Tag: giovani

18 ottobre 2018 0

Piedimonte; Rissa fra giovani del posto e marocchini, identificati e denunciati dai carabinieri

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Nella giornata di ieri, i militari della locale Stazione, a conclusione di serrate indagini deferivano in stato di libertà per “lesioni personali e minacce” sei giovani del luogo, di età compresa tra 20 e 28 anni, in danno di due fratelli di nazionalità marocchina di 19 e 21 anni dello stesso centro.

Nella serata del 16 ottobre u.s., nella centralissima Piazza Municipio, i denuncianti aggredivano una delle vittime che aveva fatto delle avance a due ragazze del posto. Per motivi di gelosia il gruppo intraprendeva una forte discussione con i due fratelli, sfociata poi con un pugno sferrato da uno dei ragazzi al coetaneo marocchino. L’arrivo dei militari operanti riusciva a calmare gli animi dei giovani che venivano invitati in Caserma per le successive incombenze di rito mentre, il giovane marocchino colpito, accompagnato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Cassino veniva riscontrato affetto da una ferita lacero contusa al labbro inferiore.

13 ottobre 2018 0

Controlli antidroga ad Alatri, due giovani segnalati alla Prefettura

Di admin

ALATRI – I carabinieri della compagnia di Alatri hanno segnalato due persone, un 32enne di Fontana Liri ed un minore, alla Prefettura di Frosinone, per Detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale non terapeutico.

I due a seguito di un controllo e successiva perquisizione persona e veicolare sono stati trovati in possesso rispettivamente il primo di un involucro contenente sostanza stupefacente del tipo “hashish” (del peso complessivo di grammi 25 circa) il secondo di uno “spinello” contenente sostanza stupefacente del tipo “hashish”, il tutto contestualmente sottoposto a  sequestro.

30 settembre 2018 0

Rave party ad Arce, denunciati 50 giovani

Di admin

ARCE – Cinquanta giovani sono stati identificati e denunciati questa mattina ad Arce per aver organizzato in località la Selva un rave party non autorizzato. Sul posto della festa sono intervenuti i alle 7.30 circa, oltre ai carabinieri di Arce quelli della stazione di Pontecorvo e il personale del Norm della compagnia di Pontecorvo, Cassino Sora e Frosinone, unitamente a personale della DIGOS della Questura di Frosinone. I 50 denunciati dovranno rispondere di invasione di terreno e riunione pubblica non autorizzata. Nella circostanza i militari hanno trovato sul posto i veicoli, impianti hi fi e hanno proceduto all’identifivazione dei giovani che avevano occupato l’area campestre, di proprietà privata, senza autorizzazione.

23 agosto 2018 0

Cecchini sulla Pontina a Terracina, identificati i giovani che hanno sparato a straniero

Di admin

TERRACINA – Sono stati identificati gli autori del ferimento del quarantunenne indiano attinto, nella serata del 19 agosto, da alcuni pallini mentre era in sella alla propria bicicletta sulla via Pontina a Terracina. Si tratta di quattro giovanissimi terracinesi che, dopo essersi armati di un fucile da softair di libera vendita, per movente in corso di accertamento,  al momento, secondo gli investigatori, non relazionabile a motivi razziali, etnici o religiosi, hanno fatto segno il  malcapitato di vari colpi, utilizzando verosimilmente pallini in alluminio sostituendoli a quelli innocui in plastica. Tre le ipotesi di reato contestate: lesioni personali aggravate, esplosioni pericolose e porto di armi o oggetti atti ad offendere. Il fucile, una riproduzione abbastanza fedele di un’arma da guerra, è stato sequestrato. Maggiori particolari nella conferenza stampa indetta presso il comando provinciale di latina alle ore 11.

4 giugno 2018 0

La Cassino dei giovani che rimbalza sui social: intervista a Cas/s/ee/no

Di admin

CASSINO – Arguti osservatori, critici brillanti e, quando serve, giudici irriverenti: sono i ragazzi di Cassino, quelli che guardano la propria città cogliendone pregi e difetti, misurando il peso delle sue problematiche e degli atteggiamenti ambigui di chi la governa e la popola.

Dalle scuole ai locali del centro, dalle vie principali ai social: i giovani parlano, discutono, realizzano. Ironizzano, molto, perché le sole armi con le quali possono muoversi in una cappa di paradossi e doppiezze sono il cervello e l’ironia. Cosa può esserci di meglio se non questi due ingredienti per comunicare sulla rete e unire i differenti pareri dei nostri attenti osservatori? È la domanda che poniamo agli admin che gestiscono la sagace pagina Facebook “Cas/s/ee/no”, diventata virale negli ultimi giorni fra adolescenti e universitari della zona.

“Per far ridere, bisogna saper far riflettere” è il loro commento, mentre spiegano come l’idea sia “scaturita non da problematiche, ma dall’osservazione antropologica e colonscopica degli indigeni cassinati e dei loro comportamenti in relazione all’habitat”. Una Cassino vista nella simpatica prospettiva di un’era primitiva, una maniera colorita ma certamente veritiera per esprimere il degrado dimostrato da parte dei suoi abitanti. È così che l’esaltazione tutta cassinate per la storica Abbazia di Montecassino, spesso oggetto di cori tutt’altro che patriottico-culturali, diviene spunto per una meme in cui il fanatismo legato alla sua presenza è assimilabile e addirittura superiore agli effetti dell’esaltazione da sostanze stupefacenti. Gli stessi ambigui personaggi ad essa legati, come l’ex abate Pietro Vittorelli, diventano oggetto di una riflessione che va oltre il riso. Il team di Cas/s/ee/no rivela: “Le persone hanno vari hobby: calcetto, fare quattro salti allo skate park, la droga, l’amicizia, la droga, baciare i pali, la droga, l’amicizia ce l’hai messo? Sì. Ah ok…”.

Ma quanto spazio trova realmente, nel contesto cassinate e limitrofi, una pagina che affronta questi temi? “La proposta della pagina ha avuto un ottimo feedback, alcuni memas sono andati letteralmente a ruba. Ci hanno chiesto degli indumenti fregiati del logo, si sta pensando di vagliare l’idea di un merchandise”. Credete dunque che il vostro messaggio possa avere peso in un possibile miglioramento della città? “Speriamo di no, altrimenti non avremmo più materiale per cui ridere” Allora chi dovrebbe aver paura di essere colpito dalla vostra ironia? “Nessuno. Prende di mira tutto e tutti, ma non abbiate paura, è sbagliato pensare sia satira: quella di Cas/s/ee/no è una diapositiva della nostra città, solo con la saturazione a palla”. Giulia Guerra

8 maggio 2018 0

Rubano un’auto e la incendiano, denunciati dai carabinieri tre giovani

Di redazionecassino1

ESPERIA – Nella mattinata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Esperia coadiuvati dai colleghi del NORM della Compagnia di Pontecorvo, a conclusione di attività investigativa deferivano in stato di libertà per “furto e danneggiamento a seguito di incendio in concorso” un 28enne di Torino domiciliato nel cassinate, già censito per reati contro la persona, contro il patrimonio, nonché in materia di armi e stupefacenti; un 18enne bulgaro residente ad Ausonia, già censito per furto ed un 26enne di Ausonia, già censito per reati inerenti agli stupefacenti.

I militari operanti, nel pomeriggio precedente avevano avviato un’attività d’indagine per il furto di un’autovettura rinvenuta incendiata in località Pineta di Selvacava di Ausonia.

Gli accertamenti esperiti, tramite l’escussione di testimoni e l’esame delle immagini estrapolate dal sistema di videosorveglianza di un’attività commerciale, permettevano di acclarare che l’attività delittuosa dei predetti era riconducibile ad un acquisto di sostanza stupefacente non saldato, da parte di un giovane di Esperia che aveva in uso l’autovettura data alle fiamme.

Lo stesso, a seguito di perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di grammi 1,40 di sostanza stupefacente del tipo hashish, sottoposta a sequestro e pertanto, segnalato alla Prefettura di Frosinone quale assuntore di sostanze stupefacenti. Nei confronti del 28enne torinese indagato, veniva inoltre avanzata proposta per l’emissione Foglio di Via Obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Ausonia per anni tre.

 

 

25 aprile 2018 0

“Maratona di Primavera” una festa che unisce bambini, giovani, anziani e disabili da 28 anni

Di redazionecassino1

CASSINO – La tradizione si rinnova anche quest’anno, e sono ormai 28. Era il 1990 quando, per la prima volta, il Cus Cassino in sinergia con l’Abbazia e l’Università pensò di dar vita a un evento dedicato alle famiglie al centro di Cassino. Da allora, ogni anno, a Cassino il 25 aprile è sinonimo di maratona di primavera. Bambini, giovani e meno giovani, da qualche anno anche i disabili: tutti uniti per un giorno di festa. E forse non c’è modo migliore per festeggiare la Liberazione: vedere la gioia dei bimbi e degli adulti che in bici, o a piedi, percorrono i 6 km e poi si godono la villa comunale con canti, balli e giochi. Questa è la maratona di primavera: l’orgoglio del Cus Cassino e del professor Carmine Calce che ormai 28 anni fa ha avuto questa grande intuizione. Anche ieri quasi 5.000 persone hanno invaso le strade di Cassino per l’evento. In prima fila dom Luigi Maria Di Bussolo in rappresentanza dell’abate Ogliari, e dunque con la pettorina numero uno. Al suo fianco il sindaco D’Alessandro e una delegazione dell’amministrazione comunale presente con il presidente dell’assise Dino Secondino, il consigliere Gianrico Langiano e l’assessore Dana Tauwinkelova. In tuta e scarpette, allo start, anche il neo consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli. Dietro la prima fila delle istituzioni, c’erano tanti cittadini. Chi con tuta e scarpette, chi in bici, i più piccoli sulle spalle dei genitori: la maratona ancora una volta è stata prima di ogni cosa la festa delle famiglie. In centinaia sono accorse sia dalla città martire che dai comuni limitrofi. Soddisfatto si è detto il presidente del Cus Cassino Carmine Calce, che da 28 anni organizza l’evento, sia per la massiccia partecipazione delle famiglie, sia per le tante istituzioni presenti. Il lungo serpentone come sempre è partito da Corso della Repubblica, ha attraversato piazza Diaz, via Sferracavalli, il lungofiume ed è poi risalito lungo via Enrico De Nicola per approdare nella villa comunale. All’interno del parco  c’è stato quindi un momento dedicato proprio ai diversamente abili con l’iniziativa “diversamente uniti, diversamente in marcia: crescere e camminare per fraternizzare” giunto alla seconda edizione. “Si tratta – ha spiegato il professor Carmine Calce – di un modo per far sì che la maratona non sia solo sport, ma anche attenzione al sociale. Noi come Cus – ricorda – siamo molto sensibili a tale tematica. C’è difatti una profonda sinergia con la comunità Exodus e la scorsa settimana abbiamo portato la maratona anche in carcere per una giornata di festa con i detenuti”. Sullo sfondo, oggi come 28 anni fa, lo slogan ideato nel 1990 per la prima edizione della maratona di primavera: “Facciamo fiorire la pace nel mondo”: uno slogan, oggi, più attuale che , mai. E che suona come un grido d’allarme. Il sindaco D’Alessandro ha infatti chiosato: “Questo è il modo migliore per celebrare questa importante ricorrenza per tutto il nostro Paese, con una giornata dedicata allo sport e alle famiglie. Oggi ricordiamo un momento fondamentale della nostra storia e lo facciamo guardando negli occhi i nostri figli, che sono il nostro futuro e ascoltando le loro risate che ci fanno sperare che il domani sarà migliore. Ricordiamo sempre il nostro passato e da dove siamo venuti e insegniamo ai ragazzi a farne tesoro”. Sulla stessa lunghezza d’onda il commento di Pasquale Ciacciarelli: “Celebrare il 25 Aprile, giorno della Liberazione, attraverso lo sport, inteso come strumento di pace, è un esempio educativo significativo per la comunità. Lo sport ha un profondo valore sociale e si rivela, molto spesso, un vero salva vita per i ragazzi. È ammirabile come questa iniziativa da anni funga da collante tra diverse generazioni, dai giovani, ai giovanissimi, alle famiglie, agli anziani”. Ed ora, calato il sipario sulla Maratona di Primavera, il Cus già pensa ai prossimi eventi: l’obiettivo è quello di portare a Cassino i campionati italiani di cross.

   

17 aprile 2018 0

Auto con tre giovani si schianta contro un albero ad Alvito, il conducente aveva bevuto

Di admin

ALVITO – Guida sotto l’effetto di alcool in compagnia di altri due giovani e si schiantano contro un albero. E’ accaduto ad Alvito nella notte tra sabato e domenica lungo la Strada provinciale 94 al km. 4+200.

Dopo l’impatto la Mercedes Classe A si è ribaltata più volte ove. Alla guida del mezzo si trovava un 24enne di Alvito, trasportato in codice rosso da personale del 118 all’Ospedale Civile di Sora insieme ad uno dei due passeggeri, mentre il terzo, in condizioni più critiche, è stato elitrasportato presso il Policlinico Umberto I di Roma.

Il ragazzo alla guida, sottoposto ad ulteriori accertamenti sanitari come previsto dalle normative vigenti, è risultato avere un tasso alcolemico pari a 1,00 g/l (superiore al limite consentito). Pertanto, lo stesso, dovrà rispondere di guida in stato di ebbrezza, aggravata dall’aver provocato un incidente ed aver causato lesioni a terzi, fortunatamente in via di miglioramento, con contestuale ritiro immediato del documento di guida.

 

11 aprile 2018 0

Rissa nella notte a Fiuggi, quattro giovani arrestati

Di admin

FIUGGI – Rissa furibonda questa notte a Fiuggi e scattano le manette per quattro.

Non sono chiari i motivi che hanno spinto un gruppo di giovani ad azzuffarsi selvaggiamente ma, quel che è certo, è che l’arrivo dei  dei carabinieri della locale stazione e degli agenti del commissariato, hanno evitato un epilogo drammatico.

I quattro, il più giovane ha 25 anni, sono due di Fiuggi, uno di Torre Cajetani e 1 di Anagni. Il pubblico ministero ha disposto larresto ai domiciliari in attesa di direttissima.

8 aprile 2018 0

Movida con rissa tra giovani ubriachi a Cassino, due arresti: si cercano gli altri

Di admin

CASSINO – Uno sguardo di troppo ad una ragazza, forse qualche parola fuori posto, ma soprattutto, tanto alcool e quasi certamente droga sono alla base di una rissa che, questa notte, ha visto due gruppi di ragazzi fronteggiarsi e picchiarsi in piazza Diaz a Cassino. Era l’1.30 circa quando è scoppiato il parapiglia davanti ad un locale frequentato da giovani.

Sul posto sono dovute arrivare diverse pattuglie di carabinieri e polizia per sedare gli animi, riuscendoci solamente dopo aver vinto la resistenza di alcuni che, presi dalla foga della lite e offuscati dall’assunzione di alcool, si sono scagliati anche contro le forze dell’ordine ferendo alcuni agenti. Alla fine la calma è tornata e due giovani marocchini, da tempo residenti a Cassino, un 22 enne ed un 29enne, sono stati arrestati per resistenza, minacce a P.U., rifiuto di fornire le proprie generalità, lesioni personali, e denunciati per rissa aggravata.

Danneggiate anche alcune auto parcheggiate nella zona. I carabinieri indagano per risalire alle identità degli altri, pare siano italiani, che hanno preso parte alla rissa.

Ermanno Amedei