Energia elettrica, con una truffa il Comune cambia gestore

10 novembre 2009 0 Di redazione

Una truffa da lasciare di sasso anche i maestri Totò e Peppino. Una cosa semplice semplice ma efficace e che, comunque, prima o poi sarebbe venuta alla luce. All’insaputa di tutti, un 32enne di Avellino ha fatto cambiare gestore di energia elettrica all’intero comune di Cassino. Le prese di corrente di tutti gli uffici comunali sono passati dalla gestione dell’Enel a quella della Edison. Per fare questo, pare addirittura dal mese di maggio, il 32enne ha adoperato lettere del sindaco con firme apocrife, false carte intestate del comune, falsi timbri di funzionari e falsi documenti personali. Tutto questo per dimostrare alla Edison di aver stipulato un contratto sostanzioso e per percepire la ricca provvigione. Dopo alcuni mesi, però, la società fornitrice di corrente, ha dovuto accorgersi che il comune di Cassino era un cattivo pagatore dato che non aveva saldato nessuna delle bollette. Un conto energia che è lievitato fino a 20 mila euro e quando l’ufficio legale della società ha minacciato le vie legali, qualcuno, da piazza De Gasperi, ha fatto loro sapere di non aver mai autorizzato al passaggio da una società all’altra. Quando sono state tirate fuori i documenti, è emersa la truffa e quindi è stata informata la polizia. Il nucleo informativo del Commissariato di Cassino coordinato dal sostituto commissario Crescenzo Pittiglio, quindi, è risalito al 32enne e lo ha denunciato per truffa, sostituzione di persona, falso e uso di sigilli falsi. A questo punto resta da capire chi pagherà la bolletta del Comune.
Ermanno Amedei