Tag: padre

18 Maggio 2019 1

Travolge padre e figlio sullo scooter a Marino, si costituisce il “pirata”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

MARINO – Ha sentito il fiato sul collo e si è costituito il giovane che giovedì sera ha travolto padre e figlio mentre viaggiavano su uno scooter sulla Nettunense a Marino.

Gli agenti della polizia stradale di Albano Laziale diretti dall’ispettore superiore Claudio Marrese ormai avevano raccolto diversi elementi ma prima che chiudessero il cerchio il 20nne di Cecchina ha deciso di costituirsi.

Aveva preso l’auto dei genitori, una Opel con cui si era allontanato senppure non avesse la patente di guida.  Nell’impatto il 15enne che viaggiava insieme al padre sul ciclomotore ha perso una gamba mentre l’uomo ha riportato ferite multiple. Il 20enne deve rispondere di guida senza patente, omissione di soccorso e lesioni gravissime.

Ermanno Amedei

20 Aprile 2019 0

Bimbo ucciso a Piedimonte, arrestato anche il padre di Gabriel

Di admin

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Arrestato questa notte anche Nicola Feroleto, il padre del piccolo Gabriel ucciso mercoledí pomeriggio a Piedimonte.

Dopo l’arresto della madre Donatella Di Bono, i carabinieri della compagnia di Cassino che indagano coordinati dalla procura della Repubblica, hanno fermato anche l’uomo dalla cui relazione era nato 2 anni e 4 mesi fa Gabriel.

Il 47enne viveva a Villa Santa Lucia e aveva un’altra famiglia. La donna aveva raccontato che i due si erano visti fuori casa dove poi il bambino è morto per asfissia meccanica, quindi soffocato. Le indagini hanno confermato le responsbilitá dell’uomo addrrestandolo per concorso in omicidio. Ermanno Amedei

25 Marzo 2019 0

Aggrediti dal proprio pitbull a Lanuvio, padre e figlio in ospedale

Di admin

LANUVIO – Momenti di terrore, ieri pomeriggio in via Passo della Corte a Lanuvio quando un pitbull maschio si è rivoltato contro i padroni azzannandoli e costringendoli al ricovero in ospedale. Tutto è accaduto alle 18 circa quando il proprietario degli animali, un 60enne, è intervenuto per salvare un molosso femmina dall’aggressione del maschio.

L’animale ha mollato la cagna e ha aggredito il 60enne azzannandolo più volte. In difesa dell’uomo è arrivato il padre 80enne rimediando anche egli zannate, fino a cercare riparo, insieme alla nuora, in un box. Sul posto sono immediatamente intervenuti i carabinieri di Lanuvio e la radiomobile di Velletri, oltre agli operatori del 118.

Con il cane ancora libero, e l’anziano chiuso nel box con la donna, sono dovuti intervenire i vigili del fuoco del distaccamento di Velletri che hanno forzato la serratura permettendo ai sanitari di soccorrere il ferito. L’80enne ha riportato ferite per 30 giorni di prognosi, il figlio per 10 giorni. Il cane è stato prelevato dai veterinari della Asl e sottoposto a profilassi in un canile a Marino.

 

24 Marzo 2019 0

Esplode una villa a Frascati, morti padre e figlio: madre in condizioni gravissime

Di admin

FRASCATI – Padre e figlio sono morti ieri sera nell’esplosione di una villetta a Frascati in via Macchia dello Sterparo 108. Le vittime sono Angelo Bernardini di 51 anni, e il figlio Mario di 21 anni. Ferita la 47enne moglie e madre delle vittime .

A causare lo scoppio sarebbe stata una fuga di gas la cui origine, però, è ancora al vaglio degli investigatori. Sul posto, al momento del disastro, sono accorse quattro squadre dei vigili del fuoco, oltre a quella del distaccamento di Frascati anche altre provenienti da Marino e da Roma oltre al nucleo Nbcr e nucleo Usar.

I soccorritori hanno scavato nelle macerie della villa, una struttura su due livelli, per estrarre i corpi delle vittime ma anche per cercare altre persone che inizialmente si pensava fossero in casa al momento della tragedia. Il figlio 17enne della coppia, infatti, non era ancora rientrato.

Ermanno Amedei

19 Febbraio 2019 0

Ferentino, picchia l’anziano padre con il suo stesso bastone: arrestato 52enne

Di admin

FERENTINO – Ha picchiato l’anziano padre a sangue rompendogli addosso il bastone e tentando di colpirlo anche con un martello. Per questo i carabinieri di Ferentino hanno arrestato ieri sera S.G. 52 anni del posto, accusandolo di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia.

I carabinieri sono intervenuti su richiesta della badante dei genitori dell’arrestato, bloccandolo, dopo un breve inseguimento. L’uomo, poco prima si era reso responsabile di aver percosso, per questioni ereditarie, l’anziano padre con calci, pugni e con il suo bastone da sostegno, che a seguito dei colpi inferti si è addirittura rotto in più parti, tentando inoltre di colpirlo con un martello da carpentiere e non riuscendoci per il pronto intervento della badante che ne impediva di fatto l’evento.

Nella circostanza la figlia della vittima, ha sporto denuncia nei confronti del fratello per ripetuti maltrattamenti nei confronti di suo padre, eventi mai denunciati cui produceva certificati medici a seguito del quale il padre colpito da figlio, è stato giudicato guaribile in 5 giorni per ferita lacero contusa legione orbitale sinistro. Il martello, il bastone da sostegno rotto sono stati posti sotto sequestro. L’arrestato dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Frosinone a disposizione dell’autorità giudiziaria.

6 Gennaio 2019 0

Discarica abusiva e combustione di rifiuti, denunciati a Cervaro padre e figlia

Di admin

CERVARO – Padre e figlia sono stati sorpresi dai carabinieri di Cervaro a bruciare rifiuti nel proprio terreno trasformato in discarica, rimediando una denuncia per “attività illecita di rifiuti con discarica e  combustione illecita degli stessi”.

I denunciati sono una 44enne e il padre, un 73enne. L’anziano è stato sorpreso presso il terreno della figlia dove poco prima aveva appiccato il fuoco a rifiuti plastici e speciali depositati su un’ara di circa 20 metri quadrati.

Il terreno interessato da una discarica di rifiuti di circa 1.500 metri quadrati è stato sottoposto a sequestro penale in attesa di bonifica, con contestuale deferimento penale a carico della proprietaria del terreno.

27 Settembre 2018 0

Padre, madre e figlio gestivano supermarket bunker per spaccio droga, cinque arresti

Di admin

MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e crack, questo il reato contestato a B.G., 41 anni, V.T. donna di 52 anni, B.M., 55 anni, C.F., 43 anni, S.S., 40 anni cittadino albanese, tutti domiciliato a Monte San Giovani Campano per il quale tutti sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri della Compagnia di Sora che hanno dato  esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Frosinone, su richiesta della Procura della Repubblica di Frosinone (PM Dott. Adolfo Coletta)

L’attività di indagine ha consentito di appurare che gli indagati avevano allestito in Monte San Giovanni Campano una vera e propria piazza di spaccio presso la loro abitazione, trasformandola in un “bunker” non facilmente espugnabile da parte delle Forze dell’Ordine.

L’operazione conclusa questa mattina con l’esecuzione di 5 misure di custodia cautelare agli arresti domiciliari e numerose perquisizioni, rappresenta il risultato di una complessa e articolata attività d’indagine, condotta con l’ausilio di strumenti tecnici e l’esecuzione di numerosi servizi di O.C.P.,   iniziata da qualche tempo dalla Compagnia Carabinieri di Sora, finalizzata a disarticolare il sodalizio, radicato a Monte San Giovanni Campano e dedito allo spaccio di sostanza stupefacente. I carabinieri hanno accertato che presso l’abitazione di tre degli arrestati (coniugi e figlio) in Monte San Giovanni Campano si svolgeva da mesi una continuativa attività di “vendita al minuto di stupefacenti”, localizzando una vera e propria “base di spaccio” munita di videosorveglianza, presso la quale gli assuntori delle sostanze illecite avevano agio di recarsi a qualunque ora del giorno e della notte, senza necessità di preventivi contatti o quantomeno “appuntamenti”, per acquistarvi dosi di cocaina, crack ed hashish, dietro pagamento di danaro in contante. La gestione del “supermarket” era curata principalmente dai coniugi, già tratti in arresto a febbraio 2018 nella flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti poiché trovati in possesso di 33 dosi già confezionate di cocaina e 31 di crack, mentre il figlio e glia altri due collaboravano fattivamente alla “fiorente attività” (uno degli arrestati aveva compiti di intermediario e fornitore delle sostanze proibite destinate allo spaccio al minuto).

L’indagine rientra in una vasta attività di monitoraggio disposta dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, tesa ad individuare anche attraverso un capillare controllo del territorio tutti quei soggetti dediti allo spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti.

In totale nel corso dell’attività sono stati tratti in arresto in flagranza di reato nr.6 persone, segnalati alla Prefettura quali assuntori nr.18 persone, sequestrati complessivamente grammi 360 di sostanze stupefacenti del tipo “marjuana, hashish, crack e cocaina”, nonché bilancini di precisione e materiale atto al confezionamento.

20 Agosto 2018 0

Incidente stradale sull’A1, auto ribaltata: feriti madre padre e figlio di 10 anni

Di admin

FROSINONE – Ha dieci anni il bambino rimasto ferito insieme alla madre e al padre in un incidente stradale avvenuto alle 13 di oggi sull’Autostrada Roma Napoli nel territorio di Caccano. La famiglia di Catanzaro viaggiava in direzione sud quando la loro auto, una Opel Crossland, per cause ancora al vaglio degli agenti di polizia stradale della sottosezione di Frosinone, è uscita di strada ribaltandosi.

Attimi di terrore per le sorti del piccolo. Sul posto è atterrata una eliambulanza che ha trasportato lui e la madre anche lei ferita, al Gemelli di Roma. Ferito anche il padre del bambino che è stato trasportato in ospedale a Frosinone. Nessuno dei tre sarebbe in pericolo di vita.

Ermanno Amedei

2 Agosto 2018 0

Omicidio ad Esperia, coltellate tra padre e figlio: la vittima è Antonio Teoli

Di admin

ESPERIA – Una notte di sangue quella appena trascorsa ad Esperia dove, in una casa sulla Strada Provinciale, durante la lite tra padre e figlio conclusa a coltellate, il genitore è rimasto a terra esanime ed il ragazzo gravemente ferito restio a consegnarsi ai carabinieri.

Tutto è cominciato poco dopo le dieci. In casa oltre ad Antonio Teoli, il padre, c’erano solo uno dei due figli, M. Teoli con cui è nata la lite. La madre è morta qualche anno fa mentre l’altro fratello non era in casa. I fendenti sono volati tra i due e cinque avrebbero attinto il genitore togliendogli la vita.

L’allarme lanciato ha fatto arrivare sul posto i carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandati dal capitano Tamara Nicolai che dopo una breve trattativa hanno convinto il giovane a consegnarsi e a farsi curare. Al momento è in stato di fermo e risponderà di ciò che nel corso delle indagini dei carabinieri gli verrà attribuito.

Ermanno Amedei

1 Agosto 2018 0

Omicidio ad Esperia, padre ucciso a coltellate dal figlio

Di admin

ESPERIA – Una lite in famiglia avvenuta questa sera è degenerata fino alla tragedia.

E’ accaduto ad Esperia nel corso di una lite in famiglia, a quanto si apprende, tra il padre e un figlio, .

Tra i due uomini la lite si è fatta incandescente fino a quando uno dei due non si è armato di un coltello con cui sono stati inferti dei fendenti che hanno ucciso il padre ma anche il figlio versa in condizioni disperate.

Al momento sul posto ci sono i carabinieri della compagnia di Pontecorvo che, comandati dal capitano Tamara Nicolai, stanno effettuando le indagini per ricostruire la dinamica dell’omicidio.

Ermanno Amedei

Foto repertorio