Tag: falsa

20 Ottobre 2018 0

Paga con banconota da 50 euro falsa, ma viene individuato e denunciato a Ripi

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella giornata di ieri, in Ripi, i militari della locale Stazione deferivano in stato di libertà un 44enne di origine campana (già censito per reati analoghi) per “spendita di monete false”. L’uomo si recava in un negozio del posto dove effettuava acquisti pagando con una banconota da 50 euro rivelatasi poi falsa, per poi dileguarsi a bordo dell’autovettura di proprietà della sua convivente. L’ attività investigativa condotta dai militari consentiva prima di risalire al numero di targa dell’auto e poi al malfattore, il quale veniva identificato dalla vittima grazie al riconoscimento della sua immagine tramite fascicolo fotografico. L’uomo pertanto veniva deferito e nei suoi confronti verrà avanzata proposta per l’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Ripi. Foto d’archivio

29 Marzo 2018 0

Guidava con una patente falsa: la Polstrada denuncia 67enne

Di felice pensabene

VEROLI –  Stava percorrendo la strada regionale 214 con la propria auto, ma il 67enne era in possesso di una patente falsa.

Una pattuglia del Distaccamento Polizia Stradale di Sora  nei pressi del Km.16,800 della S.R.214, nel territorio del comune di Veroli, procede  al controllo  di una vettura  con targa prova ed a bordo il solo conducente.

Agli occhi esperti degli agenti la patente di guida, mostrata dall’uomo, desta sospetto: fiuto vincente.

Nei confronti 67enne campano, scatta la denuncia per uso di atto falso e ricettazione, e contravvenzionato ai sensi del C.d.S. per guida senza patente per un importo di euro 5.000.

 

 

14 Marzo 2018 0

Falsa perizia per chiedere il dissequestro del frantoio a Fondi, denunciato proprietario e geometra

Di Ermanno Amedei

FONDI – Hanno presentato una falsa perizia con cui hanno ottenuto dal tribunale di Latina il dissequestro del frantoio a cui i carabinieri Forestali avevano apposto i sigilli per gravi irregolarità.

Si tratta di due persone, un geometra e il titolare del frantoio di Fondi, che i carabinieri del Nas di Latina hanno denunciato per frode processuale in concorso.

Gli accertamenti effettuati dagli uomini del capitano Egidio Felice presso la struttura produttiva, già sottoposta, intorno fine dell’anno 2013, a sequestro preventivo (ex art.321 C.P.P.) dagli stessi militari del Nas di Latina per la violazione di sigilli apposti in precedenza da personale del Corpo Forestale dello Stato (per avere scaricato abusivamente i reflui della lavorazione delle olive), hanno  consentito di appurare che il titolare del frantoio non aveva mai effettuato i lavori di adeguamento strutturale la cui esecuzione gli era stata intimata dall’Autorità Sanitaria, contrariamente a quanto attestato documentalmente. Gli indagati sono stati quindi accusati di aver redatto una falsa perizia e di averla presentata in Tribunale al fine di ottenere il dissequestro del frantoio.

 

11 Maggio 2010 0

Spacciavano valuta falsa, denunciati tre giovani campani

Di Comunicato Stampa

Sono entrati in una parafarmacia del centro di cassino e hanno pagato la merce presa con una vbanconota da cento euro falsa. Si è rinvigorito così, ogggi pomeriggio a Cassino, l’allarme monete false lanciato più volte dai commercianti. La prontezza con cui il commerciante ha allertato la polizia del commissariato ha permesso agli agenti di individuare e fermare così i tre giovani falsari e denunciarli in stato di libertà per spendida di valuta falsa. Si tratta di tre napoletani, due ragazze ed un ragazzo: T.A. di anni 22; A.F. di anni 21 e A.C. di anni 29. Si ripete così il più classico dei copioni che vede giovani campani dirigersi verso cassino con banconote false acquistate al costo del 20-30% del valore che rappresentano e tentare di piazzarle in comuni del del Lazio adiacenti alla Campania. ermadei@libero.it

13 Gennaio 2010 0

Edificio comunale evacuato per una falsa bomba

Di felice pensabene

Una telefonata anonima giunta al centralino del Comune di Sulmona alle 11 circa ha annunciato la presenza di un ordigno esplosivo. Tutti gli impiegati sono stati fatti uscire e gli agenti del Commissariato di Sulmona che hanno provveduto ad ispezionare le stanze di palazzo S. Francesco, senza rinvenire nulla. Gli addetti comunali sono rientrati dopo circa mezz’ora. Le attenzioni degli investigatori sono rivolte ai tabulati telefonici per risalire all’autore del procurato allarme.

19 Ottobre 2009 0

Spendita di valuta falsa, denunciate due donne

Di Comunicato Stampa

I carabinieri delle stazione di S.Pietro Avellana (Is), Bagnoli del Trigno (iS) e del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Agnone (Is) a conclusione di pazienti indagini hanno denunciato per concorso in spendita di banconote false, due donne una 43enne ed una 68enne di origine Campana che nei mesi di agosto e settembre con lo stesso modus operandi, hanno “piazzato” banconote da 100 euro false, presso cinque esercizi pubblici al dettaglio situati in quei piccoli centri dell’Alto Molise, i cui titolari avevano poi presentato regolare denuncia. Le modalità illecite erano sempre le stesse. Le due donne fingendosi clienti occasionali di passaggio effettuavano nei negozi, modesti acquisti per l’ammontare di pochi euro esibendo per il pagamento una banconota da 100 Euro poi risultata falsa, ricevendone il resto di 80 – 90 euro in biglietti “buoni” oltre alla merce acquistata, facendo perdere ovviamente le loro tracce.

30 Marzo 2009 0

“Beccata” e denunciata una furba “falsa invalida”

Di Comunicato Stampa

Una furba come tante vien da dire a proposito della 40enne di Firenze sorpresa alla guida di un’auto con tanto di contrassegno per invalidi. Lei, sanissima, è stata fermata dagli agenti di Polizia Municipale e quando le è stato chiesto il motivo del conrassgno ha trovato mille scuse tra cui nanche quella secondo la quale si stava recando in ospedale a prendere il genitore invalido. Una rapida verifica telefonica l’ha sbugiardata ed è stata quindi denunciata per sostituzione di persona e truffa aggravata. Il permesso è stato sequestrato. Perché verifiche simili non possono essere fatte ovunque?