Scappa di casa ma viene raggiunta e violentata

4 settembre 2009 1 Di redazione

Violenza sessuale e stalking, due gravissimi reati di cui dovrà risponderene davanti al giudice un uomo di 35 anni di Ausonia. Vittima della triste circostanza è una donna rumena di cui l’uomo Bruno Valente, si sarebbe invaghito diventandone un vero e proprio incubo. La ricostruzione fatta dai carabinieri delle stazioni di san Giorgio a Liri e Ausonia, direttamente coordinate dal capitano Piefrancesco Di Carlo comandante della compagnia di Pontecorvo, sembrano non lasciar dubbi sulla colpevalezzo dell’uomo tant’è che ieri è stato arrestato. L’attività investigativa ha consentito di accertare che l’arrestato negli ultimi mesi, con condotte reiterate, aveva molestato la donna di origine romena, cagionandole un perdurante e grave stato di paura, tale da indurla ad abbandonare il proprio domicilio per nascondersi nella parte retrostante di un locale pubblico, ove aveva trovato ospitalità. Valente, scoperto il rifugio, nella notte tra il 31 agosto e primo settembre, vi si introduceva, bloccava con il proprio corpo la donna e, dopo averla ripetutamente colpita al volto, la costringeva a subire atti sessuali.
L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Cassino. Una di quelle storie che sembrano rispondere con forza a chi ritiene che le “bestie” siano solo gli stranieri.