Tag: Marino Fardelli

27 Giugno 2017 0

Cassino: Boati e scosse, Marino Fardelli presenta un’interrogazione a Zingaretti e alla giunta

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

“Sui boati e sulle scosse telluriche che stanno interessando il cassinate bisogna fare chiarezza”. Il consigliere regionale Marino Fardelli lo ha dichiarato oggi alla Pisana, in una pausa della seduta del Consiglio regionale dove questa mattina ha protocollato una interrogazione indirizzata al Presidente Nicola Zingaretti e alla Giunta. L’oggetto del documento sono proprio i boati e le scosse telluriche “il cui sonoro è fortissimo tale da far tremare vetri e pareti nitidamente avvertito dalla popolazione che ne è spaventata e preoccupata” si legge nel documento. Il consigliere Fardelli, nell’interrogazione urgente, sottolinea l’allarme dei cittadini e il rincorrersi delle ipotesi, non ultima quella relativa agli spostamenti d’aria sotterranei negli ambienti lasciati vuoti dall’acqua. “Gli organi competenti ad oggi non hanno inviato nessuna comunicazione ufficiale alla cittadinanza su un eventuale monitoraggio dell’attività sismica attraverso apposita strumentazione e/o attraverso uno studio che verifichi le motivazioni di detti movimenti per prevenire eventuali situazioni di rischio” riporta Fardelli il quale nel dicembre 2015, dopo aver sollecitato la Protezione Civile, venne informato dalla stessa che era stato attivato l’INGV al fine di eseguire un’analisi storica dei fenomeni e per verificare se l’attività necessitava di installazione di strumentazione mobile e di monitoraggio sul territorio. “Centraline che poi sono state installate e che stanno effettuando l’attività di monitoraggio – afferma il consigliere Marino Fardelli – Ora è il momento di conoscere quali sono i risultati. Inoltre invito la Regione Lazio e il Comune di Cassino ad intraprendere un dialogo sulla questione Acqua Campania e captazione delle acque” ha concluso il consiglierei regionale Marino Fardelli.

22 Giugno 2017 0

Cassino: Ex Campo di concentramento di Cassino, al centro di un progetto di valorizzazione, sopralluogo con Fardelli

Di Comunicato Stampa

Ex Campo di concentramento di Cassino, al centro di un progetto di valorizzazione. Oggi  c’è stato un primo il sopralluogo presso la struttura di via Caira, voluto dal consigliere regionale Marino Fardelli con gli ingegneri e i tecnici del demanio regionale e della Regione Lazio e al quale hanno preso parte associazioni e storici locali. Nelle settimane precedenti altri incontri ufficiali sono stati organizzati presso l’Agenzia del Demanio. “La ripulitura dell’area dovrà essere il primo passo verso la valorizzazione e il riutilizzo dell’immensa struttura – ha dichiarato il consigliere regionale Marino Fardelli – Si tratta di un patrimonio storico che non può più restare nel completo abbandono, in uno stato di degrado che lo sta deteriorando e che sta costituendo anche un pericolo per la strada esterna. Da oggi usciti dalle secche di bilancio della Regione, si inizi seriamente a parlare di valorizzazione.  L’ex Campo di concentramento è risalente alla prima guerra mondiale ed è costituito da una vasta area con capannoni attualmente accessibili in parte, alcuni dei quali ristrutturati e utilizzati a scopi militari fino agli anni novanta. In quel campo passò un lungo periodo di prigionia Ludwig Wittgenstein autore del celebre “Tractatus logico-philosophicus” mentre oltre ai soldati, il campo ospitava circa duemila ufficiali e fino a trentacinquemila prigionieri. Dopo qualche anno, il comprensorio passò al servizio dell’Artiglieria, di cui ospitò una Sezione mentre al termine della seconda guerra mondiale ospitò la Scuola Allievi Carabinieri Reali forte di circa settemila uomini. “Si tratta di una superficie di ventiquattromila mq – spiega il consigliere regionale Marino Fardelli – Quattro capannoni nei quali è racchiusa la storia di un secolo del nostro territorio. In altre città italiane ed europee gli ex campi di concentramento sono stati ristrutturati e resi fruibili attraverso progetti tra pubblico e privato e adibiti a luoghi adatti a mostre, convegni, visite e dove la storia è divenuta ricchezza per la memoria e per l’economia. Oggi insieme a tecnici, storici locali e associazioni cittadine abbiamo iniziato un percorso che non è chiuso ma bensì aperto a coloro che vogliano ufficialmente contribuire in maniera propositiva. A settembre faremo un dibattito pubblico aperto alla Citta’. Ringrazio gli uffici regionali del Patrimonio, l’Assessore al Bilancio e Patrimonio Alessandra Sartore, il Presidente della regione Nicola Zingaretti che hanno voluto da subito condividere l’idea, e l’Agenzia del Demanio che ci ha dato gli strumenti utili per iniziare il cammino”, ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli.

 

23 Marzo 2013 0

Frana Pontecorvo, Marino Fardelli porta l’emergenza in regione

Di Ermanno Amedei

La frana di via Lungoliri a Pontecorvo continua ad aggravarsi. Un georadar della Protezione Civile in collaborazione con il Centro ricerche Ceri dell’Università di Roma diretto dal professor Alberto Prestininzi sta monitorando il tratto di via Lungoliri che ha ceduto verso il fiume Liri. A fare un sopralluogo, il consigliere regionale Marino Fardelli, il quale ha voluto visitare di persona il luogo della frana.”Dobbiamo porre la massima attenzione a quanto sta accadendo a Pontecorvo. Durante il sopralluogo, ho visto quanto il paese insista su quella strada a picco e quanto questa stia cedendo verso il fiume, giorno per giorno”. In effetti l’ultima frana di tre metri, ha creato uno scenario impressionante e pericoloso. Erano presenti al sopralluogo con il consigliere regionale Fardelli, l’assessore ai lavori pubblici del comune di Pontecorvo Ugo Cincis, l’assessore alla cultura Daniele Mattaroccia, il segretario cittadino Udc Giancarlo Grossi, il dirigente cittadino Udc Angelo D’Amata e Gabriele Tanzi e Claudio Capogrossi i quali hanno accompagnato il consigliere regionale proprio nei pressi del cuneo della frana mostrando quanto fatto finora dal comune di Pontecorvo per tamponare l’emergenza. “La città di Pontecorvo è divisa in due – ha detto Marino Fardelli – e questo crea disagio alla popolazione. Bisogna intervenire il più presto possibile perché la frana continua a creare nuovi movimenti che potrebbero diventare ancora più pericolosi”. Lunedì con il primo consiglio regionale si insedierà la decima legislatura e Marino Fardelli porterà già in quella occasione una richiesta di ordine del giorno in cui chiederà interventi immediati da parte della Regione Lazio, oltre allo stato di calamità naturale. “Mi appellerò al Presidente Zingaretti e alla nuova giunta, affinchè sia istituito un tavolo che affronti la questione del dissesto idrogeologico in provincia di Frosinone dove i fenomeni franosi si stanno moltiplicando. Dobbiamo conoscerne le motivazioni e porre rimedio prima possibile” ha concluso Fardelli.

2 Marzo 2013 0

A Marino Fardelli le congratulazioni da Lorenzo Cesa

Di Ermanno Amedei

Le congratulazioni per il grande lavoro svolto e che ha sovvertito il dato nazionale in provincia di Frosinone, sono arrivate al neo eletto al Consiglio regionale del Lazio, Marino Fardelli, direttamente dal segretario nazionale Udc Lorenzo Cesa. In un incontro a Roma presso la segreteria del partito, Cesa si è voluto complimentare personalmente con Fardelli per aver ottenuto un grande risultato: il raggiungimento del quorum prima e l’elezione poi. Due obiettivi centrati che hanno completamente ribaltato il risultato nazionale che ha visto invece il partito in grande affanno. All’incontro nella sede nazionale di via Dei Due Macelli erano presenti anche il segretario regionale Udc Antonio Saccone e l’onorevole Anna Teresa Formisano capo della segreteria politica. Marino Fardelli ha ringraziato il segretario nazionale Lorenzo Cesa che tra l’altro era stato presente a Cassino proprio nei giorni della presentazione della sua candidatura e che nei due mesi precedenti le elezioni non ha fatto mai mancare il suo appoggio al candidato. “Mi conforta sapere che il segretario Lorenzo Cesa continuerà il suo apporto alla provincia di Frosinone partendo da oggi in maniera ancora più incisiva – ha detto Marino Fardelli – La sua vicinanza è stata fondamentale nel progetto della mia candidatura e lo è ancor di più oggi all’inizio di questo nuovo percorso al Consiglio regionale del Lazio”. Il segretario nazionale infatti ha augurato a Fardelli un buon lavoro per il prossimo quinquennio assicurando il suo apporto in questo nuovo percorso che sarà sicuramente molto duro perché la provincia di Frosinone attende risposte importanti che presuppongono un impegno continuo e responsabile. “Non farò mai mancare la mia voce dai banchi del Consiglio regionale per la provincia di Frosinone – ha affermato Marino Fardelli – I cittadini mi hanno riconosciuto come loro portavoce e io rappresenterò le istanze di questo territorio ogni giorno”. Marino Fardelli attende l’investitura ufficiale e la conclusione di tutta la procedura prevista per l’insediamento del nuovo governo regionale, ma nel frattempo continua il suo impegno politico. Per la prossima settimana ha in programma di riunire tutta la squadra che ha sostenuto la sua candidatura. Un gruppo notevole che ha lavorato per settimane in tutta la provincia di Frosinone e che nei prossimi giorni si riunirà con il neo eletto Marino Fardelli alla presenza del segretario nazionale Udc Lorenzo Cesa che per l’occasione non farà mancare la sua presenza né tantomeno la sua esortazione a continuare un grande lavoro di squadra che è risultato vincente.

27 Febbraio 2013 0

Marino Fardelli al consiglio regionale del Lazio

Di Ermanno Amedei

Dopo una serata vissuta al cardiopalma, Marino Fardelli è stato eletto al Consiglio regionale del Lazio nella lista civica Giulia Bongiorno presidente. Il terzo seggio nel Lazio, è scattato per il candidato cassinate che la notte scorsa ha potuto festeggiare la sua vittoria presso il comitato elettorale di via Enrico De Nicola a Cassino. “Grazie, grazie a tutte le persone che hanno creduto in me e nel progetto che mi ha accompagnato in questa breve ma intensa e durissima campagna elettorale”. Marino Fardelli, visibilmente provato da una così grande emozione, ha commentato con queste parole, a caldo, la sua elezione. I mezzi di informazione non hanno potuto ieri sera, fino all’ultimo minuto,fornire dati che potessero decretare la vittoria a causa della lentezza dello scrutinio in molti seggi. Un lavoro immane che, come in ogni campagna elettorale, vede in campo scrutatori, rappresentanti di liste, giornalisti, postazioni stampa, sedi elettorali, tutti al lavoro per la raccolta dei dati. Un lavoro che è terminato a notte fonda e che ha fatto sussultare soprattutto i diversi comitati elettorali e le relative squadre di lavoro e tutti gli amici e sostenitori pronti dall’una o dall’altra parte a festeggiare il candidato. Marino Fardelli che ha vissuto una campagna elettorale sobria, incentrata sugli incontri diretti con gli elettori, non rumorosa e molto realistica, anche nella giornata di ieri ha scelto di non rilasciare dichiarazioni e di vivere intensamente momento per momento dalla sede elettorale di Cassino insieme a tutto lo staff, al comitato e a tanti sostenitori. “Abbiamo lavorato tantissimo e bene. Se il risultato ci premia, è perché gli elettori hanno saputo riconoscere il nostro impegno e i nostri contenuti” ha detto ancora Marino Fardelli il quale per la prima volta siederà al Consiglio regionale del Lazio, dopo aver indossato già le vesti di Presidente del Consiglio comunale di Cassino. Ruolo che ha svolto sempre al di sopra delle parti con grande spirito di servizio e che gli era stato attribuito dopo il grandissimo consenso ottenuto anche alle elezioni comunali. Una carriera politica in ascesa che vede il giovane Fardelli centrare il secondo grande obiettivo, quello della elezione al Consiglio regionale del Lazio: “Sarò la voce di tutta la provincia di Frosinone. L’ho detto tante volte in queste settimane: mi sento il rappresentante di tutto il territorio e per esso farò tutto il lavoro possibile affinchè ritrovi dignità e possa riscattarsi dopo il sacrificio a cui è stato sottoposto negli ultimi anni”.

16 Novembre 2012 0

Cassino, Petrarcone e Fardelli: “Oggi al voto oltre 1300 studenti per il consiglio comunale dei ragazzi”

Di Ermanno Amedei

“Questa mattina abbiamo avuto modo di vivere un’esperienza unica all’interno delle scuole medie di Cassino in cui ci siamo recati per far visita agli studenti che stavano espletando le operazioni di voto necessarie all’elezione dei propri rappresentanti all’interno del Consiglio Comunale dei Ragazzi.” A dichiararlo è il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone che ha evidenziato la grande partecipazione da parte degli studenti a questo importantissimo progetto civico – didattico. “È stato significativo – ha continuato il sindaco – vedere i ragazzi partecipare con tanto entusiasmo a questo progetto, a dimostrazione di come sia importante per gli stessi giovani prendere parte ad un’iniziativa che li rende protagonisti attivi della società e della città in cui vivono. Un esempio che acquista ancora maggior valore soprattutto in un momento come questo in cui a livello nazionale è sempre più diffuso un sentimento di antipolitica. Questo progetto credo che sia uno strumento valido in grado di far capire alle nuove generazioni l’importanza della buona politica, quella vera, che ha come unico obiettivo quello di mettersi a servizio della collettività.” Anche il Presidente del Consiglio Comunale di Cassino, Marino Fardelli, ha commentato la giornata di oggi che ha visto oltre 1300 studenti della nostra città chiamati al voto per eleggere i proprio rappresentanti all’interno di questo nuovo organismo. “Questa mattina – ha dichiarato Fardelli – abbiamo avuto di vedere tanto entusiasmo, tanta partecipazione da parte dei ragazzi. Di sicuro l’aspetto più significativo è stato vedere tanti giovani, che saranno la classe dirigente del domani, protagonisti in un progetto didattico-educativo. Sono felice di aver insistito e lavorato tanto per la realizzazione di questo progetto e per l’istituzione del Consiglio Comunale dei Ragazzi. In questi mesi, dalla nascita dell’idea alla concretizzazione di questo progetto, ho avuto l’opportunità di ascoltare tutti gli studenti, incontrandoli all’interno delle loro scuole. Inoltre, un ringraziamento doveroso va ai dirigenti scolastici e a tutti gli insegnanti che hanno voluto condividere questo percorso formativo. In questo momento di forte antipolitica, aiutare le giovani generazioni alla formazione di una coscienza critica, partecipata e democratica è un grande risultato. Sono davvero contento che tutto sia andato nel miglior modo possibile a dimostrazione che lavorando alacremente si ottengo i risultati sperati.”

30 Giugno 2012 0

Conferita la medaglia d’oro al merito civile alla memoria del Carabiniere Marino Fardelli

Di Ermanno Amedei

Alla presenza del Prefetto di Palermo, delle alte cariche militari e civili di Palermo, i familiari delle 7 vittime della Strage di Ciaculli hanno ricevuto questa mattina, dopo ben 49 anni dal tragico avvenimento in quello che viene ricordato come la prima strage di mafia nei confronti delle forze dell’ordine, l’alta onorificenza a nome del Capo dello Stato Giorgio Napolitano. In rappresentanza della famiglia Fardelli era presenta il nipote del Carabiniere Marino Fardelli che ha ricevuto dalle mani del prefetto la Medaglia d’oro. I fratelli in vita del Carabiniere Marino Fardelli, Donata Fardelli e Cesare Fardelli hanno così delegato il giovane nipote a prendere parte alla celebrazione nella città palermitana. “Voglio ringraziare mia zia Donata e mio papà Cesare che hanno voluto che io rappresentassi loro quest’oggi a Palermo. Mi sono emozionato nel ricevere l’alto riconoscimento e mi permetto di ringraziare tutti i familiari che con me hanno voluto condividere questo momento, seppur tardivo, che lo Stato ci ha riservato. A Palermo mi ha fatto piacere ricevere i ringraziamenti dei familiari delle altre vittime che hanno riconosciuto il mio impegno iniziato tre anni fa quando decisi di sensibilizzare le alte autorità militari e politiche per veder riconosciuto oggi questa onorificenza. Non posso dimenticare che grazie all’interessamento della nostra parlamentare cittadina Annateresa Formisano la commissione parlamentare competente ha prima discusso e poi reso parer favorevole per tale concessione. altri ringraziamenti mi sento in dovere di farli al comandante provinciale dei carabinieri di frosinone col. Antonio Menga  e al capitano dei carabinieri Adolfo Grimaldi di Cassino per il sostegno che hanno profuso in questo lungo iter”. Intanto domenica 8 luglio con inizio alle ore 11 presso la Chiesa S.Basilio in Caira verra’ celebrata a memoria del carabiniere Marino Fardelli alla presenza del Prefetto di Frosinone Eugenio Solda’ e alla presenza dei familiari tutti.

27 Giugno 2012 0

Sabato a Palermo verrà conferita al Carabiniere Marino Fardelli la Medaglia d’Oro al merito civile

Di Ermanno Amedei

Dopo che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in data 27 ottobre 2011 ha firmato la concessione della Medaglia d’Oro al Merito Civile alla memoria del Carabiniere Marino Fardelli, è tutto pronto a Palermo per la consegna del prestigioso riconoscimento. Infatti con una cerimonia pubblica sabato prossimo il Prefetto di Palermo consegnerà ai familiari dei caduti della Strage di Ciaculli, l’alta onorificenza concessa dal Capo dello Stato, con la seguente motivazione:

Con eccezionale coraggio ed esemplare iniziativa, nonostante il clima di forte tensione per il rischio di possibili attentati mafiosi, non esitava unitamente ad altri colleghi a ispezionare un’autovettura abbandonata al cui interno un ordigno era stato disinnescato dai militari artificieri, venendo mortalmente investito dalla violenta deflagrazione di un ulteriore ordigno proditoriamente occultato nel vano portabagagli. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere, spinti fino all’estremo sacrificio. 30 giugno 1963 – Località Ciaculli – Palermo

Alla solenne cerimonia che si terrà a Palermo prenderà parte Marino Fardelli Presidente dell’Associazione “Carabiniere Marino Fardelli”. L’Associazione composta dai familiari del compianto carabiniere, ogni anno elargisce delle Borse di Studio agli studenti di Cassino meritevoli che meglio si sono contraddistinti nel concorso premio avente per tema: “La legalità e il senso del dovere per i cittadini” e “La figura del Carabiniere. Il sacrificio di Marino Fardelli”, proprio in ricordo del Carabiniere ucciso dalla mafia nel 1963 in quella che viene ricordata come la prima strage di mafia nei confronti delle forze dell’ordine.

Sabato 30 giugno alle ore 09.00 a Palermo in località Ciaculli verrà deposta una corona di alloro alla presenza delle massime autorità militari e civili e alla presenza dei familiari dei caduti. A seguire avverrà la consegna della Medaglia da parte del Prefetto di Palermo S.E. Umberto Postiglione.

A Caira una cerimonia solenne verrà poi celebrata domenica 8 luglio con inizio alle ore 11 alla presenza del Sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, del Presidente del Consiglio Regionale del Lazio on.le Mario Abbruzzese, Comandante Provinciale dei Carabinieri col. Antonio Menga e alla presenza del Prefetto di Frosinone S.E. Eugenio Soldà.

“A nome dei familiari tutti, dichiara Marino Fardelli, desidero esprimere un sincero ringraziamento per la vicinanza sempre dimostrata dall’Arma dei Carabinieri e uno speciale ringraziamento desideriamo rivolgerlo al Sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, al Presidente del Consiglio Regionale del Lazio on.le Mario Abbruzzese, al comandante provinciale col. Antonio Menga e al capitano de Carabinieri di Cassino Adolfo Grimaldi. Siamo onorati di aver avuto la disponibilità del Prefetto di Frosinone S.E. Eugenio Soldà, sempre disponibile e attento agli eventi che hanno a cuore la legalità. Con il Vice Presidente dell’Associazione Angelo Fardelli abbiamo deciso di ricordare anche quest’anno il nostro familiare quale esempio per le giovani generazioni. Gli scolari che ogni anno partecipano al concorso premio ricordano nei propri elaborati le esperienze, i ricordi, la figura del Carabiniere Marino Fardelli tramandata dai propri nonni o genitori. A Palermo sarà un dovere familiare ricordare il giovane carabiniere del quale porto con orgoglio lo stesso nome e cognome”.

2 Aprile 2012 0

Fardelli: “Soltanto lavorando tutti insieme sarà possibile ottenere ottimi risultati per la nostra città”

Di Ermanno Amedei

“Ho fissato per giovedì 5 alle ore 12.00 la conferenza capigruppo in vista del Consiglio che si terrà il prossimo 19 aprile. Nel corso della conferenza, avrò modo di portare all’attenzione dei capigruppo i regolamenti pervenuti presso gli uffici della presidenza ed altre richieste formulate dai Consiglieri comunali sia di maggioranza che di minoranza. Dunque, oltre al Consiglio già fissato per il 16 aprile che avrà come oggetto la revoca della variante al piano regolatore, giovedì verranno stabiliti i numerosi punti all’ordine del giorno che verranno poi discussi il 19 aprile in quella che si preannuncia essere una seduta molto corposa. Questo a testimonianza dell’ottimo lavoro che le varie commissioni consiliari svolgono, riuscendo a fornire, attraverso l’impegno dei consiglieri a cui rivolgo il mio personalissimo plauso, diversi spunti e temi da sottoporre all’attenzione del Consiglio Comunale. Un lavoro molto apprezzato soprattutto in considerazione del fatto che la legge 81/93, integrata dall’art. 2 comma 185 della legge 191/2009, poi modificata dal D.L. 2/2010, ha notevolmente ridotto, oltre al numero dei Consiglieri Comunali, il potere del Consiglio stesso. Tuttavia esso, essendo espressione diretta della volontà di tutti i cittadini, rappresenta la vera anima della città. Se infatti è vero che i consiglieri comunali non partecipano e non deliberano in giunta, è altrettanto vero che hanno il compito, responsabile e delicato, del controllo e dell’approvazione degli atti, svolgendo un ruolo di centralità gestionale. È necessario, quindi, al fine di favorire l’azione di governo della città, dare voce e rilevanza istituzionale a tutti i consiglieri comunali, a prescindere dagli schieramenti politici di appartenenza. Credo che sia indispensabile, nell’interesse di tutti, creare un clima più disteso, senza la continua caccia alle streghe o la ricerca dell’errore veniale del singolo Consigliere, dell’Assessore di turno o addirittura dello Sindaco. L’Assise Civica è un luogo in cui viene consacrata l’azione di governo, non una tribuna politica dalla quale lanciare proclami o denunce semplicemente per avere visibilità mediatica, ottenendo come unico risultato il danneggiamento di tutti coloro ne fanno parte. Ecco perché, come ho sempre sostenuto, ciascun amministratore, nel rispetto del proprio ruolo e della propria appartenenza politica, deve favorire la nascita di uno spirito di fattiva collaborazione. Soltanto lavorando tutti insieme, soprattutto in un momento storico così difficile per la nostra città, sarà possibile ottenere i risultati che tutti ci aspettiamo e per i quali stiamo lavorando. Sono convinto che i cittadini di Cassino vogliono una città normale e delle risposte concrete da quelle persone che sono state scelte per amministrarla.” È quanto si legge in una nota a firma del Presidente del Consiglio Comunale Marino Fardelli.