Tag: quarto

19 Febbraio 2019 0

Incendio nell’alloggio Ater a Frosinone, le fiamme divampano al quarto piano

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Un incendio si è sviluppato ieri all’interno di un alloggio ATER in Corso Francia a Frosinone.  Al loro artrivo i vigili del fuoco hanno accertato che il rogo interessava il solo locale bagno, mentre nel resto dell’abitazione si erano propagati solo i fumi ed il calore.

Per accede ai locali le fiamme i pompieri sono intervenuti con l’autoscala e domate le fiamme hanno successivamente verificato le condizioni ambientali di tutti locali coinvolti dall’incendio.

Al momento dell’arrivo delle squadre VVF all’interno dell’abitazione non erano presenti gli occupanti, i quali erano già assistiti nel piazzale sottostante dai sanitari dell’ARES 118.

Dalla verifica condotta dopo l’ultimazione delle operazioni di spegnimento ed areazione dei locali, si ritiene che l’appartamento sia da ritenere inagibile per motivi di carattere igienico sanitario.

Foto repertorio

5 Novembre 2018 0

Virtus Cassino, black-out nel terzo quarto e arriva la sesta sconfitta consecutiva ad Agrigento

Di redazionecassino1

Una stagione che fa fatica a decollare, quella di Bagnoli e compagni. Una partita dal doppio volto, quella disputata dagli uomini di coach Vettese, quasi perfetti fino al secondo quarto, ma troppo disattenti e timorosi nella seconda parte di gara per portare a casa i due punti. Una vittoria che non ne vuole sapere di arrivare, e dopo il primo mese di campionato trascorso, adesso lo ‘0’ in classifica può davvero tanto pesare emotivamente sulla tenuta mentale delle ‘V’ rossoblù. Alcune indicazioni importanti, però, per coach Vettese, che ritrova uno strepitoso Bagnoli formato doppia-doppia, ed un sontuoso Davide Raucci, che nonostante una settimana difficile che lo ha tenuto ai box per tutta la settimana per via di un affaticamento muscolare, è voluto scendere a tutti costi in campo per supportare a dovere i compagni di squadra e la compagine cassinate.

Segnali meno confortanti, invece, da parte della coppia americana, che non riesce ad essere incisiva in termini di produzione ed efficacia offensiva. Poco lucidi nelle scelte, troppo morbidi in alcune circostanze di gara, passivi, nonché poco affamati nel riuscire a supportare in modo idoneo la causa virtussina.

La partita inizia con i soliti quintetti da ambe le parti: Bell, Ambrosin, Evangelisti, Cannon e Zilli per la squadra di casa, Jackson, Pepper, Paolin, Bagnoli e Raucci per la Virtus.

Parte meglio la formazione di coach Ciani, che con un jumper di Evangelisti nel pitturato che sblocca il punteggio. Cassino non ci sta e con Jackson e Pepper mette la freccia del sorpasso. A rimbalzo Bagnoli la fa da padrone sia in attacco che in difesa, e con l’ausilio dei compagni, a metà partita, ne mette 14 a referto. Mentre per lo staff siciliano, però, la panchina rappresenta una vera e propria risorsa, per la Virtus non risulta una ‘ricchezza’ su cui fare grosso affidamento. Coach Vettese non riesce a trovare energia dai giovani e dal solito Ingrosso, che non fornisce il suo solito impatto alla gara. La squadra di casa, invece, pesca in Pepe, Fontana e Sosa, delle possibilità da sfruttare e cavalcare. È semplicemente la fame e la voglia di fare bene, che differenzia in questo momento le due squadre. Agrigento è il tipico esempio di una squadra in fiducia, capace di rialzarsi dai momenti difficili, forte anche degli 8 punti in classifica su cui poteva contare all’inizio della gara; la Virtus Cassino dal canto suo, figura come una formazione poco in fiducia, non consapevole delle sue potenzialità e di quello che può fare in questo campionato. Risultato? Ad ogni minima difficoltà, si è propensi a scollarsi, e a provare a risolvere individualmente i problemi del collettivo.

I primi due quarti vedono primeggiare la squadra rossoblù, che chiude in vantaggio di sei lunghezze al 20’.

A questo punto, si decide la gara: nel terzo quarto. È black-out totale per Pepper e compagni. Poca presenza a rimbalzo, troppa superficialità, determinazione, ma soprattutto difesa, che fanno concludere in vantaggio al 30’ la squadra ospite, che vince il quarto per 28-14.

Lo staff rossoblù, prova così a ricucire il gap, provando a chiamare in poco più di 12 minuti, ben 3 time-out. Il nervosismo, però, è troppo, la fisicità e l’intensità messa in campo dal ‘quintetto piccolo’ (Bell, Ambrosin, Fontana, Evangelisti e Cannon, ndc) di coach Ciani è oltre misura, per essere contenuta da lupi rossoblù. Nel quarto periodo la truppa in maglia bianca gestisce il vantaggio, nulla più, ed il PalaMoncada non può far altro che esultare per il confermato primato in classifica. Il risultato finale di gara è di 85-75.

“Sono amareggiato, ma nonostante la sconfitta continuo ad avere fiducia incondizionata in questa squadra. Sono ottimista, e credo che presto riusciremo ad invertire la rotta” commenta in conferenza stampa post-partita il Direttore Sportivo cassinate, Leonardo Manzari.

“È inutile nascondere la delusione dopo un’altra sconfitta, arrivata nel momento in cui sembravamo avere in mano il match. Ci davano come la ‘Cenerentola’ del campionato, ma fino a questo momento non ho mai visto nessuno darcene di santa ragione. Veniamo da un periodo sfortunato sia in termini di infortuni, che in termini di risultati, e questo non ha sicuramente giovato nel risollevare il nostro morale. Anche questa sera, sempre in controllo della gara, ci siamo sciolti negli ultimi 3 minuti del terzo quarto su una decisione arbitrale abbastanza discutibile, dove sui tiri liberi segnati cdi Agrigento, dalla nostra rimessa le due squadre giocano, Dalton segna, ma tutto viene ripetuto perchè la terna arbitrale non aveva sentito la segnalazione dei cambi degli ufficiali di campo. È stata una decisione che ci ha senza dubbio penalizzato, perchè poi quando abbiamo rimesso la palla in gioco, abbiamo fatto fallo in attacco con un blocco irregolare di Bagnoli, e da una situazione di possibile parità, siamo passati ad un -5 sanguinoso, con una ‘bomba’ di Evangelisti da 3 sull’altro lato del campo. Questa, ahimè, è l’amara realtà. Nell’ultimo quarto, infatti, Agrigento non ci ha mai messo in difficoltà, ed abbiamo terminato con sole due lunghezze di distanza il parziale nel quarto. Adesso testa bassa, con ancora più umiltà di quanta non ne abbiamo avuta fino ad ora, per cercare di cambiare insieme, di squadra, le cose”.

Prossimo appuntamento sempre fuori casa per le ‘V’ cassinati, di nuovo in terra di Sicilia. Questa volta ad aspettare Ingrosso e compagni, ci sarà la Pallacanestro Trapani.

 

M Rinnovabili Agrigento – BPC Virtus Cassino 85-75 (16-24, 20-18, 28-14, 21-19)

 

M Rinnovabili Agrigento: Marco Evangelisti 20 (3/7, 4/6), Jalen Cannon 15 (7/12, 0/0), Amir Bell 13 (5/7, 0/1), Simone Pepe 11 (0/1, 3/5), Lorenzo Ambrosin 9 (3/5, 1/3), Edoardo Fontana 7 (2/2, 0/2), Giacomo Zilli 6 (3/5, 0/0), Dimitri Sousa 4 (2/5, 0/2), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0), Paolo Nicoloso 0 (0/0, 0/0), Paolo nello Trupia 0 (0/1, 0/0), Tommaso Guariglia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 17 – Rimbalzi: 32 5 + 27 (Jalen Cannon, Amir Bell 7) – Assist: 19 (Marco Evangelisti 7)

All. Ciani

 

BPC Virtus Cassino: Davide Raucci 19 (8/11, 0/2), Simone Bagnoli 18 (9/14, 0/0), Dalton Pepper 13 (2/7, 3/8), Antino Jackson 10 (2/6, 2/6), Tommaso Ingrosso 7 (0/1, 1/2), Francesco Paolin 3 (0/1, 1/2), Dario Masciarelli 3 (0/0, 1/1), Filippo Rossi 2 (1/1, 0/1), Fabrizio De ninno 0 (0/1, 0/3), Luca Castelluccia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 10 – Rimbalzi: 30 8 + 22 (Simone Bagnoli 12) – Assist: 17 (Dalton Pepper 5)

All. Vettese

18 Dicembre 2017 0

NB Sora 2000 sconfitta in casa dal BK Frascati: fatale il terzo quarto

Di redazionecassino1

Doveva essere la partita della rivalsa e della definitiva rinascita. Partita che scorre via veloce nei primi 20 minuti, con le squadre più preoccupate di segnare piuttosto che difendere. Frascati chiude avanti 42-46 all’intervallo, guidata da un ottimo Chute da 16 punti. Nella ripresa la partita si mantiene in equilibrio, con gli ospiti che arrivano fino al +10 nel terzo quarto, dando una spallata decisiva al match. La NB Sora 2000 non ha più le forze per reagire, nonostante un quarto periodo entusiasmante con Roljic e Stirpe sugli scudi. Finisce 76-83 in favore de Frascati, ennesima  sconfitta per Sora in questo girone di andata.

Arriva dunque un’altra sconfitta casalinga per gli uomini di coach Ortenzi, al termine di una partita in cui i suoi hanno troppo spesso scherzato col fuoco, non chiudendo mai la sfida. Frascati si dimostra una buona squadra, e soprattutto gioca con le idee ben chiare. Una pallacanestro lenta ma efficace quella dei castellani, e soprattutto ben ragionata. Sono 3 gli uomini che hanno guidato il Basket Frascati alla vittoria: Monetti, Zivkovic, Chute (miglior realizzatore del match con 31 punti). Quest’ultimo è stato il vero leader degli ospiti, trascinandoli alla rimonta proprio quando la Sora sembrava aver preso il controllo. Frascati rientra bene dagli spogliatoi, dimostrandosi più reattiva e soprattutto più tosta in difesa. Sora, invece, ha pagato carissimo l’incapacità di azzannare gli avversari, e nel finale probabilmente la paura di perdere è stata più grande della voglia di vincere. Buone le prestazioni di Stirpe, Roljic e Berardi, con Dulovic e Di Prospero con le polveri bagnate. Ma non è bastato questo per vincere: adesso la situazione nel girone si complica, e il prossimo match in casa del San Paolo Ostiense diventa importante se si vuole proseguire il cammino. Resta l’amaro in bocca, perchè ancora una volta il Sora ha gestito male il alcune fasi della gara.

Avvio equilibrato al PalaPanico, con le squadre che ci mettono un po’ a carburare al meglio. La differenza la fanno principalmente gli attacchi, con le difese che sembrano un po’ distratte. Dopo 3 minuti punteggio sul 4-9. Sora allunga la difesa e Hussin trova un gioco da 3 punti in contropiede. Gli ospiti sono piuttosto imprecisi costringono il coach Martiri al timeout. Ancora l’asse Monetti-Chute porta quest’ultimo a segnare il suo tredicesimo punto. Il quarto prosegue in grande equilibrio, con nessuna delle due squadre che riesce ad allungare. Bella sfida sotto le plance tra Dulovic e Zivkovic, che danno vita a un paio di duelli in post basso. Si va al primo riposo con Stirpe che segna il suo settimo punto personale. Per i frascatani 13 punti di un positivo Chute. Punteggio molto alto, a dimostrazione di una scarsa concentrazione difensiva: 22-28 per il Club Bk Frascati.

Nel secondo quarto parte bene Frascati con quattro punti di fila di Triggiani, a cui risponde Stirpe e Dulovic. Gli ospiti continuano a cercare giustamente Zivkovic, che li ripaga col suo gioco spalle a canestro. Partita che sembra non riuscire ad accendersi, con botta e risposta delle due formazioni. Sora prova ad approfittarne ma l’attacco continua a essere impreciso e la palla circola male. Punteggio sul 30-35 al 13-esimo minuto. Ancora il solito Berardi prova a dare la scossa ai suoi, con una bella giocata. La partita sembra poter finalmente decollare, ma le mani sono “fredde” e le squadre sbagliano un paio di tiri aperti. Un altro errore gratuito locale apre spazio alla transizione ospite, e stavolta Monetti segna la tripla del 33-40 a 4’16” dall’intervallo lungo. I volsci giocano bene dopo l’uscita dal timeout, ma continuano a sbagliare buoni tiri, non riuscendo ad avvicinarsi al Frascati, che però non ne approfitta. Stirpe segna una sequenza di canestri che riporta i locali sul -2, costringendo coach Martiri al timeout. La partita si mantiene in grande equilibrio, con le due compagini che sembrano ancora studiarsi. Due svarioni dei ragazzi di Ortenzi porta Frascati ad allontanare le ombre dei padroni di casa (+4, 20-18). Il quarto si chiude sul 42-46.

Le squadre rientrano dagli spogliatoi e Frascati sembra provare subito a dare un’accelerata, cambiando difesa. La NB Sora è imprecisa all’inizio, coach Ortenzi continua ad alternare la sua difesa, cercando di arginare le giocate ospiti. Frascati da parte sua chiude bene gli spazi e Chute sigla il +10. Si fa rivedere anche Monetti, con una tripla, che mantiene le distanze tra le due squadre. I padroni di casa cercano di accorciare le distanza, ma Hussin e Dulovic sbagliano, consentendo ad Chute di riportare gli ospiti sul + 18 (48-66). Si arriva agli ultimi 3 minuti, e sembra di essere tornati al primo tempo: molti errori e troppe palle perse su entrambi i lati. E’ Triggiani (BK Frascati) a guidare i suoi nel finale di quarto, arrivando fino al +19 con cui si chiude il quarto (51-71).

Si apre l’ultimo periodo, seguendo sempre lo stesso canovaccio degli altri: Frascati prova ad allungare ma non ci riesce. Arriva addirittura la riscossa dei volsci 63-79. arrivano fino al 75-79. Ultimi 3 minuti ad appannaggio dei locali con Dulovic Stirpe e Roljic svegliatosi dal letargo del terzo quarto (24-12). Sora ci prova fino in fondo ma troppo è il divario accumulato dagli ospiti e non c’è più tempo: termina il match 76-83 tra i festeggiamenti dei ragazzi in maglia rossoblù.

Damiano Carrozzo (Dir. Resp.) – “Siamo dispiaciuti per aver chiuso il 2017 con una sconfitta e soprattutto perché siamo rimasti fermi a quota 2 in classifica. La ruota ci sta girando male e non è purtroppo la prima volta che accade quest’anno. Sappiamo della situazione non semplice, ma non dobbiamo fare drammi perché siamo in piena lotta per poterci salvare ed abbiamo i mezzi per poterlo fare. La squadra è viva ed ha tutte le potenzialità per potersi rialzare e tirarsi fuori da questa situazione. Del resto, lo ribadisco, avremmo meritato qualche punto in più in classifica. Tuttavia, i divari non sono incolmabili e se giochiamo con intensità riusciremo a vincere ed a raggiungere il nostro obiettivo stagionale”. Prossimo appuntamento (06.01.2018 ore 18.00) vedrà la formazione di coach Ortenzi impegnata nella difficile trasferta di Roma contro il San Polo Ostiense.

 

N.B. Sora 2000 76 – Club Bk Frascati 83

Parziali: 22-28 / 20-18 / 10-25 / 24-12

N.B. Sora 2000: Stirpe 27, Santucci n.e., Castellucci n.e., Roljic 19, Di Prospero 1, Radonjic 0, Berardi 8, Vona n.e., Jancic 2, Bulatovic 0, Dulovic 12, Hussin 7; Coach: Ortenzi

 

Club Bk Frascati: Ramos Monteiro 2, La Franceschina 0, Monetti 16, Zivkovic 19, Mastrantoni 0, Triggiani 15, Pannozzo 0, Fiorentino 0, Chute 31, Ansovini n.e., Grisolia 0, Reggi 0; Coach: Martiri

 

13 Settembre 2016 0

Pericoloso gruppo criminale. In manette il quarto rapinatore a Ferentino

Di redazione

Nella serata di ieri, in Ferentino, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo, in collaborazione con i militari della Compagnia di Anagni, nel contesto delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone e finalizzate al contrasto delle rapine perpetrate da un agguerrito gruppo criminale operante nel basso frusinate, ottemperando all’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa il 12 settembre 2016 dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone, hanno arrestato un 41enne residente a Ferentino, disoccupato, già censito,  ritenuto responsabile di“concorso finalizzato alla rapina aggravata, porto di illegale di arma clandestina completa di  relativo munizionamento e ricettazione”. Nei mesi di gennaio e febbraio 2016 un gruppo criminale costituito da malviventi residenti nella provincia di Frosinone, disponendo di una pistola clandestina ed utilizzando anche un machete, avevano perpetrato le seguenti efferate rapine, originando un notevole allarme nella cittadinanza: A 2016, ai danni del Bar tabacchi  ricevitoria, di Monte San Giovanni Campano con un  bottino Euro 1.000,00; Il  9 febbraio 2016, ai danni del Bar Holiday, di Ceprano, bottino Euro 1.000,00; 11 febbraio 2016, ai danni della ricevitoria Tabacchi “Caldaroni”, di Arce, bottino Euro 2.000,00; 13 febbraio 2016, ai danni della ricevitoria Tabacchi “Raponi”, di Monte San Giovanni Campano, bottino  Euro 1.300,00. Nonostante la tempestiva individuazione dei possibili rapinatori da parte dei militari dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo e l’approntamento di adeguati dispositivi di prevenzione, grazie ai quali in data 13 febbraio 2016 era stato possibile anche scongiurare una rapina ai danni del supermercato “Conad” di Pico, nella serata del 15 febbraio 2016, alle ore 20,00 circa, il gruppo individuato, costituito da 4 malviventi, aveva spregiudicatamente perpetrato l’ennesima rapina in Casalvieri ai danni del supermercato “Eurospin”. Nella circostanza i rapinatori, tutti travisati, dopo aver minacciato gli esercenti e gli avventori con un machete e una pistola semiautomatica, con la quale avevano tentato di esplodere anche dei colpi, lasciando sul posto due proiettili fortuitamente inesplosi, erano riusciti ad impossessarsi dell’incasso corrispondente alla somma di euro 1.890, dandosi successivamente alla fuga. L’immediata attivazione del dispositivo di contenimento areale, alle ore 21.00 circa, consentiva di intercettare i fuggitivi in Roccasecca da parte dei Carabinieri della locale Stazione. Nella circostanza, grazie alla determinazione dei militari operanti, nonostante le concitate fasi che avevano caratterizzato l’intervento, vennero tratti in arresto in flagranza di reato un 26enne ed un 20enne di San Giovanni Incarico; un 28enne di Monte San Giovanni Campano; una 28enne di Piglio ed un 30enne egiziano residente a Ferentino, tutti ritenuti responsabili dei reati di “concorso finalizzato alla rapina aggravata, porto di illegale di arma clandestina completa di  relativo munizionamento e ricettazione”. Nell’occasione i militari operanti rinvenivano e sequestravano: un’arma clandestina (realizzata previa modifica di una fedele riproduzione di una pistola marca beretta mod. 85) perfettamente funzionante, completa di caricatore  contenente 4 munizioni cal. 7,65, occultata sotto il sedile anteriore destro del veicolo;la somma contante di euro 1.890, corrispondente a quanto asportato nel corso della rapina; un machete avente lama lunga cm 40, utilizzato per la rapina; 1 passamontagna; un’autovettura Fiat Punto rubata, utilizzata per le prime fasi della fuga e conseguentemente abbandonata alla periferia di Casalvieri. Gli oggettivi e contestuali riscontri acquisiti risultavano pienamente concordanti con le risultanze investigative già raccolte nei confronti degli arrestati, inconfutabilmente identificati quali autori anche delle precedenti rapine attribuitegli. Considerando le oggettivazioni riscontrate, il 24 febbraio 2016 il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone  emetteva un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere nei confronti dei suddetti arrestati, poiché ritenuti responsabili anche delle precedenti rapine attribuitegli. Gli ulteriori approfondimenti investigativi, soprattutto in relazione alla rapina perpetrata a Monte San Giovanni Campano, il 13 febbraio 2016, ai danni della ricevitoria Tabacchi “Raponi”, ne consentivano l’analitica ricostruzione delle relative dinamiche delittuose, permettendo di accertare che il colpo era stato perfezionato da tre dei rapinatori già arrestati, segnatamente il 20enne di San Giovanni Incarico; la 28enne di Piglio ed il 30enne egiziano residente a Ferentino, i quali avevano agito con la complicità di un quarto rapinatore identificato nel 41enne residente a Ferentino. L’Autorità Giudiziaria procedente, condividendo pienamente le ulteriori risultanze investigative, in data 12 settembre 2016 emetteva un’Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere a carico del 41enne. L’arrestato, espletate le formalità di rito, veniva associato alla Casa Circondariale di Frosinone.

12 Settembre 2016 0

Precipita dal quarto piano a Cassino, vittima era di San Vittore del Lazio

Di admin

Cassino – Aveva 29 anni il giovane morto questa sera alle 19.30 in via Carducci a Cassino. Pare che l’ipotesi più accreditata sia quella del suicidio. Nessuna speranza di salvezza. Dopo il volo dal quarto piano, è deceduto in pochi minuti. Inutile l’intervento del medico ed ex assessore Stefania Di Russo. Pare che il ragazzo, con parenti e lui stesso originario di San Vittore del Lazio, si sia lanciato dalla casa della nonna. La strada è ancora chiusa e il corpo è ancora sull’asfalto. Significa che le indagini sono ancora in corso.

Leggi precedente

Er. Amedei

12 Settembre 2016 0

Cade dal quarto piano a Cassino, 23 anni deceduto

Di admin

Cassino – Il corpo di un 23enne è stato visto cadere dal balcone al quarto piano nei pressi di via Carducci a Cassino. I testimoni che hanno assistito allo schianto sull’asfalto di quello che sembra essere un giovane, sono rimasti terrorizzati e, superato lo shock, hanno lanciato l’allarme. Sul posto sono arrivate le forze dell’ordine e un’ambulanza del 118. Allertata anche una eliambulanza. Un medico di passaggio ha dato il primo soccorso ma, purtroppo, per il giovene non c’è stato nulla da fare.

Leggi successivo

Er. Amedei

12 Settembre 2016 0

Basket: Quarto impegno di pre season per la Virtus Cassino sul parquet di Isernia

Di redazionecassino1

Quarto impegno di pre season per la BPC Virtus Cassino . La formazione cassinate è in trasferta per la terza volta e stavolta sul parquet di Isernia. E’ il terzo impegno agonistico settimanale per le V rossoblù in soli 6 giorni. La Virtus, targata Banca popolare del Cassinate, vi giunge con le giuste tossine di una intensa settimana di lavoro e piena di acciacchi come si conviene al periodo dell’anno . Si gioca di fronte ad un nutrito e come sempre caloroso pubblico da queste parti . I giovani atleti isernini allenati da coach Sanfilippo promettono di affrontare senza paura i più quotati ed esperti avversari . Ed i parziali dell’incontro infatti fotografano bene la verve che i padroni di casa gettano nella mischia , con due primi quarti perfetti per organizzazione di gioco e volontà. I locali pertanto riescono a vincere le prime due frazioni di gioco , rispettivamente per 19 a 18 la prima , mentre la seconda con un margine di 4 lunghezze , 23 a 19 . Dopo la pausa lunga la Virtus Cassino alza i ritmi difensivi ma Isernia non molla affatto e la frazione si chiude sul 9 a 9 . Nell’ultimo mini tempo si conferma l’equilibrio sul parquet ma è la volta dei cassinati ad aggiudicarsi i dieci minuti di gioco con il punteggio di 15 a 12 . È stata un’amichevole molto divertente e combattuta senza esclusione di colpi dal punto di vista tattico ma anche dal punto di vista fisico . “Abbiamo giocato un buon primo quarto in attacco – ha dichiarato il coach degli isernini ,Sanfilippo – e nel secondo tempo ci siamo spesi molto in difesa. Tutti i miei giocatori sono stati bravi, nessuno escluso. Sono soddisfatto anche per quanto riguarda l’aspetto fisico: i ragazzi hanno retto egregiamente contro atleti che hanno fisici da serie A2”. Secondo il coach locale in considerazione del roster ridotto in termini numerici , Sanfilippo punta molto sulle amichevoli per far allenare i suoi. Giovedì prossimo l’Isernia se la vedrà tra le mura amiche contro Sarno, squadra che milita nella C campana. Sull’altro fronte il coach dei cassinati Luca Vettese non ha voluto rilasciare interviste o commenti a margine della gara disputata . L’allenatore dei cassinati non ha potuto ancora contare sull’apporto di Simone Bagnoli e per strada , nel corso del primo quarto , dopo pochi minuti si è aggiunta la defezione di Biagio Sergio . La BPC Virtus Cassino tornerà in campo mercoledì prossimo alle 20.00 sul parquet della Virtus Fondi, forte squadra del campionato di serie C gold. Sarà la quinta amichevole di pre campionato che inizierà il prossimo 1 ottobre per i rossoblù cassinati sul parquet dei Tigers di Forlì . Di seguito il tabellino dei cassinati relativo alla gara con Isernia . BPC Virtus Cassino : Giampaoli 10 , Quartuccio 1, Guglielmo , Sergio , Marsili 9 , Potì 2 , Valesin 13 , Del Testa 13 , Bagnoli , Serra

28 Novembre 2009 0

Il cane Quarto trova la cocaina, mamma 36enne in manette

Di redazione

Durante le prime ora del mattino, in seno ad un’operazione finalizzata a contrastare il dilagante fenomento di spaccio di sostanze stupefacenti, militari del Nucleuo Operativo della Compagnia carabinieri di Lanciano, coordinati dal Ten. Palma Lavecchia, e coadiuvati dall’unità cinofila antidroga del Nucleo di Chieti e dal loro cane di nome “Quanto”, hanno effettuato, all’interno di un’abitazione, una perquisizione a carico di una nomade, De Rosa Rosanna, 36 anni, nata in Casalbordino ma residente a Lanciano, pregiudicata. La donna, vedova e madre di due figli adolescenti, nonostante la presenza dei minori, aveva fatto della sua casa il quartier generale dello spaccio, dove molti giovani locali, approfittando anche di un doppio ingresso del palazzo e della possibilità, quindi, di sfuggire al controllo delle forze dell’ordine, andavano a rifornirsi. Al termine della perquisizione, sono stati sequestrati un bilancino di precisione, due buste da cui erano stati ritagliati gli involti per il confezionamento di piccole dosi e 4 ovuli di cocaina pura, per un peso complessivo di 70 gr. Gli ovuli erano confezionati in involti contenenti due di essi ciascuno, e risultavano sigillati con nastro adesivo nero, la cui forma a banana fa presumere che il trasporto sia stato effettuato attraverso introduzione degli involti nei genitali. La donna è stata dunque, tratta in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed associata al carcere femminile di Chieti. Ancora una volta si richiama l’attenzione sull’importanza della collaborazione della gente comune con le forze di polizia, collaborazione che rende possibile l’attuazione di un efficace contrasto al dilagante fenomeno dello spaccio di stupefacenti.

6 Giugno 2009 0

A Cassino il quarto meeting regionale dell’affare del riutilizzo

Di redazione

Si svolgerà a Cassino il quarto Meeting Regionale 2009 della Mercatino Franchising che riunirà in città gli imprenditori del Centro e del Mezzogiorno d’Italia, impegnati nel settore del “riutilizzo non industriale delle risorse” (RNI). In circa vent’anni la filiera ha recuperato e reinserito nel circolo virtuoso del riutilizzo venticinque milioni di oggetti usati, come piccoli e grandi mobili d’epoca, credenze, comò ed abbigliamento, rilanciando la moda del vintage coinvolgendo e appassionando oltre 4.200.000 clienti al suo progetto fondante: il recupero degli oggetti come buona pratica nella salvaguardia dell’ambiente. Dopo Palermo, Arezzo, Alessandria, è la volta di Cassino: gli imprenditori del settore sono provenienti da L’Aquila, Atripalda, Molfetta, Mercogliano, Molfetta, Putignano, Benevento, Cagliari, Quartu’ Sant’ Elena, Frosinone, Sora, Isernia, Napoli, Casoria, Varcaturo, Cimitile, Pescara, Montesilvano, Perugia, Roma (Casilina, Ostiense-Garbatella, Eur,Gregorio VII, Appia-Furio Camillo, Casetta Mattei, Montesacro, Zona Marconi, Porta Maggiore), Ciampino, Frascati, , Pomezia, Bellizzi, Fuorni di Salerno che si riuniranno lunedì 8 giugno presso l’hotel al Boschetto, Via Ausonia 54. I temi di carattere pubblico trattati nel corso della giornata riguarderanno, il riutilizzo nell’ottica dell’eco-sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale d’impresa. Un tema importante, quello del riutilizzo, che in quest’ultimo anno ha riacceso i riflettori sul concetto di etica e utilità sociale d’impresa. Per l’occasione saranno presenti il Presidente nazionale del franchising Gianni Perbellini, l’ideatore del “sistema Mercatino” Ettore Sole.