Tag: cassinate

15 Novembre 2009 0

Il terremoto torna a far tremare il Cassinate e il Sorano

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una scossa di terremoto di magnitudo 1.8 è stata registrata nel cassinate dai sismografi ddell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 4.30 di questa mattina. Una scossa lieve che non ha causato danni ne feriti, ma che rispolvera le paure di chi, per quasi un mese, tra cassino e Sora, ha vissuto con scosse di terremoto che si ripetevano anche più volte al giorno.

13 Novembre 2009 0

Coppia di giovani abruzzesi allontanati dal cassinate

Di Comunicato Stampa

Una coppia di Lanciano (Ch), con vari precedenti penali, è stata fermata dai carabinieri di Atina della compagnia di Cassino (Fr). I militari, nel corso di predisposto servizio finalizzato al controllo del territorio, hanno intercettato e controllato G.A. 26 enne (sesso femminile) e G.F. 23 enne (sesso maschile), già censiti, i quali si aggiravano con fare sospetto nei pressi di attività commerciali del comune frusinate. Ricorrendo i presupposti di legge, gli stesi sono stati proposti per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio.

22 Ottobre 2009 0

Operazione anticrimine dei carabinieri nel cassinate

Di redazionecassino

Operazione anticrimine dei carabinieri delle compagnie di Cassino e Pontecorvo. A  Piedimonte san Germano, i militari della locale Stazione  nel corso di un servizio finalizzato al controllo del territorio, hanno intercettato e controllato una vettura alla cui guida è stato trovato G.A., 34enne di Napoli, già censito per reati contro il patrimonio il quale si aggirava, con fare sospetto, nei pressi di attività commerciali del posto. Al termine delle formalità di rito e ricorrendone i presupposti di Legge, al G.A. è stato notificato l’avvio del procedimento amministrativo finalizzato all’emissione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel territorio del comune di Piedimonte san Germano per anni tre. Ad  Arce, i militari  hanno controllato tre persone: D. M. M. 34enne, A. P. 39enne e A. R. 27enne, tutti residenti  a Lucera (FG) ai quali è stato  notificato l’avvio del procedimento amministrativo finalizzato all’emissione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel territorio del comune di Arce per anni tre. A  Pico, i militari  hanno deferito alla A.G. di Cassino S. R. 35enne, residente a Spigno Saturnia (LT), poiché resosi responsabile del reato di “porto illegale di armi o strumenti atti ad offendere” in quanto, sottoposto a controllo dai militari operanti e a seguito di accurata perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico del genere proibito.

18 Ottobre 2009 1

La desertificazione economica del territorio cassinate

Di Comunicato Stampa

Da Benedetto Truppa, segretario Cgil, riceviamo e pubblichiamo. “Oltre 6 milioni di ore di cigo nei primi 9 mesi nel territorio cassinate a fronte della circa 500 mila dello stesso periodo del 2008. I settori più colpiti il metalmeccanico con circa 5.000.000 do ore, il settore dell’edilizia con circa 150.000 ore, i trasporto con 270.000, il cartaio con 160.000. Nei primi 9 mesi al netto dei licenziati circa 3000, contratti a tempo determinato-contratti a progetto-stage formativi, il monte salari delle famiglie che ormai vivono da mesi quasi esclusivamente della CIGO hanno avuto una decurtazione di circa 30 milioni di euro, circa 4000 euro a famiglia. Un vero e proprio dramma che si somma ai licenziati dei settori privati in crisi, si pensi al commercio ed al terziario in genere, e agli esuberi diretti ed indiretti del settore pubblico, precari, sanità pubblica, sanità privata ed i tagli al personale docente ed ata nelle scuole. Un dato per tutti, che evidenzia il forte disagio economico, sono le circa 5000 domande presentate nel distretto socio-sanitario D per il reddito minimo garantito. Altra testimonianza il peregrinare nelle sedi sindacali e presso la caritas di centinaia di persone che non hanno più di che campare e chiedono invano lavoro e mera assistenza, non riuscendo più non solo a pagare la luce o l’affitto, ma essendo ormai fortemente in sofferenza anche per garantirsi un pasto quotidiano. Questo scenario è solo l’inizio, e non vogliamo essere catastrofisti se prefiguriamo l’evolversi di un dramma economico che tra qualche mese si trasformerà in vera e propria emergenza sociale. Bisogna immediatamente dare garanzie, occupazionali, attraverso il raddoppio della cigo ed i finanziamenti, arrivati solo molto parzialmente, degli ammortizzatori straordinari in deroga. Bisogna sostenere la domanda dei consumi, attraverso la defiscalizzazione di salari e pensioni, il 75% della domanda viene da queste persone, attraverso una vera e propria progressività del sistema fiscale, lotta agli evasori ed al lavoro nero. Una politica industriale che, nel sostenere il nostro settore manifatturiero, inizi ad essere incentrata su produzioni ad alto valore aggiunto e solo se si avvia un processo d questo tipo si potrebbe giustificare una richiesta dell’area di crisi così come prevede la legge n° 99\09. A questa grave situazione, si riscontra una risposta palesemente insufficiente del Governo che ha attivato, in forte ritardo, forme di assistenza minimali, che non danno alcun sostegno reale e scarica i costi della crisi sui lavoratori, sui pensionati, sulle famiglie. La CGIL fortemente contrariata dalla politica di questo governo, solo mediatica ed inconcludente, esempio: si pensa a costruire il ponte sullo stretto di Messina, quando in questo paese crollano frazioni, case e scuole con centinaia di morti, inizierà nei prossimi giorni una campagna sul territorio per informare i lavoratori ed i pensionati per preparare una grande manifestazione a Roma il 14 novembre”.

8 Ottobre 2009 0

Mostra a New York dell’artista cassinate Lucio Salvatore

Di Comunicato Stampa

Il prossimo 13 ottobre l’artista cassinate Lucio Salvatore inaugura una nuova mostra a New York nella galleria di Mulberry Street 201. Sarà una rassegna della sua nuova produzione di opere originali su temi filosofici e artistici. Intanto un suo lavoro realizzato con sangue su plexiglass è stato venduto dalla famosa galleria d’arte Sotheby’s insieme a quello di altri grandi artisti per sostenere la New York Academy of Art fondata da Andy Warhol e presieduta da Eileen Guggenheim. Sui giornali americani questa la notizia pubblicata. New York, NY – October 13 will be the first presentation of Lucio Salvatore 2009 Artworks. The artist will privately receive friends, collectors and curators as if he would be opening his studio doors for the first time after a season of production. Salvatore chooses New York to start the series of presentations that will bring his works around Europe and South America. Blood on Plexiglas is the media, and for the first time Salvatore’s line from abstractions draws figures of female and male bodies captured in the moment of creation: Eros, The generating force that creates life. For further information and press inquiries please contact info@luciosalvatore.com The New York Academy of Art presents its Annual Art Auction Benefit, Take Home a Nude. The event will honor artist John Currin, and will feature cocktails, music, dinner, and both a silent and live auction at Sotheby’s New York of drawings, paintings, photographs, and sculptures by both emerging and leading contemporary artists, including Ross Bleckner, Eric Fischl, Jeff Koons, James Nares, Jenny Saville, Kenny Scharf and Lucio Salvatore.

25 Settembre 2009 0

Giovane cantante cassinate a Sanremolab

Di redazionecassino

Daniele Nicolò, l’artista 22enne di Cassino, vincitore lo scorso 9 agosto della prima edizione del “Concorso Giovani Voci 2009” è volato a Sanremo. Il giovane, vincitore assoluto del concorso promosso ed organizzato da “Gli Archi Village”, è già da qualche giorno a Sanremo dove sta prendendo parte al laboratorio dedicato ai giovani cantanti che desiderano partecipare al festival della canzone italiana, denominato  SanremoLab. Nella città dei fiori Daniele partecipa, grazie alla sponsorizzazione del Centro “Gli Archi”,  ai corsi di formazione con grandi nomi della musica italiana. Quest’anno, in qualità di ospiti, partecipano: Zucchero, Jovanotti (insieme a Saturino e Sergio Pappalettera), Giovanni Allevi e Francesco Facchinetti. La Presidenza della Commissione Artistica di SANREMOLAB 2009 è stata affidata a Paolo Giordano, mentre Stefano Senardi è il Supervisore Artistico. I corsi di formazione sono stati realizzati per il secondo anno in collaborazione con il CPM  Music Institute di Milano diretto da FRANCO MUSSIDA. Il corpo docente è composto da alcuni tra i migliori professionisti del settore: oltre allo stesso MUSSIDA, le lezioni sono tenute da MARY SETRAKIAN (vocal coach di Nicole Kidman nel film “Moulin Rouge”), ANDREA RODINI (vocal coach della categoria di Morgan nel talent show “X Factor”), FIO ZANOTTI (musicista, arrangiatore e produttore), NICCOLÒ AGLIARDI (cantautore e autore) e MICHELE CANOVA (produttore e arrangiatore). Dopo  questa prima fase ad ottobre si entrerà nel vivo della fase due: le eliminatorie. La Commissione Artistica  presieduta da Paolo Giordano e composta da Francesco Mandelli (Vj di Mtv, musicista e attore), Bruno Santori (Direttore d’orchestra, compositore e arrangiatore), Nicoletta Deponti (Dj di Rtl 102.5) e Luigi Grasso (Esperto di comunicazione musicale), ai quali si aggiungeranno nelle fasi finali Federica Gentile (conduttrice di RadioRai) ed Elena Di Cioccio (conduttrice televisiva), sceglierà una rosa di giovani cantanti da promuovere in finale. A novembre, poi,  la Commissione Artistica  valuterà nuovamente i finalisti, al fine di individuare i vincitori. Entro il prossimo 15  dicembre i vincitori saranno sottoposti ad una ulteriore selezione da parte della Commissione RAI, la quale sceglierà gli artisti che parteciperanno al 60° Festival della Canzone Italiana nella categoria “Giovani”. “Al giovane Daniele” – dichiara Davide Petrucci, organizzatore del Concorso Canoro Giovani Voci, inserito nell’ambito del cartellone degli eventi estivi “Gli Archi Village”, svoltisi presso il Centro Commerciale di via Casilina sud – “formuliamo un grande in bocca al lupo. Il nostro auspicio e di vederlo partecipare  a febbraio 2010 sul palco del teatro Ariston di Sanremo”.

8 Settembre 2009 0

Ancora un morto per overdose nel Cassinate

Di Comunicato Stampa

Sembra non ci siano dubbi sulle cause che hanno portato al decesso, domenica sera, Pasquale M., 36 anni di Sant’Apollinare (Fr). Si tratterebbe infatti di overdose. Il suo corpo, trovato esanime nella sua abitazione, dopo una ispezione cadaverica effettuata da Antonella Broccoli, medico legale incaricato dalla procura di Cassino, è stato trasportato nella camera mortuaria e, oggi si svolgeranno i funerali. Quindi, ancora una vittimadella droga nel Cassinate. Le morti per overdose dall’inizio dell’anno sembrano moltiplicarsi rispetto agli anni precedenti. Spesso, a rimanere vittime della dose fatale sono proprio giovanissimi.

2 Settembre 2009 0

Sanità/2 – I problemi sanitari del Cassinate sul tavolo della Regione

Di Comunicato Stampa

“La nostra sacrosanta battaglia volta a rivendicare un’offerta sanitaria migliore nel nostro territorio ha avuto il primo positivo risultato”. E’ l’incipit dell’analisi del presidente della Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale, Bruno Vincenzo Scittarelli, a margine della riunione avuta ieri a Roma con il vice presidente della Regione Lazio, Esterino Montino, ed il presidente della Commissione regionale Sanità, Luigi Canali, alla presenza di altri rappresentanti regionali e della provincia di Frosinone. “E’ stato un incontro proficuo – continua Scittarelli – nel corso del quale ho presentato a Montino e Canali la proposta di emendamento al Piano regionale della sanità scaturito all’unanimità dalle riunioni della Consulta dei Sindaci. Ho evidenziato che la nostra provincia ed in particolare il Distretto D sono stati fortemente penalizzati sia nell’assegnazione dell’indice dei posti letto per ogni mille abitanti (il 2,4 a fronte della media del 3,5), sia nella filosofia di allocazione dei servizi. All’interno della Consulta abbiamo individuato una proposta unitaria che invece prevede l’attivazione al Santa Scolastica di Cassino del DEA di 1° livello, con l’assegnazione delle specialità di base e quelle aggiuntive previste per particolari bacini d’utenza e di domanda, e la conservazione del Pronto Soccorso al Pasquale del Prete di Pontecorvo. Dalla riunione è emersa l’assoluta improponibilità del Piano proposto dal commissario Marrazzo e la volontà di procedere alla sua revisione, questo consolida la nostra posizione che continueremo a ribadire unitariamente a tutti i prossimi incontri”.

2 Settembre 2009 0

Cassinate, i sindaci fissano i punti per una sanità migliore

Di Comunicato Stampa

Nella riunione del 28 agosto la consulta dei sindaci del Lazio Meridionale ha formulato una proposta di emendamento alla “individuazione del fabbisogno di posti letto per acuti, riabilitazione e lungodegenza nella Regione Lazio per l’anno 2009 e conseguente riorganizzazione e riqualificazione della rete e dell’offerta ospedaliera regionale. Integrazioni e modifiche ai decreti del Commissario ad acta n. 25/08 e n. 43/008.” Di seguito riportiamo il testo dell’emendamento. La riorganizzazione della Rete ospedaliera della Regione Lazio e, parallelamente, la proposta di Piano di Rientro finanziario della Sanità della stessa regione, proposti dal Commissario ad acta, il presidente della Regione Piero Marrazzo, sono stati oggetto di approfondita discussione in ripetute riunioni della Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale, anche con l’ausilio di relazioni tecniche predisposte da operatori sanitari del territorio circoscritto nel Distretto D della ASL di Frosinone. Nel corso della riunione è emersa, UNANIMEMENTE, la forte penalizzazione che subirebbe il territorio dall’attuazione di tali progetti che non rispettano alcuna proporzione rispetto alle altre province del Lazio. Peraltro tali ricadute negative non consentirebbero di perseguire quegli obiettivi di risparmio ed ottimizzazione della spesa sanitaria a vantaggio di una qualificata offerta dei servizi. Infatti, la necessità di riorganizzare la rete ospedaliera regionale ha una duplice motivazione: rendere più efficiente l’offerta di servizi erogati con una migliore distribuzione sul territorio in un’ottica di elevazione e miglioramento qualitativi; realizzare risparmi significativi sul fronte delle spese per allineare la spesa sanitaria al circuito virtuoso già realizzato in altre regioni d’ Italia. Allo stato delle proposte in atto e dei provvedimenti già presi nel corso degli ultimi tempi, secondo la Consulta dei Sindaci del Lazio Meridionale nessuno di questi obiettivi potrà essere centrato. Anzi, si avrebbero effetti negativi devastanti come: 1. incentivazione ulteriore del fenomeno della “Migrazione Passiva”, a favore di territori di province e regioni limitrofe, e addirittura all’interno degli stessi distretti della provincia di Frosinone; 2. impoverimento del patrimonio professionale esistente; 3. riduzione della attuale presenza specialistica territoriale; 4. conservazione di capitoli di bilancio che generano forti spese negative come PES e PER. In particolare, è opportuno fare alcune valutazioni alla bozza di riorganizzazione ospedaliera sottoposta alla riflessione delle Istituzioni territoriali che va sotto il titolo: “ individuazione del fabbisogno di posti letto per acuti, riabilitazione e lungodegenza nella Regione Lazio per l’anno 2009 e conseguente riorganizzazione e riqualificazione della rete e dell’offerta ospedaliera regionale. Integrazioni e modifiche ai decreti del Commissario ad acta n. 25/08 e n. 43/008.” In via preliminare facciamo le seguenti osservazioni: 1) dalla verifica del rapporto posti letto/abitanti, previsti dalla normativa nazionale e dalle previsioni fatte nel documento proposto, appaiono evidenti incongruenze penalizzanti. In particolare il documento regionale evidenzia che alla provincia di Frosinone è stato assegnato un indice di posti letto pari a 2,9 per ogni 1000 abitanti già più basso di quello di Roma (3,7), Latina (3,3) e Rieti (3,2) ma che nei fatti si riduce a 2,4 in quanto, per il raggiungimento di tale computo, insieme ai posti letto per acuti sono stati calcolati anche quelli per lungodegenza; 2) la popolazione della provincia di Frosinone si caratterizza per l’aumento dei flussi migratori verso strutture sanitarie di altre regioni e per l’aumento dell’età anagrafica della popolazione con la conseguenza che “è prevedibile un aumento di domanda di prestazioni soprattutto legate alla presenza di malattie cronico- degenerative”; 3) dalla tabella dei dati per decessi risulta che tra le cause di morte le malattie del sistema cardiocircolatorio costituiscono il dato più significativo sia in percentuale (42,5% uomini), (52,4% donne), sia in termini assoluti 4.466. Seguono i tumori con 2.614 decessi pari al 27,6 dei casi; 4) dalla verifica dei ricoveri e dell’utilizzo delle strutture della ASL di Frosinone, si evidenzia – all’interno dei dati di migrazione passiva- che le strutture ospedaliere della provincia sono scelte da meno della metà dei residenti, mentre le alternative si orientano verso strutture nell’ambito regionale del 40,2% per i residenti nel distretto A, 32% distretto B, 21,5% distretto C e solo il 23,8% nel distretto D. Questi dati evidenziano la necessità di allocare le risorse e l’offerta dei servizi tenendo conto non solo delle reali necessità della popolazione, ma anche della geografia della provincia. E qui va fatta una considerazione: l’ Ospedale di Cassino – storicamente classificato come “Provinciale” – ha sempre svolto una funzione baricentrica tale da intercettare l’utenza del Basso Lazio e delle regioni limitrofe come Alta Campania, Alto Molise e parte dell’Abruzzo. Oggi i dati dimostrano situazioni rovesciate a causa del fatto che le Regioni citate hanno allocato ai nostri confini strutture di prim’ordine nel campo delle discipline neurologiche (Pozzilli) o cardiochirurgiche (Mercogliano e Maddaloni). Per quanto sopra detto si ritiene dover emendare il documento richiamato in premessa con la richiesta: 1) che venga ripristinata l ‘attribuzione dei posti letto per acuti in base alla corretta ed univoca interpretazione della normativa sul rapporto ab/posti letto; 2) che l’Ospedale di Cassino “S. Scolastica” venga elevato a DEA di 1° livello con le specialità di base con e senza posti letto, così come elencate nel decreto Marrazzo del 11.07.2008, e in aggiunta, essendo determinate le condizioni previste dallo stesso decreto (bacino di utenza e particolare situazione geografica), le unità operative complesse con posti letto delle discipline riportate nell’allegato “ 2” del decreto stesso; 3) che l’ospedale di Pontecorvo “ Pasquale Del Prete”, conservi la funzione di Pronto Soccorso e venga riorganizzato in funzione complementare al DEA di 1° livello di Cassino.