Giorno: 2 Maggio 2019

2 Maggio 2019 0

Ordine Avvocati di Velletri contro il Comune di Pomezia: “Favorisce caporalato dell’avvocatura”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

POMEZIA – L’Ordine degli avvocati di Velletri si scaglia contro il caporalato dell’avvocatura e prende di mira l’amministrazione comunale di Pomezia. Al centro della vibrata polemica resta la disciplinare approvata dalla giunta comunale e pubblicata nell’albo pretorio il 18 aprile con cui l’amministrazione si dota di una lista di professionisti a cui attingere in caso di controversie giudiziarie.

“Si sta tentando di fare caporalato dell’avvocatura e questa cosa non può essere accettata”.  Lo dice a chiare note Stefano Bertollini, presidente dell’ordine forense di Velletri facendo riferimento al primo comma dell’articolo otto del regolamento contestato, quello relativo alla valutazione dei preventivi e in cui si legge: “Il preventivo viene redatto dal professionista individuato – o dai professionisti in sede di valutazione comparativa delle offerte – secondo i valori minimi di liquidazione previsti, per lo scaglione di riferimento, dai parametri forensi di cui al D.M. 10.03.2014, n. 55 e s.m.i. o da quelli che successivamente entreranno in vigore, ridotti al 50%, al netto delle spese non imponibili effettivamente sostenute (IVA, CPA), che saranno rimborsate previa acquisizione della documentazione comprovante tale spesa. In sede di acquisizione dei preventivi, il professionista potrà offrire una riduzione ulteriore rispetto a quella suindicata”.

Insomma, per poter sperare di lavorare con il comune di Pomezia, un avvocato deve proporre un preventivo che sia ridotto della metà rispetto a quanto previsto dai parametri forensi, a cui deve decurtare un ulteriore sconto per essere competitivo rispetto alle offerte di altri colleghi.

“Devo prendere quei parametri – spiega Bertollini – ridurre i minimi tabellari del 50 percento e abbassarlo ulteriormente. Eppure un mese fa è stato approvato dalla Regione Lazio una legge che garantisce l’equo compenso. Pomezia, quindi, non tiene conto di una normativa nazionale, di un decreto ministeriale che indica minimi e massimi, fa caporalato dell’avvocatura prendendo per il collo gli avvocati che stanno vivendo anche loro una stagione di sofferenza. Noi protestiamo, non possiamo stare in silenzio di fronte a questo”.

Ermanno Amedei

2 Maggio 2019 0

Roccasecca, escursionista si infortuna, recuperato dal Soccorso Alpino

Di redazionecassino1

ROCCASECCA (FR) –  Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Lazio è intervenuto per recuperare un escursionista infortunatosi ad una gamba nei pressi dell’Eremo dello Spirito Santo nel territorio del comune di Roccasecca in provincia di Frosinone. Sul posto per le prime cure e per il successivo recupero dell’infortunato, un ragazzo di 35 anni residente a Castrocielo, è giunta l’eliambulanza del 118 della Regione Lazio con a bordo il tecnico di elisoccorso del CNSAS e una squadra di terra della stazione del Soccorso Alpino di Cassino. Dopo le prime cure, il ragazzo è stato dunque recuperato in barella tramite verricello a bordo dell’elicottero ed elitrasportato al Policlinico di Tor Vergata.

2 Maggio 2019 0

Il Consiglio Atlantico Italiano si riunisce a Velletri per festeggiare i 70 anni del Patto

Di admin

VELLETRI – “La prossima riunione del Consiglio Atlantico Italiano si svolgerà a Velletri nei giorni 16, 17 e 18 maggio 2019 in occasione dei 70 anni del Patto Atlantico”.

Lo si legge in una nota del comune di Velletri.

“A presentare la manifestazione il sindaco Orlando Pocci quale padrone di casa, Antonietta Dal Borgo vicepresidente del Comitato Atlantico e il prof. Fabrizio W. Luciolli presidente del Comitato Atlantico Italiano.

Parole di elogio da parte del Sindaco che ha espresso soddisfazione per la scelta di Velletri quale sede di una riunione che si annuncia costruttiva e ricca di spunti di riflessione. Pocci ha confermato la disponibilità della Città ad accogliere gli illustri ospiti mettendo a disposizione le sale nobili del Palazzo Comunale e dell’ex Convento del Carmine che ospiteranno le sessioni della conferenza.

A ripercorrere il legame tra Velletri e il Comitato Atlantico Italiano è stata Antonietta Del Borgo che ha ricordato i successi ottenuti in passato nelle riunioni che si sono svolte in Città a partire dal campus che ha visto numerosi giovani avviare i loro percorsi di studi e di ricerca. La vicepresidente Dal Borgo ha ringraziato l’amministrazione e anche la Banca Popolare del Lazio per il munifico contributo offerto. La manifestazione in questa edizione beneficerà anche di un contributo regionale ottenuto grazie alla vittoria di un bando pubblico da parte dello stesso Comitato Atlantico Italiano.

Il presidente Luciolli ha presentato la manifestazione che si arricchisce della ricorrenza del settantesimo anniversario dalla fondazione della NATO. Va ricordato che il Comitato Atlantico Italiano è un’organizzazione culturale che sostiene i valori del Patto Atlantico. A dimostrazione del blasone basti citare che in passato sono stati presidenti del Comitato: Mariano Rumor, Giuseppe Saragat, Enrico La Loggia, Emilio Colombo.

Resta da confermare la presenza del ministro della Difesa Elisabetta Trenta che completerebbe un parterre di esperti di sicurezza, esteri e difesa che vanno dai professori De Leonardis e De’ Robertis all’on. Daniele Capezzone solo per citarne alcuni.

Per Luciolli, la riunione di Velletri sarà anche determinante per rilanciare i valori di libertà che sono alla base dell’impegno del Comitato Atlantico, dunque oltre il concetto di difesa e sicurezza.

Nella riunione si discuterà anche dei cambiamenti degli scenari: la stessa definizione di guerra sta assumendo significati differenti che vanno dalle fake news alle proteste di piazza finanziate da forze esterne, un complesso di elementi che rendono sempre più necessaria una rivisitazione culturale del tempo che viviamo.

Prevista la presenza di analisti e giornalisti del settore che seguiranno i lavori nella tre giorni di Velletri che si preannuncia di estremo interesse”.

2 Maggio 2019 0

Via al “7° Rally Terra di Argil” secondo impegno stagionale per i cassinati De Santis e Acquaro su DR1

Di redazionecassino1

POFI (FR) –  Secondo impegno stagionale nei Rally per il driver e navigatore cassinate Emiddio De Santis, impegnato nel prossimo week end nel settimo Rally Terra di Argil che si svolgerà nella splendida cittadina di Pofi. Seguendo la regola squadra vincente non si cambia, confermata pienamente sia la vettura che il copilota, al suo fianco l’altro cassinate Giuseppe Acquaro sempre più a suo agio sul sedile di destra, la vettura rimane la piccola DR1 di gruppo R1A Nazionale gestita dall’Ausonia Corse di Fortunato Varone ed iscritta in gara con la scuderia HP Sport. “Sono molto contento di partecipare a questa gara,  – ha dichiarato il pilota cassinate Emidio De Santis – la nostra partecipazione era in dubbio per alcuni miei problemi ma ci tenevo particolarmente ad essere al via, è la mia terza partecipazione e la prima da pilota. Si respira sempre una grande passione di sport in questa gara, anno dopo anno sta crescendo sempre di più, a dimostrazione dello sforzo profuso dagli organizzatori per la crescita della manifestazione” Il programma della gara prevede otto prove speciali, sabato 4 Maggio con la partenza della prima vettura alle ore 17:30 dal palco posizionato in Via Mons. Luca Capozi a Pofi (FR), start delle PS con la speciale Pofi City di 4,40 Km con il primo passaggio alle 18:10 e il secondo alle 20:40. Domenica 5 maggio le rimanenti sei speciali, tre passaggi sulla PS “Le Fontane” di 10 Km (09:40, 12:50, 16:00) e tre sulla “Ezio Palombi” di 10,45 Km (10:38, 13:48, 16:58). Arrivo della prima vettura  alle ore 18:30 sempre in Via Mons. Luca Capozi a Pofi.