Categoria: Comuni Provincia di Latina

23 Luglio 2019 0

Picchia la moglie davanti alla figlia a Gaeta, arrestato 50enne

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

GAETA – Ieri pomeriggio gli agenti del commissariato di Gaeta sono intervenuti su richiesta di  una donna che era sta aggredita dal proprio marito, unitamente alla propria figlia minore. Sul posto gli operatori hanno trovato la donna straniera che, con la propria figlia in lacrime, ha raccontato delle violenze subite.

In pratica l’uomo ogni qualvolta si ubriacava la ingiuriava, le sputava, colpendola con schiaffi e pugni. Solo all’ennesima lite, avvenuta alla presenza della minore, la donna si era fatta coraggio denunciando i fatti. Mamma e figlia sono state riuncuorate ed accompagnate in ospedale, affinché si accertassero le loro condizioni fisiche.  Successivamente,  la donna e la bambina sono state poste al sicuro presso gli uffici di polizia, ove sono state raccolte le dichiarazioni in merito.

Le ricerche  dell’uomo si sono estese prima presso l’abitazione, poi nei luoghi solitamente da lui frequentati, infine è stato rintracciato presso un bar nelle vicinanze della propria abitazione. L’autore, L.H di anni 50, è stato fermato, fotosegnalato e tratto in arresto per i fatti denunciati dalla donna. E’ emerso inoltre che non era nuovo a fatti simili, in quanto condannato già per altri atti commessi nei confronti di un’altra precedente moglie.  Al termine dell’attività di rito, l’uomo  è stato portato in carcere a disposizione dell’A.G. di Cassino.

22 Luglio 2019 0

Una lacrima per Anastasio, dopo 75 anni una fiaccolata a ricordo del 14enne violentato e ucciso dai dai Goumiers

Di Ermanno Amedei

ROCCAGORGA – Si è svolta ieri sera a Roccagorga (LT), una manifestazione in ricordo delle 60 mila donne, uomini e bambini, stuprati e uccisi 75 anni fa dalle truppe coloniali francesi. La celebrazione era organizzata dall’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, dall’Amministrazione Comunale, dalla Pro Loco e dall’Associazione Sportiva Atletica Lepini.

In particolare, è stato ricordato il sacrificio del 14enne Anastasio Gigli, che l’11 giugno 1944 venne violentato e ucciso dalle truppe coloniali francesi e al quale è stata dedicata una via di Roccagorga.

Durante la manifestazione sono stati liberati nel cielo dei palloncini colorati, si è svolta una fiaccolata e un corteo è partito da piazza 6 gennaio ed è giunto alla via che è stata dedicata al martire, dove è stato deposto un mazzo di fiori. Inoltre, è stata scoperta una targa in ricordo delle vittime delle “marocchinate e di Anastasio Gigli”, che sarà collocata successivamente a cura dell’amministrazione comunale, nell’occasione rappresentata dal Vice Sindaco Mario Romanzi e da tutti i membri della maggioranza.

Il parroco Don Pietro ha benedetto la targa e ha tenuto un’omelia sottolineando il sacrificio delle donne violentate e ha ammesso di essere rimasto scioccato quando ha appreso quanto accaduto nel 1944. Lo spettacolo teatrale “Marocchinate”, scritto da Simone Cristicchi e Ariele Vincenti, ha concluso le cerimonie e ha visto quest’ultimo esibirsi in piazza davanti a un folto pubblico.

“Dopo 75 anni, per la prima volta, è stato ricordato un ragazzo di 14 anni violentato e ucciso dalle truppe coloniali francesi, – dichiara Emiliano Ciotti, presidente nazionale dell’associazione vittime delle marocchinate – sono coinvolto emotivamente in questa vicenda poiché Anastasio Gigli era mio zio. Alla manifestazione hanno partecipato tutti i suoi discendenti – ha concluso Ciotti – si è finalmente rotto il silenzio che per 75 anni è calato su queste tristi vicende.”

È stata presentata, e sarà presto discussa dal consiglio comunale di Roccagorga,  la mozione per chiedere l’istituzione della giornata in ricordo delle vittime delle marocchinate. Un esempio che speriamo sia seguito da molte altre amministrazioni comunali e provinciali.

19 Luglio 2019 0

Pescatore multato dalla Guardia costiera di Formia, trasportava il pescato con un mezzo non idoneo

Di felice pensabene

FORMIA – L’attività di monitoraggio e controllo lungo la filiera della pesca svolta dai militari della Guardia Costiera di Formia ha consentito di individuare una grave violazione delle norme igienico sanitarie realizzata da un pescatore professionista.

Questa mattina un pescatore della locale marineria che normalmente sbarca il proprio pescato nel porto di Formia, è stato bloccato dal personale della Guardia Costiera mentre era intento a trasportare prodotti ittici. Circa 80 kilogrammi di cannolicchi, il prodotto caricato su un automezzo non idoneo al trasporto di prodotti alimentari.

I militari della Guardia Costiera, dopo una mirata azione di vigilanza, sono, così, intervenuti fermando il trasportatore dei prodotti ittici, e dopo gli accertamenti di rito con il personale dell’Asl Latina – distretto di Formia – Minturno, hanno provveduto a contestare al trasgressore un verbale amministrativo di 1.000 Euro per violazione del Regolamento (CE) n. 852/2004 che stabilisce i requisiti igienico sanitari minimi da rispettare.

Il prodotto ittico trasportato, essendo ancora in vita e tenuto conto del fatto che lo stesso era obbligatoriamente diretto ad un centro di stabulazione prima di essere ammesso alla vendita al dettaglio, è stato dal personale sanitario della Asl ritenuto idoneo alla commercializzazione e quindi restituito al pescatore professionale.

19 Luglio 2019 0

Latina, ubriaco molesta i clienti di un locale e si scaglia contro i poliziotti, 30enne rumeno arrestato

Di felice pensabene

LATINA – La Polizia di Stato, ieri pomeriggio su disposizione della Sala Operativa del 113 è intervenuta in via del Lido all’interno del locale Bar “Time City”, dove veniva segnalata una persona ubriaca e molesta che minacciava i presenti ed arrecava disturbo.

Sul posto gli operatori della Squadra Volante individuavano immediatamente il soggetto il quale, poggiato al bancone del bar, in molto alterato ed irrispettoso, offendeva, importunava e minacciava una delle commesse. Alla vista dei poliziotti ed alla loro richiesta di fornire i documenti, lo stesso, con fare minaccioso ed in evidente stato di ebbrezza alcolica, cominciava ad inveire contro gli operanti; nonostante i tentativi degli operanti che lo invitavano a mantenere la calma, lo stesso continuava nella sua condotta offensiva e per nulla collaborativa.

Pertanto, visto anche il forte stato d’agitazione, gli agenti decidevano di condurlo in Questura, ma lo stesso opponeva ferma resistenza, iniziando a dimenarsi, provando più volte a colpire i poliziotti. Posto in sicurezza nella volante, lo stesso continuava a contorcersi, arrivando a colpire ripetutamente il finestrino con testate, tanto da procurarsi fuoriuscita di sangue dal naso. Anche nel corso del foto segnalamento presso gli uffici della Polizia Scientifica continuava ad avere un atteggiamento aggressivo nei confronti degli operanti.

La persona fermata, identificata per H.V. rumeno classe ‘89, già con precedenti di polizia come rapina, furto e rissa, è stato tratto in arresto per il reato di “resistenza e minacce aggravate a pubblico ufficiale”. Al termine delle formalità di rito veniva condotto presso le camere di sicurezza della Quetsura in attesa del rito per direttissima fissato in data 20 p.v, come disposto dal P.M. di turno Dott. Bontempo.

19 Luglio 2019 0

ArtCity 2019: “Mediterranea” i suoni del sud di Enzo Avitabile al Comprensorio Archeologico di Minturnae

Di felice pensabene

MINTURNO (LT) – Proseguono le serate di “Mediterranea”, rassegna a cura di Marina Cogotti, che si svolge dal 18 luglio al 24 agosto 2019 fra Minturno, Formia e Sperlonga, ed è inclusa nella terza edizione di “Artcity Estate 2019”, realizzata dal Polo Museale del Lazio, Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali diretto da Edith Gabrielli.

Domani sera gli spettacoli si spostano nel Comprensorio Archeologico di Minturnae, dove sarà di scena con la “sua” World Music Enzo Avitabile.

Il musicista partenopeo ha saputo sposare il bagaglio artistico di una carriera ormai trentennale con una ricerca continua di innovazione musicale, con uno sguardo sempre attento al sociale, cantando le sofferenze degli ultimi ma anche le loro speranze, che sono le speranze di una grossa parte della popolazione del mondo. Con “Acoustic World” Avitabile ripercorre in chiave acustica (formazione in trio) gli ultimi 15 anni della sua produzione discografica, proponendo brani tratti da tutti i suoi progetti dal 2003 ad oggi. Insieme ad Enzo Avitabile, voce, arpina, fiati, tamburo ci saranno Gianluigi Di Fenz, chitarra ed Emidio Ausiell, alle percussioni.

Enzo Avitabile è un artista che canta il Sud, che non è solo sud geografico ma uno stato dell’animo e della condizione umana. Un Sud che vuole cercare il suo riscatto attraverso la scoperta e la valorizzazione delle proprie radici, attraverso un percorso di crescita culturale, una fame di conoscenza, di sapere, di mescolanza in un rapporto alla pari, dove non esistono vincitori né vinti, ma solo esseri umani che interagiscono in un rapporto di fratellanza nella ricerca comune di un percorso di pace, che può e deve passare anche attraverso la musica che da sempre è veicolo di trasmissione di culture e tradizioni.

Insieme al Comprensorio archeologico di Minturno, sono tre i luoghi antichi e magici scelti per la rassegna “Mediterranea”, dedicata alle parole e ai suoni del Mediterraneo. Culla comune e veicolo di scambio e contaminazione di culture diverse nella quale miti e storie si intrecciano da sempre a musiche eredi di lunghe tradizioni, come quella napoletana, salentina o magrebina. Insieme agli artisti d’accezione che daranno vita a questa rassegna, saranno infatti protagonisti gli scenari unici del sito archeologico di Sperlonga, del teatro romano di Minturno e il piccolo e prezioso scrigno del museo archeologico di Formia.

I successivi appuntamenti proseguono domenica 21 luglio a Sperlonga, sarà la volta dello spettacolo “L’Oracolo di Fauno, fantasia scenica sui miti del Lazio antico” che ripropone le leggende celebrate da Virgilio nell’Eneide.

Informazioni per il pubblico e modalità di accesso:

Comprensorio archeologico di Minturnae

Via Ferdinando II di Borbone

04026 Minturno (LT)

Te. +39 0771 680093

Biglietto intero € 5,00 ridotto € 2,00

Saranno i servizi navetta del comune di Minturno e Formia

Per le prenotazioni scrivere a:

pm-laz.minturno@beniculturali.it

E’ consentita la prenotazione, per un numero massimo di 4 posti, entro le ore 24 del giorno precedente lo spettacolo.

La mail di richiesta deve contenere Nome e Cognome del richiedente, recapito telefonico, numero di posti richiesti. La prenotazione è accettata previa mail di conferma. I biglietti devono essere ritirati entro le ore 20,30; dopo tale orario verranno resi disponibili per il pubblico in attesa.

17 Luglio 2019 0

ArtCity2019: Iaia Forte con “L’isola di Arturo” di Elsa Morante inaugura “Mediterranea” a Formia

Di felice pensabene

FORMIA (LT) – Sarà lo spettacolo “L’isola di Arturo” di Elsa Morante con Iaia Forte  e la collaborazione drammaturgica di Carlotta Corradi, ad inaugurare al Museo Archeologico Nazionale di Formia, la rassegna “Mediterranea”, venerdì 19 luglio alle ore 21.00. Lo spettacolo di venerdì coincide con la “Notte Bianca” nel comune di Formia.

Inserita nel contesto della terza edizione di “Artcity Estate 2019”, rassegna realizzata dal Polo Museale del Lazio, Istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali diretto da Edith Gabrielli, “Mediterranea” si svolge dal 18 luglio al 24 agosto 2019 tra Minturno, Formia e Sperlonga.

Procida, nel romanzo di Elsa Morante, è come l’anima di Arturo, un luogo incantato e innocente, che verrà abbandonato dal protagonista nell’età in cui si abbandona la propria infanzia. L’Isola e Arturo sono quindi lo stesso corpo, selvatico e denso, sono l’infanzia e l’innocenza e il romanzo racconta magnificamente quel “rito di passaggio” da un’età all’altra, così traumatico per tutti noi. Ho deciso di lavorare su questo romanzo per il piacere di comunicare una lingua così bella, e per passare del tempo in compagnia di “Quell’isola”, di quel tempo perduto, che è per tutti noi, il nutrimento più vitale dell’immaginazione.

Con il Museo Archeologico di Formia, sono tre i luoghi antichi e magici scelti per la rassegna “Mediterranea”, curata da Marina Cogotti e dedicata alle parole e ai suoni del Mediterraneo. Culla comune e veicolo di scambio e contaminazione di culture diverse nella quale miti e storie si intrecciano da sempre a musiche eredi di lunghe tradizioni, come quella napoletana, salentina o magrebina. Insieme agli artisti d’accezione che daranno vita a questa rassegna, saranno infatti protagonisti gli scenari unici del sito archeologico di Sperlonga, del teatro romano di Minturno e il piccolo e prezioso scrigno del museo archeologico di Formia.

I successivi appuntamenti di “Mediterranea” proseguono sabato 20 luglio a Minturno con il concerto “Acustic World” di Enzo Avitabile insieme a Gianluigi Di Fenz alla chitarra e Emidio Ausiell alle percussioni. Domenica 21 luglio a Sperlonga, sarà la volta dello spettacolo “L’Oracolo di Fauno, fantasia scenica sui miti del Lazio antico” che ripropone le leggende celebrate da Virgilio nell’Eneide. Si proseguirà sabato 27 luglio a Minturno con la Med Free Orchestra, un caleidoscopico e multietnico ensemble musicale, e il sabato successivo, 3 agosto, con un omaggio della Solis String Quartet alla poesia e alla musica di Franco Califano interpretate in chiave femminile anche dalla voce di Claudia Gerini.

Domenica 4 agosto toccherà a Fiorenzo Pascalucci e Davide Alogna con “Mozart. Sonate per piano e violino” e, sabato 10 agosto, il Canzoniere grecanico salentino porterà a Minturno lo spettacolo “Lecce incontra New York”, una splendida fusione di stili e influenze in cui gli strumenti della tradizione fiorentina si prestano a un sound moderno e contemporaneo. L’appuntamento successivo sarà con James Senese Napoli Centrale, sabato 17 agosto, per lo spettacolo “Aspettanno o’ tiempo”, l’ultimo lavoro dell’artista partenopeo che lo consacra uno dei più grandi musicisti italiani degli ultimi 50 anni.  Giovedì 22 agosto saranno invece protagoniste le “musiche arabe e gitane dal Mar Mediterraneo” del Samih Mahjoubi Group, un ensemble unico che fonde oriente e occidente. A chiudere la rassegna, sabato24 agosto al Teatro di Sperlonga, sarà il Prometeo del Teatro Mobile per la regia di Marcello Cava, un evento unico in forma di installazione artistico-teatrale sonora con un’appendice divulgativa e scientifica.

Informazioni per il pubblico e modalità di accesso:

Museo Archeologico Nazionale di Formia Via Vitruvio, 184 04023 Formia LT tel. +39 0771 770382

Biglietto: intero €4,00, agevolato €2,00

Saranno disponibili i servizi navetta del comune di Minturno e Formia

Per le prenotazioni scrivere a:

pm-laz.minturno@beniculturali.it

E’ consentita la prenotazione, per un numero massimo di 4 posti, entro le ore 24 del giorno precedente lo spettacolo.

La mail di richiesta deve contenere Nome e Cognome del richiedente, recapito telefonico, numero di posti richiesti. La prenotazione è accettata previa mail di conferma. I biglietti devono essere ritirati entro le ore 20,30; dopo tale orario verranno resi disponibili per il pubblico in attesa.

 

10 Luglio 2019 0

Consegnate a Gaeta le due millenarie anfore Dolia ripescate al largo di punta Stendardo

Di Ermanno Amedei

GAETA – Ieri mattina la Guardia Costiera di Gaeta, alla presenza della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio di Latina, ha provveduto a consegnare al Comune di Gaeta due antiche anfore romane  – Dolia – ripescate nelle acque del Golfo di Gaeta.

Era il marzo del 2017 quando il peschereccio “Attila II” nel corso di una battuta di pesca notò la presenza dei due reperti archeologici intrappolati nella sua rete a strascico.

Da quel momento, le due Dolia, su disposizione della Soprintendenza sono state custodite dalla Guardia Costiera di Gaeta al fine di consentire lo svolgere di tutti i necessari studi e indagini archeologiche e poter conoscere, così, la storia di due antiche anfore tornate alla luce dopo esser rimaste adagiate per due millenni su un fondale di circa duecentotrenta metri a quindici miglia da Punta dello Stendardo .

La cerimonia di consegna ha visto così il comandante della Capitaneria di porto di Gaeta, Federico Giorgi, consegnare al Comune di Gaeta, rappresentato dal Presidente della Commissione Cultura, consigliere Gianna Conte, i due preziosi reperti archeologici. Le due Dolia andranno ad impreziosire il Museo del Mare di Gaeta.

Infatti, la Soprintendenza Archeologica, rappresentata nel corso della cerimonia dalla dottoressa Chiara Arrighi, ha accolto favorevolmente la richiesta del Sindaco di Gaeta affinché le due preziose Dolia potessero essere restituite alla comunità cittadina e a tutti coloro che volessero vedere da vicino una concreta testimonianza dell’importanza della acque del Golfo di Gaeta nei traffici marittimi dell’epoca.

Infatti, gli esperti, al termine dei lavori, hanno datato le due Dolia presumibilmente al periodo compreso tra il I sec. a.C. ed il I sec. d. C., sottolineandone l’importanza commerciale nel trasporto marittimo poiché venivano utilizzate per contenere grandi quantità di viveri sia solidi (tipo cereali) che liquide (tipo vino ed olio).”

4 Luglio 2019 0

Latina, Maltrattamenti in famiglia, un 51enne allontanato dall’abitazione

Di Comunicato Stampa

Polizia di Stato – Questura di Latina:Un uomo viene allontanato dalla casa familiare per minacce aggravate e maltrattamenti in famiglia con sequestro cautelativo delle armi. Nel corso dell’attività di prevenzione e controllo del territorio, alle ore 20.30 circa di ieri, un equipaggio della Squadra Volante è intervenuto presso un’abitazione in quanto era pervenuta al 113 richiesta di intervento per lite ed aggressione in atto. Giunti immediatamente sul posto, i poliziotti hanno trovato in strada una donna con la figlia minore. La donna ha raccontato agli agenti di aver avuto pochi istanti prima una violenta lite con il marito per futili motivi, nel corso della quale l’uomo, armato di fucile, aveva minacciato di morte sia lei che la figlia minore della coppia. Visto lo stato di agitazione delle due donne , è stato richiesto l’intervento immediato del 118 per le cure del caso. I poliziotti hanno raggiunto l’uomo nell’abitazione che ha confermato i fatti. Intanto gli operanti hanno effettuato una perquisizione dell’appartamento e hanno ritrovato nella camera da letto, 5 fucili regolarmente detenuti dall’uomo. In sede di denuncia, la donna ha raccontato che le minacce, gli scatti d’ira, le percosse e le violenze si protraevano già da tempo e che a causa dei continui soprusi posti in essere dal proprio marito, viveva in uno stato di soggezione, manifestando timore e paura per la propria incolumità, e per tale motivo aveva chiesto ospitalità al proprio fratello. A carico dell’uomo è scattato un provvedimento di allontanamento urgente dalla casa familiare, con il divieto di avvicinarsi alla persona offesa. Nei confronti dello stesso veniva inoltre disposto il Sequestro Cautelativo dei 5 fucili e del relativo titolo autorizzatorio. Foto d’archivio

29 Giugno 2019 0

Controlli dei Nas. Chiuso un ristorante a Gaeta

Di Comunicato Stampa

Inizio d’estate all’insegna di massiccia attività di controlli da parte dei Nas di Latina. I Carabinieri del N.A.S. di Latina sono stati impegnati in attività ispettive che hanno riguardato Night Club, Pub e ritrovi notturni della movida di alcune città della provincia del sud pontino. A Terracina, Fondi e Gaeta sono stati effettuati , nell’arco di un recente servizio notturno preordinato, complessivamente n.7 controlli a quattro Pub , due Ristoranti ed a una Rivendita di alimenti etnici. I militari del N.A.S. hanno elevato sanzioni amministrative (a causa di riscontrate violazioni di natura igienico-sanitaria, di pulizia e manutenzione strutturale dei locali produttivi ispezionati e di mancato rispetto della normativa inerente la tracciabilità degli alimenti) per complessivi 9.000 euro. In particolare a Gaeta, con la collaborazione di personale ispettivo del servizio di prevenzione dell’Asl LT, veniva chiusa immediatamente l’attività di un ristorante per gravi carenze igienico-strutturali della cucina, fino alla risoluzione delle carenze rilevate. Nel contempo, sempre nella stessa struttura ristorativa, gli ispettori del N.A.S. procedevano al sequestro di  circa 50 kg. di vari prodotti alimentari per i quali il ristoratore non era in grado di fornire alcuna documentazione o indicazione inerente l’origine e la provenienza ai fini della tracciabilità. Il valore degli alimenti sequestrati -destinati a sicura distruzione- e del ristorante chiuso  supera i 310.000 euro; le sanzioni amministrative erogate al  titolare ammonteranno ad un cifra complessiva pari a 2.500 euro. Foto d’archivio                      

28 Giugno 2019 0

Gaeta: cambio al vertice della Guardia Costiera. Il comandante Vaiardi cede l’incarico al capitano di fregata Giorgi

Di Comunicato Stampa

Questa mattina, ha avuto inizio la cerimonia di passaggio di consegne del Capo del Compartimento marittimo e Comandante della Capitaneria di porto di Gaeta.

Il comandante Andrea VAIARDI, dopo oltre due anni alla guida del Compartimento di Gaeta, ha, così, ceduto l’incarico al Capitano di Fregata Federico GIORGI proveniente dalla Capitaneria di porto di Viareggio.

Nel suo discorso di commiato il comandante Vaiardi ha ringraziato tutte le autorità civili, militari e religiose e tutti i colleghi delle Forze di Polizia per l’apporto sinergico che con l’impegno di tutti si è riuscito a realizzare. Infine, ha rivolto un ultimo sentito ringraziamento al proprio personale, sottolineandone l’importanza del ruolo e della condivisione degli obiettivi.

La cerimonia di cambio di comando, svoltasi alla presenza del Direttore marittimo del Lazio – Capitano di Vascello Vincenzo Leone – ha visto inoltre la partecipazione del Prefetto di Latina Maria Rosa Trio e delle massime autorità militari, civili e religiose della provincia pontina.

Nella piazza dedicata al Corpo delle Capitanerie di porto, luogo della cerimonia, dopo la pronuncia della formula di riconoscimento con la quale è stato investito ufficialmente del nuovo incarico, il comandante Giorgi, sottolineato il rilevante patrimonio storico, culturale e naturalistico del Compartimento marittimo di Gaeta, ha poi espresso la propria fierezza per il nuovo prestigioso incarico a capo della Guardia Costiera di Gaeta e l’obiettivo di mantenere l’Autorità Marittima al centro di tutte le attività connesse agli usi civici e legali del mare, lo “sportello unico” al quale il cluster marittimo possa continuare a rivolgersi.

Massimo sarà l’impegno, ha continuato il Comandante Giorgi, a proseguire nel rapporto eccellente di reciproca collaborazione istituzionale, in tutte quelle attività congiunte che si renderanno necessarie per fornire una pronta ed efficace risposta all’utenza ed accrescere il senso di fiducia e di “prossimità” tra Istituzioni e cittadini.

Toscano d’origine, il Comandante Giorgi proviene da Viareggio dove ha lasciato l’incarico di Comandante in seconda della locale Capitaneria di porto.

La precedente esperienza di Comando lo ha visto impegnato come Comandante dell’Ufficio Circondariale marittimo di Porto Santo Stefano (2008-2010).

Laureato in Giurisprudenza, il neo Capo del Compartimento marittimo ha svolto successivamente a Roma l’incarico alle dirette dipendenze del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera.