Tag: allontanato

16 Agosto 2019 0

Allontanato da ex famiglia, 34enne violento bracca ex moglie e figli nelle strutture di accoglienza

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ATINA – I carabinieri di Atina hanno arrestato per Stalking a Villa Latina un 34enne residente nella Provincia di Napoli, separato, già noto per analoghi reati, maltrattamenti, rapina, furto e in materia di stupefacenti.

L’uomo già destinatario di un provvedimento del divieto di avvicinamento all’ex consorte nonché ai due figli minori, emesso nel mese di giugno 2019 dal Tribunale per i Minorenni di Napoli, con il quale gli veniva inoltre sospesa anche la responsabilità genitoriale, è stato bloccato mentre si recava presso una struttura protetta sita in quel comune, dove è ospitata la sua ex famiglia.

I successivi accertamenti hanno permesso di appurare che l’uomo, già dal nel mese di agosto 2018, si era reso responsabile di analoghi episodi, in quanto si presentava in altre strutture protette ove erano ospiti l’ex moglie e i figli.

L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino.

4 Luglio 2019 0

Latina, Maltrattamenti in famiglia, un 51enne allontanato dall’abitazione

Di Comunicato Stampa

Polizia di Stato – Questura di Latina:Un uomo viene allontanato dalla casa familiare per minacce aggravate e maltrattamenti in famiglia con sequestro cautelativo delle armi. Nel corso dell’attività di prevenzione e controllo del territorio, alle ore 20.30 circa di ieri, un equipaggio della Squadra Volante è intervenuto presso un’abitazione in quanto era pervenuta al 113 richiesta di intervento per lite ed aggressione in atto. Giunti immediatamente sul posto, i poliziotti hanno trovato in strada una donna con la figlia minore. La donna ha raccontato agli agenti di aver avuto pochi istanti prima una violenta lite con il marito per futili motivi, nel corso della quale l’uomo, armato di fucile, aveva minacciato di morte sia lei che la figlia minore della coppia. Visto lo stato di agitazione delle due donne , è stato richiesto l’intervento immediato del 118 per le cure del caso. I poliziotti hanno raggiunto l’uomo nell’abitazione che ha confermato i fatti. Intanto gli operanti hanno effettuato una perquisizione dell’appartamento e hanno ritrovato nella camera da letto, 5 fucili regolarmente detenuti dall’uomo. In sede di denuncia, la donna ha raccontato che le minacce, gli scatti d’ira, le percosse e le violenze si protraevano già da tempo e che a causa dei continui soprusi posti in essere dal proprio marito, viveva in uno stato di soggezione, manifestando timore e paura per la propria incolumità, e per tale motivo aveva chiesto ospitalità al proprio fratello. A carico dell’uomo è scattato un provvedimento di allontanamento urgente dalla casa familiare, con il divieto di avvicinarsi alla persona offesa. Nei confronti dello stesso veniva inoltre disposto il Sequestro Cautelativo dei 5 fucili e del relativo titolo autorizzatorio. Foto d’archivio

29 Aprile 2019 0

Obbligato a tornare nel carcere di Frosinone dove testimoniò contro i superiori, agente della Penitenziaria teme ritorsioni

Di Ermanno Amedei

CASTELNUOVO PARANO – Chiamato a testimoniare nel corso di una indagine della Procura di Frosinone contro i suoi superiori della Penitenziaria, all’interno del carcere, era stato trasferito con un provvedimento a tempo indeterminato presso altre strutture carcerarie per evitare rischi di possibili ritorsioni.

L’assistente Capo della polizia Penitenziaria si ritrova oggi a dover lottare con la sua stessa amministrazione che, invece, pretende che faccia ritorno proprio in quel penitenziario. Per questo ha mandato un videomessaggio al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per chiedere un suo intervento. L’agente della Penitenziaria residente a Castelnuovo Parano è in servizio presso la casa circondariale di Regina Coeli. Nel 2005 il provvedimento emesso dall’Amministrazione carceraria dispone il distacco dalla casa circondariale di Frosinone ad altra sede a tempo indeterminato. Un provvedimento che nasce dalla maturata incompatibilità ambientale e dalla salvaguardia dei familiari. L’agente, infatti, fu chiamato a testimoniare su una indagine della procura di Frosinone nei confronti di personale della penitenziaria di grado superiore. Lo stesso magistrato suggeriva di non prestare più servizio a Frosinone Per questo l’agente è stato prima trasferito nel carcere di Cassino e poi a quello di Roma. Una situazione lavorativa non certo congeniale dato che lui abita a Castelnuovo Parano ma nonostante ciò preferisce continuare a lavorare a Roma opponendosi alla volontà della sua amministrazione di riportarlo nuovamente a Frosinone.

Lì, nel carcere ciociaro, l’agente teme di trovare ancora ad accoglierlo un ambiente poco sereno per i fatti di oltre dieci anni fa. Lavorare in un contesto che non si ritiene “familiare” svolgendo un lavoro particolare come quello dell’agente della penitenziario, è particolarmente gravoso. Per questo l’agente pur dovendo fare molta più strada per raggiungere il carcere romano, lo preferisce al ritorno al lavoro nel più vicino carcere di Frosinone. Inascoltate le sue richieste ha intrapreso, assistito dall’avvocato Annarita Capezzone, una battaglia legale con l’amministrazione penitenziaria affinché riconosca la prescrizione a tempo indeterminato adottata nel 2005 e ha chiamato in causa il ministro Bonafede. Ermanno Amedei

12 Aprile 2019 0

Cassino, tenta di truffare un’anziana, 57enne campano allontanato dal territorio

Di felice pensabene

CASSINO – Nella giornata di ieri  i militari della Sezione Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri deferivano in stato di libertà un 57enne di Napoli, censito per reati di falso, truffa, e ricettazione, per “tentata truffa”.

Nel tardo pomeriggio, nel rione Colosseo, il predetto avvicinava una pensionata residente a San Giorgio a Liri e con artifizi e raggiri tentava di indurla in errore, accusandola di essersi appropriata della somma di euro 50, denaro che a suo dire gli era caduto a terra e la donna aveva raccolto. L’intervento dei militari operanti consentiva di appurare che quanto affermato dall’uomo non corrispondeva al vero, poiché la vittima non era in possesso delle banconote in questione.

Ricorrendone i presupposti di legge, lo stesso veniva altresì proposto alla Questura di Frosinone per la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio dal comune di Cassino, per anni tre.

 

23 Settembre 2018 0

Marito violento minaccia moglie e figli a Pontecorvo, allontanato da casa

Di Ermanno Amedei

PONTECORVO – Ubriaco e violento, manteneva la famiglia sotto la cappa della paura. O almeno questo hanno riscontrato i carabinieri della Compagnia di Pontecorvo che hanno indagato sulle dinamiche interne alle mura domestiche di una famiglia del posto e che hanno portato il Gip del tribunale di Cassino ad allontanare il marito violento dalla casa.

IL FATTO

Qualche giorno fa i Carabinieri di un Comando Stazione della Compagnia di Pontecorvo, sono intervenuti su richiesta di una donna nella cui casa il marito, in evidente stato di ebrezza alcolica, stava minacciando la famiglia. Il tempestivo intervento dei militari ha consentito non solo di riportare l’uomo alla calma, ma anche di tranquillizzare la moglie che finalmente ha trovato il coraggio di denunciare quello che lei e i figli subivano da tempo. Le immediate indagini hanno portato prima al deferimento dell’uomo per il “reato di maltrattamenti in famiglia e minacce” e poi, nella serata di ieri, alla notifica del provvedimento emesso dal GIP del Tribunale di Cassino del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati alle persone offese e ai luoghi dalle stesse frequentati. In particolare lo stesso dovrà rispettare la distanza di 300 metri ed evitare qualsiasi tipo di contatto anche telefonico e via internet.

20 Luglio 2018 0

Allontanato da casa ma sorpreso a citofonare alla ex moglie, arrestato marito violento

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – Nonostante gli fosse stato fatto il divieto di avvicinare alla sua ex e ai due figli minori, è stato sorpreso davanti al portone di casa a citofonare con insistenza alla ex consorte. Come se non bastasse, il 32enne di Frosinone si sarebbe scagliato contro gli agenti di polizia.

Per questo l’uomo è stato inizialmente denunciato e, successivamente, su disposizione del tribunale, il divieto di avvicinamento è stato trasformato in una ordinanza di custodia cautelare in carcere con la conseguente sospensione dell’autorità genitoriale.

Una vicenda nata alcuni anni prima, quando l’uomo, secondo quanto denunciato dalla ex moglie e secondo le risultanze investigative degli agenti della questura, si era reso protagonista di continue violenze tra le mura domestiche.

 

31 Maggio 2018 0

Minacciata dall’ex che la voleva sposare per ottenendo la cittadinanza, allontanato a Latina 29enne nigeriano

Di Ermanno Amedei

LATINA – Gli agenti della Seconda Sezione della Squadra Mobile, hanno dato esecuzione all’ordinanza del divieto di avvicinamento alla casa famigliare ed alla convivente, emessa dal gip del Tribunale di Latina dr. Pierpaolo Bortone, come da richiesta del Procuratore aggiunto dr. Carlo La Speranza, a carico di O.N.D. cittadino nigeriano 29 anni, residente a Latina.

Il provvedimento è stato emesso a seguito dell’attività investigativa scaturita dalla denuncia formalizzata dell’ex convivente italiana, nel corso della quale sono state raccolte e documentate prove circa l’esistenza dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni aggravate ed estorsione, poste in essere in più circostanze dal prevenuto a carico della convivente, anche per costringerla a contrarre matrimonio al fine di ottenere la cittadinanza italiana.

10 Marzo 2018 0

Denunciato e allontanato dalla polizia, per porto abusivo di armi, un 20enne rumeno

Di felice pensabene

CASSINO – La Polizia di Stato di Cassino unitamente alla squadra cinofili di Napoli e al reparto prevenzione crimine di Roma ha effettuato dei controlli straordinari sul territorio della città Martire.

I risultati conseguiti sono i seguenti: una persona di 20 anni, rumeno,ma residente a Napoli denunciato alla procura della Repubblica di Cassino,per possesso ingiustificato di porto o armi ad offendere.

Il ragazzo è stato sorpreso alla stazione di Cassino, tra auto in sosta,con fare sospetto. Il ragazzo è stato anche munito di fvo da Cassino.   Due ragazzi di Roccasecca sono stati trovati nel quartiere di San Bartolomeo, senza patente e senza assicurazione,e sono stati muniti di fvo da Cassino.

I controlli antidroga hanno segnalato 2  persone al Prefetto di Frosinone ,trovati con alcuni grammi hashish. I controlli alla stazione ferroviaria,villa comunale e centro cittadino.

29 Gennaio 2018 0

Maltrattamenti e violenze domestiche sulla compagna, allontanato il convivente

Di felice pensabene

Frosinone – Un’altra giovane donna vittima di maltrattamenti fisici e psicologici, l’ennesima storia di violenza tra le mura domestiche. Interviene prontamente la Squadra Volante in seguito a segnalazione pervenuta sulla linea di emergenza 113 di una violenta lite in atto. L’uomo, un 32enne del capoluogo, nonostante la presenza degli agenti, continua ad inveire e minacciare la convivente.Scatta la denuncia nei confronti del violento per il reato di lesioni – la vittima è stata refertata presso il locale Pronto Soccorso – con provvedimento di divieto di avvicinamento alla d

17 Ottobre 2017 0

Maltrattamenti in famiglia a Cori, allontanato 42enne di Velletri

Di Ermanno Amedei

Velletri – Un 42enne di Velletri, su disposizione della procura di Latina, è stato allontanato dalla casa familiare con un provvedimento urgente eseguito dai carabinieri di Cori (Lt) con contestuale divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dai familiari. I reati contestatigli sono il maltrattamenti contro familiari e conviventi e atti persecutori.

L’immediata attività d’indagine, scaturita a seguito di  denuncia presentata dal coniuge, ha consentito di accertare che il predetto avrebbe reiteratamente molestato, minacciato e usato violenza fisica nei confronti della donna, cagionandole un grave e perdurante stato di ansia.