Categoria: Comuni Provincia di Latina

16 Dicembre 2010 0

Schianto sulla Monti Lepini, muore una 34enne

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Ha perso la vita questa mattina poco prima delle nove in un terribile scontro sulla Monti Lepini in territorio di Priverno. V.C., 34 anni di Frosinone viaggiava a bordo di una Fiat Punto quando ha impattato prima con il guard rail, poi si è scontrata con una Chrysler che viaggiava in senso di marcia opposto. La giovane mamma è morta sul colpo. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Priverno e il 118. I vigili del fuoco hanno estratto il 30enne di Cisterna di Latina che era nella Chrysler e che è stato elitrasportato all’ospedale Santa Maria Goretti a Latina. Il tratto stradale è rimasto bloccato per circa tre ore.

15 Dicembre 2010 0

Affonda yacht a Gaeta, muore una donna, si cercano 2 dispersi

Di Ermanno Amedei

Una yacht sportivo di 15 metri è affondato al largo di Gaeta questa mattina, a circa 6 miglia dalla costa. Dall’imbarcazione è stato lanciato l’sos alla Guardia Costiera. A bordo c’erano due uomini e una donna ed erano diretti a Viareggio. Subito si sono attivati i soccorsi e le ricerche. Purtroppo dal mare è stato recuperato il corpo della donna. Si cercano i due uomini che risultano dispersi.

3 Dicembre 2010 0

Farmaceutica, nautica e agricoltura; la provincia Pontina fa la voce grossa in bando regionale da 4,5 milioni

Di Comunicato Stampa

In coerenza con la programmazione comunitaria e nazionale, che individuano come elementi centrali dello sviluppo locale l’innovazione dei distretti produttivi, e in sinergia con la nuova normativa relativa ai “contratti di rete” la Regione Lazio ha deciso di mettere in campo nuove misure a sostegno dei sistemi produttivi laziali. Con il cofinanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico, l’assessorato alle attività produttive interviene con un programma di interventi volti a favorire lo sviluppo dell’internazionalizzazione dei distretti, il miglioramento di modelli informativi ed organizzativi distrettuali e l’applicazione di nuovi programmi relativi all’I.C.T. , capaci di far emergere progetti innovativi che possano trasferire le best practices europee in tema di “reti d’imprese” e modalità di cooperazione aziendale. In un quadro di interventi così importanti messi in campo dalla Regione Lazio, la provincia di Latina avrà un ruolo importante grazie alla presenza preponderante dei sistemi produttivi pontini all’interno del nuovo bando che la Regione si appresta ad emanare. Importanti saranno le risorse riguardanti il chimico-farmaceutico, la nautica e l’agro-industria. Non era mai successo prima d’ora che, in un programma di incentivi di oltre 4,5 milioni di euro, oltre la metà vengano destinati solo per la provincia di Latina.

In particolare arriveranno a Latina 1,2 ml di euro per il settore agro-industriale, mezzo milioni di euro per la nautica e quasi 2 milioni di euro per il comparto chimico-farmaceutico, che comprende anche alcuni comuni della provincia di Roma e Frosinone , ma che vede nei comuni di Latina, Cisterna, Sermoneta e Aprilia il secondo Polo produttivo d’Italia. Una risposta importante ed un segnale di forte attenzione al territorio pontino da parte di questa Giunta regionale e dell’Ass.re alle attività produttive Pietro Di Paolo, ottenuto grazie allo stimolo ed alla programmazione del consigliere regionale pontino Stefano Galetto. Infatti in questi mesi, Galetto ha raccolto le esigenze delle imprese e le prime progettualità espresse dal territorio e le ha sostenute con forza, fino ad ottenere dalla programmazione regionale un impegno preciso in termini di risorse nazionali e regionali a favore del territorio e delle aziende pontine: “Queste risorse dovranno servire per sostenere e rilanciare le politiche produttive della provincia di Latina, ma devono rappresentare soprattutto uno stimolo per le imprese e gli enti preposti allo sviluppo locale nell’affrontare le nuove sfide attraverso progetti di sistema “concertati”, che possano fare al territorio un salto di qualità – dichiara in una nota Galetto – gli incentivi non saranno rivolti a singole iniziative, ma a progetti presentati da imprese in”rete” capaci di promuovere piani di valenza territoriale con una ricaduta immediata sul territorio”. Il consigliere ci tiene però a precisare: ”Non saranno ovviamente la soluzione definitiva per l’economia pontina, ma possono essere un primo aiuto alle aziende – e precisa – a breve approveremo il bilancio 2011/2012 e sicuramente il primo atto di bilancio della Giunta Polverini prevederà ulteriori investimenti per la nostra provincia”.

1 Dicembre 2010 0

Santa Barbara, patrona della Marina Militare, celebrata nel tempio di San Francesco

Di Comunicato Stampa

Il 4 dicembre verrà festeggiata santa barbara patrona della marina militare: nacque nel III secolo d.c. in Asia minore, in quella che è l’attuale Izmit, porto della turchia, a quei tempi nicomedia, per poi trasferirsi a Scandriglia, in provincia di Rieti. La leggenda vuole che suo padre Dioscuro, di religione pagana, l’avesse rinchiusa in una torre per proteggerla dai suoi pretendenti. Inoltre, per evitare che utilizzasse le terme pubbliche, egli gliene fece costruire di private. Barbara, vedendo che nel progetto vi erano solamente due finestre, ordinò ai costruttori di aggiungerne una terza, con l’intenzione di richiamare il concetto di trinità. Quando il padre vide la modifica alla costruzione intuì che la figlia poteva esser diventata cristiana e decise allora di denunciare sua figlia al magistrato romano che, in quei tempi di persecuzione, la condannò alla decapitazione. Era il 4 dicembre dell’anno 306. Secondo la leggenda, Dioscuro procedette all’esecuzione dopo averla torturata col fuoco, ma subito dopo venne ucciso da un fulmine, interpretato come punizione divina per il suo gesto. È invocata contro la morte improvvisa per fuoco, perciò gli esplosivi ed i luoghi dove vengono conservati vengono spesso chiamati “santabarbara” in suo onore. Il 3 dicembre alle ore 11.00 nel tempio di S. Francesco in Gaeta s. E. Rev.ma mons. Fabio Bernardo D’Onorio, arcivescovo della diocesi di Gaeta officerà la S. Messa per la festività di Santa Barbara. Al termine si provvederà alla consegna delle medaglie d’onore di lunga navigazione e benemerenza al personale militare. La celebrazione promossa dal comandante della capitaneria di porto di Gaeta Francesco Tomas, dal direttore dell’impianto logistico della marina militare comandante Rocco Mesiano e dal presidente dell’A.N.M.I. Di Nitto è aperta a tutti coloro che avranno il piacere di intervenire.

24 Novembre 2010 0

Controlli alla filiera della pesca, denunciati e sanzionati commercianti e ristoratori

Di Comunicato Stampa

Nelle ultime ore si è conclusa un’altra serie di controlli nell’ambito della intera filiera della pesca da parte del personale della Capitaneria di Porto di Gaeta. Questa volta gli uomini agli ordini del comandante Francesco Tomas hanno provveduto a sanzionare due esercizi commerciali nella vicina Itri per violazione in materia di tracciabilità del prodotto. A Gaeta, invece, l’attenzione si è focalizzata sui ristoranti comportando la denuncia per frode in commercio a carico di due ristoranti del lungomare gaetano: il primo per frode in commercio per il tentativo di commercializzare come fresco pesce congelato, il secondo ristorante per detenere pesce (naselli e triglie) sottomisura che peraltro mancavano della dovuta documentazione sulla tracciabilità del prodotto ed erano, secondo la competente Asl intervenuta, in cattivo stato di conservazione. Al termine dell’attività pertanto le sanzioni elevate risultavano essere di circa 5mila euro oltre alla denuncia alla competente autorità giudiziaria. L’attività svolta dalla Capitaneria di Porto è finalizzata non solo per la tutela del consumatore ma anche per il più ampio concetto di tutela ambientale dato che il pescato sottomisura costituisce un danno per la risorsa mare. [nggallery id=195]

20 Novembre 2010 0

Operazione “Sirtaky”, non più carrette del mare ma imbarcazioni di lusso, arrestata la banda degli yacth

Di Ermanno Amedei

E’ stata definita l’operazione Sirtaky, considerato che un membro della banda era solito canticchiare questa musica tipicamente greca. A seguito di delega concessa dall’A.G. di Latina, onde identificare i responsabili del furto di una grossa imbarcazione da diporto Marca AICON denominata “ERA ORA PF 1380/D” di un valore di circa 2.000.000 euro (duemilioni/00), il cui utilizzatore è un noto Avvocato della Provincia di Latina, sono state svolte intense attività di P.G., le quali hanno fatto conseguire agli inquirenti inaspettati risultati e scoprendo elementi significativi, tali da associare alcuni soggetti ad una organizzazione malavitosa, tesa ad ideare ed organizzare il furto di unità, finalizzato ad ottenere benefici economici, dal riciclaggio in territorio estero dell’unità in parola o in attività illecite criminose, in particolar modo nel traffico di migranti. Suddette indagini condotte congiuntamente dai comandi in intestazione anche con l’ausilio di mezzi tecnici, avevano inizio nel mese di ottobre del 2008 a seguito di denuncia di furto presentata all’Ufficio Locale Marittimo di Formia, in quanto ha destato forti sospetti negli inquirenti per le modalità in cui è avvenuto il prefato furto. Lo spunto investigativo che ha portato a fare annotare nel registro degli indagati, è rappresentato dal furto della Yacth modello AICON fly di circa 21 mt. di lunghezza, il quale nel giorno antecedente al furto si era ormeggiato per una anomalia tecnica nel porto di Formia, incustodito, quando nottetempo venne rubato. Dal momento in cui il professionista formalizzò la denuncia di furto e precisamente dopo circa 4 giorni dal furto sono partite le indagini da parte degli inquirenti e cioè Guardia di Finanza di Mare di Formia e Guardia Costiera di Formia, che dopo oltre due anni di accurate e serrate indagini sono riusciti, tramite un pool congiunto di personale di ottime capacità investigative, a risalire a quelli che secondo gli elementi di prova raccolti sarebbero gli autori di questo furto come di altri. Secondo fonti investigative le persone sottoposte ad indagini apparterrebbero ad una banda organizzata specializzata nel furto di grossi Yacth, è stato chiesto altresì tramite il PM Dott.ssa Tortora titolare del provvedimento notizie interpool dove si trova l’imbarcazione rubata, fornendo precisi elementi tecnici. Gli accertamenti hanno fatto emergere che le persone provenienti dalla provincia di Latina, Frosinone e Caserta sono già note alle forze dell’ordine per numerosi reati a carico. Gli inquirenti dopo aver presentato alla Procura competente di Latina un voluminoso dossier a carico dei prefati soggetti, venivano emessi dal GIP Dott. IANSITI su proposta del PM Dott.ssa TORTORA provvedimenti di arresto a carico di due noti soggetti operatori nautici operanti nella provincia di Latina e Frosinone. Le suddette persone sono state arrestate e messe a disposizione dell’Autorità Giudiziaria inquirente perché nulla esclude che tali furti possano essere finalizzati al trasporto di migranti da paesi che si affacciano nel Mediterraneo per raggiungere le coste italiane anche in virtù a recenti sequestri di grossi Yacth, di cui un’imbarcazione Modello “Piantoni 62” di circa 20 mt. di Lunghezza costruito da uno dei Cantiere inquisiti che è stato impiegato in questi giorni per il trasporto di circa 120 migranti dall’area Balcanica alle coste Calabresi. La Sezione Operativa Navale di Formia e la Guardia Costiera di Formia non escludono che tra l’organizzazione criminale, sottoposta a provvedimenti cautelari restrittivi, possa avere convivenze con il traffico di migranti atteso che i furti perpetrati di queste grosse imbarcazioni di lusso portano gli inquirenti ad orientare le attenzioni sull’illecito traffico proveniente dall’area Balcanica e sulla possibile ramificazione dell’organizzazione che potrebbe essere radicata nelle aree del Sud Pontino, del Frusinate e del Casertano. Gli inquirenti hanno già presentato una dettagliata informativa alla Procura con nominativi di persone, che potrebbero essere oggetto di attenzione della A.G. inquirente e facenti parte della suddetta organizzazione criminale, anche per ricettazione e riciclaggio finalizzato al traffico internazionale di unità da diporto. I Comandi della Guardia di Finanza di mare Formia e della Guardia Costiera di Formia hanno già da tempo, nell’ambito di quelle che sono le proprie attività istituzionali, intrapreso numerosi servizi congiunti tendenti a salvaguardare gli interessi della collettività e soprattutto prevenire possibili illeciti di grossa natura criminosa. Non si escludono ulteriori sviluppi nei prossimi giorni. All’uopo si allegano n. 4 (quattro) foto: · di cui la n.1 trattasi del Motoyacth rubato modello Aicon 64; · la n. 2 trattasi del Motoyacth modello Piantoni Fly 62 costruito presso un noto cantiere della Provincia di Frosinone di cui il FIORLETTA è dipendente; · la n. 3 relativa al PETRUCCI Achille nato a San Felice Circeo (LT) di anni 59, di professione imprenditore nautico; · la n. 4 relativa al FIORLETTA Pietro, nato a Ferentino (FR) di anni 55 con passaporto Greco nel cui territorio gestisce, anche, attività imprenditoriale nel settore nautico.

6 Novembre 2010 0

Camorra, figlia latitante del capo clan Casamonica arrestata a Sorrisi sul Mare

Di Ermanno Amedei

La cercavano da agosto. L’hanno trovata in una stanza della casa di cura Sorrisi sul Mare a Formia. Laura Casamonica è la figlia di Sabatino, l’uomo ritenuto l’esponente di spicco dell’omonimo clan romano. La donna è accusata di avere preteso il pizzo da un commerciante romano. Per questo le era stato imposto l’obbligo di firma, poi sostituito con gli arresti domiciliari dalla Corte d’Appello di Roma. A suo carico c’era anche una condanna a due anni e 3 mesi per una truffa commessa a Roma tra il 2002 ed il 2003. Laura Casamonica era ricoverata a Sorrisi sul Mare dallo scorso mese di ottobre per delle cure mediche. I carabinieri l’hanno rintracciata al termine di uno specifico servizio con cui rintracciare i latitanti. La donna ora è nel carcere di Rebibbia.

25 Ottobre 2010 0

Rifiuti / Sette arresti per la gestione dei rifiuti a Minturno

Di Comunicato Stampa

Questa mattina i Baschi Verdi del Gruppo della Guardia di Finanza di Formia hanno dato esecuzione a sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti soggetti coinvolti nell’inchiesta sull’appalto per la raccolta dei rifiuti solidi urbani del comune di Minturno. L’attività era iniziata nell’agosto del 2008 con l’individuazione ed il sequestro di due aree, ubicate nel comune di Minturno, illecitamente adibite a stoccaggio e smaltimento di rifiuti industriali, pari a mq. 30.000, nonché di un quantitativo di scarti pari a circa kg 84.000. Le ordinanze di custodia cautelare, richieste dal Pubblico Ministero della Procura di Latina che dirige le indagini, il dott. Giuseppe Miliano, sono state disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Latina, dott. Costantino de Robbio e fanno seguito a quelle già applicate nel dicembre dello scorso anno nei confronti di un imprenditore di Cassino e di un pubblico funzionario del Comune di Minturno. Ai soggetti coinvolti (due imprenditori di Cassino, due di Minturno e tre pubblici funzionari del Comune) vengono contestati i reati di concorso in frode nell’esecuzione di pubblici appalti e pubbliche forniture nonché di truffa ai danni di Enti Pubblici . Il Giudice per le Indagini Preliminari ha inoltre disposto il sequestro per equivalente di 3 società aventi sede in Roma ed operanti su tutto il territorio nazionale, nonché di beni mobili, immobili e conti correnti per un valore di circa 15 milioni di euro. Gli accertamenti hanno permesso di acclarare che le società coinvolte eseguivano le prestazioni in difformità da quanto sottoscritto nell’appalto. Più in particolare, sono stati riscontrati la mancata corresponsione dei contributi previdenziali ai dipendenti, la mancata o difforme esecuzione del servizio, la mancata esecuzione della raccolta differenziata, l’impiego di mezzi ed attrezzature obsoleti e non funzionanti, il trasferimento di mezzi e mano d’opera da un appalto all’altro, l’esercizio del servizio con automezzi privi della prevista copertura assicurativa, il tutto pur ricevendo, con la compiacenza di funzionari e pubblici amministratori, regolari liquidazioni e spettanze.

7 Ottobre 2010 0

Campagna Amica a Latina, successo di Coldiretti

Di Comunicato Stampa

Un mercoledì all’insegna delle bandiere gialle e degli stand della Coldiretti che sono tornati a Latina, proprio nei pressi della sede dell’associazione guidata dal direttore Saverio Viola, con il Mercato di Campagna Amica. Negli attrezzati ed accoglienti locali della Coldiretti pontina, in via Don Minzioni, infatti, dopo la pausa estiva, sono tornati gli stand con il meglio delle produzioni locali ed hanno riscosso subito successo. “Siamo soddisfatti – ha detto il direttore della Coldiretti Viola – e ringrazio tutti i cittadini che hanno manifestato la propria vicinanza alla nostra iniziativa con la quale intendiamo continuare un percorso che possa offrire, tutti i mercoledì (dalle ore 8.30 alle ore 14.00), un appuntamento fisso durante il quale accorciare la filiera delle produzioni di qualità del nostro territorio a vantaggio dei cittadini-consumatori. Il mercato di Campagna Amica – ha aggiunto Viola – rappresenta un momento importante per valorizzare le produzioni locali ed offrirle a prezzi davvero interessanti tutti i prodotti”. L’ennesima iniziativa della Coldirteti di Latina si basa sui principi di sicurezza, qualità, tracciabilità, genuinità, territorialità, stagionalità e, soprattutto convenienza. Promuovere i sapori dell’intera provincia è uno egli obiettivi di Coldiretti che a Latina, così come nel resto del Lazio e in tutta Italia, sta lavorando da tempo ad un progetto per un’agricoltura tutta italiana. “Certamente non siamo all’anno zero – ha aggiunto Viola – e questo è già un risultato importante che rappresenta un punto di partenza e non certo di arrivo al fine di indirizzare politiche sempre meglio e sempre più nella direzione di ascoltare le esigenze dei consumatori che oggi più di prima vanno d’accordo con gli sforzi dei produttori”. LE IMPRESE PRESENTI: Drassiflor, piante grasse e cactace; azienda agricola Celletti Angelo, formaggi di pecora, az. Agricola Maina, sottolii e dolci tipici, az. agricola Boccia Angelo,Fiori recisi e piante in vaso,az. agricola Flaminio D’Urso, olio DOP Colline Pontine, olive in Salamoia, patè di olive, az. agricola Nardoni Gabriella, Ortaggi di Stagione,Vivaio Candelora/D’Arpino, piante ornamentali ed in vaso, az. agricola Fabio Di Silvio, ortaggi di stagione (biologici),apicoltura De Angelis, miele e prodotti dell’alveare, az.agricola Pelliccia Teresa,olio, olive in salamoia e patè di olive, Coop. Ortoflorofrutticola Pontina, ortaggi e frutta, az.agricola Masullo Amedeo,ortaggi di stagione, az. zootecnica “Alan Farm”, mozzarella di bufala e formaggi, az. agricola Feragnoli,verdure ed ortaggi IV gamma,az.agricola Marafini Francesco,vini Coop. Santina delle Fate, Olio, olive in salamoia e patè di olive;az.agricola Saturnia Uova, uova, azienda agricola Pacionio Rosa, ortaggi di stagione (biologici).

27 Settembre 2010 0

Situazione alla Dogana di Pomezia, Uilpa: “Evoluzione positiva”

Di Comunicato Stampa

Dal Segretario Regionale UILPA DOGANE LAZIO Virgilio Tisba riceviamo e pubblichiamo. “La regolare conclusione dell’accordo sulla mobilità regionale ha portato all’aumento totale della consistenza organica del personale in servizio presso la dogana di Pomezia di numero 2 unità. Le nuove unità lavorative, pur se ancora insufficienti, potranno fornire un notevole contributo per sopperire all’aumento delle attività che sono previste anche in considerazione dell’apertura presso l’aeroporto militare di Pratica di Mare di un Ufficio doganale Sembra , inoltre, che anche la situazione scanner stia giungendo a conclusione, infatti, siamo venuti a conoscenza che le Ferrovie dello Stato, proprietarie del Terminal presso cui si trovano i locali della Dogana di Pomezia , hanno espresso in data 23 settembre u.s. parere favorevole all’istallazione di detta apparecchiatura. Tale apparecchiatura consentirà , ai funzionari addetti alla visita dei containers, di ispezionare il contenuto degli stessi in maniera più rapida e certamente più approfondita permettendo quindi una maggiore garanzia sulla qualità, sulla sicurezza dei prodotti e sulla tutela del consumatore ; è appena il caso di segnalare che circa il 50% del personale in servizio ha effettuato o sta effettuando corsi per apprendere l’utilizzo di detta apparecchiatura , acquisendo quindi una competenza che potrà sicuramente essere messa a disposizione , oltre che per le esigenze dei controlli doganali, anche per eventuali necessità che dovessero presentarsi a richiesta delle autorità competenti per la tutela della collettività nonché per collaborare con le forze armate. L’Area Verifiche e Controlli Regionale unitamente alla Direzione Centrale Accertamento e Controlli dell’Agenzia delle Dogane, si stanno impegnando affinchè questa installazione avvenga in tempi brevi. Sembra che le problematiche da tempo presentate dalla UIL PA Dogane Lazio, stiano nel tempo trovando una soluzione migliorando la situazione del personale e presentando alla collettività un’immagine dell’Agenzia delle Dogane sempre più moderna , efficiente ed al servizio della collettività”.