Terremoto in Emilia, operai tra le vittime. Crollano chiese e castelli

20 Maggio 2012 Off Di Comunicato Stampa

Sarebbero almeno tremila gli sfollati in Emilia, nelle zone che, questa notte, sono state colpite da alc8ne scosse di terremoto la più violenta della quale , alle 4 del mattino di magnitudo 5.9 e che è stata avvertita fin nel basso Lazio. Si ripetono le scosse e continuano i crolli in particolare nella zona di Ferrara. Maggiormente colpiti sono gli edifici storici, in particolare chiese e castelli. Le vittime, sei in tutto, si sono avute all’interno di siti produttivi dove gli operai erano al lavoro. Quattro sono rimasti uccisi dal crollo dei capannoni in cui stavano lavorando a Sant’Agostino: due alla Sant’Agostino Ceramiche, un’altro in una azienda di polistirolo a Ponte Rodoni di Bondeno e un altro ancora alla fonderia Tecopress di Dosso. Tutti i corpi sono stati recuperati. Tra loro anche quella di un operaio che era al lavoro per sostituire un collega ammalato.
Er. Am.

Condividi