Categoria: Cassino

31 Marzo 2010 0

Coca “mascherata” da caramella, un giovane la tiene in bocca fino a quando gli agenti lo costringono a sputarla

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Masticava, masticava, e continuava a masticare fino a quando gli agenti non gli hanno chiesto cosa avesse in bocca. Si tratta di un giovane di Cassino sottoposto ad un controllo stradale. Dopo una accurata perquisizione personale e della sua auto, gli uomini in divisa non sono riusciti a trovare nulla. La presenza di quella che sembrava o veniva trattata come una caramella però, ha insospettito gli agenti di polizia che hanno chiesto al giovane di sputarla. Inizialmente il cassinate ha tentato di convincere i poliziotti dell’inutilita del gesto, ma dopo l’insistenza, è stato costretto ad ubbedire sputando, così una “pallina” di carta alluminata contenete alcuni grammi di cocaina. Il giovane, quindi è stato segnalato alla prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. Er. Amedei

31 Marzo 2010 0

Regionali 2010/Anna Maria Tedeschi, al Consiglio Regionale per i problemi del territorio e dei cittadini

Di redazionecassino1

Anna Maria Tedeschi, neo eletta al Consiglio Regionale del Lazio per l’Italia dei Valori. Un risultato importante e prestigioso per il successo del partito, ma anche personale. Una  forte affermazione in termini di preferenze, ma anche un’ottima affermazione politica di tutto il partito. Un risultato prestigioso avvalorato dalla sua prima candidatura e culminato con la sua prima elezione alla massima assise regionale. Una campagna elettorale, sobria, fatta attraverso il contatto diretto con i cittadini, evitando le ‘spese folli’ che hanno contraddistinto molti candidati di altri schieramenti, ma ascoltando i problemi della gente, dei numerosi cittadini che partecipavano ai suoi comizi. Proprio i comizi elettorali, come avveniva negli anni passati, forse sono stati il suo vero punto di forza, poi premiato dall’elettorato con le numerose preferenze ottenute.  “Al rammarico per la perdita della Presidenza della Regione Lazio, da parte del centro-sinistra – dichiara Anna Maria Tedeschi – si affianca la soddisfazione per il radicamento sul territorio dell’Italia dei Valori. Il risultato più che positivo per il nostro partito, unitamente ad una campagna elettorale che ha voluto comunicare alla gente soprattutto il programma politico per il territorio, ha consentito che io possa fare una seria opposizione in Regione. La carica di consigliere regionale è una grande opportunità: la democrazia è fatta da chi governa e da chi fa opposizione in modo serio e costruttivo, questo è il mio impegno verso i cittadini, un impegno che si fonda sui valori dell’onestà, della trasparenza, della solidarietà sociale. Per i prossimi cinque anni il lavoro alla Pisana e in Ciociaria sarà intenso e svolto con spirito di servizio. Ritengo fondamentale, ed è quello che ho sempre cercato di evidenziare e di portare all’attenzione dei cittadini che partecipavano ai mie incontri elettorali, che per me la politica è questo: servizio alla cittadinanza ed al territorio. E’ su questi principi e su questi obiettivi che orienterò tutto il mio lavoro per i prossimi cinque anni”.



30 Marzo 2010 0

Rubano una pelliccia da 10mila euro, arrestati dopo 5 mesi

Di redazione

Hanno rubato con destrezza una preziosissima pelliccia di cincillà ma, dopo 5 mesi, sono stati arrestati dai carabinieri di Cassino. Si tratta di una coppia di Secondigliano di Napoli che, a novembre dello scorso anno, fingendosi acquirenti, visitarono la pellicceria Jo Pelle di Cassino (Fr). In un momento di disattenzione del proprietario, la donna, probabilmente riuscì a nascondere la pelliccia sotto un grosso cappotto. a quel punto i due uscirono e si dileguarono mentre la proprietaria, si accorse del furto solamente quando ormai era troppo tardi. A gennaio i due sono tornati a Cassino ed una parente della proprietaria della pellicceria li ha notati uscire da un altro negozio del centro. Ha quindi chiamato i carabinieri e preso il numero di targa. Nell’immediato i militari al comando del capitano Adolfo Grimaldi e del capitano Francesco Maceroni non riuscirono ad assicurare alla giustizia i due ladri. Le indagini, però, partendo dalla targa della loro auto, ha permesso, di risalire ai loro nomi e, ieri pomeriggio, sono stati arrestati a Napoli. Si tratta di A.S. 36 anni e A.B. 43 anni. Er. Amedei

30 Marzo 2010 0

Schianto con l’auto, bimbo di sei anni sbalzato fuori dall’abitacolo

Di admin

Un rocambolesco incidente stradale è avvenuto ieri sera nel rione colosseo a Cassino (Fr). Per cause ancora al vaglio della polizia, una Fiat punto si sarebbe schiantata e, dal finestrino, sarebbe stato sbalzato fuori dall’abitacolo, un bambino di sei anni. Immediatamente il piccolo è stato trasportato in ospedale a Cassino dove i medici lo hanno sottoposto ad un attentoesame radiodiagnostico riscontrandogli alcune fratture ma senza gravi conseguenze. L’incidente è avvenuto alle 23 circa.

29 Marzo 2010 0

Ruba tappi ai lampioni, dipendente comunale in manette

Di redazione

Da un po’ di tempo la sparizione dai lampioni di Cassino dei tappi in alluminio usati per coprire i cavi elettrici sembrava essere diventato un fenomeno difficilmente giustificabile con i soli atti di vandalismo. Per questo i carabinieri comandati dal capitano Adolfo Grimaldi hanno iniziato ad indagare fino a risalire all’autore del singolare fenomeno. Le manette, quindi, sono scattate intormno ai polsi di V. C., 52 anni dipendente, da ben 32 anni, dell’assessorato alla manutenzione di Cassino. L’operaio è stato colto sul fatto, questa mattina, mentre ne rubava alcuni nella villa comunale. Un particolare questo ancora più grave dato che il furto in questione lascia scoperti i cavi elettrici e, qualcuno dei tanti bambini che giocano in villa, avrebbe potuto mettere la mano all’interno e prendere la scossa. Nella successiva perquisizione domiciliare, i carabinieri hanno trovato altre 157 borchie che sarebbero state rivenduto sul mercato nero dell’alluminio. L’uomo, dopo le formalità di rito, è stato tradotto in carcere a Cassino. Er. Amedei

29 Marzo 2010 0

Continuano nel cassinate gli avvelenamenti di cani

Di redazionecassino1

Sembra essere chiarito il motivo della morte di una cagnetta in via Folcara. L’uccisione, infatti, è avvenuta per avvelenamento. L’animale, era stato segnalato al Comune perché randagia con un’altra cagnetta e sei cuccioli, ed era stata rinvenuta cadavere da un abitante dei dintorni che ha interessato i responsabili dell’Anpana e le Guardie Zoofili. .Sul posto erano intervenuti Marco Bove, agente EcoZoofilo ANPANA Frosinone, Vincenzo Del Sordo, dirigente della FATAA ed il Dott. Salvatore Ubaldo, dirigente della ASL Veterinaria. I resti del cane insieme a sostanze sospette erano state consegnate alla ASL per l’invio all’Istituto Zoo profilattico Sperimentale di Firenze. “Pochi giorni orsono – dichiara Francesco Altieri presidente provinciale e responsabile delle Guardie Ecozoofile – il referto medico ha  confermato i  nostri sospetti, ho trasmesso la notizia di reato alla Procura della Repubblica di Cassino. Il reato, per ora contro ignoti, è uccisione di animale, art. 544 bis c.p. al quale l’Autorità giudiziaria potrebbe aggiungere altri due reati, che sono spargimento di sostanze pericolose, art. 674, e adulterazione di sostanze alimentari , art. 440 c.p.” Le guardie EcoZoofile stanno effettuando ancora delle indagini e si spera presto di trovare il colpevole di questo ignobile reato. “Il messaggio da lanciare – continua Altieri – è che denunciare è importantissimo, ora che tutti i coinvolti nella protezione animali, istituzionali e volontari, hanno meglio chiari i loro doveri ed hanno strumenti idonei, la creazione di informazioni anche statistiche, sicuramente faranno diminuire il triste utilizzo del veleno per eliminare i randagi. Abbiamo anche, messo a disposizione dei cittadini un numero di telefono  3396590331 per raccogliere le denuncie e dare informazioni”.

27 Marzo 2010 0

Confiscato ai corrieri del narcotraffico, rimorchio frigo donato alla Croce Rossa Militare

Di redazionecassino1

Una brillante operazione compiuta oltre due anni fa dalla guardia di finanza di Cassino (Fr), portò al sequestro di un automezzo pesante alle cosche camorristiche campane. Si tratta di un semirimorchio frigo marca LAMBERT, che oggi, sottoposto a confisca, è stato donato alla Croce Rossa Militare. Il mezzo trainato, due anni fa venne sottratto ai trafficanti di droga delle cosche malavitose campane che lo usavano per portare dalla Spagna a Napoli, nascosti tra le patate, diverse decine di chili di hashish. Oggi il bene depositato per due anni presso il deposito giudiziario Casilina Est srl di Lanni T. & Martucci A. con sede in Cassino, è stato consegnato dalla guardia di finanza al responsabile della Croce Rossa militare tenente Sandro Fella.

27 Marzo 2010 0

Mercato settimanale del sabato, problema sempre aperto…e mai risolto

Di redazionecassino1

Che il mercato settimanale del sabato a Cassino sia un problema è ormai un dato di fatto, sia sotto l’aspetto igienico che di traffico caotico. Le proteste dei residenti del quartiere Fraschette, quello dove si svolge il tradizionale mercato ortofrutticolo del sabato, sono cosa nota e soprattutto rappresentano un problema mai affrontato seriamente e risolto dalle amministrazioni comunali che si sono avvicendate a piazza De Gasperi. Non sono nuove le lamentele dei residenti sull’occupazione di strade, cortili, addirittura degli adroni dei fabbricati di quel quartiere. Non differisce la situazione nelle vie in cui si svolge quello delle calzature. Sporcizia, rifiuti di ogni tipo, degrado. Ma non basta anche il parcheggio di campo Miranda, o piazzale Benedetto XVI che dir si voglia, dopo il mercato del sabato è un vero e proprio cumulo di rifiuti. Buste di plastica, carta, cartoni, stampelle per gli abiti, scatoloni tutti allegramente sparsi per il piazzale e, nelle giornate di vento, a riempire persino i cortili delle abitazioni adiacenti. Proteste, petizioni, richieste di ogni tipo rivolte agli assessori competenti tutte cadute nel dimenticatoio. Tante promesse, tanti ‘faremo..’ ‘stiamo studiando la situazione…’ ma in realtà nulla di concreto e di definitivo. Senza contare che le zone, soprattutto campo Miranda, sono prive di servizi igienici e acqua. Allora ogni cortile, ogni bar e, a volte anche qualche androne di fabbricato nelle vicinanze, diventa bagno pubblico per gli ambulanti.  E’ possibile continuare in questo modo? E’ quello che ormai da tempo si chiedono, rassegnati, i residenti delle zone interessate. Sarebbe ora di affrontare seriamente e definitivamente il problema ‘mercato settimanale’, ma soprattutto cominciare a dare regole chiare e severe agli ambulanti sul modo di lasciare i luoghi in cui svolgono i loro commerci. E’ ora di attrezzare le zone destinate al mercato settimanale dei sevizi necessari a chi macina chilometri per vendere, ma anche per far crescere l’economia di questa città. F. Pensabene

27 Marzo 2010 0

Lancia un coltello contro la vetrata di un locale e scappa

Di redazione

Se fosse accaduto in un qualsiasi altro momento, l’episodio di ieri sera a Cassino sarebbe stato interpretato fin da subito come il gesto di un innamorato disperato. Accadendo però nell’ultimo giorno della campagna elettorale, davanti ad una attività che raccoglie giovani, di proprietà di un politico impegnato nella campagna elettorale, inizialmente ha destato preoccupazione. Ieri sera, mentre i genitori aspettavano all’esterno dell’attività i propri figli, quasi tutti adolescenti, un giovane alla guida di una Fiat Punto, si è fermato davanti l’ingresso e, uscendo dall’auto, ha lanciato un coltello da cucina contro la vetrata. Poi si è rimesso al volante ed è scappato. Un gesto che inizialmente ha lasciato temere che fosse diretto all’attività politica del proprietario del locale ma, poi, a mente lucida, è sembrato più un gesto di gelosia indirizzato ad uno degli adolescenti che frequentano il locale. Del caso, però, se ne sta occupando la polizia del commissariato di Cassino. Er. Amedei

26 Marzo 2010 0

Strisce blu: indagato l’assessore il comandante dei vigili e quattro dipendenti di Urbania

Di redazione

Concorso in abuso d’ufficio e peculato, questo l’ipotesi di reato per cui sarebbero stati indagati a Cassino il comandante dei vigili urbani e l’assessore alla polizia municipale, oltre a quattro responsabili di Urbania, la socità che gestisce i parcheggi a pagamento nella città martire. Alcune settimane fa, gli uomini della procura hanno sequestrato documenti relativi all’affidamento della gara, il computer su cui i parcometri registravano gli incassi e due parcometri. Pare che, a gestire il rapporto tra la società campana e il comune di Cassino mnon sia stato ancora siglato sessun contratto quando, l legge, prevede, invece, che il contratto vada firmato entro il primo meso dopo l’aggiudicazione della gara. Inoltre pare che ancora nessuna retribuzione, di quella prevista dall’offerta presentata dalla società per vincere la gara, sia stata versata al cComune. Er. Amedei