Giorno: 4 ottobre 2010

4 ottobre 2010 0

Settembre nero, per le immatricolazioni secondo i dati di Federauto

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nuovo crollo di vendite per l’auto. A settembre, secondo i dati appena rilasciati dalla Federauto, associazione concessionari italiani, le consegne sono scese del 19% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. “Ma il calo vero – spiega il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi – è del 30%, togliendo dalle 154.000 immatricolazioni consuntivate in settembre le chilometri zero”. Sempre a settembre si sono registrati 389.900 trasferimenti di proprietà di auto usate, con una variazione di +5,93 % rispetto a settembre 2009, durante il quale furono registrati 368.077 trasferimenti di proprietà. Il volume globale delle vendite (544.329 autovetture) ha dunque interessato per il 28,37% auto nuove e per il 71,63% auto usate. In questo quadro le immatricolazioni Fiat Group Automobiles in Italia segnano a settembre un calo del 26,32%, a 44.161 unità, contro le 59.934 registrate a settembre di un anno fa. Ad agosto il gruppo aveva immatricolato 21.065 unità, per un calo del 26,39% rispetto ad agosto 2009. Nel dettaglio le immatricolazioni in settembre del brand Lancia sono state oltre 6 mila con quota del 3,9 %  (era stata 4,9  per cento un anno fa). I primi nove mesi del 2010 si chiudono per Lancia con 70 mila vendite e una quota del 4,5 % (4,71 per cento nel 2009). Tra i modelli Lancia spiccano i risultati della Ypsilon, sempre nelle posizioni di vertice del segmento B e stabilmente nella top ten delle auto più vendute in Italia, della Musa e della Delta, sempre protagoniste nei loro segmenti. In controtendenza ancora una volta l’ Alfa Romeo che in settembre ha aumentato la propria quota di mercato, passando dal 2,45 % di un anno fa al 3 % ottenuto quest’anno grazie a 4.700 immatricolazioni. Sono quasi 40 mila le alfa vendute nel 2010 e la quota è del 2,55 per cento, in lieve calo rispetto al 2,7 del progressivo 2009.

4 ottobre 2010 0

Sette trapianti in un solo giorno ad un sedicenne marchigiano

Di redazionecassino1

Fegato, stomaco, pancreas, duodeno, intestino e colon. Sono i sei organi trapiantati su un sedicenne marchigiano, dal team del professor Antonio Pinna, direttore dell’unità operativa Trapianti di fegato e multiorgano del Policlinico Sant’Orsola Malpighi di Bologna, che in 24 ore, dalle tre del mattino di ieri alla stessa ora di oggi, hanno eseguito sette trapianti in contemporanea su altrettante persone. Tra queste anche N.S, il ragazzo arrivato a Bologna la scorsa settimana in fin di vita per un gravissimo trauma stradale. Il ragazzo era stato schiacciato da un albero che gli era caduto addosso mentre era in sella al suo scooter. L’incidente era avvenuto a Civitanova Marche, in provincia di Macerata, il 20 agosto scorso. Le condizioni del giovane erano apparse subito gravissime, con lesioni interne che avevano compromesso irrimediabilmente vari organi. N.S. era stato trasferito prima all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, poi nei giorni scorsi a Bologna. Ora il giovane è in buone condizioni. I sette pazienti sono tutti ricoverati in terapia intensiva e il decorso post-operatorio è regolare. Questi i trapianti eseguiti in 24 ore: uno di fegato e uno multiviscerale (i sei organi) eseguiti dal professor Pinna, insieme ai collaboratori Matteo Ravaioli e Matteo Cescon; due di cuore, eseguiti rispettivamente dal professor Giorgio Arpesella e dal professor Piero Maria Mikus dell’Unità Operativa di Cardiochirurgia diretta dal professor Roberto di Bartolomeo; tre di rene, eseguiti dal dottor Fausto Catena e dal professor Giovanni Fuga dell’Unità operativa diretta dal professor Pinna. Coinvolto anche lo staff anestesiologico del professor Guido Frascaroli – Unità Operativa di Anestesiologia e Rianimazione e il professor Gerardo Martinelli.