Sindaco arrestato, il Riesame ha ritenuto necessaria la nuova misura cautelare

9 giugno 2009 1 Di redazione

La carica di sindaco di Pontecorvo per Riccardo Roscia era stata sospesa dal Prefetto di Frosinone dopo la condanna in primo grado. Una precisazione doverosa in seguito al primo lancio di questa mattina, con il quale vi abbiamo informato che i militari del N.O.R. – Aliquota Operativa – agli ordini del tenente Vincenza Sannino, direttamente coordinati dal capitano Pier Francesco Di Carlo hanno tratto in arresto Riccardo Roscia. L’arresto è stato effettuato in esecuzione dell’ordinanza emessa ieri 08 giugno 2009 dal Tribunale Ordinario di Roma – Sezione Speciale del Riesame, a seguito del precedente annullamento dell’ordinanza di misura cautelare della custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Cassino nel luglio 2007, per il reato di “concussione e tentata concussione”. La Sezione del Riesame ha ritenuto sussistenti le esigenze cautelari, nonostante l’intervenuta sospensione, in ragione della immutata, nel tempo, capacità di influenza sulle scelte del comune. Il Roscia è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione a disposizione dell’A.G.