Cisterna di Latina, i troppi perché senza risposte di una tragedia disumana

Cisterna di Latina, i troppi perché senza risposte di una tragedia disumana

15 Marzo 2018 0 Di admin

CISTERNA DI LATINA – Se è legittimo rinunciare a capire, o spiegandolo con l’irrazionalità della follia, il perché un padre uccide le sue figlie, restano comunque troppi i perché, di cui è invece auspicabile dare una risposta, in merito alla terribile e disastrosa vicenda di Cisterna di Latina.

Certamente con i “se” e con i “ma” non si vincono le guerre e, aggiungiamo noi, non si riportano in vita vittime innocenti. Spesso neanche servono per fare giustizia; possono servire per comprendere, però, eventuali e involontari errori per evitare di commetterli di nuovi in casi simili.

La vicenda purtroppo è nota a tutti; giornali e telegiornali non hanno risparmiato dettagli: un padre, Luigi Capasso, 44 anni carabinieri a Velletri, la mattina del 28 febbraio, aspetta Antonietta Gargiulo sotto casa, in via Collina dei Pini a Cisterna, moglie 39enne da cui si stava separando, e le spara quattro colpi con la pistola di ordinanza. Non la uccide ma la donna resta gravemente ferita. Le prende le chiavi di casa, sale al secondo piano dove dormono le figlie Alessia di 13 anni e Martina di 8 anni, e spara ancora prima di barricarsi in casa.

Erano circa le 5.30 di quello che sarebbe stato un lungo e tragico mattino.

Ore 8.30 circa – Arrivo del battaglione

La zona è stata evacuata dalle forze dell’ordine immediatamente accorse e i carabinieri del comando provinciale di Latina hanno gestito la trattativa con l’uomo nel tentativo di convincerlo a consegnarsi. Alle 8.30 circa, una aliquota dei carabinieri dell’antiterrorismo era già pronta ad intervenire e alle 11 circa, l’elicottero del Gis dei carabinieri è atterrato poco distante dal campo operativo. E qui cominciano i perché senza risposta. A gestire la situazione c’erano i vertici provinciali dell’Arma, i mediatori, gli specialisti e a coordinare tutto, il sostituto procuratore della Repubblica di Latina al quale, in quanto autorità giudiziaria, spettava il compito di decidere se e quando intervenire.

 

Ore 11 circa -Arriva l elicottero del Gis

Che l’uomo avesse già sparato alle figlie, ormai lo si sapeva: lo aveva detto più volte lui nel suo delirio; non si sentivano nell’appartamento voci o lamenti delle due sorelline; i vicini avevano sentito nell’appartamento esplodere colpi di arma da fuoco. Ma anche la madre era stata attinta da tre colpi di pistola senza rimanere uccisa e l’intervento dei sanitari le ha salvato la vita.

Perché aspettare fino alle 13.15 circa per intervenire solamente dopo che l’uomo si è sparato?

Sul balcone che affaccia sulla parte opposta a via collina dei Pini, sotto gli occhi di tutti, Luigi Capasso, mani in tasca ma ancora armato della sua rivoltella, parlava con i mediatori che erano sul balcone a fianco.

Nel corso della puntata del programma “Chi l’ha visto” di ieri sera, si sostiene di avere informazioni in merito ai rilevamenti fatti da uno strumento utilizzato quella mattina che, grazie al calore emanato dai corpi, stabilisce quante persone sono vive in un determinato luogo. Nel servizio di “Chi l’ha visto?”, si sostiene che  nell’appartamento vi sarebbe stata, oltre a Luigi Capasso, un’altra persona viva. Alle 13.15, dopo che l’appuntato si è tolto la vita, i Gis sono entrati e hanno trovato solamente morti.

A quel punto comincia la lunga sequela dei “se” e dei “ma”.

Se fossero intervenuti prima avrebbero potuto sperare di trovare agonizzanti una delle due sorelle e dare speranza di vita”, oppure “ma intervenire significava perdere la speranza di far arrendere l’uomo e mettere in pericolo la vita di chi doveva intervenire”.

Comunque la si pensi, alla fine la storia è stata tristemente scritta.

Forse l’autopsia sul corpo delle piccole avrebbe potuto fugare ogni dubbio sul fatto che, lo strumento che rilevava la seconda vita nell’appartamento si era sbagliato e che, invece sia vera l’ipotesi secondo cui le bambine siano morte nel momento in cui il padre ha loro sparato. Ma lo stesso sostituto procuratore che ha coordinato le operazione e che poteva disporre di affidare l’esame autoptico ha preferito evitare.

Ermanno Amedei