Tag: salera

12 Giugno 2019 0

Enzo Salera indossa la fascia tricolore, passaggio di consegne con il Commissario Basile

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Si è svolta questa mattina la cerimonia del passaggio di consegne fra il Commissario, dott. Benedetto Basile, e il  sindaco eletto Enzo Salera. Il neo sindaco ha indossato per la prima volta la fascia tricolore. Oltre allo staff amministrativo erano presenti alcuni consiglieri ed i figli Sara e Lorenzo.

Visibilmente commosso il neo sindaco al momento in cui il Commissario Basile gli ha consegnato la fascia e con questa lo ha informato anche di un ‘tesoretto’ di circa 5 milioni di euro, da utilizzare per le necessità più urgenti per la Città.

La cerimonia è avvenuta poche ore prima di un altro impegno particolarmente triste e doloroso quando dovrà partecipare  alle esequie della madre, deceduta ieri mattina.

 

11 Giugno 2019 0

Cassino, Salera 21esimo sindaco e “Sala Di Biasio” divisa tra veterani ed i giovani delle new entry

Di redazionecassino1

CASSINO – Manca, ormai solo l’insediamento ufficiale del nuovo Consiglio comunale uscito dalle elezioni del 26 maggio scorso, tante le vecchie conoscenze, ma anche molte new entry tra cui un folto numero di giovani. Cassino, del resto, è da sempre città strategica per gli equilibri politici provinciali. Le recenti elezioni lo hanno dimostrato ampiamente. Nelle consultazioni del 26 maggio e nel ballottaggio la Città martire ha dimostrato di avere un peso paragonabile solo a quello di Frosinone. Questa tornata elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale e l’elezione di Salera a sindaco ha portato cambiamenti rilevanti sia sul fronte dei vincitori che su quello delle opposizioni con una forte squadra di maggioranza di cui Salera potrà disporre in Aula con un totale quindici voti.

In particolare Salera potrà contare su sette consiglieri del Partito Democratico fra veterani e new entry. Tornano a sedere fra i banchi dell’Aula Di Biasio Barbara Di Rollo, Gino Ranaldi, Fausto Salera, Tommaso Marrocco, oltre ai ‘nuovi’: Fabio Vizzacchero, Daniele Longo, Arianna Volante. Sei i consiglieri della lista “Salera sindaco” fra cui alcuni ex come Edilio Terranova, Rosario Iemma e Riccardo Consales, oltre a quattro nuovi rappresentati da Maria Concetta Tamburrini, Gabriella Vacca, Paolo Iovine, infine per la lista Demos i due consiglieri, alla loro prima volta, che andranno ad occupare gli scranni sono Luigi Maccaro e Alessandra Umbaldo.

Fra i banchi dell’opposizione siederanno, invece, oltre a Renato De Sanctis che ha concluso con il neo sindaco un accordo di programma prima del ballottaggio e che ha ribadito la volontà di essere “sui banchi dell’opposizione e, per i cinque punti dell’accordo programmatico, cammineremo insieme”.

Nel campo degli sconfitti oltre a Mario Abbruzzese occuperanno i banchi di sala Di Biasio Franco Evangelista per la Lega, mentre è in bilico il secondo seggio, per Michelina Bevilacqua, sempre in quota Lega; Forza Italia avrà solo Francesca Calvani come rappresentante; la Lista Di Mambro sarà rappresentata dallo stesso Carmine Di Mambro che però potrebbe perdere il seggio a favore della Lega; Giuseppe Golini Petrarcone candidato sindaco sconfitto al primo turno; Massimiliano Mignanelli per Cassino nel cuore; Luca Fardelli eletto nelle fila di Bene Comune; infine Orgoglio Cassinese sarò rappresentata da Salvatore Fontana.

Non è escluso che la struttura del Consiglio comunale possa ancora variare nell’ipotesi che qualche componente sia chiamato ad entrare nella squadra degli assessori aprendo le porte a nuovi ingressi. Non rimane che attendere la squadra dei collaboratori che affiancheranno il neo sindaco.

F. Pensabene

11 Giugno 2019 0

Cassino, muore la madre del neo sindaco Enzo Salera

Di redazionecassino1

CASSINO – A poche ore dall’investitura ufficiale un grave lutto colpisce il neo sindaco Enzo Salera, si è spenta la madre poche ore fa.  Alla sua famiglia ed alla madre, in particolare, il neo sindaco aveva dedicato la vittoria durante la diretta televisiva per lo spoglio delle schede. Enzo Salera aveva affrontato il ballottaggio dividendosi fra la gente ed il capezzale della madre, la donna ha avuto il tempo di sapere dell’avvenuta elezione e questa mattina se n’è andata.

La donna è venuta a mancare nella sua abitazione e domani alle 16.30, ad Antridonati alla chiesa Santa Maria della Valle in località Selvone, si svolgeranno le esequie. Al neo sindaco la condoglianze della redazione de ilpuntoamezzogiorno.it.

10 Giugno 2019 0

Enzo Salera, neo sindaco: “Ha vinto la città, ha vinto la speranza, ha vinto questa bellissima squadra”

Di redazionecassino1

CASSINO – Una lunga giornata quella di ieri per Cassino, iniziata presto alle 7 con l’apertura dei seggi per il turno di ballottaggio per la scelta del nuovo sindaco. Sedici ore per scegliere il sindaco di Cassino, due gli sfidanti, Mario Abbruzzese per il centrodestra, Enzo una competizione, incerta, caratterizzata da una campagna elettorale breve, come mai prima nella Città Martire, per alcuni tratti anche scorretta, litigiosa in molti momenti al limite della correttezza che ha diviso la città fra i due schieramenti. Salera, in lieve svantaggio, dopo il primo turno, rispetto al suo avversario, tuttavia, è riuscito a ribaltare il risultato, a favore del centrosinistra. Anche la percentuale dei votanti, ieri, è stata in lieve calo rispetto al 2016, solo il 54,75% degli aventi diritto si è presentato ai seggi e nell’urna per fare la sua scelta. Tre anni fa, al ballottaggio tra Carlo Maria D’Alessandro e Giuseppe Golini Petrarcone votò il 57,25%.

Il calo, poteva essere attribuito ad una disaffezione verso la politica locale, ma è improbabile visto che si votava per dare una amministrazione e un sindaco a questa città e le elezioni comunali attirano sempre la partecipazione dei cittadini. La prima vera giornata di caldo avrà avuto un peso maggiore, spingendo molti cittadini a scegliere fra mare e piscina. I numeri, del resto parlano chiaro, alle 12 la percentuale di votanti ieri si attestava a 18,51% rispetto al 17,72% di tre anni fa, alle 19 aveva votato il 38,14% contro il 42,41% del 2016, per attestarsi alla chiusure dei seggi al 54,75%. Due punti e mezzo percentuali in meno. Restava, tuttavia, la fibrillazione fra i sostenitori di entrambi gli sfidanti. Lo dimostra la grande folla di cittadini che dopo la chiusura dei seggi si è riversata per le strade della città passando tra un comitato elettorale e l’altro. Chi ha seguito l’andamento dei risultati in televisione ha avuto subito chiaro l’andamento che stava assumendo la competizione. I primi risultati davano, inizialmente, in vantaggio Salera, anche se il divario non si allontanava dai duecento- trecento voti con Abbruzzese. Solo intorno la mezzanotte il vantaggio del candidato del centro sinistra si è fatto sempre più consistente, raggiungendo e superando i mille duecento voti di scarto, tanto da far arrivare Mario Abbruzzese in sala stampa del comitato elettorale per dichiarare che ‘il divario era a quel punto incolmabile’ e prendere atto della sconfitta. Del resto le premesse c’erano tutte fin dall’inizio dello spoglio, la forbice di differenza tra un candidato e l’altro si è andata allargando decretando, minuto dopo minuto, il nome del nuovo sindaco di Cassino: Enzo Salera. Per il candidato del centrosinistra ben 9.933 preferenze contro i 6.947 dell’avversario, Mario Abbruzzese. Una vittoria con quasi tremila voti differenza: circa il 60% degli oltre 17.000 voti espressi sono andati a Salera, mentre Abbruzzese si è fermato al 40%. 

Lo stesso Enzo Salera, commosso, dal suo comitato, ha ringraziato prima di tutti la sua famiglia: «Da oggi si riparte, Cassino ha vinto». La giornata è trascorsa in tranquillità, nessun problema ai seggi, nessuna discussione o polemica.

Cassino ha ora un nuovo sindaco, un uomo che è stato scelto e che ha davanti, un compito duro, difficile, una situazione in città particolarmente complicata, una città da far ripartire. Da oggi inizia una nuova fase per la città di Cassino, la speranza di tutti i cittadini, di chi ha creduto e votato Enzo Salera. Cassino torni ad avere il suo ruolo, quello di leadership nel territorio, un luogo in cui vivere bene, in un clima di sicurezza, verso una crescita nuova.

Enzo Salera è il nuovo sindaco della città di Cassino. Ha stravinto le elezioni contro Mario Abbruzzese. La vittoria del candidato del centrosinistra è apparsa subito chiara, non appena è iniziato lo spoglio delle schede alle 23. Poco dopo la mezzanotte il suo trionfo era già certo, tant’è che il candidato del centrodestra Mario Abbruzzese non ha avuto problemi ad ammettere la sconfitta. «Da questi dati si evince un distacco notevole, difficile da recuperare. Io sono stato molto corretto nell’accettare sia la vittoria che la sconfitta. Sapevamo le difficoltà che c’erano ma l’abbiamo affrontata a testa alta, ringrazio tutti i candidati e tutti quelli che si sono spesi». Per il candidato del centrosinistra ben 9.933 voti contro i 6.947 dell’avversario, Mario Abbruzzese. Una vittoria con oltre duemila voti differenza: circa il 60% degli oltre 17.000 voti espressi sono andati a Salera, mentre Abbruzzese si è fermato al 40%. Enzo Salera ha spiegato: «Riprendiamo il cammino che si era bruscamente interrotto il 19 giugno 2016», al suo fianco Luigi Maccaro della lista Demos, Barbara Di Rollo del Pd, Rosario Iemma della lista “Salera sindaco” e tutto il popolo del centrosinistra, che ha goduto per la rivincita che aspettava da tre lungi anni, Enzo Salera è quindi salito in Comune. In una delle prime dichiarazioni del neo sindaco ha detto: «Ha vinto la città, ha vinto la speranza, ha vinto questa bellissima squadra. Siamo consapevoli che saranno anni molto difficili per governare ma noi abbiamo la determinazione e la voglia di voltare pagina». E, immediatamente, sono arrivati i complimenti al neo sindaco. Il primo, già nella notte, è stato il presidente dell’Asi Francesco De Angelis: «Grandissima e straordinaria vittoria. Ha vinto il cambiamento. Complimenti e buon lavoro a Enzo Salera».

Non si può, tuttavia, al di là della vittoria indiscutibile di Salera, c’è sicuramente la sconfitta di Abbruzzese, suo antagonista, ma a pesare è anche e, forse, più di tutte la sconfitta di Petrarcone. Tre sconfitte di seguito collezionate da Peppino Petrarcone che bruciano non poco. La prima, quando ha deciso di non sottoporsi alle primarie del centrosinistra, la seconda quando ha messo su una coalizione civica con la compagine più numerosa e troppo variegata, restando però fuori dal ballottaggio, la terza quando ha rinnegato la sua storia “strappando” la tessera del Pd e avvicinandosi al centrodestra.

Certo, grande sconfitto è Mario Abbruzzese: l’ex presidente del Consiglio regionale del Lazio quando ha deciso di scendere in campo era consapevole della partita importante che andava a giocare, riunire il centrodestra non è bastato a fargli guadagnare la vittoria. La sua sconfitta, provocherà un terremoto in tutto il centrodestra provinciale. Cassino, volta pagina, lo fa ancora una volta con il centrosinistra, ma la vera la sfida sarà quella di dare un volto e un futuro nuovo a questa Città da troppo tempo ai margini del territorio provinciale, un posto di rilievo che merita, per la sua storia, per essere la città più grande del basso Lazio, ma soprattutto per i suoi cittadini e forse cinque anni non saranno sufficienti, intanto è importante iniziare!

F. Pensabene

 

10 Giugno 2019 0

Elezioni comunali, Enzo Salera è il nuovo sindaco di Cassino

Di admin

CASSINO – Enzo Salera è il nuovo sindaco di Cassino. Il ballottaggio tra lui e Mario Abbruzzese lo stabilisce in maniera chiara e netta ribaltando la classifica del primo turno che vedeva il candidato del centrodestra in vantaggio anche se di una manciata di voti.

Nella prima domenica afosa di questa estate, quasi 10mila cassinati hanno votato Salera (9.933 – 58,84) mentre lo sfidante di voti ne ha raccolti 6.947 (41,16%).

Esulta l’area di sinistra Cassinate che con Salera torna al palazzo civico dopo la parentesi del sindaco Carlo Maria D’Alessandro commissariato commissariato qualche mese fa.

Ermanno Amedei

3 Giugno 2019 1

Cassino, accordo di programma raggiunto tra Salera e De Sanctis per il ballottaggio

Di redazionecassino1

CASSINO – Il turno di ballottaggio del prossimo 9 giugno dà i primi risultati nonostante le dichiarazioni iniziali che da una parte e dall’altra non prevedevano accordi o apparentamenti con gli altri candidati. Una posizione a cui nessuno credeva, e forse neppure i diretti interessati, visti gli oltre ottomila voti incassati dagli altri candidati, per la maggior parte da Petrarcone a cui entrambi i candidati impegnati nel secondo turno, non avrebbero rinunciato, indispensabili, per raggiungere la carica di Primo Cittadino.

In realtà, come del resto era prevedibile, un primo accordo di programma si è già avuto pochi istanti fa tra il candidato del centro sinistra, Enzo Salera, che già dopo il voto aveva dichiarato che avrebbe avviato “consultazioni con tutte le forze politiche che si riconoscono anche nel nostro progetto politico e amministrativo, con il mondo dell’associazionismo, ma come impostazione generale non siamo orientati ad inciuci o accordi sotto banco» e Renato De Sanctis. Si tratterebbe di un accordo di programma che prevede, come dichiara lo stesso De Sanctis, su alcuni punti essenziali e suddiviso in cinque punti. Il primo punto ha come obiettivo la prosecuzione della battaglia per la rescissione del contratto con Acea Ato5, ex art. 35 della Convenzione. Un tema che sta molto a cuore a De Sanctis e suo cavallo di battaglia di tutta la campagna elettorale. Nell’accordo, inoltre, vengono inseriti anche la destinazione dei ricavi della fornitura dei 200 l./sec per incrementare gli stanziamenti ai servizi sociali, una nuova ordinanza anti distacco della fornitura idrica da parte di Acea e la priorità della bonifica dei siti inquinati. Il secondo punto frutto dell’accordo con Salera, riguarda l’approvazione del piano urbano generale, il P.U.T. (piano urbano del traffico) con la pedonalizzazione del centro cittadino e la realizzazione di piste ciclabili; l’istituzione di una Commissione per la realizzazione dei comitati di quartiere; l’internalizzazione dei servizi, con particolare riguardo alle strisce blu dei parcheggi a pagamento. Nell’accordo, infine, viene dato mandato al presidente del Comitato ‘No Acea’ di rappresentare il Comune nei rapporti con la multinazionale  e nella Conferenza dei sindaci. Fin qui le indiscrezioni, ma i dettagli si conosceranno nel comunicato stampa ufficiale.

Si tratta, quindi, di un accordo che prevede una serie di misure urgenti per la Città, per il miglioramento dei servizi essenziali per la realizzazione di progetti importanti per i cittadini.

F. Pensabene

28 Maggio 2019 0

Cassino, Salera (28,41 %) e Abbruzzese ( 28,64%) al ballottaggio del 9 giugno

Di redazionecassino1

CASSINO – Notte insonne a Cassino per i candidati a sindaco ed i loro sostenitori per i continui risultati altalenanti fra Abbruzzese, Salera e Petrarcone. Già dai primi dati che giungevano nei rispettivi comitati elettorali si preannunciava il testa a testa fra i tre, poi con il passare delle ore la corsa si restringeva a due soli di loro. Al ballottaggio del 9 giugno andranno, infatti, Mario Abbruzzese (centrodestra) che ha ottenuto 6115 preferenze pari al 28,64%, ed Enzo Salera (centrosinistra) con 6067 voti pari al 28,41 %. Resta fuori, ancora per una manciata di voti, Giuseppe Golini Petrarcone (raggruppamento di liste civiche) distanziato di 262 voti rispetto a Salera, che totalizza 5805 preferenze pari al 27,19%. Buono il risultato di Renato De Sanctis, leader del comitato No Acea che ha superato quota duemila, 2097 per la precisione, pari al 9,82%. Infine Giuseppe Martini, candidato del Movimento 5 Stelle con 1269 preferenze ed una percentuale del 5,94. Cassino è stato l’unico comune della provincia che per la scelta del prossimo sindaco dovrà attendere il ballottaggio.

La lotta ora si sposta fra Salera e Abbruzzese al ballottagio, ma già nel corso dello spoglio e dai primi dati che via via affluivano ai rispettivi comitati elettorali la tendenza si delineava sempre più marcata. Abbruzzese e Salera hanno cominciato la loro corsa facendo registrare continui avvicendamenti di posizioni, fino alla conferma definitiva del lieve vantaggio per l’ex presidente del Consiglio regionale sul candidato del centrosinistra, Enzo Salera. Un distacco minimo fra i due su cui peserà sicuramente l’apporto che le componenti delle liste di appoggio all’ex sindaco Petrarcone daranno ad entrambe. Bisognerà vedere come si schiereranno gli esclusi delle altre liste e gli altri candidati a sindaco, quale sostegno daranno ai due impegnati nel ballottaggio. Una partita importante sarà quella che giocheranno gli esclusi nell’appoggio a Salera e Abbruzzese. Il loro apporto ai singoli caratterizzerà anche lo schieramento ed il colore politico definitivo della futura amministrazione comunale. In buona sostanza se a prevalere sarà lo schieramento di centrodestra o quello di centrosinistra, soprattutto quale delle due anime, presenti nelle liste di appoggio agli esclusi, potrà avere la meglio nella partita finale. In altre parole gli ‘apparentamenti’ avranno un ruolo decisivo nel ballottaggio del 9 giugno prossimo, ma soprattutto quale prezzo politico, o di poltrone, dovranno pagare Salera e Abbruzzese nella sfida finale, nella vittoria per aggiudicarsi quella più alta di Primo cittadino.

F. Pensabene

7 Aprile 2019 0

Cassino al voto: Salera vince le primarie ed è il candidato sindaco per il centrosinistra

Di redazionecassino1

CASSINO – Dopo la candidatura di Petrarcone, presentata venerdì pomeriggio, le primarie del centrosinistra hanno indicato il candidato sindaco dello schieramento.

Enzo Salera, unfatti, ha vinto le primarie del centrosinistra di Cassino con 1313 voti, seconda Sarah Grieco con 848 preferenze e terzo Luigi Maccaro con 455 voti, 6 schede bianche e 13 quelle nulle, si chiude con un grande successo di partecipazione l’esperienza delle primarie in vista delle elezioni amministrative di fine maggio.

Alta l’affluenza alla  consultazione nei quattro seggi allestiti in di via XX Settembre.Si sono recati ad esprimere la loro preferenza ben 2635 cassinati. Già dalle prime ore si è visto il gran fermento che animava la consultazione voluta dal partito di via Arigni, infatti alle 9 avevano già votato oltre cento persone.

Soddisfazione è stata espressa dai vertici del partito per la grande partecipazione.

Enzo Salera, Giueppe Golini Petrarcone e Renato De Sanctis sono quindi tre degli aspiranti a contendersi la poltrona di  primo cittadino di Cassino. Resta da vedere le altre forze politiche quali candidati proporranno ai cittadini della Città Martire alle prossime elezioni amministrative del 26 maggio. Attesa c’è per le scelte del centro destra, mentre per la Lega il nome che circola, ormai con insistenza, è quello di Giuseppe Sebastianelli.

F.P.

foto di repertorio

31 Marzo 2019 0

Cassino al voto: Maccaro, Salera e Grieco i candidati sindaco alle primarie del Pd

Di redazionecassino1

CASSINO – Saranno tre i candidati a sindaco per il Pd che si sfideranno alle primarie del 6 aprile prossimo. Si è conclusa ieri sera alle 20 la fase di presentazioni delle firme per correre alla consultazione. Il numero minimo di consensi era fissato in 250 preferenze, ma tutti e tre i candidati lo hanno superato abbondantemente. Primo a consegnare le firme è stato Luigi Maccaro, della lista Demos, con 473, Enzo Salera, consigliere uscente ed ex assessore al bilancjo della giunta Petrarcone, ne ha prodotte 354, ultima a presentarsi alla sede Pd di via Arigni, l’ex consigliere comunale Sarah Grieco con 425 preferenze.

Alle operazioni hanno assistito anche il reggente provinciale della federazione Domenico Alfieri, le dirigenti provinciali Giuseppina Bonaviri e Francesca Cerquozzi, oltre al capogruppo regionale Mauro Buschini ed i componenti della commissione primarie Romeo Fionda, Giuseppe Moretti e Marco Procino.

Soddisfazione è stata espressa da tutti i candidati per la novità della consultazione nella scelta del prossimo candidato a sindaco per Cassino, espressione di democrazia. In tanti, ha sottolineato Enzo Salera, che hanno incoraggiato i candidati, l’iniziativa ha avuto grande partecipazione fra i cittadini della Città martire, infatti totale sono stati 1255 quelli che si sono recati ai banchetti per firmare le liste.

Ora via alle primarie che si terranno sabato 6 aprile in un locale di via XX settembre 57 dalle 8 alle 20.