Tag: natale

8 Gennaio 2019 0

Tragedia di Natale a Velletri, il figlio della vittima dell’esplosione: “Aiutateci a trovare il gatto e a ricostruire casa”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VELLETRI – “Aiutateci a ritrovare il gatto di mio padre e a ricostruire la casa”. Il gatto in questione si chiama Miro ed è un micione bianco e arancione a cui era particolarmente affezionato Piero Papacci, il 55enne rimasto gravemente ustionato nell’esplosione della sua abitazione in via Selvanova a Velletri la vigilia di Natale, e morto alcuni giorni fa dopo una lunga agonia; la casa è quella andata distrutta ed in cui abitavano, oltre alla vittima, anche la madre 85enne, la zia 75enne, il fratello disabile di 43 anni. A lanciare l’appello su facebook è stato Damiano, il figlio di Piero Papacci.

“Miro ha meno di un anno e prima dell’esplosione del 24 dicembre, lo hanno visto che giocava in giardino. La speranza è che sia sopravvissuto scappando e che vaghi per le campagne di Velletri. Ritrovarlo, significherebbe ritrovare qualcosa in vita di mio padre. Chi lo trovi mi contatti al numero 328 630 3178)”.

Ma non solo. Le due anziane donne e il fratello disabile di Piero, hanno bisogno di quella casa distrutta ma le risorse economiche non permettono la ricostruzione. “Mia nonna, mia zia e mio zio, sono legati alla terra e alle attività agricole. Un sistemazione diversa ucciderebbe anche loro. Per ricostruire la casa ho lanciato una raccolta fondi su facebook (https://www.facebook.com/donate/1220851858069059/10211929211979836/) che in poco tempo ha permesso di raccogliere poco meno di 5mila euro”. L’obiettivo è però lontano dato che servirebbero almeno 100mila euro. In attesa di una generosa donazione, quindi, speriamo che almeno Miro torni a farsi vivo.

Ermanno Amedei

27 Dicembre 2018 0

Babbo Natale fa l’incidente con la slitta e le renne, carabinieri consegnano regalo

Di admin

FIUGGI – Una bella storia di Natale che vale la pena raccontare arriva da Fiuggi e ha come protagonisti una bambina e due carabinieri.

E’ il 25 dicembre in piazza Spada a Fiuggi e due carabinieri in servizio di controllo della piazza hanno incontrato una bambina di otto anni la quale, alla domanda sull’incontro con Babbo Natale, ha risposto di non aver ricevuto alcun regalo. Toccati nell’animo i due militari, hanno appreso dalla madre che la famiglia versa in gravi condizioni economiche, ragion per cui non era stato possibile acquistare alcun dono.

Mentre la bimba è stata intrattenuta con affetto dagli agenti della polizia locale, i carabinieri si sono recati presso un’attività commerciale aperta nonostante la festività natalizia, acquistavano un giocattolo e, tornati in piazza Spada, lo hanno consegnato alla bimba, spiegandole che Babbo Natale, impossibilitato a raggiungere la sua abitazione a causa di un incidente con la slitta e le renne, aveva incaricato i militari della consegna.

La scena non è passata inosservata, suscitando l’ammirazione e la commozione dei passanti.

19 Dicembre 2018 0

La casa del Natale a Cassino “riscalda” i cuori anche a temperature glaciali

Di admin

CASSINO – Non fanno l’albero di Natale e il presepe in casa, ma fanno della loro casa un albero di Natale ed un Presepe.

E’ la famiglia Pallucci di Cassino che nella frazione di Caira, di fornite al cimitero militare tedesco, hanno consacrato la loro abitazione alla festa più bella, quella della Natività. Settimane di lavoro sono servite per addobbare le pareti esterne dell’edificio su due livelli, appendendo festoni, finti pupazzi di neve, renne, slitte, “babbi natali” di ogni dimensione, tante luci e un presepe a grandezza naturale.

I adesso si godono il piacere di vedersi nel giardino di casa, centinaia di piccoli e grandi visitatori affascinati e sbalorditi da tanti colori e luci e da quel clima che riscalda anche a temperature glaciali.

Ermanno Amedei

 

12 Dicembre 2018 0

“Natale in Armonia” a San Vittore del Lazio, oggi la presentazione

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – “Un percorso “nomade” che ha come tema il Natale, ma in chiave di sol. Musica e festa per antonomasia proposta ai comuni. “Armonie di Natale” farà tappa a San Vittore del Lazio il 29 dicembre ed oggi presenta la propria mission nell’ambito del settimo appuntamento itinerante di una kermesse che sta collezionando successi e plausi”.

Lo si legge in una nota dell’amministrazione comunale di San Vittore del Lazio.

“Nello specifico, “Natale in Armonia”, evento ormai amico dell’amministrazione guidata dalla sindaca Nadia Bucci, è già alla sua terza tappa sanvittorese. Proprio oggi è prevista, a partire dalle 17.00 presso la Sala consiliare della sede municipale di via Santa Croce, una conferenza stampa di presentazione dell’evento.

Si tratta in buona sostanza di un concerto a carattere itinerante, appositamente confezionato per comunità “ingorde” di buona musica, che riecheggia sia suoni e melodie di gran pregio che la benevola contaminazione fra le atmosfere già fascinose della musica con l’appeal assoluto del periodo natalizio. Le associazioni Musicali Ararart, Le Tre Torri ed Assoflute, in collaborazione con enti ed associazioni, si sono date un compito importante quanto di assoluta godibilità, potendo contare sul patrocinio di Regione Lazio e Provincie di Frosinone e Latina. In sala consiliare a San Vittore oggi verranno dunque spiegate le modalità di svolgimento, la natura e le finalità ultime di una kermesse viaggiante che si sta caratterizzando per entusiasmanti tappe nel territorio delle provincie di Frosinone e Latina. Ad esibirsi, nella data del prossimo 29 dicembre a partire dalle ore 21.00 presso la collegiata di Santa Maria della Rosa, saranno Mariastella Mariani, soprano, Stefano Sorrentino, tenore, Michele D’Agostino al piano e Fabio Angelo Colaianni al flauto. La presentazione dell’evento sarà affidata alla conduttrice Valeria Altobelli”.

“Grande musica e calore delle festività natalizie, il tutto nella accogliente cornice della nostra chiesa. Non conosco un modo migliore per rimarcare ancora di più il senso di appartenenza ad una comunità e la bellezza delle note savi che ci attendono. – Così si è espressa nella nota la sindaca Nadia Bucci – Invito tutti i concittadini a partecipare a questo splendido evento che ancora una volta abbiamo voluto inserire nel novero delle manifestazioni natalizie del nostro paese”.

8 Dicembre 2018 0

Vendeva stelle di Natale per solidarietà, denunciata a Cassino ex suora 85enne

Di admin

CASSINO – Vendeva stelle di Natale con la tunica da suora garantendo che il ricavato sarebbe andato in beneficenza. Per questo, stamattina, i carabinieri del NORM della locale Compagnia di Cassino hanno denunciato per false attestazioni sull’identità o qualità personali proprie e di altri una 83enne domiciliata in Cassino.

La donna, controllata mentre vestita da suora era intenta a vendere per beneficenza  “stelle natalizie” all’esterno della Chiesa S.Antonio del luogo, dichiarava ai militari operanti di far parte dell’Istituto Carmelitane Teresiane con sede in Roma.

I successivi accertamenti hanno permesso di stabilire che la sedicente religiosa con decreto canonico datato 17.12.2017 emesso dalla “Sacra Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica”  era stata separata definitivamente dal suddetto Istituto religioso con contestuale deposito dell’abito religioso. Pertanto la donna veniva deferita in stato di libertà  con contestuale sequestro dei documenti di riconoscimento a lei intestati (C.I. e Passaporto Ordinario), in cui si mostrava in abiti da suora con capo ed orecchi scoperti e con indicazione alla voce professione di “religiosa”.

3 Dicembre 2018 0

Cassino anche quest’anno avrà le sue luminarie di Natale

Di redazionecassino1

CASSINO – L’amministrazione comunale in questi mesi e riuscita a riunire alcuni rappresentanti degli esercizi commerciali del centro di Cassino per portare avanti il progetto delle luminarie Natalizie. L’assessore con delega al Commercio e attività produttive, Chiara Iadecola e Il consigliere comunale Gianrico Langiano, presidente della commissione Commercio hanno lavorato alacremente e in piena sinergia con i commercianti per dotare la città di un’illuminazione natalizia degna di tale nome. Dopo svariati incontri e visite alle aziende del settore, anche quest’anno, come l’anno scorso l’accordo tra i commercianti del centro di Cassino e l’amministrazione comunale è stato raggiunto, la città avrà, quindi, le sue luminarie. L’assessore Chiara Iadecola ha commentato: “Più volte, nelle ultime settimane, ho incontrato uno o più commercianti del centro città per trovare una soluzione affinché anche Cassino potesse avere le luminarie natalizie. Durante le prime riunioni ho avuto non poche perplessità per la realizzazione di questo progetto ma, nell’ultimo incontro, mi sono trovata di fronte a persone decise e risolute che vogliono il meglio e determinate a coinvolgere anche i più diffidenti. È stata per me un’emozione partecipare fattivamente alla scelta, accompagnando alcuni esercenti in un luogo di luci, colori, forme natalizie. Tra qualche giorno quindi, anche Cassino sarà illuminata e il merito più grande senza dubbio andrà a quei commercianti che non si sono risparmiati affinché tutto questo si concretizzasse.” Entusiasta il consigliere comunale Gianrico Langiano commenta: “Voglio ringraziare pubblicamente i commercianti che sono adoperati per collaborare fattivamente con l’amministrazione per consentire alla città di Cassino di avere le luminarie in centro città. Quest’anno si è puntato sulla qualità delle luminarie da installare. Abbiamo subito trovato un modus operandi e siamo riusciti a trovare l’intesa. Come succede oramai da svariati anni l’amministrazione in questa partita gioca il ruolo di coordinatore, ma devo fare un plauso ai commercianti che ci hanno dato una grande mano nel velocizzare la scelta. Quindi anche quest’anno Cassino, – ha concluso Langiano – avrà le luminarie per le vie del centro e saranno luminarie di qualità, e nello stesso stile in tutta la città.” Il montaggio delle luminarie si terrà a partire da lunedì mattina.

foto di repertorio

3 Gennaio 2018 0

Controlli di Natale, malviventi sorpresi e allontanati da Frosinone prima di commettere furti

Di admin

FROSINONE – Nella giornata del 25 dicembre la Squadra Volante controllando assiduamente il territorio al fine di scongiurare la consumazione di reati predatori soprattutto ai danni di abitazioni, nota nell’ora del pranzo di Natale due giovani donne di “etnia rom” aggirarsi nei pressi di un condominio pronte ad entrare in azione. Trasferite immediatamente in Questura, in seguito all’identificazione si accerta che le due, residenti presso un campo nomadi della capitale, erano in trasferta e gravate da numerosissimi precedenti penali per reati specifici contro il patrimonio venivano allontanate dal territorio con foglio di via obbligatorio per tre anni. Nella nottata del Santo Natale invece gli agenti delle Volanti erano costretti ad intervenire in un noto locale della parte bassa del capoluogo dove un giovane albanese, pluripregiudicato per reati della diversa fattispecie creava criticità all’ingresso. Lo stesso all’arrivo delle pattuglie si esagitava ulteriormente rifiutando qualsiasi approccio collaborativo, costringendo gli operatori ad allontanarlo coattivamente e denunciarlo per resistenza a Pubblico ufficiale. Nella giornata di ieri 26 dicembre, invece, nel transitare in questa via Pergolesi, allertati da alcuni residenti, gli agenti intervenivano in quanto due cittadini extra comunitari, nello specifico senegalesi, tentavano un furto all’interno di due abitazioni private cercando di penetrare all’interno approfittando dell’assenza dei proprietari. Gli stessi prontamente bloccati e trasferiti in Questura per l’identificazione venivano denunciati in stato di libertà per tentato furto. Ed ancora in tema di serrati controlli sempre la Squadra Volante nei decorsi giorni intensificava ulteriormente i controlli agli individui sottoposti al regime degli arresti domiciliari o sottoposti ad obblighi specifici, denunciando e segnalando all’A.G. un quarantaquattrenne inottemperante alla prescrizione. Resta pertanto alta l’attenzione del reparto volanti sempre concentrato nella lotta ai reati predatori garantendo una sicurezza sempre più incisiva alla comunità in occasione delle ricorrenti festività.

27 Dicembre 2017 0

Controlli di Natale, da polizia tre denunce e due allontanamenti

Di admin

FROSINONE – Nella giornata del 25 dicembre la Squadra Volante controllando assiduamente il territorio al fine di scongiurare la consumazione di reati predatori soprattutto ai danni di abitazioni, nota nell’ora del pranzo di Natale due giovani donne di “etnia rom” aggirarsi nei pressi di un condominio pronte ad entrare in azione.

Trasferite immediatamente in Questura, in seguito all’identificazione si accerta che le due, residenti presso un campo nomadi della capitale, erano in trasferta e gravate da numerosissimi precedenti penali per reati specifici contro il patrimonio venivano allontanate dal territorio con foglio di via obbligatorio per tre anni.

Nella nottata del Santo Natale invece gli agenti delle Volanti erano costretti ad intervenire in un noto locale della parte bassa del capoluogo dove un giovane albanese, pluripregiudicato per reati della diversa fattispecie creava criticità all’ingresso. Lo stesso all’arrivo delle pattuglie si esagitava ulteriormente rifiutando qualsiasi approccio collaborativo, costringendo gli operatori ad allontanarlo coattivamente e denunciarlo per resistenza a Pubblico ufficiale.

Nella giornata di ieri 26 dicembre, invece, nel transitare in questa via Pergolesi, allertati da alcuni residenti, gli agenti intervenivano in quanto due cittadini extra comunitari, nello specifico senegalesi, tentavano un furto all’interno di due abitazioni private cercando di penetrare all’interno approfittando dell’assenza dei proprietari. Gli stessi prontamente bloccati e trasferiti in Questura per l’identificazione venivano denunciati in stato di libertà per tentato furto.

Ed ancora in tema di serrati controlli sempre la Squadra Volante nei decorsi giorni intensificava ulteriormente i controlli agli individui sottoposti al regime degli arresti domiciliari o sottoposti ad obblighi specifici, denunciando e segnalando all’A.G. un quarantaquattrenne inottemperante alla prescrizione. Resta pertanto alta l’attenzione del reparto volanti sempre concentrato nella lotta ai reati predatori garantendo una sicurezza sempre più incisiva alla comunità in occasione delle ricorrenti festività.

14 Dicembre 2017 0

Armi da difesa nel cesto di Natale, niente zampone ma storditore e bastone

Di admin

ROMA – Invece del cotechino, del pandoro , delle lenticchie, cioccolatini  e tranci di Parmigiano, il “cesto di Natale”  pubblicizzato da due armaioli di Roma proponevano lo spray al peperoncino, manganelli stroboscopici e storditori elettrici.

Gli agenti della Polizia di Stato della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, diretta da Carlo Musti, hanno denunciato i titolari di due armerie, nell’hinterland della capitale, e sequestrato oltre un quintale di materiale pirotecnico.

In particolare, uno dei due esercizi commerciali aveva realizzato ed affisso una locandina, dal titolo “a natale regala ai tuoi cari la sicurezza”, in cui spiegava che, con la modica somma di 100 euro, era possibile mettere sotto l’albero non solo uno spray al peperoncino ma anche manganelli stroboscopici e i famigerati “animal difender”; questi oggetti, pubblicizzati dall’armaiolo come di libera vendita, apparivano agli acquirenti come delle comuni torce elettriche, invece, un selettore situato nella parte inferiore dello strumento li trasformava in vere e proprie armi, che erogano una scarica elettrica ad alto voltaggio.

Gli storditori elettrici sono classificati come armi proprie dalla legge e, per questo motivo, possono essere vendute solo a persone munite di porto d’armi o di specifico nulla osta, rilasciato dalle Autorità di Pubblica Sicurezza.

La scarica elettrica che ne deriva agisce direttamente sui muscoli, provocando forti contrazioni: una scarica di questo tipo riesce ad inabilitare del tutto una persona, anche se per pochi secondi e, in presenza di particolari patologie della persona offesa, può essere anche molto pericolosa.

Il titolare dell’armeria è stato denunciato per detenzione illegale di materiale pirotecnico, privo dei requisiti di sicurezza e della prevista conformità dell’etichettatura “ce” e, in violazione dell’articolo 35 del T.U.L.P.S.,  per aver omesso di prendere in carico nei registri i cosiddetti “storditori”. Parallelamente è stata  richiesta alla Prefettura l’emissione di un provvedimento d’urgenza per la sospensione  della licenza.

13 Dicembre 2017 0

Manette dopo la rapina, presa la banda dei “babbo Natale” di Alatri

Di redazionecassino1

Alatri – Due uomini travestiti da Babbo Natale, a volto scoperto, ieri mattina hanno rapinato un negozio di oggettistica di Alatri. I malfattori, con accento dell’est, armati di un taglierino e con tono minaccioso, hanno intimato alla titolare e ad una cliente, di consegnare loro i soldi contanti. Sono scappati con poche decine di euro Immediatamente, i Carabinieri della Compagnia di Alatri sono intervenuti con più pattuglie, diramando le ricerche dei due uomini nell’intero territorio giurisdizionale. Poche ore dopo, i fuggitivi, con ancora indosso gli abiti da Babbo Natale, sono stati intercettati e fermati all’interno di un’attività commerciale di Fiuggi, dove si erano rifugiati nel tentativo di eludere il controllo. A seguito di perquisizione personale sono stati rinvenuta e posto sotto sequestro la somma provento della rapina. Al termine delle formalità di rito, gli arrestati, un 42enne senza fissa dimora ed un 30enne residente a Napoli, entrambi incensurati di nazionalità romena, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Frosinone e contestualmente, a loro carico, è stata inoltrata la proposta per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di via Obbligatorio, con divieto di ritorno in quel comune per anni tre. Appena qualche giorno fa, altri due malviventi, travestiti anche loro da Babbo Natale, hanno rapinato l’ufficio postale di Frosinone. Gli investigatori escluderebbero che si ano gli stessi arrestati ieri.