Tag: impegno

24 Ottobre 2018 0

In attesa del secondo turno casalingo continua l’impegno delle atlete del Vis Sora

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

SORA – “Dopo il debutto casalingo che è coinciso con la prima vittoria stagionale, l’ambiente bianconero del Vis Sora 07 C5 femminile, gode di un buon momento di serenità con lo sguardo rivolto sia alla classifica, che al prossimo incontro sempre in casa ove affronterà la nuova società ASD Antonio Palluzzi di Priverno, che  dopo due giornate si trova ancora al palo”.

Lo si legge in una nota della società del Vis Sora.

“I due risultati attenuti sino ad oggi, sono il frutto di un sapiente lavoro di tutto lo staff della società che in precampionato ha lavorato duro per allestire una rosa all’altezza della situazione. C’è da dire che diverse  atlete che avevano dato la disponibilità di vestire la casacca bianconera, alla fine hanno preferito accasarsi altrove, in altre categorie, con tornei più tranquilli che si disputeranno in abito provinciale. Come è noto, la Vis Sora 07 C5 femminile, si trova a rappresentare l’intera provincia di Frosinone in un torneo di serie D della FIGC.

C’è da riflettere sul perché in provincia di Frosinone troviamo un torneo femminile, indetto ed organizzato da altra federazione con ben quattordici squadre ciociare, mentre in quello FIGC solo una società ha risposto all’appello. Questa è la riflessione posta ai dirigenti del comitato regionale al quale però non abbiamo ricevuto risposta. Il Vis Sora 07 C5 Femminile, si trova quindi a giocare tutte in trasferta in provincia di Latina con un aggravio di costi di gestione che in fase di preventivo precampionato aveva anche fatto balenare l’ipotesi di un abbandono. Bisogna dare atto però che sono state le atlete bianconere che hanno fortemente voluto rimanere e giocare sino in fondo in questo Campionato.

In questo inizio di torneo le atlete bianconere hanno dimostrato sino ad ora che l’impegno c’è e ci sarà fino alla fine. A loro va il plauso della dirigenza e di tutta la città di Sora.

Più volte è stato scritto che per le atlete e per la società l’obiettivo è quello di giocare con il massimo impegno per ben figurare e di portare in alto i colori della città di Sora e di arrivare ad esprimere un bel gioco per divertirsi e per divertire i tifosi che seguono la squadra. L’analisi verrà fatta alla fine del campionato, ora si va  avanti partita dopo partita, punto dopo punto per gli obiettivi prefissati.

Proseguono intanto le sedute di allenamento con tutta la rosa a disposizione per un altro incontro casalingo e per un risultato positivo che non deluderà i tifosi che verranno presso la palestra V. Gioberti in Sora, per gridare “Forza Sora”.

1 Ottobre 2018 0

L’impegno di Matteo Salvini nella vicenda delle Marocchinate

Di admin

LATINA – “Sabato scorso a Latina davanti a migliaia di persone si è tenuta la festa della Lega, ribattezzata la “Pontida del Sud””.

Lo si legge in una nota dell’associazione vittime delle marocchinate.

“Sul palco il segretario del carroccio nonché vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. Nell’occasione il presidente dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate (A.N.V.M.) Emiliano Ciotti e la segretaria Anna Mula hanno donato a Salvini una copia del libro “Le Marocchinate. Cronaca di uno stupro di massa”, che lo stesso Ciotti sta presentando per l’Italia. I due rappresentanti dell’associazione hanno portato alla conoscenza del ministro la vicenda storica e della richiesta di una commissione parlamentare d’inchiesta. Matteo Salvini ha dato sin da subito la sua disponibilità rispondendo che era venuto a conoscenza della vicenda grazie ai parlamentari del carroccio Francesco Zicchieri, Gianfranco Rufa e Francesca Gerardi, anche loro rassicurando nel portare in parlamento e in tutte le sedi opportune questa pagina orrenda che ha interessato le province di Frosinone, di Latina e di molte altre zone italiane. Copia del libro è stato donato sabato sera anche ad altri esponenti politici tra cui l’Onorevole leghista Barbara Saltamartini, presidente della Commissione Attività Produttive, anche lei dando massima disponibilità e invitando a Roma i rappresentanti dell’Associazione”.

3 Agosto 2018 0

Riaperto il doppio senso su via Sant’Angelo. D’Alessandro: “Mantenuto l’impegno preso in campagna elettorale”

Di redazionecassino1

CASSINO – Da questa mattina via Sant’Angelo è percorribile in entrambi i sensi di marcia. Presenti alla cerimonia per la riapertura a doppio senso dell’importante arteria della città, il sindaco Carlo Maria D’Alessandro, il rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Giovanni Betta, il consigliere regionale, Pasquale Ciacciarelli, il consigliere provinciale Massimiliano Mignanelli, sindaci della Valle dei Santi, nella fattispecie di Sant’Ambrogio sul Garigliano, Sant’Andrea del Garigliano e Sant’Apollinare, il presidente del consiglio comunale Dino Secondino, gli assessori all’Urbanistica e Attività Produttive, Beniamino Papa e Chiara Iadecola, i consiglieri comunali, Carmine Di Mambro, Gianrico Langiano e Alessio Ranaldi, il presidente del Cosilam, Mario Abbruzzese, nonché i rappresentanti delle forze dell’ordine.

“Questa mattina abbiamo inaugurato la riapertura del doppio senso di circolazione su via Sant’Angelo. – Ha detto il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro – L’ho percorso per primo con la mia macchina per dimostrare ai miei concittadini che è perfettamente transitabile. I mezzi pesanti e le corriere che provengono da Sant’Angelo comunque dovranno percorrere il percorso originale transitando da via Ausonia. Da oggi, finalmente, gli automobilisti provenienti dalla Valle dei Santi e i gli studenti del Campus Folcara potranno raggiungere il centro della nostra città in tutta sicurezza. Era un impegno importante preso in campagna elettorale con i cittadini ed è stato portato a compimento nel migliore dei modi. Insieme ai lavori per la realizzazione della rotatoria nei pressi della clinica San Raffaele, questo intervento porta a compimento l’azione di questa amministrazione a favore della riqualificazione e la messa in sicurezza di un’area di ingresso alla nostra città”. Ha concluso il il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro.

13 Ottobre 2017 0

Basket U20 Eccellenza: l’impegno non basta, vince Valmontone

Di redazionecassino1

Partita subito dai ritmi molto alti, i valmontonesi sono inizialmente contratti e faticano a trovare ritmo in attacco, grazie anche all’abilità dei padroni di casa nel contenere le incursioni estensi. La partita inizia a girare in favore della Virtus Valmontone quando Odigie e Pucello riescono, grazie al tiro da fuori, ad aprire la difesa. All’intervallo il punteggio è di 31-41. Dopo la pausa cambia anche il modo di difendere per NB Sora2000 che, grazie alla sua intensità, riesce a correre in contropiede trovando canestri facili e togliendo sicurezze alla truppa ospite.

L’ultimo quarto è tutto di marca biancoceleste, che riesce a costruire in attacco e a trovare canestri facili, arrivando addirittura a impattare al 3’ con una bomba di Radonjic (62-62). Reagiscono gli ospiti con il solito Pucello che riporta i suoi in vantaggio grazie ai tre punti realizzati, frutto di un canestro e  di un tiro libero. I volscii scarichi mentalmente e fisicamente, lasciano agli ospiti il minuto finale, dove allungano con i canestri di Ugolini,  fissando il risultato finale sul 68-76.

NB Sora 2000 68 – Virtus Valmontone 76

Parziali: 15 -17, 16 24, 21 16, 16-19

 

Sora 2000: Stirpe 2, Dell’uomo 8, Favari 4, Radonjic 19, Berardi 11, Vona 5, Suriano 12, Bulatovic 7, Santucci, Di Vito, Rea. Castellucci. All. Ortenzi. Ass. Berardi

Valmontone: Petrassi, Aatata 17. Avolio, Forgione, Mastrangeli 17, Misolic 20. Pucello, Ugolini 16, Vendetta, Mosconi, Odigie 4, Tosti 2. All. Avenia. Ass. Macchi

9 Maggio 2017 0

Piedimonte al voto- Monia Costa ai residenti del quartiere Ater “Il mio impegno perché non siete cittadini di serie B”

Di redazione

Incontri e dibattiti a Piedimonte San Germano in vista delle prossime elezioni comunali si susseguono con estrema rapidità. Questa volta parliamo della candidata a consigliere comunale Monia Costa, in quota Lista Azione Comune Ettore Urbano Sindaco, che nelle scorse ore ha incontrato alcuni residenti del quartiere Ater. “Conosco bene- ha detto- le problematiche di questi quartieri densamente popolati, ma in questi giorni ho ulteriormente ascoltato le richieste dei cittadini. Denunciano la mancanza di sicurezza stradale e la necessità di installare dei dossi per inibire degli atteggiamenti poco prudenti alla guida. Ma non solo. Oltre alla sicurezza stradale viene lamentato un disagio legato ai rifiuti. Purtroppo accade spessissimo di vedere buste di spazzatura sparse e ciò necessita un intervento immediato da parte del comune che deve vigilare per impedire determinati misfatti dovuti all’inciviltà. Ho garantito tutto il mio impegno per cercare una soluzione efficace a questi disagi e soprattutto per non far sentire abbandonati i cittadini di questa zona. Infine se dovessi entrare a far parte del Consiglio comunale vorrei fortemente l’istituzione di uno sportello dell’ascolto, dove anche in forma anonima i cittadini possano rivolgersi per esprimere rimostranze, problematiche e disagi”.

2 Maggio 2017 0

Al via i tre weekend di arte ed impegno civile della VI edizione di CassinoOff

Di redazionecassino1

 Cassino – Prende il via questo venerdì il Festival del Teatro CivileCassinoOFF – organizzato dall’Associazione CittàCultura e diretto da Francesca De Sanctis – giunto alla sua VI edizione, in programma a Cassino fino all’11 giugno. Tre weekend (5-6, 26-27 maggio, 9-11 giugno) di spettacoli teatrali, concerti, incontri e mostre, che tentano di conciliare arte e impegno civile.  

Questo finesettimana il Festival apre con una vera e propria festa musicale. Sarà infatti l’Orchestra Bottoni a dare il via alla programmazione, un’ensemble nata dall’evoluzione della Piccola Orchestra La Viola e formata da musicisti provenienti soprattutto dal Basso Lazio. Un’orchestra e una voce, che ci guideranno in un viaggio tra la tradizione mediterranea e l’etnojazz, fra il classico e il contemporaneo, in un susseguirsi di armonie e melodie polifoniche della numerosa sezione di organetti (5 maggio ore 21, Aula Pacis).

Con Marocchinate(6 maggio, ore 21, Aula Pacis), testo scritto dal cantautore romano Simone Cristicchi con Ariele Vincenti, si entra nel vivo del programma. Lo spettacolo racconta i terribili giorni decisivi e successivi allo sfondamento da parte degli Alleati della linea Gustav. In un paese della Ciociaria Angelino, pastore locale, ci racconta la semplice ma faticosa vita contadina della sua zona prima della guerra. Vita che viene sconvolta con l’arrivo delle truppe Marocchine, aggregate agli Alleati, ai quali viene affidato il compito di entrare nella rocciosa difesa tedesca. Ottemperano il loro compito e “le truppe di colore” come ricompensa ottengono il “diritto di preda” contro la popolazione civile. 50 Ore di carta bianca, 50 ore in cui fanno razzia di tutto quello che trovano: oro, case, vino, bestie, ma soprattutto donne. Sono migliaia le donne che verranno stuprate e uccise nella primavera del ’44, dai soldati marocchini. Tra queste c’è Silvina (moglie di Angelino), una delle tante “marocchinate”.

Pensato per grandi e piccini è, invece, lo spettacolo Out della compagnia UnterWasser, formata da Valeria Bianchi, Aurora Buzzetti, Giulia De Canio. Out, presentato dall’associazione Città Cultura in collaborazione con Circolo Fuorifuoco, è una fiaba molto originale per adulti e bambini, che attraverso il linguaggio immaginifico e figurativo del teatro di figura conduce lo spettatore fuori dalla casa, metafora delle certezze, per metterlo in relazione col mondo e con i suoi inevitabili contrasti. (6 maggio, ore 16.30, Aula Pacis)

Il secondo weekend del Festival partirà all’insegna dell’arte. L’associazione culturale Pentacromo, infatti, proporrà al pubblico Ars Judicandi, evento artistico – culturale che comprende l’allestimento di una mostra di opere di artisti tra i più attivi e talentuosi del nostro territorio ed un forum sul tema della Giustizia, nel diritto, nella religione, in filosofia, nell’arte, in politica, in medicina (26 maggio, ore 18, Sala degli Abati).

Ad ogni passo, spettacolo diretto da Francesco Suriano e interpretato da Elisabetta Magnani, nasce, invece, dall’esigenza di Gioia Turchi Carrara di raccontare la storia dei suoi genitori, Emma e Giulio.  Sarta lei, operaio comunista lui, che imputato di cospirazione contro lo Stato, nel 1927 fu condannato a 21 anni di carcere. Sembra una favola la loro storia, invece racconta di una lotta, quella contro il regime fascista e la censura, per la libertà (26 maggio, ore 21, Aula Pacis).

La serata successiva ancora  musica con Canio Loguercio, accompagnato dall’organetto di Alessandro D’Alessandro.  Ipocondrie d’ammore sarà un concerto sgangherato e cantato in una lingua ibrida che farà risuonare litanie d’amore e serenate che della forma canonica della canzone napoletana conservano appena il ricordo, sovrastato da sentimenti impastati di terra e di umori corporei. (27 maggio, ore 21, Aula Pacis).

Il terzo weekend del Festival sarà ricco di sorprese, a partire dallo spettacolo John & Joe di Agota Kristof, diretto da Valerio Binasco e interpretato da Sergio Romano e Nicola Pannelli. Un duetto lirico e clownesco, un testo poetico e struggente sul denaro e sulla povertà, sull’amicizia e sulla solitudine. I personaggi di questa commedia sono anime. Le anime degli ultimi, per l’appunto (9 giugno, ore 21, Aula Pacis).

La mattina seguente i due attori Sergio Romano e Nicola Pannelli terranno, gratuitamente, il laboratorio teatrale Io e l’altro. I partecipanti al workshop – aperto a tutti – vengono stimolati alla scoperta di un possibile proprio personalissimo clown e poi a trovare un partner teatrale congeniale nel gruppo. I temi a fondamento del gioco saranno l’amicizia, l’emarginazione e l’accoglienza, e poi il denaro, la povertà e la ricchezza (10 giugno, ore 10-13, Casa della Cultura, Parco Baden Powell).

Per la Festa di chiusura doppio spettacolo con Giuliana Musso e Andrea Rivera. Mio eroe, di e con Giuliana Musso, è lo spettacolo vincitore del Premio CassinoOff 2017, scelto da una giuria di critici teatrali (Francesca De Sanctis, Graziano Graziani, Simone Nebbia, Tommaso Chimenti, Paola Polidoro, Elisabetta Magnani) tra oltre 150 candidature provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. Nel monologo di Giuliana Musso tre madri testimoniano con devozione la vita dei figli morti in Afghanistan. Tre confessioni che costruiscono un altare di memorie personali, lievi e drammatiche, che lasciano spazio a un discorso etico e politico (ore 19).

Chiude, dopo l’intermezzo con aperitivo, Guevara Che’, con Andrea Rivera, un personalissimo omaggio a Che Guevara nei 50 anni della morte da uno stralunato cantastorie dei nostri tempi che attraverso i suoi giochi di parole tenta la rivoluzione… almeno quella formale. Un modo di fare teatro, insomma, che assomiglia ad una lotta armata. 

CassinoOFF è questo: un teatro contro perbenismi e ipocrisie, un teatro che parla, racconta, grida e che tiene accesa sempre la sua attenzione sul nostro tempo. Alessandro D’alessandro, Canio Loguercio, Ariele Vincenti, Sergio Romano e Nicola Pannelli, Giuliana Musso, Andrea Rivera saranno alcune delle voci che risuoneranno nei luoghi del Festival.

Obiettivo del Festival sarà coinvolgere il pubblico di tutte le età, sulla scia delle edizioni passate (ricordiamo tra gli ospiti: Bebo Storti, Marco Paolini, Luigi Lo Cascio, Isabella Ragonese, Ascanio Celestini, Roberto Saviano, Vincenzo Perrotta, Ottavia Piccolo, Alessandro Haber, Iaia Forte).

L’Associazione CittàCultura – con il patrocinio del Comune di Cassino e dell’Università degli Studi di Cassino– presenta soprattutto un progetto condiviso e allargato che coinvolge anche le associazioni presenti sul territorio, oltre ad artisti affermati e a giovani compagnie.

Programma

5 MAGGIO

#Musica

ore 21.00. Aula Pacis

Orchestra Bottoni in concerto

6 MAGGIO

#Teatro

ore 21.00, Aula Pacis

Marocchinate

di Simone Cristicchi e Ariele Vincenti

#Peripiùpiccoli

ore 16.30, Aula Pacis

Out

Una favola per grandi e piccini della compagnia UnterWasser

In collaborazione con Circolo FuoriFuoco

26 MAGGIO

#Arte

ore 18.00 Sala degli Abati

Ars judicandi

Evento a cura dell’associazione Pentacromo

#Teatro

ore 21.00, Aula Pacis

Ad ogni passo

di Francesco Suriano ed Elisabetta Magnani

con Elisabetta Magnani

27 MAGGIO

#Musica

ore 21,00 Aula Pacis

Ipocondrie d’ammore

Con Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro

9 GIUGNO

#Teatro

ore 21,00, Aula Pacis

John & Joedi Agota Kristof

con Sergio Romano e Nicola Pannelli

regia Valerio Binasco

10 GIUGNO

#Laboratori

ore 10-13, Casa delle Culture, Parco Baden Powell

Io e l’altro

con Sergio Romano e Nicola Pannelli

11 GIUGNO

#Teatro

ore 19.00, Aula Pacis

Mio eroe

di e con Giuliana Musso, vincitrice premio CassinoOff 2017

#Teatro-canzone

ore 21.00, Aula Pacis

Guevara Che’!

di e con Andrea Rivera

21 Aprile 2017 0

Randagismo a Cassino, l’impegno delle volontarie tra cani salvati ed altri abbandonati

Di admin

Cassino – “Ringraziamo i vigili del fuoco per il tempestivo e professionale intervento di ieri grazie al quale sono stati recuperati cinque cagnolini e la madre dal ciglio del canale di bonifica del consorzio”.

Bruno Della Corte, presidente dell’associazione Il  Sole Splende per Tutti, ha notato gli animali e ha chiamato i pompieri. Il rischio che un nubifragio potesse riempire d’acqua il canale causando l’affogamento degli animali la cui madre li aveva partoriti sotto ad un cespuglio vicino al corso d’acqua.

“Al momento i cuccioli e la madre sono accuditi presso la nostra associazione in via Casilina, sostenuti da alcune volontarie Lucia, Azzurra, Isabella e Giovanna che vanno pubblicamente ringraziate non solo per questo caso, ma per le decine di casi di animali abbandonati di cui si occupano quotidianamente.

L’ultimo, proprio questa mattina quando hanno dovuto raccogliere dalla strada in via Pescarola due cuccioli abbandonati. Sono loro che di tasca propria comprano cibo e pagano veterinari per assistere animali abbandonati da altri. Il problema del randagismo a Cassino si fa di giorno in giorno più serio. Serve rispettare le leggi punendo chi abbandona gli animali e predisponendo un piano di sterilizzazione immediato”.

Ermanno Amedei

26 Febbraio 2017 0

Calcio, Carnevale, controllo del territorio : l’impegno della Polizia di Stato

Di redazionecassino1

Frosinone – Fine settimana intenso per gli uomini della Polizia di Stato impegnati su più fronti : dal “big-match” di Campionato tra il Frosinone e l’Hellas Verona alle varie manifestazioni in occasione del Carnevale, dal controllo del territorio alla prevenzione dei reati.

La calibrata pianificazione dei servizi di ordine e sicurezza pubblica – che hanno visto il concorso dell’Arma Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Provinciale e Locale, della Protezione Civile – ha permesso, infatti, che, in un Matusa sold-out per i tifosi locali, l’attesissima gara si svolgesse nella massima tranquillità consentendo a tutti di vivere serenamente l’evento.

Non solo calcio, comunque, ma anche le tante iniziative per il Carnevale che si sono svolte sul territorio provinciale hanno richiesto uno sforzo in più per tutti gli operatori di Polizia.

Il tutto senza trascurare i servizi di controllo del territorio intensificati dalle Volanti della Questura e dei Commissariati di Cassino, Sora e Fiuggi, per contrastare il compimento dei reati predatori nonché vigilare sugli obiettivi ritenuti “sensibili”.

A coadiuvare l’attività di Polizia anche l’ormai consolidata collaborazione delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Lazio.

Ancora una volta prezioso il contributo fornito dal “Sistema Mercurio”, dispositivo in grado di compiere direttamente accertamenti sulle persone fermate sulla strada, di leggere automaticamente le targhe e di riprendere e trasmettere alla Sala Operativa le immagini dello scenario in cui gli operatori sono impegnati.

Attraverso l’avanzata applicazione gli operatori di polizia hanno potuto controllare 468 veicoli.

Le maggiori arterie viarie della provincia, compresa la rete autostradale ricadente nel territorio frusinate, sono state pattugliate dagli uomini della Polizia Stradale per offrire maggiore sicurezza agli automobilisti e “stanare” i malintenzionati in transito sulle nostre strade.

Personale Polfer in servizio presso le stazioni del capoluogo e di Cassino hanno identificato viaggiatori ed effettuato specifici controlli lungo la linea ferroviaria di propria pertinenza.

Nel bilancio della Polizia di Stato:

4 persone denunciate, 614 quelle identificate, 497 i veicoli controllati tramite sala operativa, 62 le contravvenzioni al codice della strada elevate, 4 i documenti di circolazione ritirati, 4 i Fogli di Via.

26 Febbraio 2017 0

Il Presidente del Coni Lazio, Riccardo Viola, premia il prof. Calce per l’impegno ultraventennale nello sport

Di redazionecassino1

L’ impegno ultraventennale sul territorio del professor Carmine Calce per promuovere lo sport è stato premiato dal presidente del Coni Lazio Riccardo Viola. “Con grande felicità – si legge nella nota di Giovanni Malagò letta al Campus in occasione del conferimento dell’onoreficenza – il Coni ti ha conferito la stella di bronzo al merito sportivo per l’anno 2015 in riconoscimento delle benemerenze acquisite nella tua attività dirigenziale”. Un vero trionfo per il numero uno del Centro Universitario Sportivo che da sempre è in prima linea per sensibilizzare giovani e meno giovani alle discipline sportive. Prim’ancora dei record su pista, il professor Calce e il Cus Cassino hanno insegnato che bisogna battere i record in città, per far sì che attraverso lo sport si riscopra il senso di comunità. Una sfida che il numero uno del centro sportivo porta avanti ogni giorno fuori e dentro l’Università. “Con questa onoreficenza – prosegue infatti la missiva di Malagò – l’organizzazione sportiva nazionale, oltre che attestare le tue capacità e i risultati conseguiti in tale attività, desidera anche esprimerti profonda riconoscenza per la generosa collaborazione e l’impegno dedicato allo sport in tanti anni di servizio. Mi congratulo profondamente con te, augurando che nel prosieguo dell’attività dirigenziale possa conseguire ulteriori traguardi e soddisfazioni”. Il presidente Carmine Calce, visibilmente emozionato, ha voluto condividere tale importante riconoscimento in primis con la sua famiglia, e poi con tutta la “grande famiglia” del Cus Cassino, che nel 2016 ha compiuto trent’anni e che dal 1986 è gestito dal professor Calce. A testimonianza che il riconoscimento che gli è stato consegnato venerdì pomeriggi è stato un punto di partenza, e non un punto di arrivo, le attività del Cus Cassino proseguono a tambur battente: domenica 26 febbraio al Campus si sono svolti i campionati regionali assoluti di cross con oltre 1.200 atleti della regione Lazio e non solo. Il presidente del Centro Universitario Sportivo, professor Carmine Calce, ringrazia il rettore Betta e il direttore Capparelli per la disponibilità della struttura e dell’atrio del rettorato e, ancora una volta, mette in luce come l’Unicas sia sensibile alle varie attività e gare sportive organizzate dal Cus. L’evento di domenica prenderà il via alle ore 10 con le promesse senior maschile, poi gli juniores, quindi gli allievi (e le allieve per le gare femminili), infine esordienti, ragazze, ragazzi, cadetti e cadette. E non è tutto. Dopo la consegna della mascotte dell’evento a Papa Francesco mercoledì, durante l’udienza in Vaticano quando il Pontefice ha benedetto la fiaccola benedettina, martedì prossimo (28 febbraio alle ore 10:30) ci sarà la conferenza stampa di presentazione di assegnazione delle EBT Finals, ovvero le finali del Beach Handball Tour disputato nella stagione 2015/2016, quali si terranno nella città di Gaeta dal 26 al 28 Maggio 2017 organizzate dal Centro Universitario Sportivo di Cassino. Alla conferenza, oltre al presidente del Cus Cassino Carmine Calce, prenderanno parte il Magnifico rettore dell’Unicas Giovanni Betta e il suo delegato alle attività sportive, l’olimpionico Daniele Masala. I sindaci di Cassino e Gaeta D’Alessandro e Mitrano, il presidente della BpC Donato Formisano, il commissario straordinario di Laziodisu Carmelo Ursino, il Dg dell’ateneo Antonio Capparelli, il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola e Francesco Purromuto, presidente Figh. Poi i tedofori del Cus continueranno il loro tour per far brillare la fiaccola benedettina anche al Parlamento Europeo: fiaccola che, il 19 marzo, tornerà a Cassino. E intanto proseguono a ritmo serrato anche le altre attività, in vista dei Cnu di Catania. Nei giorni scorsi la palestra Unifitness gestita dal Cus ha ospitato il tirocinio di scherma.

13 Ottobre 2016 0

Morto Dario Fo, se ne va un protagonista della cultura e dell’impegno civile

Di redazionecassino1

Milano – È morto questa mattina, a Milano, all’età di 90 anni, il premio Nobel per la Letteratura Dario Fo. Da circa due settimane soffriva di forti dolori alla schiena ed era anche stato ricoverato in ospedale.

Alcuni giorni fa aveva tenuto una conferenza stampa, nella sua casa milanese, per il suo nuovo libro “Darwin”. Ha lavorato e dipinto fino all’ultimo. Dario Fo aveva vinto il Nobel nel 1997 e tre anni fa era mancata la moglie Franca Rame con la quale aveva condiviso carriera artistica e passioni politiche.

Proprio la passione politica non limitandosi a far ridere, ma decidendo di usare la comicità come tormentone contro il potere e i prevaricatori, erano stati i momenti più significativi della sua lunga carriera ed il suo impegno accanto alla moglie Franca Rame.

Fo nasce il 24 marzo del 1926 in un piccolo paese in provincia di Varese. Il padre è un ferroviere, la madre una contadina. Giovanissimo, si trasferisce a Milano dove frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera e presto comincia a lavorare per la televisione come autore e attore di testi satirici.

In questo periodo conosce l’attrice Franca Rame, che sposa nel 1954 e con cui fonda la compagnia Dario Fo-Franca Rame. Sono gli anni delle commedie con titoli di anarchici volati dalla finestra e fabbriche occupate, ma anche gli anni delle reiterate censure culminate con il bando dagli schermi televisivi. La sua satira, la ricerca, il lavoro sulla scena, la sua poliedrica attività artistica restano l’eredità di un grande italiano nel mondo.

Con lui l’Italia perde uno dei grandi protagonisti del teatro, della cultura, della vita civile.

Felice Pensabene