Tag: Arpino

24 Settembre 2011 0

L’ultimo addio alle sei vittime della polveriera di Arpino

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Questa mattina alle ore 10 nella Cattedrale Santa Maria Assunta di Sora, si sono svolti i funerali delle vittime della tragedia del 12 settembre presso lo stabilimento Pirotecnica Arpinate: Claudio Canceli e i figli Giuseppe e Giovanni, Francesco Lorini, Giulio Campoli ed Enrico Battista. La piazza sottostante la Cattedrale era gremita di migliaia di persone, che hanno seguito la cerimonia in diretta video. Nella sua omelia il Vescovo di Sora, Filippo Iannone, ha lanciato un appello alle autorità, alle istituzioni e alla politica, quello di non dimenticare le famiglie, dopo che sarà passato il momento delle emozioni ed ha aggiunto: “Mai più lavoratori dilaniati dal fuoco e soprattutto attenti al rispetto delle precauzioni”. Una parente delle vittime commossa ha ringraziato la Protezione Civile ed i Vigili del Fuoco, le autorità e tutti i partecipanti che con la loro presenza hanno testimoniato la partecipazione alla cerimonia funebre. All’uscita delle bare dalla chiesa uno scrosciante applauso ha rotto il silenzio del solenne momento. Presenti alla cerimonia, tra le numerose autorità civile e militari il presidente della Regione Lazio Renata Plverini. servizio e foto Alberto Ceccon [nggallery id=343]

13 Settembre 2011 0

Fabbrica esplosa, i corpi delle vittime raccolti a Cassino. Domani iniziano le autopsie

Di Comunicato Stampa

I corpi delle sei vittime della’esplosione di ieri ad Arpino, sono stati raccolti oggi pomeriggio nell’obitorio di Cassino. Il sostituto procuratore Cerullo che coordina le indagini ha inteso raccoglierli tutti in un unico obitorio per poterli meglio far esaminare quando inizieranno le autopsie previste per domani, quando arriveranno due medici legali da Roma che impiegheranno due giorni per ultimare il loro lavoro. Ermanno Amedei Foto Alberto Ceccon

13 Settembre 2011 0

Arpino, Maruccio (IdV): “Inconcepibile morire mentre ci si guadagna da vivere”

Di Ermanno Amedei

“A nome del partito che rappresento nel Lazio, desidero far giungere alle famiglie delle vittime dell’incidente di Arpino il cordoglio e la vicinanza dell’Italia dei Valori.”. Lo dichiara in una nota il segretario regionale Idv, Vincenzo Maruccio. “Dopo lo sgomento per la tragedia, occorre riflettere profondamente sulle misure di sicurezza da adottare e far rispettare seriamente sui luoghi di lavoro – conclude Maruccio – specie quelli a più alto rischio. E’ inconcepibile che si possa morire mentre ci si guadagna da vivere.”

12 Settembre 2011 0

Fabbrica esplosa, si cercano i resti biologici dei cinque dispersi – LE FOTO

Di Comunicato Stampa

L’obitorio dell’ospedale di Sora non basta a contenere tutte le salme della tragedia di Arpino, per questo si stanno cercando posti negli obitori della provincia. Intanto nella ditta di Carnello l’incendio è stato domato e l’area è stata resa sicura. Si stanno cercando, però, i resti dei dispersi che, lo ricordiamo sono cinque. I medici della Asl stanno raccogliendo i resti biologici di ciò che potrebbe essere rimasto di loro dopo la potente deflagrazione. Una ricerca che andrà avanti per tutta la notte. Ermanno Amedei FOTO Alberto Ceccon

12 Settembre 2011 0

Fabbrica esplosa, consiglio provinciale sospeso in segno di cordoglio

Di Comunicato Stampa

In segno di cordoglio la seduta di Consiglio provinciale prevista per questo pomeriggio si è tenuta in forma ridottissima. I lavori sono stati aperti dal Presidente della Provincia di Frosinone che ha comunicato la proposta di sospendere la seduta subito dopo l’apertura di un solo punto all’ordine del giorno i cui termini sarebbero scaduti, riguardante l’approvazione della convenzione per la candidatura al progetto “Le Province del benessere”. “La nostra provincia è stata travolta da una terribile evento luttuoso – ha detto il presidente Iannarilli – una sciagura enorme per la quale anche tutte le più alte Istituzioni dello Stato hanno manifestato il loro cordoglio. Io mi recherò sul luogo della disgrazia, a Carnello, subito dopo la chiusura dei lavori. Ricordiamo oggi anche un altro evento luttuoso, quella della scomparsa del consigliere comunale di Atina, un mio amico, Giandomenico Bastianelli”. Il Presidente del Consiglio provinciale, Cippitelli, ha proposto un minuto di silenzio in ricordo delle vittime. A nome delle opposizioni ha preso la parola il consigliere Gian Franco Schietroma che associandosi alle parole del Presidente Iannarilli ha ricordato come la giornata odierna abbia riservato per la provincia di Frosinone anche un altro episodio molto grave, da stigmatizzare e cioè l’attentato dinamitardo ai danni di un ristorante in pieno centro. Per i gruppi di maggioranza ha preso la parola il Consigliere Giannandrea per confermate la vicinanza di tutti i consiglieri alle famiglie delle vittime e riservare un pensiero per il suo concittadino, Bastianelli.

12 Settembre 2011 0

Fabbrica esplosa, sei i morti e sono cinque i dispersi. Tra le vittime anche il titolare della ditta e due suoi figli

Di Comunicato Stampa

Un disastro senza precedenti e una tragedia enorme quella che si è consumata ad Arpino. Il bilancio accertato, al momento è di sei morti e di cinque dispersi. Tra le vittime anche Giuseppe C. e due suoi figli, Claudio e Giovanni. Intanto i vigili del fuoco hanno fatto intervenire un elicottero per gettare acqua dall’alto evitando così il rischio di far avvicinare soccorritori in punti in cui è ancora alto il pericolo esplosioni. L’Ares 118, per bocca del suo coordinatore Paolo Masi, ha fatto sapere che sul posto stanno montando un centro medico avanzato per prestare soccorso i parenti delle vittime colti da malore. Ermanno Amedei

12 Settembre 2011 0

Fabbrica esplosa, il cordoglio del presidente della consiglio Regionale del Lazio

Di Comunicato Stampa

“Sono profondamente addolorato per quanto accaduto all’interno della fabbrica pirotecnica Cancelli nella frazione di Carnello. Voglio esprimere da parte mia e dell’Istituzione che rappresento il cordoglio alle famiglie delle vittime di questo drammatico incidente sul lavoro. Non ci sono giustificazioni che tengano di fronte a simili tragedie: lavorare non può assolutamente significare mettere a repentaglio la propria vita. Mi sto tenendo in costante contatto con chi sta coordinando le operazioni di spegnimento del fuoco per capire fino in fondo le dinamiche di quanto avvenuto all’interno dello stabilimento che produceva materiale pirotecnico”. Lo ha affermato in una nota Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio.

12 Settembre 2011 0

Fabbrica esplosa, quattro morti e ancora due dispersi

Di Comunicato Stampa

Sarebbe di 4 morti il bilancio, purtroppo ancora non definitivo dell’esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio che si è verificata a Carnello di Arpino. Altre due persone, infatti, sarebbero disperse. Nell’opificio in via Sant’Altissimo lavorava un’intera famiglia. L’incendio che si è sviluppato ha interessato anche un vicino bosco. I mezzi di soccorso sul posto sono tantissimi, oltre ad un gran numero di vigili del fuoco, sono arrivate due eliambulanze e due auto mediche oltre ad cinque ambulanze. Ermanno Amedei

3 Agosto 2010 0

VII Festival del Mandolino di Arpino. Dalla Barberia ai balli di piazza

Di felice pensabene

Mimmo Epifani e Ambrogio Sparagna protagonisti della VII edizione del Festival del Mandolino “Embergher-Cerrone” di Arpino. (in foto durante la premiazione) Quest’anno la manifestazione, ideata nel 2003 dall’ex direttore del Museo della Liuteria dott. Marco Chiappini e organizzata da Ciociariaturismo con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Arpino e della Provincia di Frosinone, ha presentato il suono del mandolino all’interno di gruppi di musica popolare, trasportato dai tradizionali saloni da barbiere agli scatenati balli di piazza grazie alla musica di artisti di fama internazionale come Mimmo Epifani, Sandu Gruia Sandokan, Erasmo Treglia, Ambrogio Sparagna, i Musicanti del Piccolo Borgo con Silvio Trotta e gli Epifani Barbers. Il Festival è iniziato con l’esibizione dei Musicanti del Piccolo Borgo, formazione storica del folk revival italiano insieme al mandolinista Silvio Trotta e con il concerto del gruppo di pizzica e musica tradizionale salentina Epifani Barbers con Mimmo Epifani considerato uno dei migliori mandolinisti al mondo di musica popolare. Tantissimi gli spettatori che hanno assistito allo spettacolo, deliziati anche dalla “jam session” mandolinistica improvvisata, in una serata all’insegna del mandolino molto apprezzata per la sua qualità. Clou della kermesse il concerto intitolato “La notte pizzicata- dalla Barberia ai balli di piazza” con Sandu Gruia Sandokan (contrabbasso a tre corde), Mimmo Epifani (mandola, mandolino e voce), Ambrogio Sparagna (organetto e voce), Erasmo Treglia (violino, ghironda e fiati tradizionali) e Valentina Ferraiuolo (tamburello e voce) che hanno offerto al pubblico uno spettacolo unico per il festival del mandolino. Sul palco, infatti, c’erano nomi importantissimi per il panorama folk italiano, e questo ha fatto sì che il livello tecnico delle esecuzioni fosse davvero elevatissimo. In particolare, Mimmo Epifani si è esibito in omaggi a Matteo Salvatore e alla canzone napoletana, ambito in cui ha potuto duettare con Sandu Gruia Sandokan che padroneggia al meglio  questo tipo di musica, mentre Ambrogio Sparagna ha dato spazio alle danze popolari con il saltarello, la pizzica e la tarantella, in cui tutti e cinque gli artisti hanno avuto anche parti soliste. A tutti i musicisti è stato consegnato l’attestato di “Ambasciatori del mandolino di Arpino”. A consegnare gli attestati sono stati il presidente del CCN Antonio Venditti,  il vice sindaco Bruno Vano, l’assessore al turismo Pierpaolo Gradogna, l’assessore Mauro Iafrate, l’ex assessore provinciale alla cultura Paola Menichetti, don Fabrizio e il delegato dell’ass. Commercianti Danilo Cappello.  “Questa manifestazione – sottolinea Ambrogio Sparagna – tenuta nella patria di grandi liutai come Embergher e Cerrone, ha tutte le potenzialità per diventare il Festival del Mandolino italiano per eccellenza. Il mandolino è uno strumento fondamentale della tradizione nazionale ma riceve scarsa considerazione, e riuscire a promuoverlo anche solo a livello regionale è straordinario. Noi suonatori di mandolino siamo sempre pronti a partecipare ad eventi come questo”.   “Il mio auspicio – ha sottolineato,  il promotore del progetto, Luciano Rea – è quello di allungare il festival a tutto l’anno con tante iniziative. Vorrei, inoltre, sottolineare l’unicità del Festival del Mandolino di Arpino che è abbinato alle celebrazioni in onore dei maestri liutai. Si potrebbe creare a questo proposito un comitato scientifico di esperti che a vario titolo contribuiscano a trasformare in risorsa questo festival, attraverso laboratori, approfondimenti, corsi, ecc. Vorrei ringraziare per la riuscita della manifestazione tutti coloro che hanno collaborato, a partire dal Comune, la Pro loco, il Centro Commerciale Naturale, l’associazione commercianti, l’assessorato ala cultura della Provincia e Benedetto Vecchio leader degli MBL pronipote della famiglia Embergher. Questa 7° edizione è stata dedicata a tutti i barbieri ed in particolare a Tommaso Chiappini (barbiere arpinate recentemente scomparso)”. Oltre alla musica, in programma c’erano visite guidate al centro storico e al Museo della Liuteria e della Ceramica presso la Fondazione U. Mastroianni con la mostra “La Terra dei Ciociari” a cura del Centro Guide Cicerone.  Il pubblico, inoltre,  ha potuto fare un giro tra i banchi del mercatino “Curiosando dall’alba al tramonto” nel centro storico e di fare shopping nel Centro Commerciale Naturale di Arpino.