Tag: sulle

7 Maggio 2019 0

Una commissione studi sulle Marocchinate, ne fanno parte 11 avvocati

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Una commissione studi sulle Marocchinate, ne da annuncio in una nota l’associazione Nazionale Vittime della Marocchinate che da anni si batte per divulgare, meglio di quanto non sia stato fatto in precedenza, la storia che ha visto come vittime intere popolazioni civili, brutalizzate, rapinate e spesso assassinate dai soldati delle truppe nordafricane incolonnate nelle file dell’Esercito Francese durante la seconda guerra Mondiale.

“E’ di questi giorni la notizia della istituzione di una commissione studi sulle Marocchinate voluta, e presieduta, dall’avvocato penalista Luciano Randazzo che a breve inizierà i lavori”.

Lo si legge nella nota.

“Un’idea che portava con sé da diverso tempo e che adesso vede la luce. L’avvocato in questa avventura si avvarrà dei più importanti professionisti del campo del diritto, della giurisprudenza. Professori universitari, avvocati penalisti e civilisti. Questa la squadra che comporrà la commissione: come presidente Luciano Randazzo, il Prof. Avv. Antonio Sarno del foro di Nocera Inferiore, il Prof. Avv. Francesco Mazza del foro di Roma, l’Avv. Mirella Spadafora del foro di Cosenza, l’Avv. Luigi D’Agosto del foro di Varese, l’Avv. Mara Cesarano del foro di Milano, l’Avv. Maria Concetta Cioffi del foro di Nocera Inferiore, gli Avvocati Alessandra Pomponi Tomei, Laura Vasselli, Luigi Pajalich e Luigi Piccarozzi del foro di Roma”.

“Ho ritenuto opportuno istituire questa commissione studi – Ha detto l’Avvocato Luciano Randazzo nella nota – perché per la prima volta dopo 75 anni dovremmo discutere, e c’è la necessità, di crimini di guerra commessi dalla Francia in danno dell’Italia in riferimento alle cosiddette Marocchinate. In tutti questi decenni non c’è stato un processo a riguardo, le istituzioni con il loro assordante silenzio non hanno mai ritenuto opportuno prendere una iniziativa per questo capitolo vergognoso della storia italiana. Questa commissione ha come finalità quello di studiare il motivo, o i motivi, per cui l’Italia non ha mai operato in tal senso dopo 75 anni dai fatti. E’ la prima volta che si studieranno questi veri crimini di guerra. Le Marocchinate in primis e poi parallelamente altri crimini. Ho scelto io stesso i componenti della commissione sulla base di preparazione professionale che ognuno di loro ha nel loro ambito lavorativo e che possono con il loro contributo apportare un significativo risultato alla causa. Sono tutti colleghi professionisti affermati di spessore, che ringrazio profondamente per aver accettato. In questa sede voglio ribadire ancora un concetto importante che questa commissione al proprio interno è lontana anni luce dalle stanze della politica. Purtroppo questa orrenda pagina di storia è stata ed è strumentalizzata in modo becero. Questa commissione servirà invece da impulso al mondo politico per far costituire una commissione parlamentare d’inchiesta che come A.N.V.M. abbiamo più volte ribadito in ogni sede la quale credo, anzi ne sono convinto, purtroppo giace ancora nel dimenticatoio e nell’indifferenza. Questo la dice lunga sull’interesse che le istituzioni hanno avuto nei confronti delle Marocchinate, delle vittime, dei parenti”.

28 Febbraio 2019 0

Sulle orme di Ada Lovelace. Studenti e studentesse delle secondarie protagonisti di un convegno all’Università di Cassino e del L. M.

Di felice pensabene

CASSINO – Il 7 e il 14 marzo nell’Aula Magna del Palazzo degli Studi della Folcara si svolgerà la terza edizione dell’Ada Award, un convegno in due sessioni che vedrà come protagonisti non docenti universitari, ma ragazzi e ragazze delle scuole del territorio.

Si fronteggeranno 12 squadre tutte capitanate da una ragazza, per un totale di 82 studenti di 5 scuole secondarie di Cassino, Frosinone e Vairano Patenora, guidati da 12 tutor Unicas e 12 tutor scolastici: presenteranno i risultati delle loro ricerche su temi come l’energia solare, la Power quality dei carichi elettrici, l’ambiente, il PIL e la misurazione del benessere, l’inclusione nelle scuole, la tutela dei marchi IGP, lo sviluppo sostenibile, la robotica, la percezione sociale della violenza di genere, le risorse idropotabili, l’Europa, la topografia, l’economia, la salute, lo spreco alimentare e il riciclo nella filiera agro-alimentare, l’alimentazione e la dieta mediterranea.

È la fase conclusiva del contest nato in occasione dell’Ada Lovelace Day celebrato all’Università di Cassino nell’ottobre scorso. La giornata in onore di Ada Lovelace (1815-1852), la matematica inglese considerata la prima programmatrice di computer della storia, è in tutto il mondo l’occasione per promuovere le discipline di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica soprattutto tra le nuove generazioni di ragazze, e Unicas ha scelto di cercare i nuovi talenti delle discipline STEM nelle scuole del territorio e di dar loro la possibilità di partecipare a un vero convegno scientifico.

I migliori lavori e le migliori presentazioni saranno premiati il giorno 14 marzo 2019 nell’Aula Magna del Palazzo degli Studi della Folcara, a conclusioni dei lavori.

L’ Ada Award. Scuole in competizione per il miglior lavoro scientifico è promosso da Scire – Delega per la Diffusione della cultura e della conoscenza e dal Cuori, Centro universitario per l’orientamento.

 

 

 

 

 

 

 

16 Gennaio 2019 0

Ecotassa sulle auto: le dichiarazioni di Manley preoccupano la politica locale per le ricadute negative sul territorio

Di felice pensabene

CASSINO – Le recenti dichiarazioni dell’AD di FCA, Manley, sul provvedimento inserito nella Legge di bilancio varata dal governo, relativo alla ecotassa sulle auto, preoccupano non poco, soprattutto, nel nostro territorio. Preoccupano per la ricaduta in termini di occupazione e di sviluppo che ne deriverebbero per un territorio già pesantemente condizionato dalle scelte industriali della multinazionale FCA. La politica locale, quindi, si mobilita con iniziative, differenti, ma dirette a comprendere, valutare e cercare soluzioni che lo scenario delle decisioni di FCA potrebbero determinare sull’economia del territorio, già pesantemente in crisi. La Federazione PD di Frosinone insieme ai Circoli Pd di Piedimonte e Cassino, in un comunicato, giovedì 24 Gennaio dalle ore 13 alle ore 18 organizzano un presidio dinanzi ai cancelli di FCA Cassino per incontrare i lavoratori e per un azione di volantinaggio e informativa sulla legge di bilancio scellerata di questo governo che contiene il provvedimento dell’Ecotassa che sta causando un ripensamento sui programmi di investimento sul nostro territorio da parte di FCA. 5 miliardi di euro previsti per lo stabilimento di Cassino stanno andando in fumo come dichiarato dal AD Manley causando un aumento della produzione negli Usa a discapito del nostro territorio. L’appello è alla mobilitazione e presenza di tutte le rappresentanze istituzionali, sindacali e dei circoli vista la gravità della situazione.

Diversa l’iniziativa messa in atto dal consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli (FI) che ha lanciato una petizione online, disponibile sulla sua pagina facebook, affinché il Governo riveda il provvedimento denominato ecotassa che rischia di minare lo sviluppo economico ed occupazionale del Paese e della provincia di Frosinone. “La revisione degli investimenti previsti da FCA ora, a seguito delle dichiarazioni dell’AD Manley, scrive ini un comunicato Ciacciarelli, è reale e concreta e le conseguenze sull’economia del Lazio, ed in modo particolare, della provincia di Frosinone, fanno temere il peggio. Non possiamo assistere inermi a quello che si presenta come un duro colpo per la provincia di Frosinone, essendo lo stabilimento FCA di Piedimonte San Germano, dove era prevista la produzione del suv medio marchio Maserati, una grande ed importante risorsa per l’intero indotto. Questa forte preoccupazione mi ha spinto fin da subito ad attivarmi a difesa del territorio e dei livelli occupazionali, scrivendo dapprima una lettera ai parlamentari, deputati e senatori del territorio, e poi avanzando una richiesta di incontro al Ministro di Maio, nonché un ordine del giorno al Presidente Zingaretti, approvato in Consiglio Regionale. E’ necessario un tavolo di concertazione per tutelare gli investimenti previsti da FCA in Italia e nel Lazio. Cassino Plant deve essere difeso con fermezza: invito tutti a firmare la petizione on line.”

14 Gennaio 2019 0

VIDEO – Investita sulle strisce a Velletri, 70enne aspetta ambulanza per 50 minuti stesa sulla strada

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Per oltre 50 minuti ha atteso sdraiata a terra sulla strada, coperta dagli ombrelli dei passanti, l’arrivo di una ambulanza. La sfortunata protagonista è una anziana di Velletri, circa 70 anni, che questa mattina in Via Turati, è stata investita accidentalmente da un furgone mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali.

L’uomo ha subito fermato il mezzo e ha prestato soccorso alla ferita insieme ad altri passanti mentre è stata allertata una ambulanza. Erano le 9.35 circa ma il primo mezzo di soccorso è arrivato alle 10.35 da Cori. Pare che le ambulanze della postazione 118 di Velletri fossero occupate.

La ferita, quindi, è stata trasportata in ospedale mentre gli agenti della polizia locale di Velletri effettuavano i rilievi.

Ermanno Amedei

13 Dicembre 2018 0

Neve in Ciociaria, mezzi spazzaneve e spargisale sulle strade di montagna – Foto e Video

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Il generale inverno mostra i muscoli e questa mattina, o meglio a partire da questa notte, ha imbiancato in Ciociaria le quote prossime ai mille metri.

Le previsioni lo avevano ampiamente annunciato il vertiginoso calo delle temperature che nella giornata di oggi sarebbero rimaste basse anche in pianura.

I mezzi spargisale e gli spazzaneve erano allertati già da ieri sera in particolare su una delle strade più a rischio, sulla Regionale che da San Donato Valcomino scavalla in Abruzzo nella località di Forca d’Acero. Questa mattina nella zona si sono depositati diversi centiimetri di coltre bianca ma la percorribilità delle arterie è stata garantita dai mezzi della Costruzioni Generali S.r.l. di Atina che opera per conto dell’Astral. Fiocchi di neve anche a Filettino.

Ermanno Amedei

29 Ottobre 2018 0

Terracina, un morto ed un ferito per la caduta di alberi sulle auto

Di Ermanno Amedei

TERRACINA – Una tromba d’aria violentissima quella che si è abbattuta su Terracina nella centralissima via Roma. Pochi minuti di inferno sono costate una vita, quella della persona rimasta schiacciata in un’auto dal peso di un grosso pino, il ferimento di una seconda persona e danni per centinaia di migliaia di euro.

Del caso se ne stanno occupando i carabinieri della compagnia di Terracina. La situazione delle strade è a tratti tragica. L’appia è ostruita in più punti e in piiù punti si è sfiorata la tragediua come sulla Migliara 45 dove un grosso albero è caduto su una autocisterna che trasportava Gpl ma colpendo il cabinato e non la cisterna.

Intanto la protezione civile della Regione Lazio ha inviato dieci quadre per liberare le strade e mettere in sicurezza le aree più colpite. Sono decine gli alberi che si sono schiantati al suolo nella sola via Roma schiacciando auto e arrecando danni a strutture.

18 Settembre 2018 0

Riconosce il soldato nazista dopo 75 anni, la storia di Anita sulle pagine di Cronaca Vera

Di Ermanno Amedei

CASSINO – La storia di Anita Nardone, la 80enne di Cassino che ha riconosciuto in un murales di Broccostella, il soldato nazista che, durante la seconda Guerra Mondiale, voleva portarle via la madre 75 anni fa sta riscuotendo interesse in Italia ma anche all’estero. Stamattina il settimanale Cronaca Vera le ha dedicato due pagine in cui la donna racconta cosa avvenne quando, a 5 anni, con la giovane madre e il fratello di due anni, tentava di sfollare per mettersi in salvo.

La settimana scorsa, invece, Anita è stata intervistata da una giornalista per un giornale inglese.

Bene quindi che l’interesse per la guerra, oltre ai fatti di cronaca bellica riportati nei libri di storia, si estenda anche a chi la guerra l’ha subita. Sempre meno sono i testimoni che possono raccontarla per come dolorosa e brutta è realmente. L’esplosione di una bomba, raccontata da quella che un tempo era una bambina e che oggi è una bis nonna, rende meglio l’idea di qualsiasi ricostruzione cinematografica.

20 Agosto 2018 0

Disastro a Genova, pedaggi gratuiti sulle autostrade genovesi e rimborsi a partire dal 14 agosto

Di Ermanno Amedei

GENOVA – “Autostrade per l’Italia comunica che a partire dalle ore 11 di oggi non verrà chiesto il pagamento del pedaggio sulla rete genovese, come annunciato nella conferenza stampa di sabato 18 agosto”.

Lo si legge in una nota di Autostrade.

“Il transito in autostrada diventa gratuito per chi viaggia sui seguenti percorsi e viceversa: Genova Ovest – Genova Bolzaneto, Genova Pra’ – Genova Aeroporto, Genova Pra’ – Genova Pegli, Genova Pegli – Genova Aeroporto. Inoltre, con una semplice dichiarazione (recandosi presso i Punto Blu di Genova Ovest e Genova Sampierdarena, oppure scrivendo a info@autostrade.it) coloro che hanno pagato il pedaggio sulle stesse tratte a partire dal 14 agosto potranno chiederne il rimborso. Ai possessori di Telepass i transiti a partire dal 14 agosto sulle tratte in questione non verranno fatturati, senza che ci sia bisogno di alcuna azione da parte loro”.

9 Agosto 2018 0

Stragi di braccianti stranieri sulle strade, maxi operazione di controllo della polizia

Di Ermanno Amedei

LATINA – La Polizia di Stato di Latina, anche in considerazione delle tragedie stradali recentemente accadute e che hanno visto la morte di decine di braccianti stranieri, ha effettuato uno specifico servizio di contrasto coordinato e mirato dello sfruttamento dei lavoratori agricoli attraverso la lotta al caporalato ed allo sfruttamento del lavoro in agricoltura.

Come evidenziato anche dai recenti, tragici, fatti di cronaca, uno degli elementi fondamentali del caporalato si realizza attraverso il trasporto e lo smistamento di manodopera nei diversi terreni agricoli.

Questa mattina i Poliziotti della Squadra Mobile, delle Volanti e della Polizia Stradale della Sezione di Latina, hanno effettuato mirati servizi di controllo nel confronti di diversi automezzi adibiti al trasporto di braccianti agricoli presso le aziende agricole del territorio.

Sono state impiegate svariate pattuglie dei suddetti Reparti della Polizia di Stato, distribuite tra i comuni dei Monti Lepini e le zone periferiche della città.

Le pattuglie hanno individuato e sottoposto a controllo numerosi pullmini intestati a diverse ditte e cooperative, alcune di Latina altre del comune di Sezze, dedite alla produzione ed alla lavorazione di prodotti ortofrutticoli, elevando sanzioni per un ammontare complessivo di diverse migliaia di euro.

Tra queste, sono stati contestati diversi illeciti per violazione dell’obbligo di revisione dei veicoli, per mancata osservanza dell’utilizzo delle cinture di sicurezza e di altri sistemi di ritenuta, ma  soprattutto per violazione dell’art.169 del Codice della Strada che sanziona il trasporto di un numero di persone superiore a quello indicato sulla carta di circolazione.

In un caso, è stato ritirato il documento di circolazione all’autista di un pullmino che trasportava ben 12 bracciati rumeni ed africani a fronte di una capienza di 9 persone, ed anche perché nel bagagliaio era stata installato un sedile di fortuna per il trasporto di 3/4 passeggeri in numero superiore rispetto alla reale capienza del mezzo.

I servizi di controllo del territorio continueranno nei prossimi giorni, in modo da garantire livelli di sicurezza elevati sulle strade della provincia, con particolare riferimento al trasporto di braccianti agricoli ed allo sfruttamento del lavoro.

26 Luglio 2018 0

Commercio abusivo sulle spiagge pontine, sequestri e denunce

Di Ermanno Amedei

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina, in collaborazione con i comandi dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, delle Polizie Locali e della Capitaneria di Porto, ha coordinato una serie di controlli straordinari, dando forte e rinnovato impulso all’azione di prevenzione e contrasto della contraffazione e dell’abusivismo commerciale.

L’iniziativa prende le mosse da una direttiva ministeriale, che parte dalla consapevolezza che tali fenomeni sono presenti sull’intero territorio nazionale, determinando danni al sistema economico e fiscale, frequenti turbative dell’ordine pubblico, oltre a conseguenze ambientali e rischi per la salute; tali illecite attività favoriscono il riciclaggio di denaro e lo sfruttamento della manodopera, soprattutto straniera e si saldano con altre fattispecie criminose o illegali, diffuse nei centri urbani più grandi o caratterizzati da un grande afflusso di turisti, incidendo negativamente sulla vivibilità delle città ed alimentando il senso di insicurezza dei cittadini.

Allo scopo sono stati predisposti servizi coordinati con le altre Forze di Polizia, che interesseranno l’intera provincia, e monitorerà i lungomare di Latina, Sabaudia, San Felice, Terracina, Fondi, Sperlonga, Gaeta Formia e Scauri di Minturno.

I servizi sono inoltre volti a garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività balneari, a verificare la salubrità e la fruibilità delle zone ad esse destinate, prestando costante attenzione alla sicurezza in mare, alla tutela dell’ecosistema marino ed al rispetto della fascia di navigazione da parte delle unità a motore.

Si riportano qui di seguito gli esiti dei servizi svolti: sono stati identificati complessivamente 75 cittadini, dei quali n. 53 stranieri di varie nazionalità; per due cittadini stranieri è stato avviato l’iter per l’espulsione in quanto non in regola sul territorio nazionale; due cittadini stranieri sono stati sanzionati poiché privi di regolare autorizzazione amministrativa per la vendita al dettaglio; sono stati controllati n. 5 veicoli, dei quali 3 sottoposti alla sanzione accessoria del fermo amministrativo; sono state elevate n. 4 contestazioni per violazioni al Nuovo C. di S.; sono stati sottoposti in sequestro n. 13 carrelli di merce (contenenti diverse migliaia di svariato materiale tra cui abbigliamento, bigiotteria, gonfiabili, ecc.); sono stati indagati in stato di libertà n. 4 cittadini, di cui 2 stranieri, i quali ponevano in vendita capi d’abbigliamento di prestigiose marche contraffatte; nei confronti di n. 2 cittadini italiani è stata emessa la misura di prevenzione del divieto di ritorno con rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio del Questore; sono stati effettuati n. 33 controlli amministrativi; sono state elevate n. 5 contestazioni amministrative; sono stati controllati n. 4 stabilimenti balneari; sono state controllate n. 4 imbarcazioni da diporto.

Tali attività verranno ripetute anche nei prossimi giorni.