Tag: domani

16 Luglio 2019 0

“ArtCity 2019” domani sera all’Anfiteatro romano di Cassino, in scena l’Orchestra Bottoni e Neri Marcorè

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Secondo appuntamento della rassegna “Anfiteatro” inserita nel progetto “ArtCity2019”, in programma domani, mercoledì 12 luglio, alle ore 21.00, presso l’Anfiteatro di Cassino. Saranno Neri Marcorè e l’Orchestra Bottoni in concerto ad animare la serata nel complesso archeologico di Cassino.

Il concerto fa parte della rassegna realizzata dal Polo Museale del Lazio, istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali diretto da Edith Gabrielli, si articola in cinque serate affidate ad artisti e interpreti d’eccezione per far vivere l’esperienza del “bello” immerso nella storia.

Domani sera nella splendida cornice dell’Anfiteatro di Cassino, sarà l’Orchestra Bottoni e Neri Marcorè ad esibirsi sul palco della rassegna. L’Orchestra Bottoni, nasce dall’incontro di musicisti delle province di Roma, Frosinone, Latina e Napoli, ed è considerata uno dei gruppi più inediti nel panorama della world-music italiana. Caratteristica di questo insolito ensemble, per questo live arricchito dalla presenza di Neri Marcorè, la cui passione per la musica ha accompagnato quasi tutti i suoi progetti teatrali, è l’organico strumentale, costituito principalmente da organetti diatonici, da cui il nome Orchestra a Bottoni.

Nel tempo il gruppo si è progressivamente affrancato dalla riproposta di materiale popolare per approdare ad una musica più contemporanea contribuendo al rinnovamento del repertorio e dell‘immagine dello strumento. Le atmosfere sono varie, come la provenienza dei brani, con uno stile che spazia dal classico al contemporaneo, con sfumature di funky, reggae, afrobeat, etc. L’Orchestra vanta numerose collaborazioni live e discografiche (tra i tanti, Daniele Sepe, Fausto Mesolella, Petra Magoni, Roberto Angelini, Angelo Branduardi) ed è composta da Antonella Costanzo, voce, percussioni, Alessandro D’Alessandro organetto, solista, live electronics, coordinamento Silvia Di Bello, Elisa Di Bello, Gianfranco Onairda, Giuseppe Di Bello, Matteo Mattoni, Angelo Di Bello, organetti, Matteo Di Prospero, organetto basso, sax Mario Mazzenga, basso Raffaele Di Fenza, batteria

La rassegna “Anfiteatro” continuerà il 21 luglio con gli Alma Manera per una serata dedicata alla grande musica e al cinema dal titolo “Ciak si gira!… Cine…mà”, spettacolo scintillante omaggio ai grandi compositori e autori del cinema internazionale. Domenica 28 luglio si proseguirà con la Medea di Euripide interpretata da Laura Morante e accompagnata dai musicisti Lorenzo Fuoco al violino e Salvatore Monzo al pianoforte. Venerdì 2 agosto, infine, concluderà la rassegna “Anfiteatro” Marina Massironi, con un reading teatrale, curioso e divertente, sull’Otello di Verdi.

F. Pensabene

Biglietto: intero € 4,00, agevolato € 2,00

Nelle serate di spettacolo è attivo l’ingresso e servizio di biglietteria dal parcheggio della clinica San Raffaele

19 Giugno 2019 0

Conoscere la balbuzie per risolverla, se ne parla domani al centro Congressi Cavour di Roma

Di Ermanno Amedei

ROMA – “Cosa si cela dietro la parola inceppata? Quali meccanismi innescano il blocco? Si nasce balbuzienti? Esiste la possibilità di risolvere la balbuzie? Domande che si pone chiunque nella sua vita abbia avuto a che fare, direttamente o indirettamente, con questo disturbo. Sì, perché di balbuzie si parla e si conosce ancora troppo poco, a danno di coloro che si trovano ad affrontarla ogni giorno”.

Lo si legge in una nota degli organizzatori del convegno.

“Non è semplice vivere da balbuzienti, non perché non si abbiano degli obiettivi da raggiungere, che si possono certamente perseguire al di là di questo disturbo, non perché si sia necessariamente soli, anzi si possono avere tanti amici. Davvero faticosa, per chi vive il mondo della balbuzie, è la condizione di non riuscire a portare in vita tutto se stesso. C’è, infatti, sempre una parte che rimane celata al proprio interno. È quella parte che non si vuole mostrare, per la paura di essere notati e magari anche presi in giro. Nella maggioranza dei casi, una persona che balbetta tende a pensare di valere meno degli altri, oppure crede che siano gli altri a pensarlo! Ecco allora che inizia ad indossare una maschera per proteggersi dal mondo esterno. Si cercano escamotage per camuffare il blocco che, chi balbetta, sente già arrivare nella propria mente. Tutto questo innesca un meccanismo che incastra la persona stessa dentro a un atteggiamento che può falsare la sua reale personalità, che può limitare la sua partecipazione attiva nella società e magari anche lo sviluppo dei suoi talenti.

Ogni volta che un balbuziente rimane in silenzio, in una occasione in cui avrebbe voluto esprimersi o cerca stratagemmi per aggirare la parola che sente inceppata, ebbene ogni volta perde un pezzetto di ciò che realmente è. «Per cui» afferma la dott.ssa Chiara Comastri, Psicologa ex balbuziente e fondatrice del metodo Psicodizione «Vietato crearsi barriere e tenersele strette». «O meglio» continua «potete anche creare delle barriere, è sopravvivenza, ma poi rendetevene conto e a un certo punto decidete che volete toglierle di dosso, perché avete molto più valore di quello che pensate».

«Ho iniziato a balbettare all’età di 3 anni» racconta «tentando tantissime strade. Per anni ho continuato a cercare sistemi efficaci che mi aiutassero a superare questo problema, diventato per me davvero intollerabile, ma nessun metodo è riuscito ad eliminare quello che si definisce “pensiero inceppato”, il blocco in mente, ovvero la sensazione anticipatoria di quell’inceppo che si avverte nel pensiero».

Si pensa alla balbuzie come ad un problema di linguaggio, di respirazione, di articolazione della lingua che riguarda l’aspetto prettamente meccanico, mentre il blocco che si manifesta nella parola, si presenta e viene percepito in primo luogo nella mente di chi balbetta, ovvero nel pensiero.

In alcuni casi la parola inceppata si individua in modo appena percettibile, per cui il disordine è più che altro estetico. In altri casi, invece, il problema può arrivare perfino a impedire la maggior parte della comunicazione verbale.

Partendo dalla sua esperienza personale e proseguendo con una sua specifica ricerca, Chiara Comastri è arrivata a fondare il metodo Psicodizione e a comprendere che «tutto è allenabile anche il proprio pensiero». «Quando comprendi questo» afferma «inizi a portare in vita tutto quello che sei e vai fino in fondo».

Psicodizione è un percorso con basi che poggiano su un approccio psicologico cognitivo-comportamentale: analizza cioè gli schemi comportamentali e cognitivi della persona, cercando di identificare e modificare quelli che creano disagio e che, quindi, danno origine al blocco in mente e, come conseguenza a ciò, alla disfluenza nell’eloquio. Questa metodologia punta a potenziare le abilità che ci rendono dei buoni comunicatori, creando certezza nel coordinamento fra pensiero e parola.

La balbuzie è un disturbo relazionale, che si manifesta cioè proprio quando si entra in relazione con l’altro ed è convinzione diffusa che si possa gestire ma non risolvere. In realtà non è così e lo dimostra proprio la storia della dott.ssa Comastri e delle tante persone che si sono lasciate questo problema alle spalle.

Dal 2004 i corsi di Psicodizione si tengono in tutta Italia ed hanno aiutato oltre 4.600 persone (bambini, ragazzi e adulti) affette da questo disturbo. La dott.ssa Comastri è oggi affiancata dal dott. Anselmo Zoccali, ex balbuziente ed insegnante del metodo, il quale ha risolto la sua balbuzie proprio grazie al percorso di Psicodizione. Di tutto questo e molto altro si parlerà il prossimo 20 giugno presso il Centro Congressi Cavour di Roma, nel corso della conferenza informativa a ingresso gratuito in cui saranno presentati il metodo e i risultati raggiunti negli anni.

Oltre ai corsi, ai quali partecipano ragazzi dai 6 anni in poi e adulti di tutte le età, Psicodizione ha sviluppato dei percorsi specifici dedicati alla balbuzie che si manifesta nell’età evolutiva (dai 2 anni e mezzo fino ai 6). Psicologi, psicoterapeuti e tutor, accompagnano i genitori e, indirettamente, il bambino verso il superamento del disturbo attraverso il gioco.

L’incontro, tenuto dal dott. Zoccali, inizierà alle 18.30 e sarà un’importante occasione per avere informazioni chiare e specifiche sulla balbuzie, sui meccanismi interni e psicologici coinvolti in chi balbetta, sull’approccio terapeutico e sul corso che si terrà a Roma dall’1 al 7 luglio.

È gradita la prenotazione, per facilitare l’allestimento della sala e la preparazione del materiale informativo che verrà messo a disposizione dei partecipanti”.

15 Maggio 2019 0

Cassino, pronta a dare il “Bentornato” al Giro d’Italia. Domani il via alla 6° tappa fino a S. Giovanni Rotondo

Di felice pensabene

CASSINO – Tutto pronto, sotto l’aspetto organizzativo, per la sesta tappa del Giro d’Italia 2019, alla 102esima edizione. Già da giorni la Città si prepara all’arrivo della carovana del Giro prevista nel pomeriggio-sera di oggi. Domani la partenza della tappa che porterà i 174 corridori da Cassino a San Giovanni Rotondo. Non è la prima volta che il Giro fa tappa a Cassino. Già nel maggio del 2014 i corridori sono arrivati al traguardo proprio davanti l’abbazia di Montecassino durante le celebrazioni per 70ennale dalla sua distruzione nel corso della Seconda Guerra Mondiale. Poco prima per inerpircasi per i dieci chilometri di salita per la vetta del sacro Monte, la carovana ha percorso Cassino e ad accoglierla, sia in città che in abbazia, c’erano migliaia di tifosi che hanno sfidato pioggia e vento. A vincere, quella volta, la tappa conservando la maglia rosa è stato l’australiano Michael Matthews questa volta la Città Martire sarà città di partenza della sesta tappa.

Una tappa che segue quella ha portato i 174 corridori da Frascati a Terracina per 140 km circa. Una grande opportunità di visibilità per la Città che nelle prossime ore sarà inondata da oltre 200 fra automezzi, ammiraglie delle squadre corsa, televisioni e radio, stampa, cine operatori, fotografi. Un fiume ‘in rosa’ di persone al seguito della maggiore competizione ciclistica a tappe d’Italia. Una vetrina di sport, ma anche economica per la città che, tuttavia, inizialmente è sembrata non accorgersene molto, un po’ sonnolenta alla festa che la Kermesse ciclistica assicura ad ogni suo passaggio. Comunque in molti ci hanno pensato e rimediato prima dell’arrivo del ‘circo del Giro’ al termine della tappa in corso da Terracina. Bandierine e fili rosa da un lampione all’altro sono già al loro posto e qualche palloncino sulle strade e piazze cittadine principali, viale Dante, corso della Repubblica e tutte le altre che vedranno l’assalto dell’organizzazione. Certo le condizioni meteo e la pioggia battente di oggi non hanno aiutato al meglio nell’impresa. Ci sono, tuttavia, ancora alcune ore per dare in modo adeguato e festoso il bentornato al Giro!

F. Pensabene

 

1 Dicembre 2018 0

Domani “Mercatino dellartigianato di prodotti natalizi” in piazza Diamare e viale Dante

Di felice pensabene

CASSINO – Si svolgerà domani, 2 dicembre, in piazza Diamare e Viale Dante il mercatino dell’artigianato di prodotti natalizi promosso dall’associazione “Conca D’Oro – Il fascino dell’antico” con il patrocinio del Comune di Cassino. Si tratta di una iniziativa che intende creare un momento di aggregazione sociale attraverso il coinvolgimento di larghe fasce di popolazione, alle porte del periodo natalizio.

“Si tratta di uno dei primi eventi che abbiamo programmato per il periodo di Natale nella città di Cassino – ha detto l’assessore alle Attività Produttive e Commercio, Chiara Iadecola – Il mercatino natalizio che si svolgerà il prossimo due dicembre è senz’altro una iniziativa che può permettere un maggior afflusso di persone nel cuore della città martire.

Di riflesso le attività commerciali, sia coinvolte nel mercatino stesso e sia presenti in centro, potrebbero beneficiarne positivamente. E’ compito della nostra amministrazione dare dei segnali importanti, degli stimoli che facciano capire a tutti che siamo dalla parte di tutte quelle piccole e micro imprese che non si arrendono, e che lavorano anche per il bene di tutta l’offerta commerciale della città”.Ha concluso l’assessore Chiara Idecola.

foto repertorio

14 Novembre 2018 0

Domani i Vigili del Fuoco protestano davanti al Parlamento

Di Ermanno Amedei

ATTUALITA’ – “Domani mattina anche i Vigili del Fuoco saranno a Roma di fronte al Parlamento per chiedere al Governo di mantenere le promesse fatte alla categoria: equiparazione stipendiale e previdenziale, assunzioni di personale, assicurazione Inail, finanziamenti per una nuova legge delega sull’ordinamento e per il nuovo rinnovo contrattuale.

Lo si legge in una nota di Salvatore Polverino Segreteria Provinciale FNS CISL.

“La Federazione Nazionale della Sicurezza della CISL, il sindacato più rappresentativo dei Vigili del Fuoco, domani mattina rivendicherà le legittime richieste di una categoria di lavoratori che più volte si è dovuta accontentare di facili promesse e di stucchevoli attestati di stima. I Vigili del Fuoco della FNS CISL, al contrario di altre organizzazioni sindacali, non faranno sconti a nessuno Governo o ad alcuna parte politica. Occorre fare in modo che a questi servitori dello Stato vengano riconosciute le garanzie e i diritti di tutti gli altri operatori delle forze dell’ordine”.

29 Ottobre 2018 0

Maltempo: Scuole chiuse anche domani a Cassino

Di felice pensabene

CASSINO –  Scuole chiuse anche domani a Cassino, lo ha dichiarato sul profilo facebook del Comune il sindaco D’Alessandro. Visto il persistere delle avverse condizioni meteorologiche e della conseguente allerta meteo, – si legge nel comunicato –  il sindaco di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, in costante contatto con il Dipartimento di Protezione Civile e la Prefettura, sta disponendo l’ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per la giornata di domani, martedì 30 ottobre 2018, a solo scopo precauzionale e per consentire un sopralluogo di verifica delle condizioni degli edifici scolastici della città.

28 Ottobre 2018 0

Maltempo, domani scuole di ogni ordine e grado chiuse a Roma

Di Ermanno Amedei

ROMA – “Domani, lunedì 29 ottobre, le scuole di ogni ordine e grado nella città di Roma resteranno chiuse per gli studenti. A seguito dell’allerta meteo diramata dalla Protezione civile della Regione Lazio, che prevede forti venti, piogge intense e temporali, la sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato un’ordinanza che prevede la sospensione dell’attività educativa e scolastica nelle scuole di ogni ordine e grado, compresi asili nido e scuole dell’infanzia, su tutto il territorio cittadino”. Lo si legge in una nota del comune di Roma.

Gli istituti saranno comunque presidiati dai dirigenti scolastici e dai funzionari comunali dei servizi educativi e scolastici. Il provvedimento si è reso necessario per prevenire situazioni di pericolosità per l’incolumità dei bambini e degli studenti, nonché per motivi attinenti alla sicurezza e circolazione stradale”.

28 Ottobre 2018 0

Maltempo, domani scuole chiuse a Frosinone

Di Ermanno Amedei

FROSINONE – “Sentito il Centro Operativo Comunale, presso la sede della Protezione civile, anche a seguito dei dati diffusi dalla Regione Lazio e dal servizio di meteorologia dell’amministrazione comunale, il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha disposto la chiusura, in via precauzionale, delle scuole e degli istituti di istruzione di ogni ordine e grado aventi sede nel capoluogo, per la giornata di lunedì 29 ottobre”.

Lo si legge in una nota del comune di Frosinone.

“Secondo le previsioni meteo, tra le 7 del mattino e le 14 di lunedì sono previste precipitazioni in quantitativi assai elevati in millimetri orari, unitamente a raffiche di vento comprese tra 50 e 60 km/h. Tutto questo, unitamente alla circostanza che, sulla città di Frosinone, in quanto capoluogo, oltre ai 50.000 residenti, si spostino quotidianamente altre 60/70.000 persone, prevalentemente per motivi di lavoro e studio, induce a ritenere opportuna la chiusura, per la giornata di lunedì, di tutte le scuole e gli istituti di istruzione di ogni ordine e grado aventi sede all’interno del perimetro comunale. “Del resto – ha dichiarato il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani – il fatto che i ragazzi rimangano un giorno a casa, magari approfondendo ulteriormente il programma di studio, non risulterà certo più dannoso rispetto alla possibilità di correre il rischio di affrontare le molteplici criticità connesse alle condizioni atmosferiche ad oggi previste, ritenute poco confortanti”.

17 Ottobre 2018 0

Domani riapre via San Bartolomeo, chiusa dal 4 ottobre per lavori sull’argine del Rio Saetta

Di felice pensabene

CASSINO –  Procedono a ritmo serrato i lavori per la riqualificazione dell’argine del Torrente Saetta in via San Bartolomeo a  Cassino. Tra qualche giorno la strada sarà riaperta al traffico. Entro domani saranno infatti effettuati i lavori per il rifacimento del manto stradale e una volta concluso daranno il via alla riapertura dell’arteria al flusso del traffico.

“L’asfalto per il momento si farà solo sullo stabilizzato. Il tappetino d’usura invece sarà realizzto non prima di due settimane, per via degli assestamenti. – Ha detto il Sindaco, Carlo Maria D’Alessandro – I lavori procedono bene e secondo la tabella di marcia chev l Comune e l’azienda aggiudicatrice dei lavori si erano imposti. Sono convinto che entro qualche giorno potremmo riaprire via San Bartolomeo. I lavori sono stati finanziati con il contributo finanziario che siamobriusciti ad ottenere dalla Regione Lazio di 147.000 euro che, come qualcuno erroneamente sosteneva, non sono andati persi, ma, al contrario, hanno permesso di mettere in sicurezza una arteria molto importante per il flusso di traffico della nostra città. E garantire quindi la piena incolumità dei cittadini.”. Ha concluso D’Alessandro.

Foto di repertorio

8 Agosto 2018 0

Inizia domani a Picinisco la 17esima edizione del festival della Pastorizia

Di Ermanno Amedei

PICINISCO – “Il 9 ed il 10 agosto di ogni anno coincide, ormai, lo storico ed appassionate appuntamento con la riscoperta e la valorizzazione della cultura pastorale di Picinisco, racchiusa nella straordinaria kermesse di Pastorizia in festival, giunta alla sua 17^ edizione”.

Lo si legge in una nota degli organizzatori.

“L’evento, voluto dall’Amministrazione comunale, con l’irrinunciabile supporto operativo di tutte le associazioni locali e dei cittadini, promuove le tradizioni e la cultura di un paese la cui massima espressione gastronomica è il ricercato Pecorino DOP di Picinisco”.

“Proprio quest’anno, il 26 marzo scorso – ricorda nella nota il sindaco Marco Scappaticci – si è avuta la storica prima produzione di forme di Pecorino di Picinisco con la lavorazione certificata DOP.

Il Pecorino Dop è il fiore all’occhiello della storia millenaria di un paese che può vantare un ambiente naturale incontaminato ed unico, un borgo di eccezionale bellezza e dai panorami mozzafiato, che, grazie a Pastorizia in Festival, fanno da scenario naturale alle tante iniziative organizzate per accogliere festosamente i nostri ospiti.

Anche quest’anno tantissimi gli appuntamenti che sono stati organizzati per far conoscere ai visitatori la nostra storia e la nostra cultura, attraverso eventi gastronomici, naturalistici, musicali e folcloristici.

Saranno due giorni di straordinaria intensità emotiva che, come ogni anno, avvicineranno sempre più numerosi ospiti al nostro paese, in cui l’ospitalità è nel Dna dei suoi abitanti e dei suoi operatori.

A Picinisco la ricettività alberghiera, l’offerta gastronomica, la purezza dell’aria, la partecipazione popolare e la tranquillità consentiranno a tutti di vivere una permanenza spensierata e rigenerante”.

“Il ricchissimo programma di Pastorizia in Festival 2018 nasce anche quest’anno interpretando le tradizioni storiche e culturali del paese attraverso musica, presente in ogni suo scorcio, gastronomia, in tutte le sue espressioni, escursioni e tanti altri eventi.

Si parte con la suggestiva ed irrinunciabile escursione ‘sui passi del pastore’, per conoscere i sentieri della transumanza gustando l’antica colazione e pranzo tipico.

A Prati di Mezzo, l’antropologo Damiano Tullio guiderà un laboratorio di pratiche esistenziali in natura e tecniche per i ragazzi.

Con “I pastorelli all’opera”, grazie agli esperti Michele Grassi e Loreto Pacitti, i bambini si cimenteranno nella lavorazione e produzione del formaggio.

In piazza San Rocco, musica al ritmo di zampogne, mentre, nel Parco Montano, con uno straordinario salto nel tempo, Emanuele De Vittoris miscela straordinariamente la storia dei moschettieri di Dumas con i formaggi locali, facendo conoscere storie del territorio e la formaggella di bufala, il burrel, la marzolina ed il conciato.

In piazza Capocci e lungo il viale del castello la tradizionale mostra mercato dei formaggi e dell’artigianato; ospite d’onore, quest’anno, il famoso “Pecorino sardo di Osilo”, in provincia di Sassari,  con i suoi produttori guidati dal sindaco Giovanni Ligios.

Quindi concerti e tanta musica in ogni vicolo con degustazione di piatti e prodotti tipici agropastorali, vini delle cantine della Valle di Comino e birra artigianale prodotta in provincia di Frosinone.

Il tradizionale convegno della manifestazione, quest’anno è dedicato ad un tema molto sentito ed importante per lo sviluppo del territorio della Valle di Comino: “La gestione dei pascoli montani per la tutela dell’ambiente e la qualità dei prodotti della zootecnia”, a cura dell’associazione internazionale Calamus di Picinisco e dell’Arsial.

Saranno presenti il sindaco Marco Scappaticci, Antonio Carrara (presidente del PNALM), Marcelo Agneni (presidente dell’associazione Pastorizia in festival), ed i relatori Bruno Ronchi (docente Università della Tuscia di Viterbo), Giuseppe Francazi (Presidente ordine provinciale degli agronomi) e Rosamaria Bartolomucci (agronomo ed esperta di Pascolo e qualità del latte).

Inoltre, fino al 14 agosto, in tutti i bar di Picinisco sarà possibile gustare la ‘colazione del pastore’ (pane integrale, ricotta e marmellata di pizzutella) oppure ‘happy-cheese (marzolina, pecorino, miele e/o marmellata e vino locale).

Ma per conoscere nel dettaglio (giorni, orari e locations) il vastissimo programma e le modalità di partecipazione a Pastorizia in Festival, senza rischiare di perdere ogni straordinario appuntamento, consultare www.pastoriziainfestival.it e www.facebbok.com/pastoriziainfestival.

La manifestazione gode del patrocinio istituzionale di Regione Lazio, Parco Nazionale Abruzzo Lazio e Molise, CCIAA, Amministrazione Provinciale di Frosinone; main sponsor la Banca Popolare del Cassinate e l’azienda italo-scozzese Tony Macaroni”.