Categoria: Cassino

10 Maggio 2010 0

Un gemellaggio in ricordo dei caduti biellorussi di Pinsk

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Lo ha proposto al sindaco Bruno Vincenzo Scittarelli l’ambasciatore della Bielorussia in Italia, S.E. Eugeny Shestakov, sabato scorso. Ogni anno, agli inizi del mese di maggio, l’ambasciatore della Bielorussia in Italia si reca a Cassino per onorare i soldati sepolti nel cimitero polacco di Montecassino e caduti per restituire la libertà al nostro territorio. Tra quei soldati polacchi sepolti a Montecassino, infatti, ve ne sono moltissimi che sono nati nella Polesia, regione con capoluogo Brest, che per venti anni, dal 1921 fino agli anni della seconda guerra mondiale, è stata parte integrante della Polonia. Per importanza, Pinsk è la terza città di questa regione, conta ben 129000 abitanti e la sua economia in crescita si articola in larga parte sul distretto industriale “italiano”. “Caro sindaco – ha detto l’ambasciatore Shestakov – tantissimi giovani hanno avuto la vita stroncata sulle pendici di Montecassino per ridare la pace all’Italia e moltissimi di loro erano nati in quel territorio che oggi fa parte della nostra nazione. Per questo sentiamo un fortissimo legale con Cassino che, come indica la targa all’ingresso del municipio, è gemellata con tante altre città. Noi abbiamo una città, Pinsk, che conta molti giovani deceduti nella battaglia di Cassino e che quindi potrebbe avere titoli per diventare anch’essa una vostra città gemella. Sindaco, se vorrete, possiamo avviare i contatti per arrivare alla stipula di un ulteriore patto di gemellaggio nello spirito della Pace e della fratellanza tra i popoli”. Scittarelli ha apprezzato moltissimo, a nome della città, “una proposta che per Cassino rappresenta la certificazione ulteriore del suo ruolo di città messaggera di Pace nel mondo. Anche noi siamo molto legati all’armata del generale Anders che, conquistando la vetta di Montecassino il 18 maggio del 1944, ha di fatto sancito la fine della guerra in questo territorio. Il legame tra Cassino e quei soldati è quindi fortissimo ed indissolubile, proprio come il senso di quella bellissima frase scolpita nel cimitero di Montecassino che lega all’Italia il sangue versato da quei giovanissimi soldati”. Un legame che, nel 2007 è divenuto anche strettamente culturale; infatti il grande giornalista e scrittore Ryszard Kapuscinski, nativo di Pinsk, era stato designato quale destinatario del premio “Letterature dal fronte” per il suo libro “L’Africa non esiste”. Purtroppo morì due mesi prima della cerimonia e a lui fu quindi consegnato una targa alla memoria. Nei prossimi mesi, a cura dell’ambasciatore, si dovrebbe avviare la procedura per gemellare Cassino con Pinsk.

10 Maggio 2010 0

Cerimonia di nomination al premio letterario “Letterature dal fronte”

Di redazione

L’Associazione culturale “Letterature dal fronte” che organizza il Premio Letterario “Città di Cassino”, comunica che, come da programma, per il giorno 12 maggio, alle ore 10,30, la presso la biblioteca comunale “P. Malatesta” si terrà la cerimonia della nomination del vincitore dell’edizione 2010 dedicata alla letteratura tedesca. Saranno valutate le schede elaborate dagli studenti e dalle giurie popolari delle diverse sedi del premio in Italia per i libri in concorso per l’edizione 2010 : Ingo Schulze – Vite nuove Jacob Hein – Magari è anche bello Julia Frank – Il muro intorno Uve Timm – Come mio fratello Interverranno: Bruno Vincenzo Scittarelli – Sindaco di Cassino – Presidente del Premio Beniamino Papa – Assessore alla Cultura del Comune di Cassino Fedrico Sposato – Presidente dell’Associazione cult. “Letterature dal fronte”- Clara Abatecola- Segretario Generale Sono invitati tutti gli studenti delle scuole superiori di Cassino che fanno parte della giuria popolare. Nel corso della cerimonia sarà presentato il Progetto del 2011 dedicato al 150 anniversario dell’Unità d’Italia.

8 Maggio 2010 0

8 maggio, giornata mondiale della Croce Rossa

Di redazionecassino3

In tutto il mondo ogni anno l’8 maggio si festeggia la Croce Rossa. La giornata è ricordata anche a Cassino, dove questa mattina i volontari della Cri di Cassino e dei paesi limitrofi hanno allestito alcuni stand per una serie di iniziative volte alla prevenzione ed informazione su malattie quali l’Aids ma anche alla sicurezza stradale. Inoltre i volontari, hanno distribuito preservati allo scopo di incentivare il sesso sicuro contro malattie veneree come l’aids. [nggallery id=112]

8 Maggio 2010 0

Via alla seconda edizione della competizione “Castoro”

Di redazione

Via alla seconda edizione italiana della competizione “castoro”, che si terrà nella seconda/terza settimana di novembre del 2010. Il Laboratorio di Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento del Dipartimento di Scienze umane e sociali dell’Università di Cassino, che negli ultimi anni ha partecipato a molteplici attività di studio e ricerca sull’alfabetizzazione digitale e sullo sviluppo delle competenze digitali, dal 2009 rappresenta l’Italia nel comitato scientifico organizzativo della competizione internazionale “Castoro”. La competizione è stata istituita nel 2004, a partire da un’idea della prof.ssa Valentina Dagiene dell’Università di Vilnius (deve peraltro il suo nome al noto roditore chiamato “Bebras” in lingua lituana); essa ha coinvolto un numero sempre crescente di nazioni (al momento 15) e quasi centomila giovani, studenti dei diversi ordini e gradi di scuole, dei paesi che ogni anno vi hanno partecipato. La competizione mette a confronto ragazzi che appartengono a tre diverse fasce d’età: a) benjamin, ragazzi e ragazze di età compresa tra 10 e 12 anni (corrispondenti alle classi 4 e 5 elementare e 1 media), b) juniores, di età compresa tra 13 e 15 anni (corrispondenti alle classi 2 e 3 media e 1 superiore), c) seniores, di età compresa tra 16 e 19 anni (ultimi anni della scuola media superiore). Il principale obiettivo della manifestazione, almeno a livello nazionale, è la valutazione delle competenze digitali dei giovani che vi partecipano. Attraverso di essa si vogliono motivare ed incentivare i giovani all’approfondimento delle conoscenze e allo sviluppo delle abilità e delle competenze della società della conoscenza, necessarie oltre che al successo scolastico, all’apprendimento lungo tutto l’arco della vita ed allo sviluppo di un nuovo e più esteso concetto di cittadinanza. Nella passata edizione hanno fornito il loro contributo alla diffusione della manifestazione l’ufficio scolastico regionale del Lazio e gli uffici scolastici provinciali di Campobasso, Caserta, Frosinone e Isernia. Le limitazioni poste dai vincoli organizzativi hanno fatto sì che potessero prendere parte alla manifestazione soltanto gli studenti delle categorie Benjamin e Junior; più in particolare hanno partecipato alla competizione due scuole elementari, due scuole medie e due scuole superiori. In termini numerici gli alunni iscritti alla manifestazione sono stati: Femmine Maschi Totale Benjamin 99 104 203 Juniores 25 82 107 Totale 124 186 310

8 Maggio 2010 0

Schianto sulla strada di Montecassino, ferita figlia di amministratore di San Vittore

Di redazione

Ha rischiato grosso, questa notte, una ragazza figlia di un amministratore di San Vittore del Lazio che poco dopo l’1 di notte, si è schiantata con la sua Fiat Panda contro il muro di recinzione di un casa mentre percorreva la strada provinciale che da Cassino conduce al monastero benedettino. La ragazza ha perso il controllo della vettura schiantandosi e ribaltandosi più volte fino a rimanere imprigionata tra le lamiere. Immediati i soccorsi dei vigili del fuoco e di un’ambulanza che ha trasportato la giovane in ospedale a Cassino. Ermadei@libero.it

8 Maggio 2010 0

Cuscinetti Skf di Cassino taroccati a Caserta, maxi sequestro della finanza

Di redazione

Cuscinetti a sfera con marchio Skf taroccato, gli stessi prodotti nello stabilimento di Cassino, sono stati sequatrati dalla guardia di Finanza di Caserta. a dire il vero si tratta di un maxi sequestro dato che i pezzi conservati in un magazzino alla conta fatta dai finanzieri sono risultati essere ben 180 mila per un peso complessivo netto di 90 tonnellate, recanti il marchio contraffatto dell’azienda svedese leader mondiale del settore, m che, almeno a Cassino, sta vivendo momenti difficili. La merce sequestrata è stata trovata all’interno di depositi localizzati a Casagiove (Ce). Il valore contabilizzato ai prezzi medi di vendita al cliente finale, si attesta intono ai 5 milioni di euro. ma il danno economico e, di conseguenza occupazionale che ne sarebbe scaturito per il cassinate se quei pezzi fossero finiti sul mercato sarebbe stato incalcolabile. ermadei@libero.it Si tratta di un sequestro che, per dimensioni quantitative, si colloca sicuramente tra i più significativi ottenuti in ambito europeo. Il sequestro è scattato al termine di un attento esame dei singoli pezzi, che ha consentito di rilevarne diverse anomalie, quali l’impronta del marchio posto sul dispositivo meccanico e sulla confezione, il Paese di produzione, il carattere utilizzato per le marcature e l’esatta posizione dello stesso, che non pochi sospetti hanno ingenerato sia negli investigatori che nel personale specializzato della stessa azienda produttrice, le cui perizie tecniche hanno avvalorato i sospetti delle Fiamme Gialle sulla effettiva genuinità dei cuscinetti. D’altronde oggi individuare un cuscinetto contraffatto non costituisce di certo un esercizio agevole, atteso che i produttori illegali di cuscinetti adottano metodi subdoli per ingannare gli utenti finali, quali la rietichettatura, la rigenerazione, la pulitura e la lucidatura dei pezzi meccanici. Grazie alle odierne sofisticate tecnologie grafiche, in tutto il mondo, produttori senza scrupoli sono in grado di riprodurre in maniera molto fedele le confezioni utilizzate dalle ditte produttrici per aumentare le possibilità che i cuscinetti contraffatti riescano ad inserirsi nei canali legittimi di distribuzione industriale. Il materiale sequestrato è stato concentrato presso lo stabilimento SKF Italia di Cassino, in giudiziale custodia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Alla medesima Autorità sono stati denunciati tre soggetti, tutti di origine napoletana, titolari dei depositi di rivendita, responsabili a vario titolo per contraffazione, ricettazione e frode in commercio. L’operazione di servizio condotta costituisce ulteriore testimonianza del costante presidio economico – finanziario esercitato dal Corpo sul territorio casertano, significativamente intensificato nel campo della contraffazione ai fini della salvaguardia delle regole della concorrenza e del mercato e, soprattutto, nella particolare circostanza, della sicurezza dei consumatori.

ermadei@libero.it

7 Maggio 2010 0

Avevano fatto “spesa” di Kobret e Crak, in manette volontaria del servizio civile e fidanzato

Di redazione2

Operaio in cassa integrazione lui, volontaria del servizio civile lei, arrestati per droga al rientro dal rifornimento dal quartiere partenopeo di Secondigliano. Era questa la doppia vita di una giovanissima coppia di cassinati. Entrambi 23enni finiti in manette nella prima mattinata di oggi a seguito di un controllo dei militari della Guardia di Finanza di Cassino comandata dal capitano Vincenzo Ciccarelli. Sequestrati 120 ovuli di sostanza stupefacente del tipo Kobret e Crack, due potentissime e devastanti sostanze derivate dalla cocaina. La “merce” era nascosta nei capi intimi indossati dalla giovane. Successivamente, dalla perquisizione a casa dei due, è stato rinvenuto un bilancino di precisione ed altri 30 bussolotti contenenti le medesime sostanze. La droga era destinata agli adolescenti del cassinate. L’operaio in cassa integrazione dell’’indotto Fiat, è stato associato alla casa circondariale San Domenico di Cassino, la volontaria, è agli arresti domiciliari. Tamara Graziani

6 Maggio 2010 0

Tentano di rubare un’auto, manette per tre napoletani

Di redazione

Prdoni di auto arrestati dagli agenti del commissariato di Cassino. Il furto delle auto in pieno centro a Cassino non è una novità. La vicinanza alla Campania facilita, e non poco, il lavoro dei ladri che a gruppi di tre o quattro arrivano nella città martire a bordo di una vettura e se no tornano, invece, ognuno con una macchina rubata. Il sistema, questa sera poco dopo le 20, non ha funzionato. In tre avevano messo occhi e mani su una Lancia Ypsilon ma l’allarme lanciato al commissariato ha permesso agli uomini del vice questore Gianfranco Simeone di cogliere sul fatto tre uomini, tutti napoletani e arrestarli. ermadei@libero.it

6 Maggio 2010 0

Con la moto si schianta contro un camion, studente ferito

Di redazione

Forse un sorpasso azzardatyo è stato, questa mattina, causa di un incidente stradale che ha visto un giovane studente di Cassino rimanere ferito ad un ginocchio. Il sinistro è avvenuto sulla superstrada Cassino Formia nei pressi del ristorante La Campagnola. Eè stato la che il ragazzo, in sella alla sua moto, si sarebbe scontrato con un camion. Il giovane è letteralmente volato prima di cadere sull’asfalto. “Ho visto le sue scarpe cadere sul parabrezza dela mia auto” ha raccontato una testimone, tra le prime a soccorrere il centauro ferito. Immediatamente un’ambulanza, poi, lo ha trasportato in ospedale a Cassino. Non è in pericolo di vita. ermadei@libero.it

5 Maggio 2010 0

Ospedale senza personale, il sindaco incontra il direttore sanitario

Di redazione

La grave situazione che si continua a vivere nel sistema sanitario pubblico del Cassinate, aggravata dalle emergenze negative che stanno riguardando l’ospedale Santa Scolastica, è stata esaminata dal sindaco di Cassino e presidente della Consulta Bruno Vincenzo Scittarelli con il direttore sanitario del Polo D, Antonietta Baldassarra, e con il rappresentante del Tribunale per i Diritti del Malato, Evan Colella Evangelista. Il sindaco ha evidenziato le ben note criticità del sistema sanitario pubblico locale che, nell’ambito del Distretto D., riguardano la carenza di personale medico e paramedico e l’eccessivo prolungamento delle liste di attesa. In questi giorni, poi, nell’ospedale Santa Scolastica, solo due delle sale operatorie sono attive, il reparto di ortopedia è a rischio chiusura ed analogo destino rischiano anche altri reparti, come oculistica. La dottoressa Baldassarra ha parzialmente rassicurato il sindaco informandolo che al reparto di ortopedia è stato già assegnato un nuovo ortopedico a tempo indeterminato e per un altro sarà presto bandito il relativo concorso. Scittarelli ha auspicato che “all’arrivo dei nuovi medici segua anche il mantenimento delle figure già presenti oltre che il potenziamento del personale in genere e degli infermieri ausiliari in particolare. La carenza degli organici è una caratteristica dell’intero Distretto D dell’Asl di Frosinone che purtroppo continua a protrarsi ulteriormente, nonostante le recenti proteste provenienti da tutto il territorio che si sono concretizzate anche in una richiesta ufficiale di modifica dell’atto aziendale da parte della Consulta dei Sindaci. Nel caso della sanità, non si tratta di tutelare un servizio qualsiasi ma il diritto fondamentale alla salute, sancito dalla Costituzione. Al di là delle soluzioni tampone che si stanno adottando bisogna comunque accelerare per arrivare ad una riorganizzazione funzionale di tutti i reparti ospedalieri in un’ottica di complementarietà distrettuale che consenta ai cittadini di questo territorio di avere risposte efficienti e tempestive ed una superiore qualità del nostro servizio sanitario”.