Cassino, giro di vite su “carrellati selvaggi” della differenziata per esercizi commerciali e condominii

Cassino, giro di vite su “carrellati selvaggi” della differenziata per esercizi commerciali e condominii

25 Settembre 2019 0 Di felice pensabene

Cassino – Che la situazione dei carrellati per la raccolta differenziata dei rifiuti a Cassino fosse divenuta intollerabile è ormai da tempo una realtà. Da troppo tempo ad ogni angolo di strada è facile vedere carrellati stracolmi a tutte le ore del giorno, in alcuni casi addirittura con i rifiuti lasciati a terra.

L’amministrazione comunale ha deciso di porre fine a questo malcostume restituendo decoro e pulizia alla città in fatto di deposito rifiuti, regolamentando una volta per tutte il sistema della raccolta differenziata.

Decoro e normalità, del resto, erano stati due pilastri della campagna elettorale del sindaco Salera che ora sembra voler fare sul serio. Le due delegate, quella alla polizia locale, Barbara Alifuoco, e quella al commercio Delli Colli inizieranno dapprima un’opera prima informazione, poi, di sanzioni per chi non sarà in regola con l’ordinanza del 28 maggio 2013 emanata dal sindaco Petrarcone. Un provvedimento emanato per disciplinare il sistema della raccolta differenziata porta a porta.

L’ordinanza, infatti, stabiliva che i condominii dotati di carrellati dovevano munirsi di appositi spazi chiusi dove tenere i cassonetti posizionandoli all’esterno solo nei giorni e negli orari stabiliti per la raccolta, proprio per evitare, come avviene adesso, che fossero lasciati sui marciapiedi. Stesso discorso per i locali commerciali.

Dai prossimi giorni, dunque, si partirà con un’azione informativa a tappeto sia negli edifici che nei negozi: per chi non si metterà in regola scatteranno le sanzioni.

Sembra, quindi, avviato il percorso verso un maggior decoro della città, soprattutto si spera che nel giro di poco tempo tutti si mettano in regola. Ne va della salute di tutti.