Tag: campionati

20 Agosto 2019 0

L’Italia vince i campionati del mondo di volo in parapendio

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

DAL MONDO – Dopo il successo nei mondiali di deltaplano lo scorso luglio, il tricolore sventola anche sul podio del 16° Campionato del Mondo di volo in parapendio che si è chiuso a Krushevo in Macedonia.

Joachim Oberhauser, pilota di Termeno (Bolzano), 43 anni, esperto di macchine agricole nella vita, è il nuovo Campione del Mondo. Insieme a lui il team Italia vince per la prima volta identico titolo a squadre in condivisione con la Francia. Oltre che da Oberhauser, la nazionale azzurra comprendeva la milanese Silvia Buzzi Ferraris, Christian Biasi di Rovereto (Trento), Marco Busetta di Paternò (Catania), Alberto Vitale pilota ragusano trapiantato a Bologna e Alberto Castagna di Cologno Monzese (Milano) in veste di CT.

Il successo è scaturito al termine di dieci task, una al giorno, su percorsi dai 65 ai 130 chilometri. Giudici di gara i funzionari della FAI, Fédération Aéronautique Internationale.

Osso duro da battere per i 150 piloti iscritti in rappresentanza di 48 nazioni quelli francesi, campioni del mondo uscenti a squadre, individuale maschile e femminile. In pratica tutte le medaglie erano loro e non si sono smentiti neppure nei cieli macedoni prendendo all’inizio il comando della gara. Per gli azzurri sono stati dieci giorni di passione, su è giù per la graduatoria fino alla svolta nella settima giornata quando Oberhauser è riuscito a scalzare Honorin Hamard dal comando. Alla fine al francese andrà la medaglia di bronzo a pari merito con Vladimir Bacanin (Serbia) e dietro al russo Gleb Sukhotskiy, vice campione del mondo

Un altro momento importante per l’Italia quando Marco Busetta ha vinto la penultima prova portando al team i punti necessari per prendere il comando della classifica a squadre. La reazione dei francesi non si è fatta attendere, tanto che a giochi chiusi i transalpini raggiugeranno gli azzurri sul gradino numero uno del podio. Seguono Giappone e Svizzera.

Tra le quote rosa, impossibile battere Méryl Delferriere (Francia) che ha mantenuto il comando sulle 21 colleghe per tutto il campionato. Medaglia d’argento alla svizzera Yael Margrlisch; quella di bronzo a Ellis (Australia).

Dopo questa impresa possiamo guardare all’Italia come la nazione più forte al mondo nel volo libero in parapendio e deltaplano, laddove per libero si intende il volo senza motore, sulle ali del vento e delle correnti d’aria ascensionali. Non si ricorda neppure un altro sport nel quale atleti azzurri abbiano vinto di più.

24 Marzo 2019 0

Cassino, Campionati nazionali di marcia su strada. Entusiasmo per “Diversamente in marcia” alla IV edizione

Di redazionecassino1

Dopo l’edizione dello scorso anno a Roma, questa mattina sono tornati per la quinta volta sulle strade di Cassino i Campionati Italiani di marcia: in palio i titoli nazionali della 20 km senior e promesse. L’organizzazione è curata dal Cus Cassino e la prova femminile della 20 km è l’occasione per ricordare Anna Rita Sidoti: anche quest’anno sarà consegnato alla vincitrice il trofeo che celebra l’indimenticabile campionessa del mondo dei 10.000 di marcia ad Atene nel 1997.

I Campionati di marcia hanno visto un appuntamento ormai consolidato, la IV edizione di “Diversamente in marcia”, organizzata dall’associazione “Sport No Frontiere ” di Cassino con la collaborazione del consigliere comunale Edilio Terranova, di Maria Palumbo, dell’ex assessore alla cultura  e sport Maria Iannone, della presidente del sodalizio cassinate, Valeria Santini.

La mini gara prevista per “Diversamente in marcia” ha visto la partecipazione di oltre venti ragazzi che hanno interamnete concluso il percorso. Entusiasmo alle stelle fra tutti i “diversamente atleti”, tutti premiati con il ricordo della IV edizione. Un momento di divertimento, di sport e di aggregazione per questi atleti speciali che ogni anno vivono la manifestazione con entusiasmo e agonismo.

La giornata tricolore dedicata agli specialisti del tacco e punta, che si preparano per l’Incontro internazionale di Podebrady (Repubblica Ceca, 6 aprile), la Coppa Europa di Alytus (Lituania, 19 maggio) e i Mondiali di Doha (Qatar, 27 settembre-6 ottobre), è inoltre valida come seconda prova dei Societari di marcia e prevede anche competizioni per gli juniores, gli allievi e i cadettiIn totale saranno 227 i partecipanti, di cui 33 uomini e 21 donne per la 20 km senior e promesse. Gli juniores saranno impegnati sulla distanza dei 15 km (uomini) e 10 km (donne). La 10 km attende anche allievi e allieve per i Cds di categoria. Per i cadetti è l’ora del trofeo nazionale sulla 6 km (uomini) e la 4 km (donne). Tra loro, i vincitori delle ultime due edizioni di Cassino, Federico Tontodonati (Aeronautica) che trionfò nel 2016 e Francesco Fortunato (Fiamme Gialle), “man of the match” nel 2017, già tricolore quest’anno agli Assoluti indoor di Ancona per il quarto titolo consecutivo nei 5000 al coperto. Più combattuta la sfida tra le promesse con la tricolore indoor Lidia Barcella (Bracco Milano) in crescita dopo il quinto posto di domenica scorsa a Lugano (1h38:35) e un gruppo di avversarie tra cui Annalisa Russo (Gs Valsugana Trentino), Beatrice Foresti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) e Anthea Mirabello (Cus Cassino) pronte a inserirsi anche per il podio assoluto. I Campionati di marcia hanno visto anche la IV edizione di “Diversamente in marcia”, organizzata dall’associazione “Sport No Frontiere” di Cassino con la collaborazione del consigliere comunale Edilio Terranova, di Maria Palumbo, della presidente del sodalizio cassinate, Valeria Santini. La mini gara prevista per “Diversamente in marcia” ha visto la partecipazione di oltre venti ragazzi. Entusiasmo alle stelle fra tutti i “diversamente atleti” premiati con il ricordo della IV edizione. Un momento di divertimento, di sport e di aggregazione per questi atleti speciali che ogni anno vivono la manifestazione con entusiasmo e agonismo.

F. Pensabene

17 Luglio 2018 0

Erika, Giulia, Leonardo e Fabio: quattro ciociari ai campionati del Mondo di Stick Fighting

Di admin

FROSINONE – C’è un Mondiale a cui l’Italia partecipa con grandi aspettative di successo: è quello dello Stick Fighting. Si tratta della versione sportiva delle arti marziali Filippine e promossa in Italia dalla GSBA di cui è direttore tecnico il maestro Andrea Citarelli (AKEA). I campionati del Mondo prenderanno il via domani a a Lisbona. Il metodo akea è oggi una combinazione di kali, Pencak Silat, Muaj Thai e Jeet Kune Do che porta avanti l’insegnamento delle arti marziali del Sud asiatico e della “Non Arte” del leggendario Bruce Lee. Gli atleti che fanno parte del team azzurro sono 21 e provengono da diversi Città d’italia, accompagnati dai Coach nazionali Marcoccia Riccardo e Walter Tintinaglia. Anche la provincia di Frosinone sarà presente con 4 atleti della PSP Scudo- Euro Club, che hanno conquistato un ricco medagliere nelle precedenti competizioni nazionali, europee e mondiali: Aversano Erika, De Somma Giulia,  Retico Leonardo , tre giovani promesse delle arti marziali alla loro prima esperienza mondiale ed il Maestro Di Veronica Fabio preparatore atletico dei ragazzi nonché atleta impegnato nella competizione e componente della Squadra Nazionale dal 2006. Lo stick Fighting è una particolare disciplina nella quale gli atleti combattono in tre diverse categorie (GSBA Live Stick- combattimento con bastoni in Rattan; Padded Single Stick – combattimento con bastone singolo e Padded Mix Weapons – combattimento con armi miste) . È prevista inoltre una particolare esibizione detta Saiaw, ovvero “forma”, nella quale gli atleti si cimentano in tecniche di combattimento a solo, nella quale verrà premiata la performance migliore! L’Italia sarà rappresentata in questa divisione da De Somma Giulia. In bocca al lupo a tutti gli atleti.

4 Luglio 2018 0

Il Cus-Cassino trionfa anche ai Campionati Italiani Master di Arezzo

Di redazionecassino1

AREZZO – Ancora un grande successo per gli atleti del Cus Cassino. La compagine del Centro Universitario Sportivo guidato dal professor Carmine Calce, ha portato a casa nuove medaglie, dopo quelle conquistate di recente ai Campionati Nazionali Universitari in Molise.

Nei giorni 29 – 30 giugno e primo luglio luglio, ad Arezzo, si sono disputati i Campionati Italiani Master che hanno visto la partecipazione degli atleti del Cus Cassino.

Nel primo giorno di gare l’atleta Fiorella Pittiglio ha affrontato la prova dei 300 ostacoli piazzandosi al secondo posto con un tempo di 1’01”50. A seguire, il 30 giugno, Sergio Calce ha disputato i 1500 metri piazzandosi ottavo con un tempo di 4’46. Lo stesso giorno anche l’atleta Annalisa Miacci si è difesa bene nella gara dei 1500 metri piazzandosi decima con un tempo di 5’39”60. L’ultimo giorno , nella mattinata del primo luglio, di nuovo Fiorella Pittiglio alle prese con i 2000 siepi che l’hanno vista portarsi al secondo gradino del podio con un tempo di 9’13”87, poco più tardi anche Sergio Calce ha preso parte agli 800 metri con un ottima prestazione, un tempo di 2’16 che gli ha permesso di piazzarsi sesto in classifica.

Il professore Carmine Calce, presidente del Cus Cassino, torna ad applaudire i suoi atleti e nuovamente ribadisce: “Il Cus  proprio in questi giorni ha avanzato la richiesta di organizzazione dei campionati italiani di Corsa campestre (festival del cross) e dei campionati master di corsa campestre per il 2019, in occasione della ricorrenza dei 40 anni di attività dell’Unicas”.

4 Luglio 2018 0

Pioggia di medaglie per il Cus-Cassino ai Campionati Nazionali Universitari in Molise

Di redazionecassino1
Una pioggia di medaglie per gli atleti del Centro Universitario Sportivo ai campionati nazionali universitari che quest’anno sono stati ospitati dall’ateneo del Molise.Samuele Cerro, un’atleta cussino cresciuto nell’atletica Pontecorvo, ha vinto i campionati nazionali universitari  nella gara del salto in lungo con una misura di 7,83 e ha poi fatto doppietta con un oro anche nel salto triplo staccando di parecchio gli avversari con una misura di 16,24. Un altro oro è arrivato da  Francesca Mastrantuono,  prima classificata nel taekwondo nella categoria – 67 cintura nera. Un argento è stato invece conquistato da Prisco Casertano nel judo maschile categoria – 81.  Infine un bronzo nella scherma: la medaglia è stata conquistata da Marta Zapparato nella specialità spada. Questi atleti sono stati quindi omaggiati e nuovamente premiati in una cerimonia ad hoc che si è svolta nei giorni scorsi nell’aula magna del Campus Folcara.  Presenti, oltre agli atleti vincitori. il Magnifico Rettore Giovanni Betta, il Presidente della Commissione sport e cultura della Regione Lazio  Pasquale Ciacciarelli, il vice presidente della Provincia di Frosinone, Massimiliano Mignanelli, il Direttore di Laziodisu Riccardo Pignatelli anche in rappresentanza dell’Adisu, il dottor Carmelo Ursino, la professoressa Giovanna Calise e il presidente del Cus Cassino Carmine Calce, oltre che unfolto gruppo studenti. L’occasione è stata motivo di riflessione sull’importanza dello sport a livello universitario, e la possibilità del raggiungimento di obiettivi sportivi importanti senza tralasciare la carriera universitaria. In modo particolare sono intervenuti i rappresentanti degli studenti Achille Migliorelli (Primavera Studentesca), Riccardo Mancinelli (Guardiani della strada) e Marco Mignanelli (Unisono) con un discorso di plauso ed elogio al Cus Cassino per le iniziative intraprese, mettendosi a disposizione per avviare un’attività di collaborazione per la diffusione di dette iniziative per cercare di incrementare il numero di atleti partecipanti e, dunque di studenti. Sono stati premiati tutti i vincitori di medaglie.  Per quanto riguarda gli sport a squadra e in modo particolare per il calcio, è stato letto il saluto e il ringraziamento al Cus Cassino per l’opportunità e la bella esperienza di rappresentare l’Ateneo di Cassino per diversi anni da parte del capitano uscente, Pierluigi Dalla Bona, sempre a disposizione, studente/atleta con il merito di aver formato un vero “team”. Quest’anno laureato, ha passato il testimone al nuovo capitano, Mario Pacitto. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal Rettore Betta che ha consegnato ai medagliati il sigillo personalizzato dell’Università degli Studi di Cassino, mentre il presidente del Cus Cassino ha consegnato ai presenti una targa ricordo. Il Magnifico Rettore, vista la presenza delle varie Autorità e Istituzioni, ha colto l’occasione di parlare della doppia carriera Universitaria con Laziodisu per poter dare la possibilità di studiare pur essendo atleti di alto livello nazionale e internazionale prevedendo anche la possibilità di un’attenzione in più, introducendo eventualmente anche la figura di un tutor per sostenere gli esami. Anche il Presidente Ciacciarelli ha dato la piena disponibilità per sostenere le attività sportive dell’ateneo di Cassino e iniziative sportive future, attraverso interventi regionali. A tal proposito il presidente Calce ha annunciato che il Cus Cassino proprio in questi giorni ha avanzato la richiesta di organizzazione dei campionati italiani di Corsa campestre (festival del cross) e dei campionati master di corsa campestre per il 2019, in occasione della ricorrenza dei 40 anni di attività dell’Unicas. Le autorità presenti hanno dato piena disponibilità per collaborare a questa iniziativa.
24 Maggio 2018 0

Pioggia di medaglie per gli atleti del CUS-Cassino ai Campionati Nazionali Universitari

Di redazionecassino1

CAMPOBASSO – Pioggia di medaglie per gli atleti del Centro Universitario Sportivo di Cassino nei campionati Nazionali Universitari che si stanno svolgendo in Molise.

Quella di quest’anno è l’edizione numero 72 dei Campionati nazionali universitari: cinque anni fa, nel 2013, i Cnu – lo ricordiamo – furono organizzati dal Cus Cassino nella città martire. Quest’anno la cerimonia inaugurale dell’edizione primaverile si è tenuta venerdì 18 maggio a Campobasso, organizzata dall’Università degli Studi del Molise e dal Cus Molise. Sabato sono quindi partite le gare degli atleti provenienti dalle università di tutta Italia. Campi di gioco in tutta la Regione Molise.

Fino a sabato prossimo, 26 maggio, quando calerà il sipario, saranno coinvolti molti comuni del territorio molisano in una manifestazione che sta dando tantissimo spettacolo. Gli atleti del Cus Cassino, capitanati dal presidente Carmine Calce, hanno subito dato il meglio.

Samuele Cerro, un’atleta cussino cresciuto nell’ atletica Pontecorvo, ha vinto i campionati nazionali universitari  nella gara del salto in lungo con una misura di 7,83 e ha poi fatto doppietta con un oro anche nel salto triplo staccando di parecchio gli avversari con una misura di 16,24 nella gara di domenica scorsa. Un altro oro è arrivato da Francesca Mastrantuono,  prima classificata nel taekwondo nella categoria – 67 cintura nera. Un argento è stato invece conquistato da Prisco Casertano nel judo maschile categoria – 81.  Infine un bronzo nella scherma: la medaglia è stata conquistata da Marta Zapparato nella specialità spada. Ma non è finita qui, perché la competizione va avanti e il Cus Cassino spera di portare a casa altre medaglie: venerdì 25 maggio sarà la giornata cruciale in cui saranno assegnati la maggior parte dei titoli di campione italiano universitario 2018.

La kermesse, promossa dal Centro universitario sportivo italiano, è tornata in Molise dopo otto anni. L’edizione 2010 riscosse il plauso di tutti i partecipanti ed oggi è altissimo l’entusiasmo per la rinnovata fiducia ottenuta dal Comitato universitario sportivo italiano. Un riconoscimento di stima per la piccola ma funzionale Università degli Studi del Molise, che è pronta a sorprendere ancora una volta. E al bis punta anche il professor Calce che, dopo l’esperienza del 2013, intende riportare i Cnu a Cassino molto presto.

  

3 Maggio 2017 0

Campionati Centromeridionali ad Atina. Dal 4 al 7 maggio al Centro Ippico

Di redazione

Tutto pronto per un importantissimo evento che coinvolge ben undici regioni,450 cavalli, 3000 presenze. Dal 4 al 7 maggio 2017, il Centro Ippico di Atina, in provincia di Frosinone, ospiterà i Campionati Centromeridionali 2017. Si tratta di una delle manifestazioni più di rilievo nel panorama dell’Equitazione Nazionale di rilievo nella calendarizzazione sportiva della Fise del 2017, riservato ai tesserati di Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e Umbria.

L’Associazione Ippica Atina, presieduta da Fabio Tamburrini, vanta una esperienza ventennale ed è già stata scelta dalla Federazione Italiana Sport Equestri nel 2014, e poi nel 2015, per organizzare questa kermesse di prima grandezza.

Complice la logistica di eccezione, che può contare su una scuderizzazione extra, ottimizzata dalla presenza di 350 box fissi; 3 campi gara, 2 campi prova, uno dei quali coperto, due ristoranti, due bar, docce e servizi per gli atleti e i loro collaboratori. Tutto questo concretizza le premesse per un successo annunciato. Le categorie: Seniores, Juniores, Young Rider,Children, Squadre, si daranno battaglia in una quattro giorni che si annuncia di altissimo livello agonistico e grande emozione.

10 Aprile 2017 0

Cus-Cassino il calcio a 5 vola ai Campionati Nazionali Universitari di Catania

Di redazionecassino1

La squadra di calcio a 5 del Cus Cassino vola ai Campionati Nazionali Universitari di Catania. La compagine del professor Carmine Calce – guidata da Flaminia Calce e capitanata da Daniele Fusco – ha espugnato il campo del Siena per 1 a 4 e così, dopo che l’andata nella città martire era terminata in pareggio (1-1), è pronta a volare alle fase finali dei Cnu che si terranno nel prossimo dal 9 al 18 giugno a Catania. Per la formazione di calcio a cinque sono scesi in campo: Francesco Di Fonzo, Matteo Pannozzo, Daniele Fusco, Diego Polselli, Alessandro Mercone, Alessio Patriarca, Mattia Izzo, Simone Cretella e Mariano Carcatella. Un grosso applauso ai ragazzi, che portano così in alto il nome della compagine cussina, è giunto dal presidente del Centro Universitario Sportivo Carmine Calce e anche dai vertici dell’Unicas. Nelle prossime settimane si svolgeranno anche le gare di altre discipline e non è escluso che a Catania, insieme alla compagine di calcio a 5, possano qualificarsi anche altre squadre. Tutto questo mentre volgono al termine più o meno quasi tutti i campionati. Sabato a Gaeta la compagine di pallamano ha disputato la penultima gara e ora nel sud pontino si inizia seriamente a lavorare ai campionati di beach handball, che si terranno alla fine del mese di maggio. Ottimista sulle performnces dei cussini del Cus Cassino-Geta si dice mister Antonio Viola, che argomenta: “Piano piano siamo arrivati a fare oltre 20 reti,cosa che ci sembrava impossibile agli inizi,ma ne subiamo ancora troppi; in queste ultime partite questa tendenza si invertirà lentamente e questa differenza diminuirà. Prima di piangerci addosso vediamo chi siamo e crediamo al nostro nostro obiettivo,ora siamo sul fondo ma la salvezza è stata raggiunta e bisogna pensare che dobbiamo e possiamo solo crescere”.

27 Marzo 2017 0

Campionati Nazionali di marcia: a Francesco Fortunato e Valentina Trapletti i titoli nazionali assoluti

Di redazionecassino1

Cassino – Nei Campionati italiani della 20 chilometri di marcia, a Cassino, i titoli nazionali assoluti vanno a Francesco Fortunato e Valentina Trapletti. Il 22enne pugliese delle Fiamme Gialle conquista il suo primo tricolore sulla distanza dei 20 chilometri e il quarto della carriera con il tempo di 1h22:04, migliorando di quasi un minuto rispetto al suo precedente record personale e lo standard di iscrizione per i prossimi Mondiali di Londra (4-13 agosto). Decisiva per il pugliese è stata la progressione finale, con cui si è lasciato alle spalle il piemontese Federico Tontodonati (Aeronautica), campione uscente, mentre chiude terzo il romano Marco De Luca (Fiamme Gialle). Tra le donne, la portacolori dell’Esercito conduce una gara in solitaria aggiudicandosi il Trofeo Annarita Sidoti, intitolato all’indimenticabile campionessa mondiale ed europea, a cui è dedicato un film da ieri nei cinema.

FOTO REPERTORIO

22 Marzo 2017 0

Presentati “Campionati Nazionali di Marcia” e II edizione di “Diversamente in marcia”

Di redazionecassino1

Cassino – Sala Restagno del comune di Cassino gremita, questo pomeriggio, in occasione della presentazione dei “Campionati Nazionali di marcia” organizzati dalla ASD Kronos Roma e dall’associazione “Sport No Frontiere” di Cassino, che anche quest’anno hanno scelto le strade della Città Martire per una gara di valore nazionale ed internazionale. La presentazione dell’importante evento sportivo, alla presenza del sindaco Carlo Maria D’Alessandro, del Rettore dell’Università di Cassino e L.M., del presidente del Cus, Carmine Calce, e di Rosario Petrungaro della ASD Ktonos Roma, è stata l’occasione per presentare la II edizione di “Diversamente in marcia” organizzata dall’associazione “Sport No Frontiere” di Cassino. Una gara non competitiva, di cinquecento metri, riservata ai ragazzi diversamente abili per favorire la pratica sportiva delle persone con disabilità, non solo sotto l’aspetto del benessere fisico, ma come “volano” per la loro integrazione sociale. Obiettivi che l’associazione “Sport No Frontiere” porta avanti da tempo attraverso altri importanti eventi sportivi. La manifestazione “Diversamente in marcia” rappresenta un momento di pratica sportiva, ma soprattutto – ha sottolineato il presidente dell’associazione “Sport No Frontiere”, Valeria Santini, una giornata di aggregazione e di sensibilizzazione ai problemi del mondo dei disabili. Quest’anno – ha proseguito la dott.ssa Santini – abbiamo voluto integrare la manifestazione oltre che con la competizione sportiva dei ragazzi accompagnati dai marciatori e dagli allievi dell’80° Reggimento “Roma”, anche con il teatro. Per questo abbiamo voluto la partecipazione di un testimonial speciale, l’attore-regista Marco Di Stefano che ha voluto mettere in scena un piccolo sketch con gli attori diversamente abili del CUT, diretto da Giorgio Mennoia. In questa seconda edizione – ha proseguito Valeria Santini – abbiamo voluto dare risalto all’aspetto creativo dei ragazzi disabili che frequentano il Centro Teatrale Universitario di Mennoia attraverso una forma particolare di integrazione, come il teatro della Comunità che Marco Di Stefano realizza da anni in Italia e all’estero”. Durante la conferenza stampa, infatti, Marco Di Stefano, con un gruppo di disabili del CUT ha dato vita ad uno sketch che evidenziasse le potenzialità dei ragazzi, ma che può essere estesa a tutti i componenti della società civile, della polis, in altri termini della Comunità.

“Il Teatro della Comunità – spiega Di Stefano, che abbiamo incontrato in una pausa della preparazione dello spettacolo, – ha proprio lo scopo di portare in scena la polis, la piazza, la storia della comunità, dove non occorre essere attori per partecipare, è uno spettacolo animato dalle persone comuni aperto a tutti. La collaborazione con le associazioni dei disabili è fondamentale dove i portatori di diverse abilità costituiscono la “guida” per i cittadini – una sorta di artisti a ruoli ribaltati”. “In tal modo, – ha proseguito Marco Di Stefano – da un lato, si favorisce un percorso di integrazione del disabile nel tessuto sociale e, dall’altro, si avvicinano i cittadini alle difficoltà quotidiane vissute da queste persone, sensibilizzando tutti a guardare e vivere con gli occhi di chi non può o non riesce a superare semplici impedimenti quotidiani”.

Il Teatro della Comunità, quindi, come incontro fra generazioni, dove persone comuni danno vita ad uno spettacolo in cui sono loro i veri protagonisti, nei ruoli di attori, registi e scenografi. Quando è possibile, lo spettacolo viene realizzato nel teatro principale della città, o in altri luoghi di quartiere, ma anche nelle case con l’intento di aprire spazi alla comunità – spesso poco utilizzati – di riunione, di riflessione, di confronto.

“Il mio auspicio, dopo questa esperienza se pur breve nella vostra città, – ha concluso Di Stefano – è di  poter realizzare con questi ragazzi, come avviene da diversi anni in città italiane, come Macerata, Civitanova Marche, Amandola, un’esperienza nuova di teatro della Comunità anche a Cassino, valorizzando l’enorme patrimonio archeologico come il vostro favoloso teatro romano”.

Ora tutti pronti ai “nastri di partenza” per le gare domenica 26 marzo!

F. Pensabene