Il depuratore pronto ad entrare in funzione. Soddisfazione da… Leone

6 febbraio 2010 0 Di redazione

Ultimati i lavori di costruzione del depuratore nel Comune di Terelle; trascorso il periodo di funzionamento si é proceduto al collaudo ed al conferimento dell’impianto alla Società ACEA – ATO 5 per le relative attività di gestione.
“Un impianto – dichiara il Sindaco Vincenzo Leone – che risponde ai parametri previsti dalle recenti direttive in materia di qualità delle acque reflue. Realizzato con le più moderne tecnologie, l’impianto è una giusta e doverosa risposta alle richieste dei cittadini, che pagavano un servizio prima al consorzio e poi ad Acea Ato 5 senza materialmente averlo. Una realizzazione a difesa dell’ambiente. La gestione del ciclo delle acque reflue, con una rete efficiente di collettori fognari e con il recupero dei fanghi e dei fattori inquinanti, consentirà il successivo riutilizzo delle acque depurate con la garanzia del non inquinamento delle falde acquifere nonché la conservazione dell’ambiente naturale circostante”.
E’ un opera che da oltre dieci anni ha visto impegnata l’amministrazione comunale. “Grazie alla concertazione ed al contributo di diversi Enti ( Ministero degli Interni, Regione Lazio, Acea Ato 5) – continua il Sindaco Leone- a cui va il nostro ringraziamento, abbiamo dato anche una risposta alle ingiuste accuse mosse nei confronti della società Acea Ato 5 da parte di associazione dei consumatori. I circa trecentomila euro(300.000€) necessari per la realizzazione della importante opera sono stati conferiti dal Ministero degli Interni, dalla Regione Lazio,dalla Società Acea Ato 5 e dal Comune di Terelle”.
Il Sindaco si è dichiarato molto soddisfatto: “L’opera pubblica – conclude Leone- oltre ad essere strategica e necessaria non solo per la difesa dell’ambiente e del territorio è obbligatoria in quanto la legge n° 152 del 2006 sanziona le amministrazioni che non hanno depuratori funzionanti. Per noi, dotare il Paese di questo impianto oltre al piano regolatore generale, alla pista ciclabile, ad impianti sportivi, ad un parco giochi e ad un ambiente pulito silenzioso ed incontaminato pieno di spazi verdi sono condizioni necessarie per potere avanzare domanda al Touring Club per il conferimento della bandiera arancione”.