Tag: operazione

29 Marzo 2018 0

Operazione antiterrorismo tra Roma e Latina, 5 arresti

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – È in corso una vasta operazione antiterrorismo, condotta da personale appartenente alla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione ed alle Digos di Roma e Latina. Nel dettaglio, sono state eseguite cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere effettuate da personale della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e dalle Digos di Roma e Latina, emesse dal GIP del Tribunale di Roma dott. Costantino De Robbio nell’ambito di un’indagine coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, dott. Sergio COLAIOCCO; inoltre, è in corso inoltre una serie di perquisizioni locali nelle province di Latina, Roma, Caserta, Napoli, Matera e Viterbo.

13 Marzo 2018 0

Operazione antidroga a Cassino, arresti e sequestri in corso

Di admin

CASSINO – Forze dell’ordine della provincia di Frosinone in queste ore a Cassino, sono impegnati in un’operazione congiunta che, con l’impiego di un massiccio dispositivo di uomini e mezzi, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare e di sequestro preventivo, emessa dal G.I.P. su richiesta della Procura della Repubblica di Cassino, nei confronti di un gruppo criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti nella provincia di Frosinone. Sette sono gli arresti.

I militari stanno eseguendo le ordinanze da questa notte e nel corso delle prossime ore verranno forniti ulteriori dettagli sull’operazione.

 

1 Marzo 2018 0

Cisterna di Latina, operazione alla mandibola riuscita per Antonietta Gargiulo. Domani si valuta il risveglio

Di admin

CISTERNA DI LATINA – Antonietta Gargiulo è ancora ricoverata in terapia intensiva e, dal suo arrivo ieri mattina al San Camillo di Roma, non ha mai ripreso conoscenza. La 39enne di Cisterna di Latina è stata attinta da tre colpi di pistola esplosi dal marito, Luigi Capasso, da cui si stava separando. L’uomo, dopo averla ferita ha ucciso le loro figlie di 8 e 12 anni prima di uccidersi a sua volta.

Antonietta è stata sottoposta oggi ad un intervento di due ore per ricomporle i danni alla mandibola causatone da uno dei proiettili. L’intervento è riuscito ma resta in prognosi riservata ance se non in pericolo di vita. Domani i medici cominceranno a valutare la possibilità di ridurre il sedativo.

L’intervento più difficile, però, sarà riportarla nella giusta maniera alla terribile realtà.

Ermanno Amedei

1 Marzo 2018 0

“Safety car 2”: l’operazione della Polizia contro il fenomeno di furti autovetture e motocicli

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nella nostra provincia sono stati controllati 92 veicoli e “scansionate” oltre 10.000 targhe, con il sequestro di 3 autovetture e 16 contestazioni al Codice della Strada.

101 arresti in tutta Italia, 352 denunce in stato di libertà, 618 veicoli rubati restituiti ai legittimi proprietari:  questo è il bilancio dell’operazione della Polizia di Stato “Safety car 2”, coordinata dal Servizio Controllo del Territorio, contro il fenomeno di furti autovetture e motocicli.

L’attività ha coinvolto tutte le Questure,  con il supporto di equipaggi dei Reparti Prevenzione Crimine, della Polizia Stradale e della Polizia di Frontiera negli ambiti di loro competenza, con l’impiego di 9.416 equipaggi complessivi e, per la prima volta, con il concorso delle Polizie Locali.

Con l’utilizzo contemporaneo, su tutto il territorio nazionale, del tecnologico Sistema Mercurio, sono stati controllati 983.427 veicoli e 65.396 persone.

Il valore complessivo degli automezzi recuperati è stato di oltre 5,5 milioni di euro.

Nella nostra provincia sono stati controllati 92 veicoli e “scansionate” oltre 10.000 targhe, con il sequestro di 3 autovetture e 16 contestazioni al Codice della Strada.

I servizi sono stati coordinati dal dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico dr. Flavio Genovesi: impiegate le unità operative della Squadra Volante del capoluogo e dei Commissariati, con il prezioso ausilio delle pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine di Roma

 

 

21 Febbraio 2018 0

Operazione “Dusty Trade” della Guardia di finanza. Tredici arresti per corruzione e spaccio di cocaina

Di redazionecassino1

LATINA – Dalle prime luci dell’alba circa 50 finanzieri del Comando Provinciale di Latina, stanno eseguendo nella provincia pontina un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Latina, Dott.ssa Mara Mattioli, su richiesta dei Sostituti Procuratori Dott.ssa Luigia Spinelli e Dott. Giuseppe Bontempo, nei confronti di 13 soggetti tra pubblici funzionari, commercialisti, imprenditori e faccendieri per la commissione di reati contro la pubblica amministrazione e per lo spaccio di cocaina. L’attività investigativa, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Latina, si è sviluppata attraverso acquisizioni e perquisizioni, intercettazioni telefoniche ed ambientali, consentendo di far emergere un diffuso e collaudato sistema di mercimonio della funzione pubblica trasversale a più uffici. Al centro delle indagini due commercialisti apriliani ed un funzionario dell’Agenzia delle Entrate che, attraverso la loro fitta rete di contatti e conoscenze, hanno messo in piedi un insidioso sistema clientelare volto a raggiungere i propri interessi in cambio di somme di denaro, regalie e cocaina. Tra i soggetti coinvolti, spicca la figura di un giudice della Commissione Tributaria Provinciale di Latina, anch’esso tratto in arresto, il quale ha ottenuto danaro e l’assunzione lavorativa di un parente. Le investigazioni, inoltre, hanno consentito di individuare tre funzionari, due impiegati presso l’Agenzia delle Entrate di Latina ed uno presso l’INPS di Pomezia, i quali hanno ricevuto, in diverse occasioni, retribuzioni in cambio di informazioni che sarebbero dovute rimanere riservate. Gli accertamenti delle Fiamme Gialle pontine, infine, hanno consentito di individuare quattro spacciatori, operanti sul territorio apriliano, i quali hanno fornito, in varie occasioni, sostanza COMANDO PROVINCIALE DI LATINA GUARDIA DI FINANZA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LATINA stupefacente di tipo cocaina ad uno dei pubblici funzionari corrotti, a volte quale compenso per le sue attività. Su tali soggetti sta operando il reparto specializzato dei “baschi verdi” di Formia con l’ausilio delle unità cinofile. Sono oltre una dozzina le perquisizioni complessivamente in corso di esecuzione in diversi uffici e abitazioni dislocate tra Latina, Formia e Aprilia. La lotta alla corruzione della funzione pubblica garantisce equità e meritocrazia. In questa direzione va l’operazione “Dusty Trade”, che attesta l’impegno della Procura della Repubblica e del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Latina al contrasto di tutte quelle condotte di infedeltà per il buon andamento della Pubblica Amministrazione.

15 Febbraio 2018 0

Operazione antidroga tra Napoli e Cassino, otto arresti dopo indagine per morto overdose

Di admin

CASSINO – Questa mattina i carabinieri della Compagnia Carabinieri di Cassino, nella provincia di Frosinone e in Napoli-Secondigliano hanno dato esecuzione ad un’Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio G.I.P. del Tribunale di Cassino (FR) a carico di 8 soggetti, tutti ritenuti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo “eroina e cocaina”.

L’attività di indagine svolta dagli uomini del capitano Ivan Mastromanno, avviata a seguito del decesso di un tossicodipendente di Cassino morto per overdose nell’anno 2015, ha consentito di portare alla luce, grazie ad attività tecnica e attraverso una sequela di sequestri amministrativi di droga e dall’escussione a s.i.t. di diversi acquirenti, una fiorente attività di spaccio svolta senza soluzione di continuità dal sodalizio che aveva “allestito” nel cassinate una così detta piazza di spaccio che si approvvigionava dello stupefacente in Napoli e Castel Volturno (CE).

14 Febbraio 2018 0

Operazione antidroga di polizia e carabinieri, in manette due pusher del Capoluogo

Di redazionecassino1

FROSINONE – Nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, gli uomini della Squadra Mobile della Questura  ed i militari dell’Arma dei Carabinieri di Frosinone ed Alatri, hanno fermato e controllato un veicolo con a bordo due soggetti “noti”: un 28enne ed un 46enne residenti nell’hinterland frusinate.

Entrambi, coinvolti -e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari – nell’operazione del novembre 2016, quando Polizia e  Carabinieri , con un blitz notturno smantellarono  una vera e propria centrale dello spaccio a Frosinone; colpita la  base logistica e operativa era all’interno di un noto complesso di edilizia residenziale pubblica, comunemente noto proprio con il nome di “Casermone”.

Gli indagati, di ritorno  Roma, dove avevano presenziato al pronunciamento della sentenza dove gli stessi erano imputati per  i fatti del 2016, anziché far ritorno nelle rispettive abitazioni decidono di percorrere un percorso “ alternativo”, non autorizzato.

La situazione desta sospetto. Militari e poliziotti decidono di procedere a perquisizione veicolare, personale e domiciliare,  con esito positivo.

Il 46enne viene trovato in possesso di oltre tre grammi di hashish e quasi quattro grammi di cocaina. Nel suo appartamento vengono rinvenuti due coltellini per il taglio della sostanza stupefacente e materiale per il confezionamento, oltre a banconote per un totale di 121 euro.

A casa del 28enne è stato rinvenuto un bilancino di precisione con i residui biancastri, oltre a 3250 euro – 57 banconote da 50 e 20 banconote da 20 euro.

Scatta l’arresto.

2 Febbraio 2018 0

Latina: operazione “notti sicure”. Tre arresti della Squadra Mobile

Di redazionecassino1

Latina – Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Mobile, a seguito di mirate attività investigative finalizzate al contrasto dei reati contro il patrimonio, in particolare dei furti notturni in abitazioni private ed attività commerciali, che hanno consentito di raccogliere numerosi elementi indiziari a carico di un gruppo criminale composto da elementi di nazionalità rumena, su delega della competente Autorità giudiziaria ha dato corso ad una serie di perquisizioni locali, anche con l’ausilio di personale della Squadra Volante, nei confronti di alcuni cittadini rumeni dediti ad attività illecite e sui quali si erano incentrati numerosi sospetti, in quanto ritenuti essere gli autori di numerosi furti.

Nel corso delle perquisizioni, infatti, veniva rinvenuto numeroso materiale, in particolare arnesi atti allo scasso ed altro materiale chimico utile al disinserimento dei sistemi di allarme, nonché numerosissime monete in centesimi di €uro, con ogni probabilità provento dei furti avvenuti nei mesi di novembre e dicembre scorsi all’interno di sale slot, per un peso complessivo di 5,620 kg, nonché un’autovettura, anch’essa utilizzata per gli spostamenti durante i raid notturni.

Durante l’esecuzione dei richiamati atti di P.G. è stato anche accertato che gli occupanti di una delle abitazioni perquisite si appropriavano fraudolentemente dell’energia elettrica, pertanto sono stati deferiti in stato di arresto alla competente A.G., OSTACIOAIE Claudiu, ZANOAGA Mihai e OSTACIOAIE Elena.

Per altro verso, considerato che il gruppo criminale era solito nascondere le autovetture con cui compivano i furti notturni presso un’autofficina ubicata a Latina, si è proceduto, con la collaborazione di personale della Sezione Polizia Stradale di Latina, alla relativa perquisizione di tale attività commerciale, durante la quale l’intera area, di circa 5.000 mq è stato sottoposta a sequestro, compresi i manufatti ivi esistenti, poiché è stato accertato che il titolare, sempre di nazionalità rumena, era privo di qualsiasi autorizzazione ad esercitare tale attività.

Peraltro, all’interno di tale superficie erano presenti 39 veicoli, numerose parti meccaniche di autovetture e congegni elettronici di dubbia provenienza, sui quali sono tuttora in corso mirati approfondimenti; erano immagazzinati ingenti quantitativi di materiale da risulta ed altri rifiuti, tali da far presupporre uno smaltimento illecito dei rifiuti; è stato verificato, inoltre, che gli oli esausti e i liquidi delle batterie, altamente tossici, venivano smaltiti direttamente attraverso la rete fognaria, causando un grave danno ambientale.

Il titolare, D.M. del 1984 è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Latina per il reato di inquinamento ambientale.

1 Febbraio 2018 0

Spaccio di droga: operazione congiunta di Polizia e Carabinieri. In manette due persone

Di redazione

I Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone unitamente agli uomini della Squadra Mobile della locale Questura, nell’ambito di attività di prevenzione e repressione del traffico e spaccio di sostanza stupefacente, nella serata di ieri 31 gennaio, a Frosinone, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un uomo M.I. cl.83, dell’interland frusinate, e una donna J.G. cl. 90, di Frosinone, entrambi ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Il provvedimento restrittivo è scaturito all’esito di un’operazione di servizio che è scattata a seguito di attività info-operativa che ha permesso di notare movimenti sospetti sotto l’abitazione dei predetti, sita nella periferia di Alatri, che hanno indotto gli operanti ad effettuare una perquisizione domiciliare a seguito della quale sono stati rinvenuti occultati in contenitori per alimenti, 10 grammi di cocaina suddivisi in 12 dosi confezionate e pronte per la vendita. Inoltre è stato rinvenuto materiale per il confezionamento e la pesatura della droga nonché 1.600 euro in contanti frutto dell’illecita attività. I due malviventi speravano di eludere i controlli della Forze di Polizia attraverso il posizionamento all’esterno dell’abitazione di telecamere ma l’azione fulminea e decisa di Polizia e Carabinieri ha neutralizzato gli sperati effetti preventivi del predisposto “accorgimento”. L’attività si inquadra nel complesso delle attività di prevenzione e repressione che nella specifica materia Carabinieri e Polizia, in sinergia, tra loro, da tempo stanno predisponendo ed attuando, al fine di arginare un fenomeno sempre più diffuso in questa Provincia, che, anche alla luce di recenti operazioni di polizia, è divenuta un crocevia per traffici di rilevante portata. Al termine delle previste formalità di rito, gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.