Tag: fondi

9 Gennaio 2019 0

La Regione Lazio stanzia i primi fondi per il Nocione. Plauso del sindaco al lavoro del consigliere Tauwinkelova

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – L’azione pressante e costante che Dana Tauwinkelova ha portato avanti come Assessore all’Ambiente del Comune di Cassino ed oggi Consigliere Comunale sempre pronta sul fronte dell’ambiente e del bene pubblico incominciano a dare i primi frutti. “E’ di questi giorni la comunicazione pervenuta al Comune di Cassino che la Regione Lazio ha deliberato un primo finanziamento di € 214.592,56 per consentire l’avvio delle attività previste dalla normativa vigente in materia di bonifica siti inquinanti.”

Il Consigliere Dana Tauwinkelova, che al momento si sta occupando delle tematiche ambientali su cui ha posto l’attenzione quando era assessore, precisa che tra qualche giorno sarà inviato il piano di caratterizzazione che in questi mesi è stato messo a punto.

“Ottenuti i necessari nulla osta, – continua il consigliere comunale – si procederà con l’affidamento delle attività relative al campionamento ed analisi dei prelievi di campionatura di terreno. L’attività di campionamento delle eventuali potenziali sostanze inquinanti avverrà nelle zone più significative dell’area del Nocione, così come individuata nell’Ordinanza sindacale n° 233/2018. Le indagini che si andranno a fare porranno un punto fermo sull’annosa questione che si trascina da decenni in quanto si dovrebbe riuscire a comprendere le potenziali sostanze inquinanti che interesserebbero la zona permettendo a tutti gli Enti interessati di poter formulare un piano di risanamento supportato da riscontri tecnici oggettivi e dalle necessarie risorse finanziarie. Con questo finanziamento coroniamo l’intento lavoro svolto con la consulta dell’ambiente, le associazioni ambientaliste e tutti gli organi preposti alla tutela ambientale. Questo ci inorgoglisce e ci da ulteriori stimoli a lavorare ancor di più per quanto riguarda queste tematiche”. “Questo finanziamento concesso dalla Regione Lazio con Determinazione G17573 del 24 dicembre 2018, è senz’altro frutto delle importanti azioni che questa amministrazione sta ponendo in atto per tutelare l’ambiente della nostra Cassino. – ha detto il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro – Ringrazio il consigliere Dana Tauwinkelova per il lavoro che ha svolto da assessore per quanto riguarda il caso del Nocione. Checche se ne dica continuiamo quotidianamente a dare risposte ai cittadini di un territorio che merita un futuro da protagonista”.

14 Dicembre 2018 0

Peschereccio affonda al largo di Fondi, un 63enne risulta disperso

Di admin

TERRACINA – Erano circa le 8 di questa mattina quando il trasmettitore di localizzazione (Epirb) del motopeschereccio Claudio Padre di Terracina segnalava una situazione di emergenza di fronte al litorale della cittadina laziale.

A seguito del segnale di emergenza, ricevuto dalla stazione satellitare italiana della Guardia Costiera con sede a Bari, è stata inviata la motovedetta della Guardia Costiera di Terracina per portare soccorso al motopesca in difficoltà.

Sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Terracina sono stati dirottati sul posto anche tre motopescherecci  (Piramide, Silverio Padre e Maria Sorella II) in ausilio alle ricerche.

Giunti sul posto, a circa un miglio e mezzo a largo del litorale di Fondi, sono stati tratti in salvo un naufrago che ormai caduto in mare cercava di sbracciarsi per attirare l’attenzione dei soccorritori. Il 27enne di Terracina, appena salvato, a bordo di uno dei pescherecci, ha riferito ai militari della Guardia Costiera che il motopesca Claudio Padre era affondato, portandosi con sé il secondo membro di equipaggio, R. D., 63 anni di Terracina.

Sul posto è stata inviata anche la motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta per collaborare alle attività di soccorso ed accertare l’eventuale presenza in mare del secondo naufrago. In zona anche un elicottero della Guardia di Finanza.

La Guardia Costiera ha ora richiesto l’intervento del “2° Nucleo Sommozzatori della Guardia Costiera di Napoli” ed il Nucleo sommozzatori dei Vigili del fuoco di Latina, con l’auspicio che le condizioni del mare, attualmente molto mosso consentano di effettuare l’immersione.

15 Novembre 2018 0

Furti in dieci appartamenti a Fondi, identificato e denunciato il ladro

Di admin

FONDI – I carabinieri di Fondi hanno identificato e denunciato per furto in abitazione e ricettazione un 38enne del luogo. L’uomo è ritenuto responsabile di una decina di furti in abitazione perpetrati, negli ultimi mesi, ai danni di immobili ubicati lungo la fascia costiera.

Sono stati rinvenuti e sequestrati venti orologi da uomo, venti bracciali in oro/argento, otto paia di orecchini in oro/argento, tre smartphone, alcune carte di credito, borse e capi di abbigliamento griffati, vario materiale informatico e strumenti atti allo scasso. Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

27 Settembre 2018 0

Sorpreso con 625 grammi di marijuana, arrestato a Fondi giovane di Terracina

Di admin

FONDI – I Finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Fondi, coadiuvati dalle unità cinofile “Bam e Dafil” del Gruppo di Formia, nell’ambito del “Dispositivo di Contrasto ai Traffici Illeciti” predisposto dal Comando Provinciale di Latina, e finalizzato, tra l’altro, anche alla repressione dei reati in materia di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, hanno arrestato un cittadino italiano residente a Terracina, T.T., di anni 26, per possesso ai fini di spaccio di gr. 625 di marijuana amnesia e hashish. La pattuglia delle Fiamme Gialle, appostata nei pressi dell’intersezione tra la via Flacca e via Sant’Anastasia in Fondi, dopo aver sottoposto a fermo per un normale controllo un’autovettura SMART, notando del “nervosismo” negli atteggiamenti del conducente alla vista dei militari, decideva di intensificare il controllo del mezzo sul quale veniva rinvenuto un quantitativo di sostanza stupefacente pari a gr. 53,150, nonché n. 4 spinelli confezionati. L’operazione proseguiva quindi con la successiva perquisizione domiciliare, ed il rinvenimento di ulteriore gr. 572 di sostanza stupefacente, suddivisa in “panetti di hashish” e bustine della pericolosissima marijuana amnesia, nonché materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente, denaro contante, probabilmente profitto dell’attività illecita. I militari della Compagnia di Fondi, dopo aver contattato il PM di Turno presso la Procura della Repubblica di Latina, Dott. Giuseppe Miliano, procedevano a trarre in arresto il giovane ai sensi dell’art. art.73, comma 1, DPR 309/90 e, quindi, a tradurlo presso la Casa Circondariale di Latina, a disposizione dell’A.G.. La sostanza psicotropa, pari circa gr. 625 grammi, il denaro contante ed il materiale idoneo al confezionamento, venivano sottoposti a sequestro.

10 Settembre 2018 0

Aggredito e ucciso dal cane a Fondi, il 60enne aveva le chiavi del cancello

Di admin

FONDI – Giovanni Marcone aveva le chiavi del cancello di casa ed era entrato con un amico per prendere delle misure quando si è trovato davanti il pastore tedesco che lo ha aggredito. Il proprietario non era in casa.

Questa sarebbe una prima ricostruzione della tragedia che questa mattina ha avuto il suo epilogo con la morte del medico 60enne. L’uomo era in trattativa per l’acquisto dell’abitazione in località San Magno. Una trattativa ormai avviata tanto che Marcone aveva già le chiavi del cancello che ha varcato, senza temere o non sapendo, della presenza del cane.

Un particolare, questo che appare sostanziale e su cui gli investigatori dei carabinieri della Tenenza di Fondi certamente si soffermeranno. Alcuni però sostengono che l’uomo fosse di casa e che conoscesse l’animale. Pare addirittura che prima dell’aggressione stessero giocando e che poi qualcosa ha innervosito il cane fino all’aggressione. Marcone sarebbe stato morso prima agli avambracci nel tentativo di difendersi, poi sarebbe caduto e il cane si è accanito anche sulla testa.

Ferito anche l’uomo di Gaeta che era con lui e che è intervenuto per allontanare il cane. Marcone, ferito e dopo aver perso molto sangue, è stato elitrasportato a Latina ma le sue condizioni non erano considerate tanto gravi da far temere per la sua vita. Questa mattina, invece, è deceduto e l’autopsia stabilirà se, come si ipotizza, a causa delle ferite riportate.

Ermanno Amedei

10 Settembre 2018 0

Va per comprare casa a Fondi ma viene aggredito dal cane, muore medico 60enne

Di admin

FONDI – E’ stato azzannato da un cane di grossa taglia ed e questa notte è morto. La vittima è Giovanni Marcone, un medico 60enne di Fondi che ieri pomeriggio, in località san Magno, è stato aggredito da un grosso cane.

Da una prima ricostruzione pare che il medico stata visitando la casa del proprietario del cane quando l’animale gli si sarebbe scagliato contro apparentemente senza motivo.

A dare speranza di sopravvivenza al 60enne sono stati alcuni testimoni che intervenuti hanno allontanato l’animale e soccorso il medico.

Le ferite erano gravi e, per questo, gli operatori del 118 intervenuti hanno richiesto l’intervento di una eliambulanza con la quale l’uomo ha raggiunto un ospedale di Roma dove, questa notte è deceduto. I carabinieri di Fondi stanno indagando sull’accaduto e sul motivo per il quale il cane ha aggredito l’uomo. L’esame autoptico servirà poi a stabilire se il 60enne è deceduto per le ferite riportate o se per altre cause.

Ermanno Amedei

1 Agosto 2018 0

Una mano misteriosa decapita i daini dell’Oasi degli Ernici, raccolta fondi per sistema di sorveglianza

Di admin

VICO NEL LAZIO – La bella Oasi degli Ernici a Vico nel Lazio è scossa da atti scellerati e disumani della peggior specie. A farne le spese, come al solito, sono i più indifesi. In questo caso sono i daini del piccolo branco che, con tanta fatica e passione, un gruppo di persone stanno cercando di insediare sulle pendici dei monte Rotonaria e monte Monna.

Due gli animali uccisi in poco tempo. A maggio venne ritrovata morta Mamma, il daino femmina che la primavera scorsa aveva fatto nascere il primo cucciolo nel folto castagneto. Era incinta e qualcuno le ha tolto la vita ferendola alla gola. Aveva un foro in entrata ed uno in uscita. Sul suo corpo sono in corso ancora esami ma si pensava all’opera di un bracconiere.

Certamente, invece, non è stato un bracconiere quello che, alcuni giorni fa, ha ucciso e decapitato Ciccio, un maschio di tre anni il cui corpo è stato ritrovato privo della testa. Nell’oasi sono aumentati i controlli ma non basta, serve fare di più e per questo i responsabili delle cooperativa Città Nuova che la gestisce hanno pensato di fare ricorso alla tecnologia.

“Non ci stiamo a vedere i nostri daini uccisi in questa maniera – dichiara Luciano D’Abbruzzo responsabile della cooperativa. Abbiamo pensato ad un sistema di fototrappole da impiantare nel perimetro del parco (sono ben 11 ettari) e sulle principali vie di accesso. Per realizzare il progetto abbiamo lanciato un Crowdfounding con cui proveremo a raccogliere fondi attraverso il sito internet www.gofundme.com/daini. Chiunque può donare anche un solo euro e contribuire alla nostra causa e quella dei nostri daini”.

“Andremo avanti con i nostri progetti – dichiara il sindaco di Vico Claudio Guerriero – sono colpi duri quelli che ci sono stati inferti, ma l’idea che abbiamo dell’oasi quale strumento socio educativo e di sviluppo turistico del territorio montano non viene meno.  Abbiamo dato il via, qualche settimana fa, all’iter autorizzativo per creare nell’area anche una colonia di bisonti europei che devono arrivare dalla Polonia. Alcuni esperti polacchi, dopo un sopralluogo, hanno dato parere favorevole e adesso stiamo aspettando le autorizzazione dal ministero dell’Ambiente. Se tutto procede bene entro la primavera avremo a Vico anche i bisonti europei”.

Ermanno Amedei 

29 Maggio 2018 0

Attira una bambina di 9 anni su un prato a Fondi e tenta di violentarla, arrestato 26enne

Di admin

FONDI – Ieri sera gli agenti della Polizia di Stato ha arrestato per tentata violenza sessuale un giovane fondano di 26 anni che ha tentato di violentare bambina di appena nove anni, avvenuta al centro di Fondi.

Intorno le ore 17.30 è giunta al 113 la richiesta da parte di una donna, in forte stato di agitazione, che lamentava un tentativo di violenza ai danni della propria figlioletta di nove anni, perpetrata da un giovane già noto alle forze dell’ordine, mentre la bambina era intenta a rientrare a casa dal doposcuola.

Immediatamente il personale in servizio di “Volante” del Commissariato di Fondi, si è recato sul luogo indicato dalla madre della minore alla ricerca del giovane che intanto si era allontanato dal posto cercando di far perdere le proprie tracce. Soltanto in seguito ad una vasta battuta della zona da parte degli operanti, il giovane è stato individuato nei vicoli antistanti l’anfiteatro, semi nascosto tra le autovetture in sosta.

La minore spontaneamente, sebbene spaventata, ha riferito agli Agenti operanti che il ragazzo con una scusa l’aveva bloccata, trattenuta per i polsi sul selciato e, dopo essersi disteso su di lei, le alzava il vestitino mimando un rapporto sessuale. Tale aggressione è stata vanificata dalla bambina che stringendo le gambe, ha iniziato ad urlare opponendosi con forza al contatto fisico e richiamando l’attenzione dei passanti che hanno messo in fuga l’aggressore.

Il giovane fermato è stato quindi condotto negli uffici del Commissariato di P.S. per gli accertamenti di rito, è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, in considerazione del suo stato di salute, di concerto col P.M. di turno dr. Miliano della Procura della Repubblica di Latina.

21 Maggio 2018 0

Accoltella la moglie a Fondi, arrestato 37enne

Di admin

FONDI – I carabinieri della locale tenenza, a conclusione di spedita attività investigativa, hanno arrestato, nella flagranza dei reati di  maltrattamenti in famiglia – lesioni personali aggravate e tentato omicidio F. D. 38enne di nazionalità albanese, residente a Trentola Ducenta (Ce).

L’uomo, alle 16.30 circa, al culmine di una violenta lite sorta per ragioni connesse con l’affidamento dei figli minori, dopo essersi armato di un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di 26 centimetri circa, ha attinto con diversi fendenti la sua ex moglie 37enne anch’ella di nazionalità albanese, residente a Trentola Ducenta (Ce), di fatto domiciliata a Fondi (lt). La donna è stata tempestivamente soccorsa da personale del 118, e trasportata presso il servizio di pronto soccorso dell’ospedale civile di Terracina, ove le è stata riscontrata una ferita lacero contuse alla regione latero cervicale da arma da taglio.

L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di latina.

30 Aprile 2018 0

La NB Sora 2000 vince con la Virtus Fondi e si salva

Di redazionecassino1

Sora completa l’impresa battendo il Fondi, con il punteggio finale di 78-87, conquistando così una meritata salvezza.

La NB Sora 2000 completa l’impresa battendo la Virtus Fondi, con il punteggio finale di 78-87, conquistando così una meritata salvezza. Il +9 finale è frutto di una gara attenta dove una magistrale prova difensiva ha fatto la differenza. Tra i biancocelesti l’ottima prova del collettivo, che ha permesso di conquistare la terza vittoria nelle ultime quattro gare, è stata impreziosita dai 19 punti di Berardi ed i 18 di Ambrosino e Vona, senza dimenticare i vari Bulatovic, Stirpe, Di Prospero , Radonjic,, Favari Santucci, Castellucci e Alonzi.

Inizio gara tutto ad appannaggio dei padroni di casa che si portavano nel giro di un paio di minuti sullo 5-2, grazie alla maggiore aggressività difensiva, ma la reazione biancoceleste volsca non si faceva attendere e con un ottimo Vona e Ambrosino e le loro tre triple, lo svantaggio al 9′ veniva completamente ribaltato (24-29). Il Fondi provava a cambiare le carte in tavola affidandosi alla tripla di Lauri, in chiusura di quarto (27-29 al 10’).

In apertura di secondo periodo nove punti della coppia Stirpe-Bulatovic lanciavano Sorasul +9 (29-38 al 13′) ma i padroni di casa non mollavano di un centimetro e anche grazie ad un buon Romano e Di Manno rimanevano agganciati alla partita (39-47 al 18′), dimostrando di voler vendere cara la pelle. La terza tripla di Di Manno riportavano a tre i possessi di vantaggio della Virtus Fondi (44-47 al 19′) impattando subito dopo con i canestri di Romano(47-47) che però non poteva concedersi passaggi a vuoti, perchè puniti regolarmente dai ragazzi di coach Ortenzi, con la tripla di Berardi sempre sul pezzo, andando negli spogliatoi, sul riposo lungo, sul punteggio di 47-50.

Al ritorno in campo dopo la pausa lunga si arriva al pareggio locale per poi avere la reazione ospite con Bulatovic e Berardi, permettendo all’NB Sora di allungare nuovamente (51-57 al 22’). Fondi trovava in Refini la sua ancora di salvezza (54-59 al 24’), mentre in attacco, gli ospiti trovavano con facilità la via del canestro. Padroni di casa, che nel frattempo avevano abbassato le percentuali al tiro, dando il via alla supremazia ospite con Ambrosino Vona e Berardi. Ed era proprio la sequenza dei canestri del biancoceleste ciociaro a fissare il +11 (63-74 al 28’30). Vantaggio mantenuto praticamente inalterato fino al 30′ chiuso sul 65-76.

Negli ultimi 10′ bisognava aspettare più di due giri di lancette prima di vedere un canestro. Era Gianluca Stirpe il primo a muovere il punteggio grazie ad un tiro in sospensione (65-78). Per il primo canestro dei padroni di casa bisognava aspettare invece altri tre minuti grazie ad un viaggio in lunetta concluso con un 1 su 2 di Defreitas (66-78).

Il peso della posta in palio raffreddava le mani ed il gioco ne risentiva. Due fiammate di Stirpe e Ambrosinoi, che nel giro di un minuto segnava due volte dalla distanza, (76-84 al 37′) dando con il +8, il vantaggio sorano. Romano provava a tenere viva la partita (78-85 al 38′) ma Fondi non ne aveva più. Sora alzando ancora di più l’intensità difensiva costringeva alla resa i tirreni, fino al +9 (78-87) di fine gara che stava a significare salvezza… una meritata salvezza.

Oasi di Kufra Fondi 78 – N.B. Sora 2000 87

Parziali: 27-29 / 20-21 / 18-26 / 13-11

Oasi di Kufra Fondi: Refini E. 2, Romano 16, Spagnuolo n.e., Refini G. 18, Lauri 3, Avallone 9, Di Manno 15, Defreitas 15, Centra n.e.; Coach: Di Fazio

N.B. Sora 2000: Santucci 0, Stirpe 10, Favari 0, Castellucci 0, Alonzi 0, Di Prospero 9, Radonjic 0, Berardi 19, Vona 18, Bulatovic 13, Ambrosino 18; Coach: Ortenzi. Ass Berardi.