Tag: emozioni

21 Giugno 2019 0

VIDEO – Tramonto e ammaina bandiera, emozioni in concerto per i 50 anni della scuola carabinieri di Velletri

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VELLETRI – Cinquanta anni di storia fanno della scuola carabinieri di Velletri, un fondamento dell’Arma e un pezzo importante attorno alla quale ruota la cittadina dei Castelli. Si chiama scuola Marescialli e Brigadieri 2° reggimento e porta il nome dell’eroe per eccellenza dei carabinieri.

La caserma Salvo D’Acquisto festeggia in questi giorni il mezzo secolo di attività durante le quali sono stati formati decine di migliaia di uomini che hanno servito la Patria. Carabinieri e Patria, un legame forte che da il senso a ciascuna delle due parole e che rende significativa l’una solamente se legata all’altra. Anche per questo il monumento ai Martiri di Nassiriya, alcuni dei quali si erano formati proprio nella Salvo D’Acquisto, in questi giorni è stato spostato all’ingresso della porta carraia e sempre vigilata della scuola.

Momenti toccanti si sono vissuti mercoledì sera quando la struttura militare si è aperta alla città per ospitare, in Piazza della Bandiera, circa 2mila persone che hanno assistito, in un clima reso surreale dal tramonto, al concerto della Banda dei Carabinieri.

Presenti il sindaco di Velletri Orlando Pocci, altri 6 primi cittadini dei comuni limitrofi, il vescovo e i vertici delle forze dell’ordine del territorio. A fare gli onori di casa è stato il Colonnello Liviano Marino, comandante Scuola. A dirigere il concerto che ha spaziato tra brani classici e non è stato il Maestro Maggiore Massimiliano Ciafrei. Non poteva mancare La Fedelissima e il Canti degli Italiani che, intonato “sull’ammaina bandiera” e sul sole al tramonto, ha commosso la folla.

Ermanno Amedei

7 Giugno 2019 0

Le Emozioni hanno voce: quella della 2B dell’elementare San Silvestro

Di felice pensabene

CASSINO –  Un viaggio tra l’inquietudine creativa di Renoir, passando per l’angoscia di Munch e la violenza pittorica di Ligabue, fino ad arrivare agli stati d’animo ‘colorati’ di Van Gogh.  Non siamo al MoMA di New York ma nell’androne della scuola elementare San Silvestro di Cassino dove gli alunni della 2 B si sono improvvisati, sotto la guida delle insegnanti, critici osservatori, per andare ad indagare nella sfera emozionale ‘sfruttando’ l’arte pittorica.

Dare voce alle emozioni non è un affare semplice. Imparare a riconoscere le emozioni, imparare ad affrontarle e a gestirle crea sicuramente un clima più sereno con sé stessi e con gli altri.   Ed il titolo del progetto “Stare bene a scuola” racconta in pieno lo spirito del percorso che ha portato i bambini a riconoscere le emozioni che regolano la quotidianità e a rappresentarle in un saggio di fine anno in cui sono stati mostrati i vari passi del progetto interdisciplinare curato dalle insegnanti GRADINI BARBARA, CUNTO VALENTINA,  VERRECCHIA ANNA MARIA,  DELICATO ISABELLA, EVANGELISTA ROSSANA.

Non solo arte perché gli alunni della 2B hanno impersonato la rabbia, la felicità, la paura, la tristezza, la gelosia anche attraverso la musica, da Vasco Rossi a Cyndi Lauper, in una rappresentazione di fine anno trasversale in cui ogni bambino si è messo in gioco, con semplicità e consapevolezza.

Un gioco da ragazzi quello che è sembrato vedendo la spontaneità dei bambini di seconda elementare ma che presuppone invece un lavoro fatto attraverso varie stimolazioni: racconti, produzioni scritte, disegni, canzoni, film – con la proiezione e la spiegazione di Inside Out, il film d’animazione che personifica il viaggio emozionale interiore presente in ciascuno di noi. Da questo lavoro è nata così una raccolta di emozioni che ogni bambino ha creato, illustrato e rilegato, creando un vero e proprio vademecum emozionale.

Senza che se ne rendessero conto i bambini hanno imparato la preziosa arte della prossemica,  la disciplina semiologica che studia i gesti, il comportamento, lo spazio e le distanze all’interno di una comunicazione, sia verbale sia non verbale. Il tutto attraverso l’arte del gioco.

Nella gestione di alcune emozioni, quelle più forti, tipo la rabbia, sono emersi differenti vissuti che, anche se con qualche difficoltà, sono stati affrontati e oltrepassati. Un modo questo anche per superare quelle difficoltà che spesso impediscono ai più piccoli di spiccare il volo.

Difficoltà anche nell’esecuzione pratica del progetto dettate dalle ‘solite’ ristrettezze economiche cui la scuola italiana è condannata. Ma, come suggerito dal team delle insegnanti, le difficoltà si superano anche con l’ingegno ed allora tutto è diventato ottimo materiale da riciclo, ridando vita ad ogni cosa che sembri non essere più utile.

Un progetto dunque non solo finalizzato alla rappresentazione scolastica di fine anno ma un percorso che ha plasmato ogni alunno, suggerendo diversi spunti di riflessione e di approccio alla quotidianità, anche quella fatta di ostacoli e difficoltà da superare.

21 bambini ‘colorati’ hanno vestito i panni delle emozioni per spiegare agli adulti che le emozioni hanno una voce, basta saperla riconoscere ed ascoltare!

 

 

 

30 Luglio 2018 0

Cassino: Tutte le emozioni del Gran Galà della danza 2018. Successo per la manifestazione estiva

Di Comunicato Stampa

Grandissimo successo per la quinta edizione del gran galà della danza a Cassino organizzato dal gruppo Asd Alma Latina. Uno spettacolo dedicato al ballo e non solo. Un mix di emozioni e doti artistiche di spessore hanno caratterizzato l’evento che si è tenuto presso il teatro romano nei giorni scorsi. Una serata dedicata allo showdance in svariate discipline. I direttori artistici Emanuela Di Pasquale e Rodolfo Prete con la collaborazione di uno staff attento e preciso hanno curato tutto nei minimi dettagli per una serata che ha entusiasmato i tantissimi presenti. Tra le discipline proposte anche l’hip hop curate da Salime’, il tango argentino invece da Clelia Maisto e Giuseppe Climaco, le danze popolari da Serena Petronio. Infine la do dottoressa Raffaella Biondi si è occupata di posturale. Ai balli di coppia hanno lavorato la campionessa Emanuela Di Pasquale e Rodolfo Prete. Lo showdance 2018 è stato La maledizione della prima luna, tratto dal film I pirati dei Caraibi. Tutte le esibizioni sono state apprezzate dal pubblico così come la mini competizione Secondo Memorial Teresina Malaggese che è stata vinta dalla coppia Alessio Cedrone – Aurora Messore. Presente all’evento anche l’assessore Maria Iannone che ha premiato gli atleti che si sono esibiti. L’appuntamento ora è per la prossima ed attesissima edizione del gran galà. N.C.

10 Agosto 2017 0

Cassino: Cerimonia di chiusura del 21° corso Sergenti all’80° Reggimento Roma. Emozioni e soddisfazioni

Di Comunicato Stampa

Cassino- Si è tenuta ieri mattina la cerimonia di chiusura del 21° corso Sergenti presso la caserma Lolli Ghetti di via Vaglie. Sono stati consegnati i tanto sudati “gradi” a ben 298 allievi. L’80° Reggimento Addestramento volontari Roma ha ospitato per l’ occasione moltissime persone, tra le quali le emozionatissime famiglie provenienti da tutta Italia, le autorità locali, il comandante della Formazione, specializzazione e dottrina dell’esercito, generale Corpo d’ Armata Pietro Serino, il comandante scuola sottufficiali, generale di brigata Gabriele Toscani De Col e il comandante di reggimento Colonnello Salvatore Pignataro. Una cerimonia molto curata e senza sfumature quella che ha chiuso il corso durato sei mesi. Dopo lo schieramento dei reparti e l’afflusso dei labari delle associazioni combattentistiche e d’arma e dei gonfaloni di molti comuni presenti, è stata la volta del suggestivo ingresso della bandiera di guerra dell’80°. I numerosi presenti hanno potuto ascoltare le parole degli esponenti militari e poi hanno assistito alla consegna dei gradi ai nuovi sergenti. Premiati i primi classificati del corso poi in un emozionante momento, sono state le stesse famiglie dei militari ad entrare e a consegnare i gradi ai loro cari. Ospite d’eccezione alla cerimonia il colonnello Giuseppe Campoccio, di ritorno vittorioso dai Mondiali Paralimpici tenutisi a Londra. Ricordiamo che l’80° reggimento addestramento volontari Roma è l’unica unità in Italia preposta alla formazione di base dei volontari in servizio permanente da immettere nel ruolo sergenti. Il reggimento inoltre organizza e conduce corsi di formazione professionale per VFP4 destinati all’incarico di istruttore, corso aggiornamento tecnico professionale per VFP4 congedati da più di un anno e provenienti da altre forze armate, corsi di specializzazione per VFP1 modulo K per tutto il personale effettivo ai reparti dell’area scolastico addestrativa. N.Costa

4 Luglio 2017 0

La Fiat 500 compie 60 anni oggi

Di Comunicato Stampa

4 Luglio 1957- 4 Luglio 2017. Una data davvero importante non solo per la fiat 500, ma per l’Italia intera. Sessant’anni per la macchina della svolta, la macchina che solo a guardarla evoca pensieri, ricordi, emozioni. L’auto del miracolo economico. Uno stile inconfondibile firmato Dante Giacosa, design simpatico, sempre, che passa attraverso innumerevoli restyling. Eppure la Cinquecento è costantemente una filosofia di vita, è la novità, è freschezza, genialità ma soprattutto calore. Doveroso celebrare un compleanno con sessanta candeline per l’auto che custodisce il sogno italiano e poi la determinazione.

Costava sulle 400 mila lire, la Fiat 500, ed era una cifra quasi abbordabile per tutti. Nata per dare un messaggio preciso che ancora oggi incoraggia ed inorgoglisce. Il trascorrere degli anni ha incredibilmente sigillato il bagaglio di emozioni che appartiene solo alla Fiat 500 ed oggi è bello e suggestivo vederla celebrata ovunque. Allora buon compleanno cinquino! Natalia Costa

3 Luglio 2017 0

Flashdance, trenta anni di danza ed emozioni

Di redazionecassino4

CASSINO – Uno spettacolo di danza, ma non solo. Le coreografie sono le parole con cui Concetta Migliaccio e le sue allieve hanno voluto parlare al cuore dei presenti, portando messaggi di pace e di solidarietà, ricordando i militari che vanno in missione oppure esortando a non abbandonare gli animali. “Ti porto via con me” non è stato soltanto il saggio di fine anno di una scuola di ballo, ma il racconto di mesi trascorsi insieme, di pomeriggi passati ad allenarsi ma anche a raccontarsi, di storie vissute e delle loro protagoniste: le donne. Tante perchè sul palco erano 93 le allieve della Flashdance che hanno partecipato allo spettacolo iniziato, caso forse più unico che raro, con il brano che ha dato il titolo allo spettacolo “Ti porto via con me”, mentre la colonna sonora del famoso film degli anni ’80 che da anni ispira tante giovani aspiranti ballerine è arrivata seconda. Da qui un susseguirsi di brani e danze, un alternarsi dei diversi gruppi di allieve: dalle pulcine, alle mediane, dal gruppo di aerobica a quello jazz. Sotto la guida attenta, ma soprattutto amorevole, di Concetta e di sua figlia Cecilia, cresciuta nella scuola e divenuta anche lei una insegnante di ballo. Oltre duemila persone, nella suggestiva cornice del Teatro Romano di Cassino, hanno assistito allo spettacolo, un carico di magia ed emozioni presentato da Flavio Ferdinandi che si è esibito anche come cantante accompagnato dal chitarrista Antonello Sassone. “Sono tante le coreografie che abbiamo preparato e portato in scena – ci racconta la Migliaccio – e ringrazio anche le mie assistenti, da Cecilia a Rita Migliaccio, da Giorgia Burmo a Piero Zinna, Daniele Incitti e Marco Sellati. Questo ultimo ha realizzato una coreografia sulla base di Impossible per ricordare i soldati che vanno in missione. Mentre insieme a Roberta di “Scodinzolando” abbiamo promosso una esibizione di amici a quattro zampe per raccogliere fondi per gli animali e per sensibilizzare tutti sul tema dell’abbandono degli animali, un vero dramma che ogni estate puntualmente si ripropone”. “La danza – prosegue Concetta Migliaccio – è espressione di gioia, è una terapia che ci aiuta a conoscerci nel profondo dell’anima ed a conoscere gli altri, ridere insieme, è crescita, forza, condivisione, ma anche regola, eleganza e fortificazione dello spirito e dell’autostima”. La “Flashdance” è aperta da ben 30 anni e Concetta, anche volendo, non riesce più a fare un conto approssimativo delle allieve passate nella sua scuola. Molte sono entrate bambine ed oggi sono donne e mamme. E tutte restano legate a lei da un sottile filo, fatto non solo di amore per la danza, ma anche di quel sentimento di affetto profondo che è alla base del successo della sua scuola, dove le ragazze si sentono parte di una grande famiglia. E’ anche questo il motivo per cui ogni anno tanti sponsor scelgono di appoggiare la scuola e contribuire alla realizzazion di uno spettacolo finale davvero emozionante. “E’ un onore per me e la mia società – ha precisato ad esempio il dottor Vincenzo De Rosa della Consultinvest – essere sponsor ufficiale dell’evento. Perchè investire sui giovani, formandoli nello sport ha lo stesso significato dell’investire risparmi con l’obiettivo di ottenere dei risultatii nel tempo”. “Ringrazio la Consultinvest ed il dottor De Rosa per le belle parole nei nostri confronti – conclude Concetta Migliaccio – ma anche gli altri sponsor dell’evento: l’Hotel Ristorante Il Boschetto, una grande realtà del nostro territorio ed un locale simbolo di eleganza e professionalità; poi Scodinzolando, Fella, Arcadia, Tezenis, Avantime, Punto Clone, Ya, e l’associazione Ok Musica di Ludovico Minchella che per la prossima estate ha coinvolto la Flashdance in un bellissimo progetto, perchè alcune nostre ballerine saranno sul palco insieme ai musicisti della band tributo di Claudio Baglioni Alè -òò, mentre questa sera (3 luglio) prendiamo parte allo spettacolo di Arte e Danza che rientra nel calendario di CassinoArte”. Valentina Prato

21 Novembre 2016 0

Derby dalle mille emozioni, ma Ferentino cede nel finale

Di felice pensabene

Derby dalle mille emozioni al Ponte Grande, Ferentino conduce per larghi tratti ma Latina è brava a rimanere sempre incollata al match, sorpassando nel finale. I pontini si prendono il derby in un finale molto concitato e agganciano gli amaranto a quota 8 punti, a Ferentino non bastano i 20 punti di Raymond, i 19 di Musso e i 15 di capitan Gigli. Per la Benacquista ci sono quattro uomini in doppia cifra con Deshields e Rullo migliori realizzatori a quota 15. Primo quarto ricchissimo di realizzazioni, ad aprire le danze ci pensa BJ Raymond con due triple in poco più di un minuto, Latina però si affida presto alle iniziative di Alredge che colpisce sia da vicino che da lontano. Imbrò prova a dare la prima spallata al match con 7 punti in rapida successione ma il lungo americano in maglia nerazzurra ne piazza 5 e porta avanti la sua squadra (15-17 dopo 5′ di gioco). Poco dopo anche Musso s’iscrive al match con una bomba ma Rullo e Poletti si fanno trovare pronti con un paio d’incursioni nel pitturato amaranto. Nel finale di quarto buon impatto per Pastore e Benvenuti in uscita dalla panchina, proprio il centro livornese fissa il punteggio sul 26-23 con un lay up allo scadere. Nel secondo quarto Raymond e Alredge riprendono da dove avevano lasciato: colpendo rispettivamente dall’arco e dalla media. Le percentuali si abbassano per entrambe le squadre ma i ciociari restano avanti finché Pastore non trova un paio di canestri di energia che valgono il sorpasso per i suoi. Musso però risponde immediatamente dal perimetro e riporta avanti Ferentino che poi prova ad allungare grazie a cinque punti del solito Raymond (a segno ancora con un jumper e una tripla) ma Latina rimane lì con le giocate di Rullo e Mathlouthi, chiudendo la prima metà di gara avanti di una lunghezza (41-42) grazie all’accelerazione di Deshields e al buzzer beater di Poletti. Latina riparte forte con le iniziative dei soliti Poletti e Alredge, poi prova ad allungare con Rullo che trasforma il libero per un tecnico fischiato a Gigli e poi segna in penetrazione. Ferentino tocca il -6 ma alza il volume della radio in difesa, recuperando diversi palloni in pochi minuti anche grazie all’ottimo apporto di Sabbatino. Dall’altra parte il capitano si fa sentire sotto canestro mentre Musso insacca dall’arco e dal centro dell’area firmando il nuovo sorpasso gigliato (52-51 a 3′ dall’ultimo riposo), poco dopo l’argentino regala un assist al bacio per Gigli che schiaccia il +3 e spinge Gramenzi al timeout. Nelle battute conclusive gli ospiti si affidano a Deshields che inventa una bomba e un jumper, all’ultimo riposo gli amaranto rimangono avanti 57-56.

Nell’ultima frazione Musso con la tripla e Sabbatino con l’arresto e tiro portano la FMC sul +4 ma Latina non si scompone e firma il controsorpasso (62-63) con la conclusione pesante di Rullo e il lay up di Allodi, costringendo Ansaloni al timeout a poco più di 6′ dalla fine. La gara rimane sul filo dell’equilibrio finché Pastore non insacca altri 5 punti in rapida successione portando la Benacquista sul +6, capitan Gigli però mette un 2+1 pesantissimo e tiene i padroni di casa sul -3 a poco meno di 3′ dalla fine. Finale accesissimo con un canestro in contropiede annullato a Raymond per una dubbia infrazione di passi, poco dopo arriva anche un tecnico all’allenatore ciociaro ma Latina non sfrutta né il libero né il possesso successivo. Dall’altra parte Imbrò guadagna e trasforma tre liberi scrivendo la nuova parità a quota 70 con poco più di 1′ da giocare. Dopo il timeout arriva un tap-in di Poletti e un 2/2 ai liberi di Deshields che sfrutta un fallo antisportivo commesso da Imbrò per firmare il +4 esterno a 38″ dal termine, poco dopo il play nerazzurro si ripete per il 70-76 che mette una pietra tombale sul match 24″ dalla conclusione. Musso piazza una bomba a 5″ dalla fine ma l’1/2 ai liberi di Poletti chiude il match: Latina vince il derby 75-79.

TABELLINI

Risultato finale: FMC Ferentino 75 – Benacquista Latina 79 Ferentino: Capuani n.e., Musso 19, Gigli 15, Datuowei n.e., Sabbatino 3, Imbrò 10, Gilbert 2, Carnovali, Aatata n.e., Bertocchi n.e., Benvenuti 6, Raymond 20. Coach: Ansaloni Latina: Arledge 13, Mathlouthi 2, Poletti 14, Rullo 15, Mascolo 2, Deshields 15, Allodi 6, Pastore 12, Piccinini n.e., Di Prospero n.e. Coach: Gramenzi Parziali: 26-23, 15-19, 16-14, 18-23 Foto F. Savelloni