Tag: primo

27 Giugno 2019 0

Cassino, primo Consiglio comunale dell’era Salera, nessuna chiusura a riccio, ma non senza polemiche

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO –  Consiglio comunale di insediamento, il primo dell’amministrazione Salera quello che si è svolto ieri pomeriggio alle 18. L’Assise cittadina è iniziata con il discorso del consigliere anziano, Barbara Di Rollo, poi eletta all’unanimità presidente del Consiglio comunale. Un discorso, quello dell’esponente del partito democratico, di saluto alla città ed al consesso. Si è passati comunque alla convalida degli eletti in Consiglio ed alla surroga dei due consiglieri divenuti assessori: Emiliano Evangelista ha preso il posto lasciato da Mariaconcetta Tamburrini neo assessore alla Pubblica Istruzione e Bruno Galasso  entrato in Consiglio al posto di Luigi Maccaro, neo assessore alle Politiche Sociali.Elezione all’unanimità anche per i due vice presidenti del Consiglio comunale, Michelina Bevilacqua e Alessandra Umbaldo (vice presidente vicario).

Si è passato al giuramento del sindaco Salera ed al minuto di silenzio per ricordare la scomparsa di Domenico Gargano. Nel suo intervento il primo cittadino ha ribadito la volontà e la necessità di abbandonare i toni della campagna elettorale ponendo l’accento sulla necesità di dare risposte concrete ai cittadini: “Stavolta dobbiamo voltare pagina ed evitare il gioco di addossare le responsabilità al passato”, ha scandito.Salera. “Nessuna chiusura a riccio nelle stanze del Comune”. In altri termini, una sorta di ‘deponiamo le armi’ e pensiamo al bene della città. Un invito accolto dall’opposizione, o meglio come ha sottolineato Mario Abbruzzese dalla minoranza, ma soltanto in parte. Ad innescare la polemica il consigliere Massimiliano Mignanelli che ha chiesto la collocazione politica del consigliere De Sanctis, se fosse in maggioranza oppure in opposizione, alla luce della nomina del consigliere Venturi ad assessore ed eletto nella lista proprio di De Sanctis. Pronta la replica dello stesso De Sanctis che ha ribadito la sua collocazione in minoranza, nonostante l’accordo di programma con il sindaco concluso prima del turno di ballottaggio. Ulteriore precisazione era già arrivata dallo stesso Salera, che ha voluto ribadire la scelta di Venturi come assessore ‘in quota’ al sindaco. Non è mancata, tuttavia, qualche frecciatina polemica lanciata dallo stesso Abbruzzese nei confronti dell’assessore Venturi, quale responsabile della consegna ad Acea dell’acquedotto comunale. Polemica lasciata cadere dalla maggioranza e dal gruppo della lista No Acea.

Il consigliere di opposizione Abbruzzese ha ricordato come la seduta di insediamento non preveda interventi e dibattito: che si sarebbero dovuti riservare alla seconda seduta, quando il primo cittadino dovrà illustrare le linee programmatiche del suo governo cittadino. Abbruzzese ha chiesto al Primo cittadino di svolgere il prossimo consiglio comunale a San Bartolomeo per dare un segnale di presenza delle istituzioni cittadine qualerisposta di sicurezza dopo le sparatorie delle notti scorse.

Una nota a margine della seduta di ieri, la folta presenza dei cittadini che ha sfidato il caldo torrido del pomeriggio per assistere alla ‘prima’ del Consiglio comunale, un segno delle molte aspettative che essi aspettano dal nuovo corso amministrativo della Città.

F. Pensabene

21 Giugno 2019 0

Primo Consiglio comunale mercoledì, Salera lavora alla nuova Giunta. Assessori via al toto-nomi

Di redazionecassino1

CASSINO – Manca poco meno di una settimana al primo Consiglio comunale dell’era Salera. L’Assise cittadina, infatti, è fissata per mercoledì prossimo ed in quella sede si conosceranno i nomi di assessori e di tutta la compagine amministrativa. Il sindaco, intanto, continua a lavorare alla formazione della squadra che lo affiancherà nell’amministrare la Città. Nei giorni scorsi erano circolati alcuni nomi di possibili assessori, ma il vero nodo per completare l’intero esecutivo è quello della terza donna espressione del partito democratico. La squadra sembra, comunque, aver preso forma, almeno secondo i bene informati, sui nomi dei componenti dati quasi certi. Oltre alla veste di sindaco Salera dovrebbe tenere per sé la competenza su Bilancio e tributi, fondamentali per l’intera amministrazione. Gli altri assessorati, il cui numero dovrebbe variare fra i sei o sette sarebbero Francesco Carlino (PD) come vice sindaco e responsabile dei Lavori pubblici, Luigi Maccaro (Demos) andrebbe ad occuparsi delle Politiche sociali, mentre le due donne, Chiara Delli Colli (PD) potrebbe occuparsi di Attività produttive, commercio, artigianato, industria e trasporti e a Mariaconcetta Tamburrini dovrebbe toccare l’Istruzione (lista Salera Sindaco). Cultura e sport dovrebbero tornare a Danilo Grossi (Salera sindaco), infine Ambiente e Manutenzione e, probabilmente anche l’Urbanistica, toccherebbero ad Emiliano Venturi (quota sindaco). L’ultimo tassello del mosaico amministrativo in ‘quote rosa’, resta quello più delicato e spinoso e riguarda gli Affari Generali, gli Affari legali e la Polizia locale con i problemi che quest’ultimo ha in fatto di carenza di organico ed organizzazione. Un compito non facile per la donna che il partito democratico dovrà indicare su cui si giocherà molto la credibilità politico-amministrativa del neo sindaco agli occhi dei cittadini.

F. Pensabene

 

 

17 Giugno 2019 0

Cassino, primo Consiglio comunale sabato intanto Salera prepara la squadra, circolano i primi nomi

Di redazionecassino1

CASSINO – Il primo Consiglio comunale dell’era Salera, convocato per sabato 22 giugno alle ore 10,30 e la probabile designazione di Barbara Di Rollo alla presidenza dell’Assise cittadina sembrerebbero le uniche certezze, al momento. Per quest’ultima decisone il condizionale è ancora d’obbligo, visto che l’elezione avverrà nel corso, proprio, della prima seduta. Ancora qualche giorno ci vorrà per conoscere  tutti e, ufficialmente, i nomi dei componenti la squadra di amministratori della Giunta Salera. Qualche nome, tuttavia, comincia a circolare, anche se è tutto da decidere. Pare che la poltrona dei servizi sociali debba essere attribuita a Luigi Maccaro o ad un esponente di Demos. Circolerebbero anche i nomi di Gennaro Fiorentino e Francesco Carlino nei settori importanti dei lavori pubblici per quest’ultimo, mentre all’urbanistica si pensa vada a Fiorentino, ma i ruoli potrebbero anche essere invertiti. Fra i destinati a far parte della compagine degli assessori circola anche il nome di Consales per il settore ambiente, da questo già ricoperto nell’amministrazione Petrarcone. Per la cultura sembra farsi largo la candidature di un esponente della lista “Salera sindaco”ed il nome al momento ‘papabile’ dovrebbe essere quello di Maria Concetta Tamburrini. Mancano, tuttavia, ancora i nomi di chi dovrà essere vice sindaco e chi avrà lo spinoso compito di guidare il settore della polizia municipale con i problemi di organico in cui versa. Una scelta che forse metterà a dura prova il titolare di quell’incarico, sicuramente difficile o se vogliamo meno facile. I punti che Salera ha posto all’ordine del giorno del primo Consiglio comunale saranno sette e avranno molti temi importanti come l’indicazione dei due vice presidenti del Consiglio comunale e la nomina dei presidenti delle commissioni. Indicazioni precise è possibile che vengano nei prossimi giorni, intanto il Primo cittadino continua a lavorare e a tessere la tela della sua nuova amministrazione.

F. Pensabene

 

14 Giugno 2019 0

Cassino, in meno di 72 ore Salera convoca il primo Consiglio comunale

Di redazionecassino1

CASSINO – È stato fissato per sabato 22 giugno alle ore 10.30 il primo Consiglio comunale che darà ufficialmente il via all’era Salera chiudendo definitivamente il periodo di commissariamento del Comune di Cassino. Il neo sindaco aveva dieci giorni di tempo per convocarlo dal giorno della sua proclamazione, ma sono bastate 72 ore per fare il quadro della situazione e convocare l’assise. Sette i punti all’ordine del giorno: convalida degli eletti, giuramento del sindaco, elezione del presidente del Consiglio comunale, elezione dei due vice presidenti del Consiglio comunale, comunicazioni del sindaco: nomina giunta comunale, nomina dei componenti della commissione elettorale, presa d’atto designazione capigruppo.

L’unica certezza appare essere quella di Barbara Di Rollo che andrà a ricoprire, quasi certamente, la Presidenza dell’Assise. Sulla giunta si deciderà nei prossimi giorni. Questa sera il sindaco farà il punto con la lista del Pd, poi vedrà nuovamente tutta la squadra e già nei primi giorni della prossima settimana l’Esecutivo potrebbe essere presentato. Per quanto attiene ai capigruppo, appare certo che Ranaldi guiderà quello del Pd ed Evangelista quello della Lega, per gli altri si sta discutendo. Sul fronte delle opposizioni, resta l’incognita Mario Abbruzzese sarà in Aula oppure presenterà le dimissioni per lasciare spazio a Carmine Di Mambro. Sul fronte della compagine che fa capo a Petrarcone sembrano ormai tramontate le possibilità per Armando Russo di subentrare a Petrarcone, l’ex sindaco è determinato a restare in carica.

 F. Pensabene

 

4 Maggio 2019 0

Campionato Master Misto: Cassino Volley chiude al primo posto e si aggiudica il titolo

Di redazionecassino1

Ultima giornata della regular season per il campionato amatoriale misto 2018/2019 e i ragazzi del Cassinovolley cercano la vittoria in casa dell’ostica formazione di Cervaro.

I padroni di casa sono quarti in classifica, fuori dai giochi per una eventuale qualificazione alla post season, ma squadra da sempre ostica e proibitiva da affrontare per chiunque. Gli azzurri hanno bisogno dei tre punti per scavalcare Sant’Elia e San Giuseppe e concludere il torneo al primo posto. Mister Giancarlo Pittiglio prepara al meglio l’ultimo impegno ufficiale e studia tutti i dettagli dell’incontro, dando istruzioni fin nei minimi particolari ai suoi ragazzi, per riuscire a ottenere il massimo dalla gara.

A disposizione per i cassinati ci sono Rossella Petraccone, Paola Scungio, Benedetta Traglia, Pasqualino Camasso, Gianni Nardone, Alessia Gentile, Giancarlo e Patrizia Pittiglio, Paolo Giarrusso, Ramona e Rachele Germani, Monia Valente ed Emanuela Russo.

La concentrazione degli ospiti è talmente focalizzata che al fischio d’avvio del direttore di gara gli azzurri partono a razzo e lasciano con un palmo di naso i padroni di casa. Lo slancio azzurro è tale da lasciare al palo i locali e portare gli ospiti immediatamente in fuga. Il divario tra i due team diventa subito incolmabile, con le bocche da fuoco della Città Martire per la Pace a fare la parte del leone in ogni frangente della prima frazione di gioco. Andrea Coletta e compagni non riescono a uscire dal labirinto in cui sono stati rinchiusi dal Cassinovolley, e per gli ospiti è un gioco da ragazzi tagliare il traguardo dell’1-0 con un pesantissimo score di 25-8.

Secondo tempo di gioco e azzurri sempre sugli scudi. Camasso e compagni volano sull’onda dell’entusiasmo, accelerano già in partenza e ingranano da subito le marce altissime, facendo mangiare la polvere ai padroni di casa. Il capitano locale Andreina Zabot non riesce a guidare i suoi fuori dalle sabbie mobili, Cervaro non riesce a opporre resistenza agli scatenati avversari, e il risultato che ne viene fuori è praticamente identico a quello del primo game, con i cassinati che raddoppiano il vantaggio nel conto dei set vinti e lo score che continua ad essere pesantemente sbilanciato proprio in favore degli ospiti: 25-9.

Si arriva all’inizio del terzo parziale di giornata con i locali ormai rassegnati a una sconfitta certa, e con i ragazzi di Giancarlo Pittiglio che invece vedono all’orizzonte l’obiettivo tre punti e spingono a più non posso per raggiungerlo il più velocemente possibile. Cervaro poco prima del giro di boa del game ha però uno scatto d’orgoglio, forse sfruttando anche un momento di non massima attenzione da parte dei cassinati, e riesce a recuperare diversi punti. Lo svantaggio però è tale che i padroni di casa non riescono comunque ad agganciare il pareggio, e inoltre gli azzurri sono lesti e pronti a ritrovare immediatamente la giusta concentrazione, stoppare ogni velleità avversaria e ripartire caricando a testa bassa. Cassinovolley fa nuovamente il vuoto, e di li a breve espugna il campo del Cervaro Volley con un secco 3-0, fermando il tabellone del punteggio dell’ultimo parziale sul 25-16 e guadagnando tre punti che riportano gli azzurri in vetta alla classifica.

Al triplice fischio arbitrale esplode la gioia dei ragazzi del Cassinovolley, partiti senza ambizioni ma sempre protagonisti, sempre nelle zone nobili e, con il progredire del campionato, sempre più convinti dei mezzi a propria disposizione. Cassinovolley trionfa in campionato in modo inaspettato ma meritatissimo, e guadagna il diritto alla partecipazione alle Finali Nazionali in programma a fine maggio ad Alba Adriatica. Stagione trionfale quindi per i colori azzurri, che si chiude quindi con i festeggiamenti per il campionato vinto all’ultima giornata e contro ogni aspettativa.

 

25 Febbraio 2019 0

Cassino al voto; arriva il primo sondaggio telefonico, ma da commissionario anonimo

Di redazionecassino1

CASSINO – Non è ancora iniziata la campagna elettorale che già iniziano a fioccare i sondaggi sulle preferenze verso possibili candidati a sindaco per Cassino. A dire il vero siamo nella fase del Commissario prefettizio che dovrà portare la Città verso le elezioni, non ci sono neppure i nomi ufficiali dei possibili candidati e la data del voto, ma arriva il primo sondaggio telefonico a bersagliare i cittadini della Città martire.

Proprio questa mattina molti di loro si sono visti tempestare di telefonate dove all’altro capo una voce preregistrata chiedeva di esprimere la preferenza su nomi specifici di candidati a sindaco di Cassino.

Ben otto i nomi per alla poltrona di Primo Cittadino: Carlo Maria D’Alessandro, Giuseppe Golini Petrarcone, Marino Fardelli, Benedetto Leone, Renato De Santis, Massimiliano Mignanelli, Carmelo Palombo e Giuseppe Marrocco uno per ogni tasto del telefono. Ma non basta, perché era possibile non “essere rappresentati” da nessuno dei nomi proposti digitando il tasto 9 dell’apparecchio.

Un sondaggio del tutto anonimo sulla persona o partito che lo abbia commissionato né sulle preferenze ottenute da ciascun candidato fra quelli proposti.

Che si tratti di uno scherzo? Non è dato sapere. L’unica certezza è la provenienza della telefonata, il cui numero era preceduto dal prefisso 06, sicuramente della provincia romana.

Burla o scherzo che sia, certo rappresenta un elemento che “scalda” la campagna elettorale ancora lontana! Intanto il commissario dott. Basile e i sub commissari procedono nel loro lavoro incontrando oggi i capigruppo di maggioranza ed opposizione.

F. Pensabene

4 Settembre 2018 0

A Roberta Pelagalli da Cassino il Primo Premio Salvatore Quasimodo

Di admin

CASSINO – Salvatore Quasimodo “premia” Roberta Pelagalli di Cassino. La giovane e brillante ricercatrice si è aggiudicata il primo premio relativo alla sezione saggistica con Il colera in letteratura: dalla narrativa europea a Mastriani, pubblicato da Guida Editori nel 2017.

La notizia che il prestigioso premio di respiro internazionale potesse essere assegnato alla Pelagalli era nell’aria già da quando vennero annunciati i nomi dei 13 finalisti tra i quali, ovviamente, il suo. I contendenti erano validissimi ma Roberta ha prevalso su tutti proprio nell’edizione del Premio che ricorda i 50 anni della morte del poeta siciliano.

Un risultato, quello di Roberta Pelagalli, che certamente inorgoglisce lei, i suoi familiari, ma soprattutto la città di Cassino in cui la professoressa è nata e ha studiato presso il Liceo Classico Carducci, laureandosi poi presso l’Università di Cassino. Il suo lavoro premiato si articola in tre parti che descrivono e analizzano il morbo d’Asia in relazione alla discordia sociale, alla paura del contagio e al caso particolare del romanziere napoletano Francesco Mastriani, considerato dall’autrice come il rappresentante europeo del colera letterario in Italia, all’epoca in cui il vecchio continente fu sconvolto dall’irruzione del flagello indiano.

Congratulazioni alla Pelagalli, quindi, da parte della redazione de IlPuntoaMezzogiorno, auspicando che lo stesso faccia l’amministrazione cittadina alla quale certamente non sfuggirà un così brillante risultato nel sempre controverso settore della cultura.

Ermanno Amedei

7 Luglio 2018 0

Il primo Bancomat Bitcoin del Lazio e del centro Italia si trova a Cassino

Di admin

ATTUALITÁ – Da Pisa fino a Napoli per oltre 550 km il primo Bancomat Bitcoin che si incontra, si trova a Cassino e sui forum di settore Bitcoin come Bitcointalk messaggi di complimenti per l’iniziativa, e qualcuno dice: “finalmente!”.

Cassino rientra tra le 31 grandi città italiane ad avere un bancomat per le criptovalute, più del 70% delle installazioni sono nel Nord Italia, attraverso il bancomat è possibile acquistare Bitcoin in maniera semplice e veloce.  Tra i 3430 bancomat al mondo che offrono questo servizio possiamo dire con orgoglio che a Cassino siamo al passo con i tempi.

Il Bancomat consente non solo di acquistare la criptovaluta più quotata, il “Bitcoin (BTC)“ ma anche altre criptovalute come Ethereum e Litecoin ed in futuro Dash e Zcash Il progetto, molto ambizioso, è portato avanti dalla società NEW COMMUNICATION esperta del mercato delle criptovalute e fintech ( finanza tecnologica) anche attraverso il sito www.bancomatbitcoin.it. Per chi non li conoscesse ancora, i Bitcoin sono la moneta digitale per eccellenza e attualmente rappresentano il 42% del mercato delle cosiddette “criptomonete”, grazie alla sua capitalizzazione per 96 miliardi di euro con una crescita costante trovando oggi diffusione anche al di fuori della rete, divenendo un vero e proprio mezzo di pagamento per negozi fisici e online, B&B ed ecommerce on-line Il Bancomat, di facile utilizzo, permette ai clienti di acquistare moneta virtuale facilmente, basta infatti scaricare un App per iOS o Android per il Wallet Bitcoin tra queste Bread Wallet, Airbitz, Copay , BitPay avvicinarsi al bancomat e seguire le istruzioni di acquisto sullo schermo. Tutto avviene secondo gli standard di legge attraverso il riconoscimento dell’utente KYC (know your customer), anti riciclaggio (AML-  Anti money laundering) e antiterrorismo con una connessione diretta dei database OFAC. I vantaggi di un Bancomat per Bitcoin sono svariati, e consentono di sfruttare al meglio le funzionalità di questa tecnologia: -Immediato: la tecnologia bancomat è completamente immediata e veloce, le transazioni degli svariati wallet ed exchange Bitcoin richiedono ore, sui bancomat tutto è invece istantaneo. -Semplice: i bancomat concorrenti richiedono un wallet di terze parti, mentre svariate soluzioni risultano essere integrate. -Cash: i Bancomat accettano il denaro contante, mentre invece gran parte degli altri exchange necessitano di costosi e lenti bonifici. Il bancomat è sempre attivo 24/24 presso Area Varlese, via Ausonia 2, Cassino
30 Giugno 2018 0

Primo colpo di mercato per la Virtus Cassino, arriva Antino Jackson

Di redazionecassino1

La Virtus Cassino ha raggiunto l’accordo con l’entourage del giocatore classe ’96, Antino Jackson, per la stagione 2018-19.

Il giovane americano ricoprirà il ruolo di playmaker nello scacchiere di coach Luca Vettese.

Nato il 31 gennaio 1996 a Cypress, in Texas (USA), è alto 183cm per un peso forma di 77kg.

Atleta dalle importanti doti atletiche, ha concluso la sua carriera universitaria lo scorso anno sportivo, nelle fila dei “Lobos” di NEW MEXICO. Nel destino del giovane americano, dunque, ci saranno di nuovo i lupi, questa volta però, quelli rossoblù della terra di San Benedetto.

Prima di approdare nel branco sud-americano, la carriera del giovane “point-guard”, si era dipanata per 3 anni presso l’università di AKRON, nell’Ohio. Per lui in questa prima esperienza collegiale, nell’ultima stagione 2016-17, quasi 28 minuti di utilizzo con 10.8 punti per gara e quasi 4 assist dispensati per i suoi compagni, con le invidiabili percentuali del 43% da 2, il 39% da 3 ed il 75% dalla linea del tiro libero.

L’ultima stagione, quella che lo ha portato all’attenzione del basket professionistico, lo ha visto autore di performance condite da 10.4 punti per match in 23.5 minuti in campo, con le percentuali del 41% da 2, il 39% da 3, il 76% ai tiri liberi, 2 rimbalzi catturati, 5 assist e 2 palle recuperate.

Le caratteristiche tecniche e una breve storia di Antino, è possibile ricavarla dalle parole del suo agente Prescott Mack, felice per la conclusione della trattativa con la società cassinate: “Antino Jackson, ex play/guardia dell’Università del New Mexico, è un giocatore che può punire gli avversari con il suo tiro e con la sue capacità balistiche. È inoltre un tenace difensore ‘faccia-faccia’, che gioca ogni minuto come se avesse sempre qualcosa da dimostrare. Questo perché lo fa? Perché la critica ha sempre pensato che non avrebbe potuto giocare nella prima divisione della NCAA. Antino invece ha militato 3 anni ad Akron e quindi un anno nell’università di New Mexico. Ha finito la sua carriera al college con oltre 1.400 punti segnati e più di 400 assist. I critici sostenevano inoltre che lui non avrebbe potuto giocare da professionista, ma lui ora ha trovato una casa con la Virtus Cassino.

Antino progetta di portare in Italia tutta la sua volontà per provare alle persone che si sbagliavano. Vuole far bene in un campionato complesso con la sottovalutata Virtus Cassino, che è stata da pochi giorni promossa in serie A2”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, anche le parole del soddisfatto DS Leonardo Manzari: “So bene che ci prendiamo dei rischi ad affidare la cabina di regia al giovane ’96 Antino Jackson, ma ci ha colpito di lui la spavalderia e la sua determinazione nell’affrontare questa nuova avventura. Antino è stato visto dal nostro staff tecnico diverse volte ed è stato giudicato idoneo per ricoprire questo ruolo delicato. Sono felice che sia lui, il primo volto nuovo nel roster che affronterà la serie A2. Spero che insieme si possano realizzare i nostri obiettivi”.

28 Maggio 2018 0

Primo intervento di craniotomia nell’ospedale Spaziani di Frosinone

Di admin

FROSINONE – “Senza l’impegno della Regione Lazio e della ASL di Frosinone il paziente di 69 anni operato sabato scorso all’Ospedale “Fabrizio Spaziani” di Frosinone sarebbe stato costretto, così come i propri familiari, a recarsi in una struttura sanitaria fuori provincia dotata di un Reparto di Neurochirurgia”.

Lo si legge in una nota della Asl di Frosinone.

“Invece questo non è stato necessario ed il cittadino è stato operato all’Ospedale di Frosinone, nel nuovo reparto di Neurochirurgia, dal Dott. Giancarlo D’Andrea, coadiuvato dalla Dott.ssa Biagia La Pira.

Nella storia della Asl, è questo il primo intervento in assoluto che si effettua con la procedura chirurgica di “Craniotomia”, che consente l’accesso all’interno del cranio, per poter curare le malattie di interesse neurochirurgico.

L’intervento è stato eseguito in anestesia generale e,  ha visto l’asportazione di una neoformazione e non vi è stata alcuna complicazione.

Il primo decorso post operatorio è avvenuto nella Unità di Terapia Neurovascolare (UTN)  diretta dal Dott. Maurizio Plocco mentre la degenza post operatoria, prevista in una settimana  si svolgerà,  sempre allo  “Spaziani”, sotto l’osservazione dell’Area Testa Collo del Dipartimento Ospedaliero.

A breve, con l’arrivo di altre risorse ed attrezzature di ultima generazione, si potrà dare risposte ancor più adeguate alle numerose richieste del territorio, evitando così ai tanti che ne avranno bisogno, ulteriori disagi per curarsi fuori provincia”.