Cassino, primo Consiglio comunale dell’era Salera, nessuna chiusura a riccio, ma non senza polemiche

Cassino, primo Consiglio comunale dell’era Salera, nessuna chiusura a riccio, ma non senza polemiche

27 Giugno 2019 0 Di redazionecassino1

CASSINO –  Consiglio comunale di insediamento, il primo dell’amministrazione Salera quello che si è svolto ieri pomeriggio alle 18. L’Assise cittadina è iniziata con il discorso del consigliere anziano, Barbara Di Rollo, poi eletta all’unanimità presidente del Consiglio comunale. Un discorso, quello dell’esponente del partito democratico, di saluto alla città ed al consesso. Si è passati comunque alla convalida degli eletti in Consiglio ed alla surroga dei due consiglieri divenuti assessori: Emiliano Evangelista ha preso il posto lasciato da Mariaconcetta Tamburrini neo assessore alla Pubblica Istruzione e Bruno Galasso  entrato in Consiglio al posto di Luigi Maccaro, neo assessore alle Politiche Sociali.Elezione all’unanimità anche per i due vice presidenti del Consiglio comunale, Michelina Bevilacqua e Alessandra Umbaldo (vice presidente vicario).

Si è passato al giuramento del sindaco Salera ed al minuto di silenzio per ricordare la scomparsa di Domenico Gargano. Nel suo intervento il primo cittadino ha ribadito la volontà e la necessità di abbandonare i toni della campagna elettorale ponendo l’accento sulla necesità di dare risposte concrete ai cittadini: “Stavolta dobbiamo voltare pagina ed evitare il gioco di addossare le responsabilità al passato”, ha scandito.Salera. “Nessuna chiusura a riccio nelle stanze del Comune”. In altri termini, una sorta di ‘deponiamo le armi’ e pensiamo al bene della città. Un invito accolto dall’opposizione, o meglio come ha sottolineato Mario Abbruzzese dalla minoranza, ma soltanto in parte. Ad innescare la polemica il consigliere Massimiliano Mignanelli che ha chiesto la collocazione politica del consigliere De Sanctis, se fosse in maggioranza oppure in opposizione, alla luce della nomina del consigliere Venturi ad assessore ed eletto nella lista proprio di De Sanctis. Pronta la replica dello stesso De Sanctis che ha ribadito la sua collocazione in minoranza, nonostante l’accordo di programma con il sindaco concluso prima del turno di ballottaggio. Ulteriore precisazione era già arrivata dallo stesso Salera, che ha voluto ribadire la scelta di Venturi come assessore ‘in quota’ al sindaco. Non è mancata, tuttavia, qualche frecciatina polemica lanciata dallo stesso Abbruzzese nei confronti dell’assessore Venturi, quale responsabile della consegna ad Acea dell’acquedotto comunale. Polemica lasciata cadere dalla maggioranza e dal gruppo della lista No Acea.

Il consigliere di opposizione Abbruzzese ha ricordato come la seduta di insediamento non preveda interventi e dibattito: che si sarebbero dovuti riservare alla seconda seduta, quando il primo cittadino dovrà illustrare le linee programmatiche del suo governo cittadino. Abbruzzese ha chiesto al Primo cittadino di svolgere il prossimo consiglio comunale a San Bartolomeo per dare un segnale di presenza delle istituzioni cittadine qualerisposta di sicurezza dopo le sparatorie delle notti scorse.

Una nota a margine della seduta di ieri, la folta presenza dei cittadini che ha sfidato il caldo torrido del pomeriggio per assistere alla ‘prima’ del Consiglio comunale, un segno delle molte aspettative che essi aspettano dal nuovo corso amministrativo della Città.

F. Pensabene