa Maria, nel centro storico del paese, dove sarà proiettato il documentario “Biùtiful Cauntri” di Esmeralda Calabria, Peppe Ruggiero e Raffaele Del Giudice. Storie di denuncia e testimonianza del massacro di un territorio, siamo in Italia, nella regione Campania dove sono presenti 1200 discariche abusive di rifiuti tossici. Sullo sfondo una camorra imprenditrice che usa camion e pale meccaniche al posto delle pistole. Una camorra dai colletti bianchi, imprenditoria deviata ed istituzioni colluse, raccontata da un magistrato che svela i meccanismi di un’attività violenta che sta provocando più morti, lente nel tempo, di qualsiasi altro fenomeno criminale. Il documentario sarà introdotto da Riccardo Consales, Consigliere Nazionale Vas, con la partecipazione di Mario Catania dell’Associazione Libera contro le mafie. Il Circolo di San Giorgio a Liri – afferma la Coordinatrice Dott. Giovanna Minchella- “nasce da pochi mesi sul territorio con l’intento di coinvolgere e sensibilizzare i cittadini sui temi dell’ambiente, della legalità e delle tradizioni popolari rifiutando ogni tipo di collateralismo politico. Con tale iniziativa cogliamo l’occasione per farci conoscere ai cittadini creando spunti per riflessioni e dibattiti su problemi di cui nella maggior parte dei casi non si parla pur essendone a conoscenza.” Nel corso della serata si raccoglieranno le firme per il Referendum per l’acqua pubblica. Tutti sono invitati a partecipare. In caso di pioggia si svolgerà all’Auditorium R.A. Livatino.

20 marzo 2010 1

Autovelox a Pignataro, una gestione al limite della legalità

Di redazione

Da Marcello Cavaliere consigliere del gruppo Forum per Pignataro, riceviamo e pubblichiamo. “Il Decreto di sospensione del servizio autovelox, disposto dal Prefetto di Frosinone il primo marzo e la sentenza 10620 della VI Sez. penale della Cassazione del 17 marzo, sono una prova inconfutabile dei dubbi posti dal Gruppo Forum sulla gestione multe nel Comune di Pignataro Int.. A questo punto è necessario un intervento della Prefettura, della Magistratura ordinaria e di quella Contabile, perché il Sindaco di Pignataro ha violato la Legge una decina di volte da quando ha assunto la carica di Primo Cittadino nel giugno del 2006. Intanto per prima cosa avrebbe dovuto contestare la convenzione stipulata nel febbraio 2006 con la Ditta che noleggiava gli apparecchi di rilevazione della velocità. La convenzione riconosceva alla Ditta un compenso del 31% sulle multe accertate e ritenute valide, in palese contrasto con le norme previste dal CDS. Ma poi negli ultimi 3 anni, vale a dire con gli esercizi 2006-2007-2008-2009, la stessa percentuale è stata garantita come compenso di noleggio delle apparecchiature. Se consideriamo che a febbraio 2009 il Sindaco non ha provveduto a dare disdetta del servizio permettendo che la convenzione si rinnovasse per altri tre anni, è palese il comportamento poco trasparente . Si badi bene che la Legge sugli appalti non prevede che i contratti si rinnovino tacitamente poiché è necessario indire le dovute gare. A luglio 2008, Forum, con una interrogazione, chiedeva al Prefetto di Frosinone di adottare i provvedimenti necessari e conseguenti per ristabilire il rispetto della Legge . In verità, sebbene il Prefetto avesse intimato al Sindaco, con una lettera di censura, di evitare di corrispondere percentuali per il noleggio dell’autovelox, perché tale comportamento rappresenta una violazione della Legge, fino ad agosto 2009 le cose sono rimaste invariate. Ad agosto 2009, dopo che nel corso del primo semestre dell’anno tra bilancio di previsione e variazioni di bilancio sono state iscritte somme derivanti dalle multe per 700.000 Euro, il sequestro degli apparecchi nel casertano, che ha visto coinvolta la stessa ditta che opera a Pignataro e la direttiva del Ministro Maroni , spingono il Sindaco prima, a modificare la convenzione mantenendo il corrispettivo a percentuale e poi su richiesta della Ditta a stabilire un compenso pari a 14,50 Euro più IVA per ogni multa ritenuta valida ed un canone di 2.300,00 Euro mensili oltre IVA. Oggi leggendo la sentenza 10620 della Cassazione, si può tranquillamente affermare che è palese l’illegittimità di un contratto : scaduto, tacitamente prorogato e successivamente modificato senza aver fatto la necessaria gara di appalto e che prevede un compenso non predeterminato sul valore dell’appalto. Infatti la Cassazione aggiunge che la quantità dell’importo di appalto è il costo del servizio, a prescindere dal numero e dalla qualità delle infrazioni poi eventualmente accertate. Strettamente collegata a questa vicenda c’è né un’altra che merita la dovuta attenzione ed è la riscossione dei ruoli che riguardano quelle multe che devono essere riscosse coattivamente. Anche in questo caso il Sindaco ha affidato il recupero dei crediti senza indire la necessaria gara di appalto e riconoscendo un aggio del 15%. Se si tiene conto che i ruoli multe 2005-2006-2007 vedono iscritte somme per circa 1.100.000,00 Euro, si può agevolmente comprendere quale è il danno per il Comune, dal momento che per Legge l’aggio non deve superare il 10%”. Marcello Cavaliere – Forum Per Pignataro

7 marzo 2010 0

Regionali 2010 / Emma Bonino a Cassino, rispetto della legalità e politica di decentramento da Roma.

Di redazionecassino1

Doppio appuntamento nella mattinata di oggi per la candidata del centrosinistra a Governatore della Regione Lazio prima a Sora e poi a Cassino. Non poteva mancare il tema caldo della campagna elettorale, quello che la stessa Bonino ha definito: “l´ennesimo sopruso democratico”. Molte le persone che hanno voluto dare il loro sostegno, un forte segnale, dopo la giornata di ieri nella piazza del Pantheon, alla battaglia democratica contro l´arrogante decreto di riammissione delle liste PDL nel Lazio. In una sala gremita, a Cassino, è proprio questo il primo degli argomenti trattati da Emma Bonino. Ci sono sindaci ed esponenti politici del centrosinistra, ma anche esponenti della società civile. Ma subito si passa ai temi caldi: “Non mi posso esimere dal commentare quello che è successo – esordisce – dal 2000 denunciamo una legge che tutti violano. Con il precipitare della situazione appare chiaro a tutti voi il senso del mio sciopero, che era un invito a fermare l´illegalità compiuta dalle istituzioni”. L´esempio è più che mai evidente: “se vi presentate ad un concorso con un´ora di ritardo – prosegue – non è che qualcuno vi farà un decreto interpretativo per riammettervi”. E’ proprio questo il punto che dalla Bonino viene rimarcato, infatti, come il decreto sia uno strumento che legalizza un sopruso dei soliti potenti, mentre altri cittadini hanno rispetto per la legge. “I potenti quando diventano prepotenti – prosegue – sanno  usare tutti gli strumenti per fare i loro comodi”. Emma Bonino rimarca con forza il suo pensiero proprio su questo tema, non vuole vivere in uno stato dove vi siano cittadini di serie A e cittadini di serie B e da candidata a governatore della Regione Lazio, pone l’accento sul fatto che in questo Paese, sia persistente l’illegalità in ogni campo, come nel caso della colossale truffa di fastweb di questi giorni. Quella delle liste è solo l´ultima esempio chiaro del non rispetto delle regole. “L´invito che rivolgo a tutti è quello di invertire la rotta per essere cittadini e non sudditi, con il rispetto dei diritti e attenti ai nostri doveri. Passando poi alle problematiche del territorio, la strada da percorrere risiede nelle politica di decentramento con una Roma che non crei dei deserti nei territori del restante Lazio. Grande entusiasmo è riservato alla proposta concreta della Bonino: “Voglio nella mia giunta i rappresentanti di tutte le province dei territori del Lazio”. Presente anche una delegazione del Comitato che si oppone alla realizzazione dell’impianto di smaltimento dell’amianto di Villa Santa Lucia, a cui Emma Bonino ha assicurato il controllo della Regione sulle procedure di autorizzazione, nel pieno rispetto della legalità. “Le aspettative del territorio saranno esaudite ed anche il frusinate avrà un rappresentante nella giunta. Punteremo ad usufruire dei fondi europei da investire sul territorio – prosegue – ad incentivare lo sviluppo del turismo locale ed una nuova sanità che vedrà il suo punto di partenza con gli Stati Generali della salute. A Cassino tra le altre cose si è parlato del problema della Fiat con le preoccupazioni relative ai lavoratori, in precarie condizioni ormai da troppo tempo. F. Pensabene