Un economista alla guida dell’Italia, chissà che tipo di “casta” sarà quella di Monti

10 Novembre 2011 Off Di Comunicato Stampa

Manca solo l’ufficializzazione e le sorti del Paese, in una crisi senza precedenti, sarà affidata ad un economista esperto come Mario Monti per un governo tecnico ma anche parlamentae dato che il presidente Napolitano si è affrettato, nei giorni scorsi a nominarlo Senatore a vita. Un riconoscimento doveroso, ma comunque tempestivo proprio per dare al nascente governo che si succederà a quello di Berlusconi, sembianze politiche e non solo tecniche. Se Monti sarà Premier, anche contro il volere di Lega e Idv (I due partiti sembrano essere pronti a diventare compagni sui banchi dell’opposizione) si sta lavorando per la quadratura del cerchio nella distribuzione dei ministeri affinché la squadra di Governo sia più ampiamente rappresentata possibile; tutto questo con la speranza di uscire dalla crisi e condurre la nave Italia in acque tranquille a nuove elezioni in maniera tale che un governo eletto dagli italiani possa tornare a fare sfacelli. Appare, infatti, opinione sempre più condivisa, che il problema della politica italiana non sia tanto il colore politico o la diversità di ideologia da uno schieramento all’atro, quanto la distanza tra il “Palazzo” e la gente. Privilegi su privilegi che fanno si che i rappresentanti del Popolo vivano in condizioni così comode da rendere sbagliata la stessa parola “rappresentante”. A molti, infatti, in tal senso, sono piaciute le intenzioni di austerità, soprattutto per la casta, indicate da Monti. Chissà se da questa crisi ne possa uscire una categoria di politici migliore.
Ermanno Amedei

Condividi