Tag: youpol

11 Febbraio 2019 0

Frosinone; a scuola con “YouPol”, l’innovativa app della Polizia di Stato

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Questa mattina, il dr. Flavio Genovesi, Dirigente dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, nonché Portavoce della Questura di Frosinone, ha incontrato gli studenti dell’istituto Comprensivo 1^ Frosinone, accogliendo favorevolmente l’invito del Dirigente scolastico dr. Lorenzo de Simone, per promuovere la cultura della legalità e del rispetto.

Analizzate le tematiche relative al bullismo e all’uso di stupefacenti tra i giovani.

 Con l’occasione è stata presentata l’ app della Polizia di Stato “YouPol”;  facile da scaricare,    consente di  segnalare, anche in forma anonima, proprio episodi di  spaccio di droga e di  bullismo.

La Polizia di Stato, da sempre impegnata nella formazione civica dei ragazzi,  con YouPol desidera infatti coinvolgere e responsabilizzare gli adolescenti  sul rifiuto del consumo della droga e di ogni forma di violenza.

La giovane ed interessata platea è stata invitata a riflettere sull’importanza del rispetto delle regole e  di una “sicurezza” partecipata e condivisa.

31 Maggio 2018 0

Anagni; “YouPol”: l’app della Polizia di Stato presentata agli studenti dell’I.I.S. “Guglielmo Marconi”

Di redazionecassino1

ANAGNI – Oggi il tour informativo della Questura di Frosinone  ha fatto tappa ad Anagni: presentata l’innovativa app agli studenti  dell’I.I.S. “Guglielmo Marconi”.

Facile da scaricare, YouPol  consente di  segnalare, anche in forma anonima, episodi di  spaccio di droga e di  bullismo.

La Polizia di Stato, da sempre impegnata nella formazione civica dei ragazzi, con YouPol desidera infatti coinvolgere e responsabilizzare gli adolescenti  sul rifiuto del consumo della droga e di ogni forma di violenza.

Con l’occasione il Dr. Flavio Genovesi, Portavoce della Questura, nonché Dirigente dell’UPGSP e responsabile in ambito locale del progetto, ha invitato la giovane platea a riflettere sull’importanza del rispetto delle regole e di una “sicurezza” partecipata e condivisa.