Tag: chiude

25 Settembre 2018 0

Il Nas chiude rivendita di frutta ad Arce, merce conservata in locali fatiscenti

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ARCE – Una attività che commercializzava prodotti agricoli gestita da un cittadino straniero è stata chiusa dai carabinieri del Nas di Latina ad Arce. I militari comandati dal capitano Egidio Felice, nel corso dei controlli all’interno dei locali hanno ravvisato gravi violazioni alle norme igienico sanitarie, carenze strutturali e mancanza di allaccio all’acqua potabile delle condotte idriche comunali.

Il titolare infatti incurante dei pericoli a cui esponeva gli acquirenti del negozio, depositava la frutta e la verdura in locali fatiscenti e sporchi, che non riunivano le caratteristiche previste dalle vigenti normative sulla sicurezza alimentare, mettendo in vista oltretutto le merci al di fuori dei locali commerciali, direttamente sulla pubblica via con alto rischio di insudiciamento ed inquinamento dei prodotti ortofrutticoli. Rilevata quindi tale grave situazione generale, ulteriormente aggravata dalla mancanza dell’acqua potabile, i Carabinieri del N.A.S. di Latina, unitamente al personale medico ispettivo del Servizio di Prevenzione dell’ASL Frosinone, intervenuto su esplicita richiesta, hanno imposto il provvedimento restrittivo al titolare della rivendita di ortofrutticoli, fino al ripristino delle corrette condizioni igienico sanitarie e di pulizia con l’allaccio alla condotta idrica potabile. Oltre a ciò al titolare sarà erogata una sanzione amministrativa pari a 1.000 euro.

1 Settembre 2018 0

Ventotene; il Nas chiude alcune attività di ristorazione, multati i titolari e sequestrate merci per 50mila euro

Di felice pensabene

VENTOTENE – L’approssimarsi del termine della stagione estiva non vede sminuire l’impegno dei  Carabinieri del N.A.S. di Latina nell’ambito dei controlli inerenti la sicurezza alimentare e sanitaria. E’ recente infatti il sinergico impiego degli ispettori dei Carabinieri del N.A.S. di Latina, dei militari della Stazione Carabinieri di Ventotene  e dei funzionari dell’ASL Latina che, supportati da un elicottero del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Pratica di Mare, hanno espletato dodici ispezioni a varie attività di ristorazione, sanitarie e socio-assistenziali poste sul  territorio dell’isola di Ventotene (n.8 attività ristorative, nr. 1 deposito di alimenti e nr. 3 attività di tipo sanitario e socio-assistenziale).

All’esito di tali controlli veniva:

a)      sottoposta a chiusura un’attività di ristorazione con annessa attività di  laboratorio, adibito anche alla preparazione e commercializzazione di conserve alimentari e marmellate, che oltre ad essere privo di qualsiasi autorizzazione presentava anche gravi carenze igienico-strutturali e la mancanza di procedure di autocontrollo. Sequestrati oltre 500 barattoli e vasetti di conserve alimentari e marmellate di vario genere e formato, nonché 40  litri circa di liquori a base di erbe, tutti confezionati in loco senza che fosse garantita la sicurezza igienica e la tracciabilità degli ingredienti utilizzati;

b)      avviata procedura sanzionatoria per altre tre attività di ristorazione per carenze igieniche-strutturali e per l’inadeguatezza delle procedure di autocontrollo per le quali venivano imposte attività prescrittive da parte dei funzionari del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’ASL di Latina.

Ulteriori controlli sono stati eseguiti dai Carabinieri del N.A.S. su alcuni furgoni coibentati utilizzati per il trasporto degli alimenti nel corso delle procedure di traghettamento verso l’isola di Ventotene. Tale attività ha consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro 20 kg circa di prodotti ittici, destinati alla vendita sulle isole ponziane, privi della documentazione necessaria per la loro tracciabilità e garanzia di salubrità.

Per gli illeciti rilevati durante l’operazione, venivano contestate a carico dei trasgressori violazioni amministrative per un importo complessivo che supera i 17.000 euro (13.000 euro solo per la struttura ristorativa chiusa), mentre il valore dell’attività chiusa e dei prodotti alimentari sottoposti a sequestro supera i 50.000 euro.

11 Giugno 2018 0

La cronaca della giornata – Salvini chiude i porti italiani ai migranti, la Spagna li apre… almeno per oggi

Di Ermanno Amedei

LA CRONACA DELLA GIORNATA – Il ministro degli Interni Matteo Salvini ha chiuso i porti Italiani alla nave Aquarius che aveva caricato dalle coste libiche 629 migranti tra cui sette bambini ed alcune donne incinte. Salvini rivendicava l’obbligo di far sbarcare i migranti a Malta considerata primo porto sicuro.

Le autorità dell’isola hanno rifiutato sostenendo che il soccorso nelle acque libiche era stato effettuato dagli uomini della Guardia costiera italiana e che quindi lo sbarco sarebbe dovuto avvenire in un porto italiano.  Si tratta del primo provvedimento preso (a dire il vero ieri) dal neoministro che ha, a suo dire (ed è vero), cominciare ad affrontare il problema migranti convolgendo tutte le autorità, soprattutto quelle europee. Ma l’iniziativa ha innescato una serie di diverse reazioni con chiavi di lettura politiche e giornalistiche, soprattutto in Italia.

Fronte comune con M5S e con il ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli, al cui ministero spetta la competenza sui porti e sulla Guardia Costiera; Centrodestra ricompattato con appoggio di Fratelli d’Italia e di Forza Italia; bordate dalla sinistra e dal centro sinistra; porti aperti, almeno negli annunci dei sindaci, a Napoli e Palermo e, solo inizialmente, anche a Livorno dove il sindaco M5s aveva dato la disponibilità con un post su un social subito dopo rimosso.

Mentre per una notte e la mattinata di oggi l’Aquarius, battente bandiera di Gibilterra, girovagava tra Malta e la costa italiana, nel primo pomeriggio, con un messaggio annunciato sui social, il premier spagnolo annunciava di essere disposto ad accogliere i migranti nel porto di Valencia. Un gesto definito da molti di grande umanità e solidarietà che è stato accompagnato dagli echi di altri che invece hanno sospirato un liberatorio “finalmente”. In molti ricorderanno, ed ancora senza comprenderlo, le navi della guardia civil spagnola entrare nei porti Italiani per sbarcare migranti salvati nel Mediterraneo.

Di fronte a questa soluzione Salvini non ha perso tempo e in una conferenza stampa ha rivendicato il raggiungimento del risultato: far arrivare meno immigrati in Italia. Piaccia o non piaccia, a favore o contro, elettori o non elettori della Lega: parole della campagna elettorale che diventano concrete.

Tutto questo in attesa di scoprire cosa accadrà con il prossimo barcone di disperati.

Ermanno Amedei

21 Maggio 2018 0

Csi/Promozione: Stagione positiva per Amatori Pignataro chiude al 3° posto, migliore difesa del torneo

Di felice pensabene

Si è chiusa la stagione 2017-18 del torneo Csi-Cassino di Promozione. Finisce un campionato esaltante per una formazione del cassinate, gli Amatori Pignataro.

Amatori Pignataro chiude una grande stagione con la vittoria esterna su Belmonte Castello, nell’ultima giornata di campionato, per 0 a 3, che ha permesso alla formazione di Mister Tommaso D’Aguanno di terminare la stagione al terzo posto in classifica. Una grossa soddisfazione per il mister Tommaso D’Aguanno al primo anno sulla panchina bianco blu.

I numeri parlano chiaro: miglior difesa del campionato con solo 19 reti subite in tutto il campionato. Merito indiscusso di un gran portiere, Simone Aniello, e di una forte coppia centrale Cicillino e Cesareo. Un buon centrocampo con giocatori di buona qualità tecnica ed un ottimo attacco con il tridente Stefano Cardillo Stefano, Denis Lo Guasto ed il “Dybala” di colore Osei che hanno dato prova di valore e doti tecniche.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente Massimo Caldaroni che ha definito un campionato bello ed esaltante per la formazione di Pignataro, accresciuta  dallo spirito giusto, lo spirito amatoriale.

F. P.

 

12 Febbraio 2018 0

Chiude la scuola materna Suore Trinitarie di Coreno, l’appello dei genitori degli alunni

Di Ermanno Amedei

CORENO AUSONIO – “La scuola materna delle suore Trinitarie di Coreno Ausonio a partire dal prossimo anno scolastico chiuderà. Questa è stata la triste notizia ricevuta da pochi giorni dai genitori degli alunni iscritti”.

A comunicarlo sono alcuni genitori di ragazzi che frequentano l’istituto.

“La comunicazione ufficiale è giunta solo a cose fatte, a pochi giorni dalla scadenza delle prescrizioni in altre scuole e viene inoltre definita irrevocabile dalla madre superiora dell’istituto.

Il timore di un’eventuale chiusura – spiegano i genitori nella nota – era nell’aria da tempo ma nessuno sapeva, compreso insegnanti e suore, che sin dall’aprile 2017 l’istituto ne avesse addirittura deliberato la chiusura. Senza dare la possibilità di trovare insieme una soluzione alternativa. Nessun problema ‘vero’ che possa giustificare tale decisione. ​Nell’Istituto, da oltre 100 anni, sono cresciute generazioni di bambini, un vero e proprio fiore all’occhiello per il piccolo comune di Coreno.

Con tale decisione, Coreno Ausonio vedrà togliere non solo la scuola materna ma anche la presenza delle Suore Trinitarie. Sono tante le famiglie ed i malati visitati settimanalmente dalle suore.

Le Suore – hanno ribadito i genitori degli alunni – devono proseguire la loro azione a Coreno Ausonio, perché il paese ed i bambini hanno bisogno della loro ultracentenaria esperienza”.

Disperato il tentativo di salvataggio che i genitori stanno intraprendendo.

“È chiaro che – concludono i genitori – nulla potrà essere fattibile senza un importante ruolo di supporto anche da parte delle istituzioni che, sino ad oggi, sembrerebbero completamente disinteressate”.

30 Novembre 2017 0

Chiude la Ideal Standard di Roccasecca, sindacati: Duro colpo per 500 famiglie

Di Ermanno Amedei

ROCCASECCA – Cessa l’attività all’Ideal standard di Roccasecca. La decisione è stata comunicata dai vertici societari della multinazionale alle segreterie nazionali dei sindacati, ai quali, è stato annunciato che saranno avviate tutte le procedure per arrivare alla chiusura del sito industriale. Un colpo mortale all’economia del territorio che coinvolge, tra dipendenti diretti e quelli dell’indotto, circa 500 famiglie. I segretari generali di Ugl Chimici, Femca Cisl, Filtcem Cgil e Uiltec Uil Valente, Valeriani, Chiarlitti e Piscitelli annunciano battaglia contro una decisione inspiegabile: “Le nostre preoccupazioni – spiegano i rappresentanti sindacali – espresse nei mesi scorsi per la mancata presentazione del piano industriale, erano purtroppo fondate. Si tratta di un provvedimento assurdo perché il sito di Roccasecca produceva ricchezza anche grazie ai sacrifici fatti dai lavoratori che hanno rinunciato a parte dello stipendio per garantire la produzione. La fabbrica di Roccasecca ha sempre lavorato bene sfornando prodotti di qualità e le commesse non sono mai mancate, tutto ciò ci lascia attoniti”. C’è preoccupazione dunque per il futuro delle famiglie e per l’ordine pubblico visto che la scelta della società ha messo in subbuglio i lavoratori: “Faremo tutto quanto nelle nostre possibilità – sottolineano i segretari generali – affinché la multinazionale riveda la sua decisione. Sarebbe l’ennesimo colpo mortale per l’intero territorio che ha già subito quello inferto dalla FCA qualche settimana fa. La nostra sarà una battaglia in tutte le sedi a fianco dei lavoratori e delle loro famiglie”.

13 Ottobre 2017 0

Passioni e Camminanti: la rassegna di eventi estivi comprensoriali chiude con un grande festa

Di felice pensabene

Gaeta – Domenica 15 ottobre spettacolare evento di chiusura di “Passioni e Camminanti”, la grande rassegna che da Luglio ad Ottobre ha coinvolto otto borghi dell’area distrettuale che si snodano lungo il percorso dell’Appia Antica: Gaeta (ente capofila), Formia, Minturno, Itri, Spigno Saturnia, Castelforte, SS. Cosma e Damiano e Ventotene. Dalle feste tradizionali ad eventi creati a misura di borgo, dalle maschere camminanti della commedia dell’arte alla letteratura del ‘900, dal mare alla montagna fino alle isole, dalle parate di strada alle piazze: un progetto di rete che ha valorizzato le memorie, le storie, i profumi, le tradizioni, le bellezze di pietra, di terra e di acqua dei nostri centri storici vivendo le vibrazioni dei concerti con artisti popolari e giovani musicisti, le emozioni degli spettacoli teatrali, immersi nei suoni e nei sapori della cultura pastorale o marinara che caratterizza le località del comprensorio. Sostenuto dall’Agenzia del Turismo Regione Lazio, questa iniziativa di rete, unica nel suo genere in quanto vede uniti 8 comuni, è stata finanziata dal governo regionale  per una somma complessiva di 50.000 euro.

La manifestazione è stata presentata nella conferenza stampa che si è svolta giovedì 12 ottobre 2017, nell’Aula Consiliare del Palazzo Comunale, con la partecipazione del Sindaco Cosmo Mitrano e, in rappresentanza dei Primi Cittadini dei comuni di riferimento, dell’Assessore al Turismo di Formia Erasmo Colaruotolo, dell’Assessore al Turismo di SS. Cosma e Damiano Ester Del Giudice, della delegata al Turismo di Castelforte Paola Iotti, dei responsabili Punti IAT di Scauri Angela Rigato e di Formia Antonio D’Onofrio. L’incontro ha rappresentato anche l’occasione per illustrare il bilancio estremamente positivo della rassegna “Passioni e Camminanti”.

“Insieme è questa la parola vincente del progetto di Rete Passioni e Camminanti – ha dichiarato il Sindaco Mitrano – Un’iniziativa che nasce, si fonda e trova la sua forza nella sinergia tra i Comuni partecipanti. Il ricco cartellone di eventi che siamo riusciti a realizzare “tutti insieme”  con grande successo di pubblico ed ampi consensi, mirava  alla valorizzazione delle specificità di ogni evento, inserendolo in un contesto comprensoriale. Prende così sempre più forma il Distretto Turistico che si afferma quale strumento di rilancio e riqualificazione, su scala nazionale ed internazionale, del settore turistico del comprensorio, puntando sopratutto a riunire in un’unica rete di marketing territoriale siti storici, monumenti e grandi eventi. Non mancano criticità che dobbiamo sempre tutti insieme superare. La prima rappresentata dalla carenza di posti letto nelle città del Golfo penalizza non poco le ambiziose spinte esistenti verso un ampio sviluppo turistico del comprensorio. Input che trovano ragion d’essere nei tesori  paesaggistici, storici, culturali, artistici ed enogastronomici propri del patrimonio  territoriale comprensoriale. Bisognerà quindi  lavorare per il superamento di tale criticità trovando insieme soluzioni adeguate.   L’auspicio, dunque, è di proseguire nel rafforzamento della rete e delle sue iniziative. Un ringraziamento speciale vogliamo rivolgere al dr.  Giovanni  Bastianelli,  che, alcuni anni fa, nel ruolo di Direttore dell’Agenzia per il Turismo Regione Lazio,  ha creduto nel nostro progetto distrettuale e ci ha incoraggiati fornendoci importanti input. Un elogio sentito a tutti  i funzionari comunali che hanno alacremente lavorato per la riuscita del progetto e allo IAT deus ex machina della Rete, che si è posto quale collante delle diverse realtà territoriali”.  

Grande soddisfazione è stata espressa dai rappresentanti comunali per il successo di Passioni e Camminanti: progetto di rete che ha dimostrato – è stato detto – come le tipicità dei singoli territori possono rappresentare, in un’azione sinergica ben strutturata, non elementi di divisione ed antagonismo ma un plus valore, un arricchimento per tutti i territori e per le loro comunità. E’ stato poi ringraziato il Comune di Gaeta Ente Capofila del Progetto, e manifestata la chiara volontà  di proseguire il percorso avviato che testimonia fortemente il senso di appartenenza, ad un’unica comunità. Dalle singole dichiarazioni è emersa la forte consapevolezza che il territorio comprensoriale ha potenzialità paesaggistiche e culturali ben definite, mentre la loro diffusione è sempre stata insufficiente. Tutti d’accordo nel sostenere che l’unione potrà colmare questo gap al fine di trasformare le potenzialità in risorse per lo sviluppo economico – turistico dell’intera area.

Passioni e Camminanti si concluderà domenica 15 Ottobre: dalle ore 17:00 il borgo medievale di Gaeta sarà invaso di suoni, musica e colori per la grande festa itinerante che chiude il progetto “Passioni e Camminanti” sostenuto dalla Regione Lazio – Agenzia Regionale del Turismo. Lo speciale evento itinerante partirà dal piazzale della banchina Caboto in direzione piazza Papa Gelasio, lungo via Rosmini fino alla chiesa di San Domenico tra la parata di maschere camminanti del collettivo teatrale Bertolt Brecht e gli interventi musicali del Nigerian Corus della Parrocchia S. Maria dell’Aiuto del Centro Fernandes di Castel Volturno, di Antonio Petronio e l’Ensamble Terramare.

A seguire, alle ore 18 circa, nella Chiesa di San Domenico grande chiusura con il concerto di Ambrogio Sparagna, il Coro Polifonia Aurunca diretto da Anna Rita Colaianni e i Solisti dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Una serata unica nel borgo di Gaeta tra Teatro, Musica popolare, Passioni e Camminanti.

                                              

8 Maggio 2017 0

Battisti (PD): con assemblea nazionale di domenica si chiude fase congressuale

Di Comunicato Stampa

Riceviamo e pubblichiamo “Con l’Assemblea di ieri – afferma Battisti- si chiude una lunga fase Congressuale che ha coinvolto iscritti ed elettori del Partito Democratico che hanno potuto selezionare la classe dirigente del partito, membri dell’Assemblea Nazionale e Segretario Nazionale. Dopo essere stato proclamato Matteo Renzi nel suo intervento ha indicato l’agenda politica ed organizzativa del PD nei prossimi mesi. Il Congresso è terminato ora siamo chiamati tutti all’impegno e alla responsabilità. Sono sempre stata convinta che i Circoli e la struttura organizzativa provinciale dovesse svolgere una funzione nuova in un’epoca nuova. Mettere a disposizione le nostre risorse umane per svolgere azioni rivolte ad aiutare i cittadini e migliorare la vivibilitá delle nostre città. Per quel che riguarda la nostra realtà provinciale c’è bisogno di uno scatto di reni per contribuire alla vittoria di Fabrizio Cristofari a Frosinone e degli altri candidati a Sindaco nel turno amministrativo dell’11 giugno. Il mio personale augurio a Matteo Orfini, eletto Presidente Nazionale dall’Assemblea dei Democratici. Matteo ha guidato il PD in questi mesi difficili e lo ha fatto con grande equilibrio, sobrietà e fermezza come è nel suo stile. Un augurio a Claudio Mancini riferimento importante dentro la Direzione Nazionale del Partito Democratico, vicino da sempre alla nostra Provincia”.

6 Febbraio 2017 0

Polizia Stradale a Cassino, il sindacato: “Se chiude distaccamento scompare presidio di legalità”

Di Ermanno Amedei

Cassino – “Qualcosa sta cambiando, le sensazioni diventano realtà, sembrerebbe che ormai il controllo di una parte del territorio non sia una priorità. La Polizia Stradale è poco presente sulle arterie statali di grande flusso veicolare, tutto si concentra sulla viabilità autostradale lasciando i cittadini delle Provincia senza un loro punto di riferimento: “la Stradale”” .

E’ quanto si legge in una nota stampa redatta dalla Segreteria Provinciale Frosinone SILP-CGIL.

“In questa Provincia qualcuno pare che si sia assunto l’onere di destinare le risorse della Polizia Stradale al controllo di strade dove la circolazione in gran parte della giornata non è significativa. Molti sono stati gli interventi del SILP CGIL per portare all’attenzione dell’Amministrazione il fatto che le statali che collegano la Provincia di Frosinone con quelle limitrofe sono vitali per garantire la sicurezza stradale. Il verificarsi d’incidenti mortali e con feriti ne sono la prova. Una gestione più proiettata all’ascolto e pronta a collaborare con le organizzazioni sindacali sarebbe stata un utile compromesso per garantire un servizio ottimale.

Questo finora non è avvenuto, ma non per volontà di questa O.S., anzi. Il cambio di rotta è ancora possibile, si percepisce che il nostro territorio ha bisogno di chi le strade le conosce bene e di chi riesce prontamente a intervenire, e sa come intervenire, in caso di calamità naturali, come gli episodi avvenuti nel centro Italia sono testimonianza. I nostri appelli alla politica sono stati molti. In questi giorni c’è chi ha dimostrato sensibilità, e da noi arriva il ringraziamento, in particolar modo sull’allarme dettato dall’accorpamento del Distaccamento di Polizia Stradale di Cassino con la Sottosezione Autostradale della città martire; se avvenisse ciò porterebbe in maniera indiretta alla scomparsa di un presidio di legalità (Il Distaccamento) non solo cittadino ma di tutto il cassinate, per favorire il pattugliamento autostradale per i motivi che già nei precedenti interventi pubblici abbiamo evidenziato e che in maniera puntuale qualcuno ora ha saputo cogliere.

La Polizia Stradale porta con se un bagaglio di professionalità che la mirata formazione ne fa una specialità che non trova eguali nella risoluzione di problematiche inerenti la circolazione stradale, il rilevo dei sinistri e il controllo dei mezzi pesanti. Questa Istituzione in provincia appartiene alla collettività, non dobbiamo farla ridimensionare per l’interesse dei lavoratori di polizia e della collettività”.

9 Gennaio 2017 0

Chiude il cimitero con la gente dentro e se ne va, custode denunciato per assenteismo

Di Ermanno Amedei

Arienzo – Chiude in cancello e se ne va nonostante nel cimitero vi fossero ancora persone. I Carabinieri della  Stazione di Arienzo hanno denunciato per assenteismo e interruzione di pubblico servizio, il custode del cimitero.

I militari dell’Arma, a seguito di segnalazione, si sono recati in quella via cappuccini dove hanno constatato la chiusura del cancello d’ingresso del cimitero e la presenza di alcuni cittadini all’interno, impossibilitati ad uscire.

Nella circostanza i carabinieri hanno accertato l’assenza del custode sul luogo di lavoro, senza alcuna autorizzazione, il quale avrebbe dovuto espletare il turno 08:00 – 14:00. Sono in corso le procedure per la quantificazione e la restituzione della somma illecitamente percepita.