Tag: devastano

7 Agosto 2019 0

Anagni, cinghiali devastano un campo di mais. Copagri Frosinone- Latina chiede l’apertura immediata della caccia

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ANAGNI – Un campo di mais completamente devastato dalle scorribande dei cinghiali, danni da decine di migliaia di euro che si sommano a quelli già subiti nelle precedenti settimane. È quanto accade in località Centocelle di Anagni, area verde a ridosso dell’A1, dove l’azienda di Alfredo Viti subisce, come tante altre in quella zona, gli assalti dei cinghiali che stanno mandando in fumo tutto il lavoro di un intero anno.

L’azienda, attraverso Un campo di mais completamente devastato dalle scorribande dei cinghiali, danni da decine di migliaia di euro che si sommano a quelli già subiti nelle precedenti settimane. È quanto accade in località Centocelle di Anagni, area verde a ridosso dell’A1, dove l’azienda di Alfredo Viti subisce, come tante altre in quella zona, gli assalti dei cinghiali che stanno mandando in fumo tutto il lavoro di un intero anno. L’azienda, attraverso la Copagri Frosinone-Latina, ha inoltrato richiesta per il rimborso dei danni subiti ma certamente ciò non può bastare: “Occorre intervenire subito – sottolinea il presidente Copagri Fabrizio Neglia – aprendo immediatamente la caccia al cinghiale con abbattimento, per ridurre in maniera drastica il loro numero sul territorio. Non c’è più tempo da perdere perché giornalmente si sommano i danni che stanno mettendo in ginocchio le nostre attività agricole. Sarebbe già troppo tardi aprire la caccia ad ottobre, figuriamoci a novembre quando i cinghiali si saranno già ritirati nei boschi e non sarà più il tempo per le colture di mais. Si tratta di un’emergenza vera e propria che – conclude Neglia – va affrontata con determinazione e coraggio, quello fino ad ora mancato alle nostre istituzioni”., ha inoltrato richiesta per il rimborso dei danni subiti ma certamente ciò non può bastare: “Occorre intervenire subito – sottolinea il presidente Copagri Fabrizio Neglia – aprendo immediatamente la caccia al cinghiale con abbattimento, per ridurre in maniera drastica il loro numero sul territorio.

Non c’è più tempo da perdere perché giornalmente si sommano i danni che stanno mettendo in ginocchio le nostre attività agricole. Sarebbe già troppo tardi aprire la caccia ad ottobre, figuriamoci a novembre quando i cinghiali si saranno già ritirati nei boschi e non sarà più il tempo per le colture di mais. Si tratta di un’emergenza vera e propria che – conclude Neglia – va affrontata con determinazione e coraggio, quello fino ad ora mancato alle nostre istituzioni”.

13 Luglio 2010 0

vandali devastano la scuola elementare, danni per 10 mila euro

Di redazione

I responsabili della Scuola Materna ed Elementare “Don Milani” di Giulianova, hanno denunciato ai carabinieri che ignoti, probabilmente negli ultimi giorni, dopo aver forzato la porta antipanico posteriore, sono penetrati nell’Istituto imbrattando alcune mura con vernice, incollando delle sedie ad alcuni banchi di due aule, aprendo, inoltre, il bocchettone dell’acqua antincendio allagando gran parte del piano superiore e parte di quello inferiore. La stima dei danni subiti è in corso, in ogni caso ammonta a circa 10.000 Euro. Sono in corso indagini finalizzate ad accertare i responsabili dell’insano gesto.

3 Febbraio 2009 0

Vandali devastano la scuola materna

Di redazione

Atti vandalici alla scuola elementare e materna di Valvori. Quando, questa mattina, il personale che lavora nel plesso della popolosa frazione del comune di Vallerotonda (Fr) ha aperto il portone, si è trovato davanti una scena di devastazione. Nel corso della notte qualcuno, introducendosi probabilmente da una finestra, ha compiuto una serie di danneggiamenti all’interno della struttuira. Un atto vandalico che ha costretto i responsabili della scuola a rimandare a casa i bambini che, nel frattempo, arrivavano alla spicciolata. Mura imbrattate e aule a soqquadro, saranno quantoprima sistemati per permettere di tornare a far lezione. Indagano i carabinieri di Vallerotonda.