Categoria: dallitaliaedalmondo

12 Aprile 2010 0

Maxi rissa fra ‘guide turistiche abusive’ al Colosseo

Di felice pensabene
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una  maxi rissa tra guide turistiche abusive si è verificata l’altro ieri , nei dintorni del Colosseo. Oggetto del contendere, ovviamente, erano gli ignari e sprovveduti turisti che accettavano di farsi guidare, a prezzi esorbitanti, da improvvisati “ciceroni” tra i resti archeologici dell’antica Roma. Il motivo della rissa è stato il non rispetto della turnazione, decisa illegalmente dai due gruppi di false guide turistiche. I carabinieri hanno proceduto con l’arresto di sei persone, tutte accusate di rissa aggravata. Il fatto porta alla ribalta, per l’ennesima volta, questo annoso problema che colpisce anche gli altri luoghi di interesse turistico: dai Fori imperiali, a fontana di Trevi, al Vaticano. I turisti di Roma non hanno pace, qualunque angolo di strada o piazza è colmo di finti gladiatori, finti ciceroni, agenzie di viaggi nate su strada dall’oggi al domani e per finire  non c’è ristorante del centro storico che non abbia alle sue porte eserciti di camerieri imbonitori. Certo è,  che una regolamentazione del fenomeno occorre trovarla al più presto per evitare gli episodi descritti. Il turismo, non c’è dubbio, può rappresentare, nel nostro Paese, una vera risorsa economica ed occupazionale per tanti giovani.

11 Aprile 2010 0

L’economia della valle del Sacco, convegno alla Certosa di Trisulti

Di redazionecassino

E’ nel programma della XII settimana “Settimana della Cultura” il convegno di presentazione della ricerca su: Storia, natura, economia della Valle del Sacco di cui Rita Padovano ne è la coordinatrice. Edito dalla casa Editrice ESEDRA di Padova il volume sarà presentato a Collepardo il 17 aprile presso la Sala del Refettorio Vecchio della Certosa di Trisulti. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha inserito, nell’ambito dell’evento culturale più atteso dell’anno, l’ultimo dei convegni di presentazione dello studio della Valle del Sacco – realizzato da studiosi della Soprintendenza Archivistica del Lazio, delle Università degli Studi “Aurel Vlaicu” di Arad (Romania) e “La Sapienza” di Roma, giovani ricercatori ed esponenti del mondo dell’impresa.

Sostenuto dall’Amministrazione Provinciale di Frosinone e dall’Assessorato al Piccola e Media Impresa della Regione Lazio, Commercio ed Artigianato il convegno si tiene in un luogo esclusivo a cui è possibile accedere grazie a questa opportunità offerta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali che rappresenta un’occasione importante per avvicinarsi alla più grande ricchezza del nostro Paese: il nostro patrimonio artistico e culturale di cui la Certosa di Trisulti è parte.

Nella Sala del Refettorio Vecchio del complesso monumentale alle ore 15,30 le autorità apriranno i lavori. Ad illustrare i contenuti dello studio, realizzato seguendo una metodologia interdisciplinare, sarà Rita Padovano – Coordinatrice della ricerca.

Un “parterre de roi” ne approfondirà ogni aspetto dell’opera: l’Arch. Anna Ciavardini – Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; Padre Ignazio Mario Rossi – Conservatore della Certosa di Trisulti; Alfredo Ballini – Presidente della Banca di Credito Cooperativo di Fiuggi; un Rappresentante – Regione Lazio – Assessore alla PMI, Commercio e Artigianato; Anna Esposito – docente Università degli Studi “La Sapienza” – Roma; Giampiero Raspa – Istituto di Storia e Arte del Lazio Meridionale; Sergio Ricciuti – Vice Presidente Società Italiana di Fitoterapia; Franco Bruno – docente Università degli Studi “La Sapienza” – Roma; a moderare i lavori ci sarà: Simona Grossi -Giornalista Radio – Rai.

Da anni l’Associazione culturale “Progetto Arkés” dedica al tema dell’acqua un suo filone di ricerca chiamato “oroblu”. Un titolo utilizzato per esprime due elementi: preziosità e finitezza di questo prezioso liquido da cui ha origine la vita.

Secondo i dati ONU, resi noti durante la celebrazione della giornata mondiale dell’acqua, celebrata nello scorso mese di marzo, più di un miliardo e 200 milioni di persone non hanno accesso sufficiente a fonti di acqua pulita e quasi altri due miliardi vivono senza servizi igienici. Alla mancanza d’acqua si aggiunge poi il problema di quella malsana, che fa ogni anno nel mondo oltre 1,6 milioni di morti di cui il 90% sono bambini sotto i 5 anni, la maggior parte dei quali vive nei Paesi in via di sviluppo.

Altro elemento su cui riflettere sono i dati forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che stima il fabbisogno di acqua per poter parlare di condizioni accettabili di vita non meno di 50 litri d’acqua al giorno per ogni essere umano, al di sotto di questa soglia la situazione è di sofferenza.

Un quadro complesso che ci invita a riflettere sull’uso quotidiano e sulla necessità di non sprecare un bene così prezioso.



11 Aprile 2010 0

Il concerto “Le voci del cuore” al vaglio della platea di You Tube

Di Comunicato Stampa

Una gara che corre sul filo di youtube. Il concerto “Le voci del cuore” organizzatto dalla parrocchia Sacro Cuore di Gesù di Lanciano (Ch) sta avendo come platea il social network “You tube”. Digitando come parole chiavi Le voci del cuore. Il numero di visualizzazioni delle relative esibizioni ha, al momento, sancito questa classifica: Anima di Cristo, 289 visualizzazioni; Donna della speranza, 180; Dio è amore, 147; Tu sei qui, 101; Emmanuele, 84; Maranatha soffio di Dio, 71; Astro del ciel, 61; Poesia a Maria, 49; Il Magnificat, 48; Cristo speranza delle genti, 45; Tu scendi dalle stelle, 42; Maria, 35. Risultati che supearano quelli raggiunti nella passata edizione.

11 Aprile 2010 0

Disabili: impossibile raggiungere in treno Roma da Lecce

Di felice pensabene

I disabili in sedia a rotelle della provincia di Lecce non possono raggiungere Roma in treno. Un disagio che dura da oltre un mese. Dovrebbero prima arrivare a Bologna e poi ripartire alla volta della capitale. Tutto questo perché i pullman che Trenitalia mette a disposizione degli utenti della tratta Foggia-Benevento, interrotta a causa di una frana, non sono accessibili alle persone in carrozzina. La denuncia arriva dal Sindacato Famiglie Italiane Diverse Abilità (Sfida). Che accusa i vertici di Trenitalia “dell’ennesima discriminazione a carico dei cittadini disabili”. E chiede, in modo inderogabile, “un intervento per porre fine a tale, gravissimo, disagio”. Una storia di ordinaria discriminazione che s’intreccia con la frana più estesa d’Italia. Quella di Montaguto, provincia di Avellino. 700mila metri cubi di detriti in movimento. Una massa enorme di terra che negli ultimi mesi ha sepolto anche i binari che collegano la Puglia alla Campania. Un’intera zona tagliata fuori dal resto del Paese. Ma, tra richieste d’intervento e scaricabarile all’italiana, conflitti di competenze e malcontento generale, non si muove nulla, nonostante le  richieste dei cittadini per risolvere il problema. E’ quanto ha denunciato Vito Berti, segretario di Sfida per la provincia di Lecce. Durante le festività è solito raggiungere la sorella a Roma. Alle 19 e 47 del 2 aprile 2010, venerdì santo, invia una mail alla Sala Blu, il centro di assistenza predisposto da Trenitalia per i clienti diversamente abili. Scrive: “Sono un disabile in sedia a rotelle. Lunedì dovrei partire col treno da Lecce per recarmi a Roma. Vorrei sapere se il servizio di assistenza è comunque garantito, visto il perdurare dell’interruzione causata dalla frana di Montaguto”. La risposta arriva, ma la soluzione è diversa da quella prevista dal sig. Berti . “Caro signor Berti – scrivono dalla Sala Blu di Trenitalia – abbiamo  trovato una soluzione, da Lecce sarà possibile raggiungere Roma via Bologna”. Cioè utilizzare prima la tratta Lecce-Bologna. Per poi arrivare a Roma. A questo punto gli interrogativi che il sindacato Sfida, e non solo loro, si pone sono molti. Ma se per caso si fosse trattato di una visita medica importante, cosa avrebbero risposto? E cosa rispondono alle migliaia di persone disabili che dalla Puglia raggiungono Roma per essere visitate? Di passare prima da Bologna?

10 Aprile 2010 0

Ricercato per espiare pena, esibisce documenti falsi al controllo

Di Comunicato Stampa

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vasto, coordinati dal Tenente Emanuela Cervellera, durante un controllo del territorio, nella tarda serata di ieri, nel centro di Vasto (Ch), individuavano e fermavano il cittadino albanese Licka Ervin, 27enne, domiciliato a San Severo (FG). All’atto del controllo il cittadino albanese esibiva ai militari dell’Arma un documento d’identità che faceva sorgere qualche dubbio sulla sua autenticità. Per questo motivo, e per verificare l’effettiva identità del soggetto, i carabinieri procedevano a più approfonditi accertamenti. Si scopriva, così, che il soggetto fermato era gravato da un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Foggia, essendo stato condannato ad una pena definitiva di 11 mesi di reclusione per reati contro il patrimonio e la persona, commessi nel 2008 in Puglia. Espletate le formalità di rito, L. E. veniva associato nel Carcere di Vasto, ponendo fine al suo stato di irreperibilità.

10 Aprile 2010 0

Lavoro nero, maxi sanzione da 124mila euro

Di Comunicato Stampa

I carabinieri della stazione di Lanciano (ch), congiuntamente a quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Chieti e della Direzione Provinciale Lavoro, sempre di Chieti, a termine di approfondita ispezione hanno riscontrato, a carico di una ditta, ubicata presso l’area industriale di Cerratina e avente come legale rappresentante E.C., le seguenti violazioni: l’avere impiegato lavoratori non risultanti dalla documentazione obbligatoria (ex art. 3 c. 3 L.73/2002 e art. 36 bis c. 7 lett A L. 248/2006), per cui è prevista una sanzione amministrativa di 124 mila euro, le omesse comunicazioni al centro per l’impiego e omessa consegna di documentazione ai lavoratori (ex art. 1 L. 296/2006 e art. 40 L. 133/2008) per cui è prevista ulteriore sanzione amministrativa ammontante a 10.850 euro. Dagli accertamenti esperiti, è risultato che detta società ha impiegato 31 lavoratori non assunti, per complessive 207 giornate lavorative. Al momento, l’attività risulta sospesa, al fine di consentire la regolaizzazione delle posizioni dei dipendenti. I controlli sono stati estesi anche alle altre aziende appartenenti al gruppo facente capo al medesimo imprenditore.

10 Aprile 2010 0

Rumeno seviziato, ucciso e sciolto nell’acido, arrestato il datore di lavoro

Di felice pensabene

Terribile fine per un rumeno di Piedimonte San Germano. Dalle indagini degli inquirenti è emerso una fine agghiacciante per l’uomo. Gli hanno tagliato un orecchio, poi ucciso ed infine sciolto nell’acido: sarebbe questa la fine di Ivan M., un 42enne rumeno dipendente di un’autorimessa di Piedimonte San Germano. Il suo datore di lavoro sospettava che l’uomo rubasse gasolio dai camion parcheggiati e per questo la notte tra l’11 e il 12 maggio 2007 lo avrebbe fatto sequestrare da suoi complici che, dopo averlo seviziato, lo avrebbero portato nelle campagne di Avellino e lì, ucciso e sciolto nell’acido.  Nel novembre del 2009 i parenti del rumeno, non avendo più sue notizie, ne hanno denunciato la scomparsa alla questura di Frosinone. Dopo lunghe indagini, gli uomini della Squadra Mobile coordinati da Carlo Bianchi, sono arrivati ad arrestare V.N., 50anni, proprietario dell’autoparcheggio, accusandolo di omicidio, sequestro di persona e occultamento di cadavere. Si sta inoltre indagando sulla sua possibile appartenenza a clan camorristici per individuare eventuali complici. Maggiori particolari potranno scaturire da una conferenza stampa in Procura a Cassino. [nggallery id=94]

10 Aprile 2010 2

Pala eolica “in transito” bloccata da due auto in sosta vietata

Di Ermanno Amedei

Nella tarda serata di ieri un trasporto eccezionale ha attraversato Cassino per giungere a destinazione in un comune della provincia di Campobasso. Nulla di strano se non consideriamo che sull’automezzo vi era una pala eolica e che lungo il percorso abbia incontrato qualche difficoltà. Il mezzo infatti, scortato dai carabinieri e dagli agenti della polizia stradale e del commissariato, all’incrocio di Viale Europa con Corso della Repubblica a causa di due auto ferme in sosta vietata ha impiegato più di mezzora per superare l’ostacolo e proseguire il suo percorso.

9 Aprile 2010 0

Mediazione familiare, nasce l’associazione “Figli per i Figli”

Di Comunicato Stampa

Si chiama “Figli per i Figli” la nuova Associazione onlus di promozione sociale attiva in provincia di Isernia. Il sodalizio, con sede ad Isernia in Via Senerchia n. 13, è un’organizzazione apartitica, aconfessionale e senza scopo di lucro che punta alla mediazione familiare. L’obiettivo primario è quello di promuovere e di educare – attraverso numerose iniziative – alla cultura della civile gestione del conflitto, di favorire tutte quelle iniziative orientate alla individuazione delle risorse personali e sociali volte a costruire una sana gestione delle relazioni umane. L’associazione ‘Figli per i Figli’ è inserita nell’ambito del progetto Policoro, l’idea matura dall’esperienza di Animatore di Comunità, vissuta da Luigi Fantini, per la Diocesi di Trivento che ha coinvolto nella missione i suoi colleghi, gli avvocati Maria Spadafora e Felice Fiacchino con i quali, cattolici-cristiani, entusiasti e desiderosi di sposare l’idea progettuale proposta, ha avviato, nel maggio 2009, lo Studio Legale e di Mediazione Familiare, specializzato in Adr (alternative dispute resolution). Lo Studio,è composto da professionisti qualificati in grado di fornire consulenze/servizi in materia di Mediazione Familiare e Diritto di famiglia (Consulenze tecniche di ufficio e di parte per l’affidamento dei figli), Mediazione Penale Minorile, Counseling nella relazione di aiuto (individuale, di coppia, di gruppo e professionale) e assistenza alla conciliazione e alla redazione di clausole contrattuali Adr. “La mediazione familiare – ha spiegato il vice presidente della onlus Felice Fiacchino – è una procedura a cui può ricorrere la coppia (coniugi o conviventi) che sta vivendo un conflitto e si trova ad affrontare il faticoso e imprevisto percorso della separazione. Il fine è quello di aiutare le parti a raggiungere un accordo condiviso, ossia, a darsi delle regole a tutela dei componenti della famiglia, e in particolare dei figli minorenni, anche quando l’equilibrio è compromesso. La conciliazione, invece, è un procedimento volontario di negoziazione facilitata che si svolge sotto il controllo di un terzo professionista esperto in tecniche di Adr, il conciliatore, con lo scopo di guidare le parti, eventualmente accompagnate e assistite da un professionista di fiducia, al raggiungimento di un accordo che sia il più possibile satisfattorio per entrambe, mantenendo stabili e duraturi i rapporti tra di loro”. L’Associazione intende, quindi, dare voce a quanti hanno vissuto in prima persona l’esperienza di figli di genitori separati, operando affinché a essi sia concretamente riconosciuto il diritto di crescere mantenendo un rapporto equilibrato e continuativo con entrambi i genitori e i loro rispettivi ambiti parentali, nonché di diminuire il disagio e la sofferenza in un momento delicato della vita di ciascuno; dare voce, ascolto e assistenza alle coppie che vivono il dramma di una separazione; creare e favorire lo sviluppo di “Luoghi di Parola” e di condivisione; promuovere l’istituzione e l’utilizzazione di Consultori Familiari; promuovere l’insegnamento della gestione del conflitto tra ragazzi, adolescenti, alunni e istituzioni scolastiche. Numerosi i progetti in cantiere per l’associazione ‘Figli per i Figli’, tutti saranno mirati a favorire e valorizzare le famiglie con la promozione e la realizzazione di iniziative che ne recuperino il ruolo fondamentale all’interno della società. La onlus sta già avviando collaborazioni con enti ed istituzioni pubbliche e private, mass-media, scuole e università, enti morali e culturali, magistratura e forze dell’ordine, imprese pubbliche e private, fondazioni, case editrici. ‘Figli per i Figli’ sarà anche un punto di riferimento per tutte le associazioni e gli enti pubblici e privati che operano con i medesimi propositi in campo giuridico, psicologico e sociale. È possibile anche accedere al sito internet www.figliperifigli.it, registrarsi in maniera gratuita e consultare il materiale riservato, collaborare con l’organizzazione inviando articoli o commentarli, condividere storie e pensieri.

9 Aprile 2010 0

Tentano di rubare gasolio dagli escavatori in una cava, arrestati due rumeni

Di Comunicato Stampa

A Ferentino, i carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per tentato furto aggravato in concorso il 21enne H.M. ed il 25enne H.M.S., due giovani rumeni domiciliati a Frosinone. I giovani sono stati sorpresi dai militari mentre tentavano di asportare gasolio da due escavatori all’interno di una cava ubicata in località Monte Radicino. Espletate le formalità di rito, gli arrestati venivano associati presso la Casa Circondariale di Frosinone.