Tag: blitz

21 Maggio 2019 0

Frosinone; blitz della polizia: nel mirino stazione ferroviaria e zone a rischio; sequestrati stupefacente, coltelli e pugnali

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Attività senza sosta della squadra volante della Questura che ha interessato nel pomeriggio e nella serata di ieri il quartiere scalo e la zona a rischio del cosiddetto “Casermone”. Perquisizioni domiciliari e controlli hanno permesso di scovare 30 dosi di cocaina, coltelli e pugnali e denunciare un individuo 35 enne per resistenza e guida in stato di ebbrezza.

Non si ferma l’attività preventiva della squadra volante su tutto il territorio; nella serata di ieri controlli a tappeto nella zona stazione a seguito delle recrudescenza del fenomeno dei reati predatori.

Sei gli equipaggi del reparto volanti impiegati nei pressi dello scalo all’arrivo e alla partenza dei numerosi pendolari proprio per garantire loro la massima sicurezza a margine degli ultimi episodi di aggressione registrati nelle recenti settimane.

I controlli estesi anche all’area del “Casermone” dove sono state effettuate diverse perquisizioni domiciliari.

Nell’occasione scovate nell’androne di una scala del plesso 30 dosi di cocaina , già confezionate e pronte per lo smercio.

A casa di un noto pregiudicato sono stati sequestrati 6 coltelli e una balestra.

Sempre durante l’attività di controllo estesa a tutta la città nelle ore notturne la squadra volante ha proceduto alla denuncia in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza e resistenza nei confronti di un 35enne.

Lo stesso alla guida di un veicolo per le vie della città aveva rifiutato di essere sottoposto a controllo, prima di risultare positivo all’accertamento alcolemico. Venerdi, oggetto del blitz è stata la centralissima via Aldo Moro, dove gli uomini delle volanti con l’ausilio delle unita cinofile hanno setacciato palmo a palmo ogni angolo di marciapiede e luogo di maggiore aggregazione di giovani.

Il risultato è stato rilevante : rinvenuta sostanza stupefacente del tipo “Hashish” su sei individui tra i 15 e i 23 anni.

La sostanza è stata sequestrata mentre per i sei giovanissimi, residenti nel capoluogo ed in diversi comuni limitrofi, tra cui Alatri, Veroli, Ferentino, è scattata la segnalazione al Prefetto come assuntori.

Per quanto concerne il minorenne, lo stesso è stato dopo la segnalazione riaffidato ai propri genitori, prontamente notiziati dell’accaduto.

L’attività condotta con estrema fermezza dagli uomini delle volanti risalta la sempre più costante determinazione della polizia di stato al contrasto della triste “piaga sociale” della domanda e dell’offerta di stupefacenti purtroppo tra i giovanissimi.

21 Novembre 2018 0

Blitz dei Carabinieri negli Istituti scolastici della provincia contro la ‘dispersione scolastica’

Di felice pensabene

Nella giornata di ieri, i militari dipendenti dei Comandi Compagnia Carabinieri di Frosinone, Alatri, Anagni, Cassino Pontecorvo e Sora , su disposizione del  Superiore Comando Provinciale hanno eseguito,  nelle rispettive  sfere giurisdizionali di competenza, un’ attività di controllo presso gli istituti  scolatici “primari e secondari”, al fine di verificare casi di inadempienza degli obblighi scolastici che possano, in qualche modo,  poi portare alla diffusione del cosiddetto fenomeno della “Dispersione Scolastica”. Tale fenomeno, considerato  un vero  problema sociale, non ha ripercussioni immediate solo sul percorso formativo dello studente ma influenza anche l’evoluzione delle sue condizioni di vita future, in quanto coloro che conseguono bassi livelli di scolarizzazione sono molto spesso destinati a percorsi lavorativi instabili ed irregolari e si espongono  purtroppo a maggiori rischi di  esclusione sociale, devianza o peggio ad essere vittime di illegalità”.

L’obbligo dell’Istruzione scolastica quindi, sancito dall’art. 34 della Costituzione, qualora disatteso,  causa inevitabili  riflessi di natura sociale che,  è sempre  da monitorare ed,  eventuali casi di non rispetto degli obblighi scolastici  sono sempre da  segnalare   ai competenti servizi sociali, al fine di evitare che sfocino in maniera allarmante nella “Dispersione Scolastica “, il cui processo complesso si struttura nel tempo  attraverso il ripetersi e/o il sommarsi di diversi fenomeni che vanno letti come indicatori di rischio sui quali attivare attenzione ed ascolto, tra cui vanno ricordati: i frequenti trasferimenti e cambiamenti di sede, i ritardi, le assenze ripetute e la frequenza irregolare, le difficoltà di adattamento alle regole, alle richieste e agli orari dell’istituzione scolastica, le difficoltà di relazione dei ragazzi con i pari e con gli insegnanti, le difficoltà di collaborazione con le famiglie, la scarsa partecipazione, il disinteresse, la bassa motivazione dei ragazzi in classe, le difficoltà d’apprendimento, il basso rendimento, l’accumulo di insuccessi,  le bocciature e l’eventuale  disomogeneità anagrafica coi pari.

A seguito dell’attività effettuata in tutta la Provincia è emerso che, seppur non sono accertate percentuali e situazioni allarmanti di inadempienza degli obblighi scolastici, sono stati però  rilevati i sottonotati casi, per i quali i rispettivi Dirigenti scolastici hanno già avviato l’iter burocratico previsto dalla normativa, interessando i compenti servizi sociali:

a)nel territorio del Comando Compagnia CC di Cassino:

–          in San Vittore del Lazio, un alunno  italiano di 6 anni,  regolarmente iscritto  presso la  locale Scuola Primaria, avendo superato il limite consentito di assenze;

–          in Cassino, un’ alunna italiana di 11 anni, regolarmente iscritta presso la Scuola Secondaria di primo grado “G. CONTE”, avendo superato il limite consentito di assenze;

–          in Cassino, 6 alunni : 5 (cinque)  italiani (due di 13 anni ed i restanti tre di 12 anni) ed 1 di nazionalità filippina ( di anni 13), tutti regolarmente iscritti  presso la Scuola Secondaria di primo grado “GAETANO DI BIASIO” , avendo superato il limite consentito di assenze;

b)nel territorio del Comando Compagnia di Pontecorvo:

–          in Aquino, un alunno italiano  di 11 anni poiché, pur regolarmente iscritto presso la locale Scuola Secondaria di primo grado, non ha mai ottemperato all’obbligo della frequenza dall’inizio  dell’anno scolastico;

c)nel territorio del Comando Compagnia di Frosinone;

–          in Frosinone,  5 alunni  di( due italiani di anni 13, due di  anni 13 e di nazionalità russa , uno di anni 14 di nazionalità rumena), regolarmente iscritti presso la Scuola Secondaria di primo grado “ Luigi Pietrobono” poiché, seppur tutti regolarmente iscritti,  non hanno mai ottemperato all’obbligo della frequenza dall’inizio  dell’anno scolastico;

–          in Frosinone, un alunno italiano di 8 anni iscritto presso la Scuola Primaria “Giuseppe Verdi” poiché, seppur regolarmente iscritto,  non ha mai ottemperato all’obbligo della frequenza dall’inizio  dell’anno scolastico;

Per i casi suddetti, sono ora in corso di valutazione , le eventuali  responsabilità dei genitori degli alunni, esercenti la patria potestà, i quali potranno rispondere della violazione di cui all’art. 731 c.p. (Inosservanza dell’obbligo dell’istruzione elementare dei minori)

foto di repertorio

13 Novembre 2018 0

Blitz della polizia del Capoluogo al “Casermone”

Di felice pensabene

FROSINONE –  Blitz al casermone: 10 pattuglie tra Squadra Mobile, Squadra Volante e Reparto prevenzione Crimine Lazio , nella serata di ieri, hanno circondato lo stabile, sito nella parte bassa del capoluogo, nella zona di Selvapiana, il “casermone”, già noto alla cronaca per diverse operazioni di polizia.

Nel corso dell’attività sono state eseguite 15 perquisizioni finalizzate al rinvenimento di armi e droga;  controllati  20 soggetti sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari, per verificare il rispetto della prescrizione.

I poliziotti hanno inoltre identificato, nelle adiacenze della struttura abitativa, un cliente, che aveva fatto rifornimento: segnalato al Prefetto in quanto in possesso di stupefacente ad uso personale.

I servizi, disposti dal Questore, dr.ssa Rosaria Amato, sono un chiaro segnale contro la recrudescenza dei reati, nell’ottica della sicurezza cittadina e del rispetto delle regole.

 

 

24 Ottobre 2018 0

blitz della Polizia Locale presso le attività del quartiere: 320 mila euro di sanzioni. Chiusi due ristoranti ed un bar

Di Ermanno Amedei

ROMA – Una vasta operazione è stata eseguita nella giornata di ieri da parte della Polizia Locale, Gruppi V Prenestino e Casilino, nella zona di Via dell’Omo, via della Vaccheria Gianni e altre aree limitrofe, con controlli mirati sulle attività commerciali del quartiere. Decine gli esercizi di somministrazione di generi alimentari e bevande, nonché depositi di abbigliamento e accessori  sottoposti ad accertamenti a 360° in materia amministrativa, igienico-sanitaria, edilizia, ambientale e fiscale.

Durante le verifiche, effettuate in collaborazione con agenti del Pics (Pronto Intervento Centro Storico) specializzati nel settore ambientale,  personale  di Aequa Roma ed alcuni ispettori dell’ INPS,  sono state riscontrate irregolarità per un totale di sanzioni pari a circa 320.000 euro, comminate ai titolari degli esercizi, perlopiù  di nazionalità cinese. Numerosi gli illeciti accertati: mancanza di regolare etichettatura o tracciabilità degli alimenti, mal conservazione e promiscuità dei cibi, occupazioni di suolo pubblico non autorizzate, irregolare smaltimento delle sostanze inquinanti ed evasione dei tributi locali. In un locale rilevati anche alcuni abusi edilizi, per i quali verrà informata l’Autorità Giudiziaria. Gravi anche le condizioni igienico-sanitarie riscontrate dagli operanti all’interno di due attività (presenza di insetti, blatte, escrementi di topi), a seguito delle quali si è reso necessario l’intervento di personale della Asl.  Disposta immediatamente la chiusura di un bar e di un ristorante della zona. Un altro esercizio è stato chiuso per illeciti nella gestione contributiva dei dipendenti. Ispettori INPS hanno accertato la mancanza dei requisiti assicurativi e contributivi di numerosi lavoratori, procedendo, in alcuni casi, alla denuncia dei titolari delle attività.
29 Ottobre 2016 0

Blitz antidroga a Cassino, due arresti

Di Antonio Nardelli

Dopo i recenti episodi di criminalità accaduti nella città di Cassino, pronta la risposta della Polizia di Stato che nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato ha effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio.

Pattuglie del Commissariato di Cassino, del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo ed unità cinofile antidroga hanno setacciato le aree del centro cittadino ove è più elevata la presenza di persone dedite allo spaccio di sostanze stupefacenti nonché le aree periferiche più sensibili. Ad essere sottoposti a controlli nella mattinata di ieri, circa 300 giovani studenti a bordo di autobus diretti presso vari istituti scolastici cassinati.

Una perquisizione effettuata presso l’abitazione di uno studente ha permesso il rinvenimento di circa 15 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione. Il minorenne, è stato denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Sempre nel corso della mattinata di ieri ad essere sottoposto a perquisizione domiciliare, un giovane cassinate agli arresti domiciliari. Alla vista dei poliziotti e del cane antidroga, il ragazzo si è dato alla fuga saltando da una finestra, di fatto evadendo dalla sua detenzione, portando con sé un involucro contenente quella che risulterà essere sostanza stupefacente. Immediatamente inseguito e bloccato dagli agenti di Polizia, il giovane è stato arrestato per evasione, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione venivano recuperati e sottoposti a sequestro circa 80 grammi di marijuana. Inoltre, nella mattinata odierna, il personale del Commissariato di Cassino, con l’ausilio di unità cinofile antidroga della Polizia di Stato e del Reparto Prevenzione Crimine Abruzzo, ha effettuato alcune perquisizioni domiciliari su decreto della Procura della Repubblica di Cassino, nel corso delle quali un giovane cassinate, noto alle Forze dell’Ordine per reati contro il patrimonio e la persona, lesioni, detenzione e traffico di stupefacenti, colpito dall’avviso orale e dal DASPO del Questore di Frosinone, tentava di disfarsi di alcuni involucri contenenti sostanze stupefacenti (hashish e cocaina) ed un bilancino di precisione. Tutto ciò non sfuggiva agli agenti operanti che recuperavano il materiale di cui sopra e traevano in arresto il soggetto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione consentiva il recupero ed il sequestro di ulteriori 15 grammi di hashish ed una decina di dosi di cocaina confezionate per lo spaccio.

17 Giugno 2010 0

Uova lanciate contro il posto di controllo, scatta il blitz nel parcheggio delle case popolari

Di Comunicato Stampa

Un posto di controllo istituito dalle forze dell’ordine in via Garigliano a Cassino è stato bersaglio, oggi pomeriggio, di lanci di uova. A lanciarle qualcuno dal vicino palazzo popolare che, però, dopo aver effettuato i lanci, ha ben pensato di nascondersi. Un oltraggio alle divise e all’istituzione che gli uomini in uniforme rappresentano che non poteva restare impunito. Per questo sono arrivati i rinforzi nel tentativo di risalire ai responsabili che certamente abitano nel palazzo. Nella zona, inoltre, abitano molti personaggi noti alle forze dell’ordine. Nel controllo, non è stato individuato l’autore, ma durante la verifica, nel parcheggio sono state trovate una dozzina di automobili che seppur parcheggiate e ferme, non avevano il contrassegno dell’assicurazione e, per questo, sono state sequestrate. Ermanno Amedei ermadei@libero.it

21 Maggio 2010 0

Blitz anti assenteismo, denunciate 9 persone tra medici e altro personale Asl

Di Comunicato Stampa

Pesantissimo il bilancio del controllo aniassenteismo effettuato il 13 maggio scorso dai carabinieri di Sora nel nosocomio cittadino. Da quel controllo è emerso che un medico, tre infermieri, un assistente sociale, un ausiliario specializzato e tre operatori tecnici, pur avendo timbrato il proprio cartellino della presenza sul lavoro, nella realtà, erano assenti. Gli uomini del capitano Luca Cesaro, quindi, dopo aver effettuato tutti i riscontri del caso, hanno denunciato il personale Asl per truffa ai danni dello Stato. Controlli che si sono ripetuti in quasi tuttim i nosocomi della provincia e, il mese scorso, a Pontecorvo, per lo stesso motivo è stato denunciato un tecnico radiologo. ermadei@libero.it

13 Maggio 2010 0

Blitz anti assenteismo all’ospedale, 40 carabinieri hanno controllato il personale

Di Comunicato Stampa

Proseguono le verifiche da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone ai nosocomi della Provincia. Dopo le attività di indagine condotte dai Carabinieri del Reparto Operativo in ordine ai presunti reati di “assenteismo” presso l’Ospedale Civile di Ferentino e le verifiche eseguite presso gli Ospedali di Cassino e Pontecorvo del 24 aprile che portarono all’arresto ed al deferimento in stato di libertà di dirigenti e personale medico, in data odierna sono stati estesi i controlli anche all’Ospedale Civile di Sora con l’impiego di circa 40 uomini. Per ogni reparto sono state effettuate verifiche incrociate tra le effettive presenze del personale al momento degli accertamenti ed i tesserini magnetici (badge) timbrati in mattinata, tuttora al vaglio dei militari operanti. Al momento non si registrano casi di assenteismo.