Tag: rocca

11 Agosto 2018 0

Sagra del Prosciutto a Rocca D’Evandro. Tutto pronto per l’ edizione 34

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROCCA D’EVANDRO – Tutto pronto a Rocca D’Evandro per l’edizione numero 34 della sagra del prosciutto.

Se in città la calura estiva non dà tregua, nel finesettimana del dopo ferragosto, una gita fuoriporta nella cittadina al confine tra Lazio e Campania permette di conciliare far conciliare la ricerca di frescura e quella dei buoni sapori.

In località Mortola, i membri del circolo Federico Fellini organizzano la tanto attesa manifestazione. A partire dalle ore 19.00 dei giorni 18 e 19 agosto sarà possibile degustare ottimo prosciutto nella bella location che offre 800 posti a sedere.

Ad allietare le due serate tanta buona musica, per trascorrere due giorni di divertimento e buon cibo. Un appuntamento assolutamente da non perdere quello previsto a Rocca D’Evandro. Il prossimo fine settimana tutti a mangiare ottimo prosciutto e a scatenarsi con la musica dal vivo.

4 Giugno 2018 0

Rubata statua del Cristo degli Abissi a Rocca San Giovanni

Di felice pensabene

Si immergono fino ai fondali del proprio Comune per le consuete operazioni di pulizia della statua del Cristo degli Abissi ma, una volta giunti sul posto, l’opera non c’é più. È la curiosa esperienza dei sub dell’ Associazione Subacquea “Orsa Minore” di Lanciano, avvenuta nel pomeriggio di ieri sui fondali del Comune di Rocca San Giovanni in località Vallevò. Con sgomento hanno infatti potuto constatare che la statua, opera del Maestro Vito Pancella, e piazzata in loco nel lontano agosto 1994, è stata rubata. La circostanza è stata denunciata ai Carabinieri di Fossacesia. L’associazione condanna l’esecrabile gesto che colpisce tutta una comunità locale, privata di quello che era ormai non solo un simbolo religioso, ma anche una occasione di incontro e festeggiamento annuale con la tradizionale fiaccolata in mare della pima domenica di agosto, oltre che una attrattiva turistica che contribuiva ad impreziosire il nostro mare.

15 Maggio 2018 0

La Rocca Janula è fruibile, ma solo in parte. Chiusa l’area “all’ombra” del maschio

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Tutta la parte a destra dalla porta di ingresso della Rocca Janula sarà interdetta. E’ quanto scaturito dalla riunione di oggi in comune a Cassino alla quale hanno preso parte i tecnici comunali, i responsabili dei vigili del fuoco e i rappresentanti del Ministero dei Beni Monumentali.

Circa dieci giorni fa, la vecchia fortezza del monastero di Montecassino è stata oggetto di un sopralluogo da parte dei vigili del fuoco durante il quale è stato riscontrato il pericolo relativo alla torre di 25 metri di altezza “sfuggita” ai lavori di restauro che hanno riguardato l’itera struttura.

L’area interdetta, quindi, è quella considerata di pericolo nel caso di un non auspicato crollo di quella porzione di Rocca Janula che viene considerato rudere.

Il problema adesso è legato all’utilizzo che se ne potrà fare dell’intera struttura dato che essa rientrava in iniziative attrattive estive. Gli spazi saranno sufficienti? Ci si chiede?

Inoltre a quanto pare, nel corso dell’incontro odierno è stato chiesto al Ministero di fare chiarezza sui lavori svolti all’interno del sito archeologico indicando quale porzione è stata restaurata e messa in sicurezza e quale no e, in quest’ultimo caso, perché non è stato fatto.

Ermanno Amedei

10 Maggio 2018 0

Sopralluogo nella Rocca Janula, torre a rischio crollo: interdetta vasta area

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Sopralluogo dei vigili del fuoco e dei tecnici comunali nella Rocca Janula di Cassino. La vecchia fortezza è stata oggetto di verifica e, in particolare, attenzionati sono stati i resti della torre che richiedevano già da tempo lavori di consolidamento.

L’intervento, però, non è stato ancora effettuato e, per questo, è stata confermata l’interdizione ad accedervi. Inoltre è stata anche interdetta l’area che potrebbero essere interessate da eventuali e non auspicati crolli della torre stessa.

Il problema è che il perimetro descritto ruota intorno al manufatto ritenuto non consolidato per un raggio pari all’altezza della torre stessa, ossia, poco più di 16 metri. Dell’area interna alla Rocca Janula, poco o nulla resterà di fruibile. Un vero peccato soprattutto in vista dell’estate. Nella bella stagione, infatti, il vecchio forte è scenario di suggestive iniziative. Lo sarà ancora? Al momento l’area resta chiusa in attesa di una decisione.

foto web

30 Agosto 2017 0

Paura a Rocca D’Evandro: alle fiamme residenza per anziani, intervenuti Vigili del Fuoco e Forze dell’Ordine

Di felice pensabene

Paura questa mattina a Rocca D’Evandro, quando la residenza per anziani “Raggio di Sole”, in via Giosuè Carducci, è stata presa dalle fiamme. Ad accorgersene i dipendenti della struttura, che hanno prontamente portato all’esterno della struttura i 15 ospiti presenti al momento. Nessuno di loro risulta ferito, mentre i Vigili del Fuoco delle stazioni di Piedimonte e Caserta, insieme alla Polizia ed ai Carabinieri della locale stazione si sono adoperati per domare le fiamme. Evacuate anche 18 persone. Le cause sono tuttora da accertare, la natura dell’incendio sembrerebbe tuttavia accidentale.

22 Aprile 2017 0

Impianto di Compostaggio a Rocca D’Evandro, il Comitato scrive alla Regione e prepara interrogazione parlamentare

Di Ermanno Amedei

Rocca D’Evandro – “Il Comitato Civico per la Tutela e Salvaguardia di Rocca d’Evandro, coadiuvato da tanti cittadini, si è attivato scrivendo alla Regione contro la realizzazione dell’impianto di compostaggio a Rocca d’Evandro”.

Lo scrive in una nota stampa lo stesso Comitato, nota che riceviamo e pubblichiamo.

“L’inattività del Sindaco, che persiste nell’evitare di confrontarsi con i cittadini e in Consiglio Comunale, ha spinto i componenti ad inviare una nota direttamente alla Regione, rappresentando le anomalie riscontrate nella manifestazione di adesione al bando regionale inviata dal sindaco Dott. Angelo Marrocco. Sono varie infatti le anomalie evidenziate alla Regione sotto l’aspetto amministrativo, si ricorda che la manifestazione di interesse al bando regionale è stata sottoscritta solamente dal Sindaco che ha individuato l’area all’interno del Comune di Rocca d’Evandro, senza l’approvazione del Consiglio Comune, unico organo politico-amministrativo, rappresentativo di tutto l’elettorato. Inoltre, si è portato a conoscenza della Regione Campania gli errori contenuti nella comunicazione trasmessa a firma del Sindaco. In particolare, il Comitato ha evidenziato che l’area non ha i presupposti per essere considerata esterna al centro abitato, contrariamente a quanto sostenuto dall’atto di adesione al bando, tanto che le prime abitazione distano solo qualche decina di metri dal perimetro della zona indicata. Quest’ultima, oltre ad essere gravata dagli usi civici è altresì sottoposta a vincoli paesaggistici. Ulteriori pericoli sono stati messi in risalto, anche con riguardo alle conseguenze sotto l’aspetto igienico-sanitario, perché in caso di realizzazione dell’impianto vi sarà una proliferazione di animali nei pressi dell’area circostante l’impianto, quali odori sgradevoli, ratti, rettili e volatili, con immaginabili conseguenze soprattutto per gli abitanti che risiedono nell’immediate vicinanze del perimetro dell’area destinata allo stoccaggio dei rifiuti. Infine, con la comunicazione inviata alla Regione Campania è stato chiesto di considerare l’illegittimità della manifestazione di interesse all’impianto di compostaggio trasmessa dal Sindaco con la conseguenziale la sospensione delle delibere di nomina del RUP e di tutto il procedimento amministrativo. Benché servirebbe un atto formale approvato dal Consiglio Comunale, o quanto meno una revoca trasmessa dal Sindaco, il Comitato non rinuncia a qualsiasi tentativo di bloccare la realizzazione dell’impianto in questione, tanto che ha trasmesso anche la richiesta di partecipazione alla conferenza dei servizi allorquando sarà costituita per esprimere le proprie osservazioni al progetto in corso di realizzazione. Ulteriore dimostrazione del fermo e convito no del Comitato Civico alla realizzazione dell’impianto di compostaggio la si ritrova nella aver richiesto ed ottenuto un’interrogazione Parlamentare a risposta scritta (4-16324 del 18/04/2017) indirizzata al Ministro dei Beni Culturali e delle Attività Culturali e del Turismo e al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio presentata dal Parlamentare Marcello Taglialatela. Nell’interrogazione si evidenziano tutti i difetti di forma e di sostanza emersi nel procedimento amministrativo intrapreso dalla Regione Campania su manifestazione di interesse del Comune di Rocca d’Evandro per la realizzazione dell’impianto. In particolare sono stati evidenziati gli errori contenuti dall’atto firmato dal primo cittadino, oltre all’aver dato corso ad un progetto per la realizzazione di un biodigestore su di un’area ancora oggi gravata da usi civici e da un parco urbano. Non va sottaciuto che i consiglieri dell’intero consiglio comunale (maggioranza e minoranza) nel 2016, nella seduta consiliare n. 6 del 4 aprile, votarono tutti favorevolmente per la sdemanializzazione dei terreni del bosco Vandra, quindi una modifica dei requisiti che oggi avrebbe permesso la realizzazione dell’impianto di compostaggio. Il Comitato informa che continuerà nell’azione intrapresa, soprattutto perché supportata da tantissimi cittadini di Rocca d’Evandro contrariati dalla decisione di portare i rifiuti di molteplici altri comuni in un territorio ricco di storia e di tradizioni da rivalutare. Inoltre, si informano i cittadini che il Comitato ha richiesto di partecipare al consiglio comunale straordinario convocato per il 22 aprile 2016, come parte attiva, così come previsto dall’articolo 37 del regolamento comunale. Se nel prossimo Consiglio verrà scongiurata la realizzazione dell’impianto il Comitato ed i cittadini saranno pienamente soddisfatti del lavoro fin oggi svolto, poiché in uno degli articoli di giornale il Sindaco si è espresso palesemente convinto della realizzazione, mentre la minoranza anche avendo i propri onorevoli contatti in regione e ben più poteri di un comitato civico, null’altro ha fatto se non limitarsi a chiedere un consiglio comunale. Il Comitato rappresenta infine che non si può restare fermi ed inermi contro una violazione del potere di rappresentanza così grave come quella posta in atto dal sindaco”.

24 Marzo 2017 0

Il comitato civico tutela Rocca D’Evandro ribadisce il no all’impianto di compostaggio

Di Ermanno Amedei

Rocca D’Evandro – Dal Comitato Civico a tutela e salvaguardia di Rocca d’Evandro riceviamo e pubblichiamo. 

Con l’incontro di domenica 12 Marzo, che ha visto presenti il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro, e parte dell’Amministrazione Comunale di Cassino e il Sindaco di Sant’Ambrogio sul Garigliano Sergio Messore ,i relatori , per l’associazione Ciociaria terra dei veleni l’Ing. Gianluca Bufalini e l’avv. Paolo Ruggeri, per l’associazione Medici di famiglia per l’ambiente la dott.ssa Armida e il Dott. Giovanni Battista Martino, hanno fatto chiarezza sulla indiscussa pericolosità degli impianti di compostaggio per la salute umana e dell’ecosistema, dichiarando che non esistono impianti a zero emissioni. Oltre alle preoccupazioni di carattere medico-sanitario, si sono elencate le tante ragioni che hanno portato al secco no alla realizzazione di qualsiasi tipo di struttura per lo stoccaggio e la lavorazione dei rifiuti sul territorio del Comune. Tra le motivazioni, la più preoccupante è sicuramente la già difficile condizione di un territorio martoriato da altre strutture inquinanti, ad esempio il termovalorizzatore di San Vittore del Lazio, la centrale termonucleare di Suio, l’A1, la TAV ed altro. Sono tanti gli aspetti che preoccupano, e non poco, a partire dalla gestione dell’impianto, il rischio di riconversione in qualcosa di ancora piu nocivo, e il rischio di infiltrazioni malavitose. In ultimo la già difficoltosa condizione stradale, che diverrebbe caotica e pericolosa, . Ulteriore argomento di discussione è il sito individuato dall’Amministrazione Comunale per la realizzazione dell’ impianto, un bosco, unico polmone verde all’ interno dell’area industriale a confine con Cassino. L’intera zona infatti risulta “Parco Urbano di Interesse Regionale” istituito nel 2005 e sulla stessa vertono usi civici. Ulteriori vincoli sono la scarsa distanza dal centro abitato e i pericoli legati alla sismicità dell’area che già rientra nelle aree a rischio idrogeologico individuate dalla regione Campania. Sconcertante ed inverosimile la totale assenza di rappresentanti dell’ammministrazione Comunale di Rocca d’Evandro che aveva già dato segnali di avversione negando prima la richiesta di utilizzo dell’aula polifunzionale per un incontro simile e poi le richieste di occupazione del suolo pubblico per lo svolgimento dell’ incontro nelle due piazze principali del paese. Vista la censura imposta con il divieto di utilizzare le strutture pubbliche, gli organizzatori hanno deciso di svolgere l’incontro in un parcheggio privato. Da segnalare la partecipazione di tantissime persone dai paesi confinanti.

11 Novembre 2016 0

Studenti dell’ Itis di Cassino alla Rocca Janula per il progetto La Storia in Campo

Di Comunicato Stampa

Nei giorni scorsi emozioni davvero speciali grazie al progetto “La Storia in Campo”. A promuovere l’iniziativa i docenti dell’Istituto tecnico industriale “E. Majorana” di Cassino. Protagonisti molti studenti dell’ istituto per una giornata a contatto diretto con la storia e i luoghi più suggestivi della città martire. I giovani si sono ritrovati per una full immersion alla Rocca Janula, dove hanno trascorso una giornata interessante, ricca di spunti e caratterizzata da una rievocazione affascinante. Presente anche il sindaco Carlo Maria D’Alessandro che ha apprezzato molto l’iniziativa. N.Costa

12 Giugno 2010 0

21° edizione del Premio Internazionale Professionalità “Rocca D’oro”

Di Ermanno Amedei

Mostre, dibattiti sulla droga, miss, arte e tanto spettacolo per la 21 edizione del Premio Internazionale Professionalità “ Rocca D’oro” , che si svolgerà a Paliano il 24 giugno prossimo, avrà inizio da venerdì 18 Il tutto è stato presentato, nel meraviglioso giardino di “Fontana Chiusa” azienda agrituristica di Labico, alla presenza di Romano Bartoloni ( presidente Sindacato Cronisti Romani) e di Carlo Felice Corsetti ( membro del Consiglio Nazionale dell’ordine dei Giornalisti) i quali prima di entrare nel merito del premio hanno presentato la “Guida All’universo Comunicazione”. Coordinati dal Sindaco di Labico Andrea Giordani. Il Premio Rocca D’oro partirà, Venerdi 18 Giugno alle ore 18, 00, presso l’ ex cinema Esperia, dove ci sarà l’inaugurazione di una mostra di fotografia dal titolo: A quattrocento anni dalla morte di Caravaggio. Le foto scattate da Giancarlo Flavi sui quadri del Caravaggio esposti alle scuderie del Quirinale (tra le quali la Cena di Emmaus realizzato nel castello di Paliano dal Caravaggio durante la sua fuga da Roma) a cura della Prof.ssa Giuseppina Maletta ( Accademia d’arte di Roma) e dott Simone Marucci ( Assessore Cultura Paliano). Quindi le opere del Caravaggio, sono a grandezza naturale, come quelle viste a Roma, resteranno a disposizione del pubblico fino a domenica mattina 27 giugno, saranno affiancate dai costumi rinascimentali del Corteo Storico di Paliano. Seguirà la Conferenza stampa di presentazione del premio. Il giorno Mercoledì 23 Giugno: Ore 18, insieme all’assessore Marucci, con il Consigliere Provinciale Felli, e con esperienze dirette con la droga, portate dai ragazzi della comunità in dialogo di Trivigliano e di nuovi Orizzonti, presso “ Il muretto”, dove normalmente sostano i ragazzi ci sarà la proiezione dello spot contro la Droga di Piero Urbani a seguire dibatti con i ragazzi presenti. Infine il giorno 24, giovedì, P.V. quando avverrà, la consegna de premi tutto avrà inizio alle ore 16,30 -Apertura sportello postale con annullo speciale delle Poste Italiane; Ore 18,30 – Visita guidata al Centro Storico di Paliano e alla millenaria Chiesa di San Andrea Apostolo; Ore 19,30 – Degustazione di prodotti di Paliano e della Ciociaria, con la fattoria Celletti ed i vini Bertacco e della cantina Sociale Cesanese del Piglio, con l’acqua Fiuggi. Tutto avrà inizio alle ore 20,30 con la Presentazione docu – film “Paliano e il suo territorio” di Giancarlo Flavi e del logo del maestro Josè Ramon Tarazona a seguire consegna dei premi per la 21a edizione del Premio Internazionale Professionalita’ Rocca D’oro” (scultura di Egidio Ambrosetti) intervallato da momenti di grande spettacolo di arte varia, con elezione di Miss Paliano – Ragazza D’oro 2010 (facente parte del Concorso Nazionale Star Of the Yar) Presenta Maria Teresa Ruta. La serata però, sarà aperta con la Banda Città di Paliano. Le Riprese televisive G SAT SKY 856 regista Alessandro Di Filippo e messa in onda su Gold Sat SKY 856 ( mondiale) e su digitale terrestre ( Lazio, Campania, Piemonte, Lombardia, Triveneto per circa 2 ore)

12 Maggio 2010 0

Eccellenza: solo lo spareggio fra Rocca D’Evandro e Volkswagen assegnerà il titolo di campione

Di felice pensabene

Lo avevamo ipotizzato e, anche previsto, che ci sarebbero state novità nel torneo di ‘Eccellenza’. Puntualmente queste sono arrivate. Rocca D’Evandro e Volkswagen Cassino disputeranno lo spareggio per l’assegnazione del titolo. Proprio nell’ultima giornata, infatti, la formazione di Cassino, approfittando del turno di riposo del Rocca D’Evandro e vincendo, 3 a 2, contro Castelnuovo è riuscita nell’impresa di agguantare la formazione campana in vetta alla classifica del torneo. Entrambe le formazioni chiudono il girone di ritorno con sessantacinque punti.  Solo la gara di spareggio permetterà di assegnare il titolo nel torneo. Un segno dell’equilibrio e della preparazione agonistica, atletica e tecnica delle formazioni che hanno partecipato. Proprio le prime della classe, infatti, hanno dato vita ad un avvincente campionato con frequenti ‘cambi di fronte’ in vetta alla classifica. Era quindi prevedibile l’epilogo che si è verificato. Ma le sorprese non si limitano allo spareggio per il primo e secondo posto. Già perché anche la terza posizione è stata assegnata all’ultima giornata. Shascia Boys, infatti, con la vittoria in trasferta sul terreno, non facile, del Portella Calcio, per 1 a 2, è riuscita nell’impresa di strappare la terza posizione alla Longobarda Pontecorvo, sconfitta nel confronto con con l’Atletic Mignano. Ma si sa, la formazione campana è stata, per tutto il campionato, una squadra ostica e ben preparata atleticamente e tatticamente e non ha fatto sconti a nessuno, neppure alle prime della classe. La formazione di Pontecorvo, tuttavia, ha disputato un ottimo campionato che l’ha tenuta sempre nei piani alti della classifica, certo avrebbe voluto e, forse meritato, qualche risultato in più. Chiude tuttavia con cinquantadue punti in classifica, un risultato di tutto rispetto, proprio per l’agguerrita concorrenza delle altre formazioni e l’equilibrio manifestato da tutto il torneo. Adesso non resta che attendere l’incontro di spareggio fra Volkswagen e Rocca D’Evandro, ma quest’ultima un primato l’ha già ottenuto, la vittoria nella classifica dei cannonieri del campionato. Diego Matrunola lo ha conquistato già con alcune giornate di anticipo e chiudendo la stagione con un punteggio, ben ventinove reti segnate, da fare invidia ai bomber di campionati più importanti e molto più retribuiti.