Categoria: Lazio

10 Maggio 2010 0

Cerimonia di nomination al premio letterario “Letterature dal fronte”

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

L’Associazione culturale “Letterature dal fronte” che organizza il Premio Letterario “Città di Cassino”, comunica che, come da programma, per il giorno 12 maggio, alle ore 10,30, la presso la biblioteca comunale “P. Malatesta” si terrà la cerimonia della nomination del vincitore dell’edizione 2010 dedicata alla letteratura tedesca. Saranno valutate le schede elaborate dagli studenti e dalle giurie popolari delle diverse sedi del premio in Italia per i libri in concorso per l’edizione 2010 : Ingo Schulze – Vite nuove Jacob Hein – Magari è anche bello Julia Frank – Il muro intorno Uve Timm – Come mio fratello Interverranno: Bruno Vincenzo Scittarelli – Sindaco di Cassino – Presidente del Premio Beniamino Papa – Assessore alla Cultura del Comune di Cassino Fedrico Sposato – Presidente dell’Associazione cult. “Letterature dal fronte”- Clara Abatecola- Segretario Generale Sono invitati tutti gli studenti delle scuole superiori di Cassino che fanno parte della giuria popolare. Nel corso della cerimonia sarà presentato il Progetto del 2011 dedicato al 150 anniversario dell’Unità d’Italia.

10 Maggio 2010 0

Nessun dietro front sull’accorpamento dei plessi scolastici

Di Comunicato Stampa

“Niente di più infondato e lontano dal provvedimento che intendiamo adottare domani in Consiglio Comunale”. Così il Sindaco di Paliano, Maurizio Sturvi, commenta le notizie circolate ieri mattina tramite un volantino a firma del Pd Paliano che torna sull’accorpamento dei plessi scolastici ipotizzando il ‘dietro front’ dell’Amministrazione Comunale sulla chiusura delle strutture periferiche. “La natura del punto all’ordine del giorno del Consiglio di domani, martedì 11 maggio, riguarda la richiesta di deroga dall’applicazione delle disposizioni ministeriali concernenti l‘adeguamento e la conseguente riduzione degli organici contenute nella circolare del Ministero dell’Istruzione del 13 aprile scorso. Lo scopo della nostra iniziativa, dunque, è proprio il mantenimento degli attuali livelli occupazionali del personale docente altrimenti a rischio di razionalizzazione. Dunque, non siamo ‘tornati sui nostri passi’ sull’accorpamento dei plessi scolastici, che è tutt’altra cosa rispetto alla richiesta che domani verrà sottoposta all’attenzione dei consiglieri. Ci siamo attivati, invece, per rivolgere istanza al Ministero competente – sottolinea il Sindaco – al fine di salvaguardare posti di lavoro nella consapevolezza che agire in tale direzione è quanto mai doveroso ed urgente in questa fase congiunturale. Faccio notare, infine, che La Legge n. 59 del 15 marzo 1997 sul dimensionamento scolastico è stata varata dal governo Prodi e dall’allora Ministro per l’Istruzione Berlinguer. A dimostrazione del fatto che il problema della riforma scolastica è una tematica che ha trasversalmente occupato e preoccupato gli ultimi governi sia di centro sinistra sia di centro destra”.

10 Maggio 2010 0

Latte svenduto, la rivolta della filiera, Lisi della Coldiretti lancia la sfida: “ ..Acquistiamo la centrale del latte..”

Di Natalia Costa

Il latte oggi viene pagato meno di venti anni fa, in pratica viene svenduto. La tariffa è stilata sulla base di contratti ormai vecchi. “Tutto quanto non è possibile e non è più tollerabile”, afferma Gianni Lisi della Coldiretti di Frosinone che invita i proprio iscritti a diventare protagonisti della filiera attraverso una mobilitazione di massa. Il prossimo 18 maggio a Roma è in programma una manifestazione nel piazzale antistante la Centrale del Latte e da qui sarà lanciata una provocazione. Gli imprenditori sostenuti dalla coldiretti proporranno l’acquisto della centrale. Questo un modo per ridistribuire equamente il prezzo del latte e valorizzare la filiera. La Ciociaria ha voce in capitolo dal momento che, dati alla mano, in 1.000 producono il latte arrivando ad una quantità di oltre 402 mila quintali senza considerare l’indotto. Nel Lazio i soci Coldiretti sono oltre 32.000, in Ciociaria più di 10.000. Una fetta consistente di produttori che lavora anche nei giorni festivi e va a guadagnare 0,35 centesimi per ogni singolo litro venduto ad 1.60 circa. Quella di acquistare la centrale del latte è una sfida cui la col diretti chiede di partecipare alle istituzioni della provincia di Frosinone. Nella compagine della Centrale del Latte ad oggi, per esempio, esiste già il comune di Roma (oltre il 6% di quota) ma pure la Regione Lazio e la Provincia di Roma posseggono delle quote minoritarie. “Acquistando quote della Centrale significherebbe continuare il processo di trasparenza, sicurezza alimentare e rintracciabilità e anche per dare dignità agli sforzi dei produttori ciociari e laziali. L’obiettivo è prestigioso e difficile ma non impossibile. Commenta Gianni Lisi.

Tamara Graziani

10 Maggio 2010 0

Non “gradisce” il controllo e si scaglia contro il maresciallo

Di Comunicato Stampa

Ha aggredito e ferito un maresciallo dei carabinieri durante un posto di controllo. Il fatto è accaduto a Ceprano e autore dell’aggressione è stato R. M. un 37enne immediatamente immobilizzato ed arrestato per i reati di “resistenza a pubblico ufficiale” e “lesioni”. a Frosinone, invece, nell’ambito di servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto del fenomeno delle “stragi del sabato sera”, i militari della locale Compagnia hanno denunciato L.A. 37enne rumena, per inosservanza della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio che le vietava il ritorno in Frosinone; E.A. R. 25enne marocchino, P.C. 46enne verolano e F.D. 44enne anagnino per guida in stato di ebbrezza alcolica, con il conseguente ritiro delle relative patenti di guida. Nel corso dello stesso servizio, i militari hanno segnalato per detenzione di stupefacente, P.G. 33enne di Alatri, in quanto trovato in possesso di grammi 0,60 di cocaina.

9 Maggio 2010 0

La Compagnia teatrale “Palco Oscenico” al concorso nazionale indetto dal teatro Augusteo di Napoli

Di Comunicato Stampa

“Un’esperienza fantastica, indimenticabile. Recitare in un teatro storico, bello e suggestivo come il Politeama ripaga dei sacrifici e degli sforzi fatti in queste settimane. Siamo riusciti ad essere noi stessi, con il nostro modo spensierato di fare teatro, forse è anche per questo che siamo riusciti a divertire il pubblico, perché i primi a divertirci, per quello che facciamo, siamo noi. Attendiamo con serenità il verdetto della giuria e la cerimonia di Lunedì, consapevoli di aver fatto al meglio il nostro dovere. E’ proprio il caso di dirlo: comunque vada, sarà un successo”. Con queste parole il capo compagnia Gianpio Sarracco ha commentato l’esibizione al teatro Politeama della compagnia “PALCO OSCENICO” di Fontana Liri, avvenuta Martedì 4 Maggio, nell’ambito del concorso nazionale indetto dal teatro Augusteo di Napoli. Al seguito degli attori fontanesi, ben tre pullman di spettatori, tutti entusiasti dello spettacolo, brillante e divertente. “Ringraziamo tutte le persone che ci hanno seguito con affetto – ha aggiunto Sarracco – a cui crediamo di aver regalato una serata diversa, allegra e spensierata. Tre pullman pieni, in un giorno lavorativo ed infrasettimanale è un risultato davvero importante”. COMPAGNIA Gianpio Sarracco (capocomico), Chiara Bianchi, Paola Rapone, Silvia Bianchi, Gianfranco Rauso, Manuela di Rienzo, Angelo Sarra, Giulio Sacchetti, Benedetta Gravagnone, Gianmatteo Lucchetti, Daniele Rauso, Stefano Lancia, Alessio Bove, Gianluca Casciano, Giuliano Sarracco, Fabiana Patriarca, Gianmatteo Lucchetti, Carlo Faiello, Vittorio Casciano, Bruno Paura. Scenografia: Giammatteo Lucchetti, Costumista e truccatrice: Evelyn Lucchetti, Aiuto costumi e trucco: Sara Cenfra; Tecnico audio: Marco Lucchetti; Tecnico Luci: Vittorio Casciano; Assistente Tecnico: Emanuele Bove; Siparista: Carlo Faiello. Si ringrazia il Centro Commerciale Naturale “Castrum Scipionis” per il decisivo contributo, il Comune di Fontana Liri per il sostegno ed il Comune di Roccadarce per aver gentilmente concesso il teatro comunale per le prove. Un saluto ai tre componenti della compagnia che, per impegni lavoratori, non sono riusciti ad essere presenti: Gianrico Sarracco, Simona Proia e la nostra punta di diamante, Alessandro Conte.

8 Maggio 2010 0

XI edizione del Premio Leonida Pinchera, “Una vita per la scuola”, premiati i vincitori

Di felice pensabene

Si è svolta questa mattina presso l’Auditorium della scuola media “Diamare-Conte” la premiazione della 9a edizione del Premio ‘Leonida Pinchera’, “Una vita per la scuola”. Molte le autorità presenti e i genitori dei ragazzi che insieme al dirigente prof. Fernando Fiorillo, hanno partecipato a questo importante appuntamento. Suggestiva e particolarmente emozionante la cerimonia di premiazione dei tre allievi: Annalisa Savelli, prima classificata con un testo su Madre Teresa di Calcutta con particolare attenzione alle attività del   volontariato, Michele Clemente al secondo posto, con una recensione sul libro “L’amico ritrovato” di Fred Uhlman, ha sviluppato considerazioni inerenti l’antisemitismo, le persecuzioni razziali, l’Olocausto del popolo ebraico, riflettendo sul tema, oggi particolarmente attuale, dell’integrazione sociale dei tanti immigrati, infine terza classificata Noemi Carollo. (tutti nella foto)   Al secondo classificato, Michele Clemente sono andati i maggiori attestati di stima e di approvazione e a lui abbiamo chiesto una valutazione sul premio e sulla scelta dell’argomento trattato. “Quando un anno fa ho partecipato a questo concorso in memoria del professor Leonida Pinchera, ero un po’ nervoso, ci tenevo a fare un buon lavoro anche perché gli esami erano vicini e svolgere un bel tema mi avrebbe dato maggiore sicurezza. Lette le tracce, decisi di tuffarmi in quella che più mi appassionava: parlare de “L’amico ritrovato” di Fred Uhlman. Adoro quel libro perché, seppur breve, affronta alla perfezione un tema difficile e vergognoso: la persecuzione degli Ebrei, la Shoah. Mentre scrivevo, spiega Michele, ero mesto, quei ricordi bruciavano come l’alcool su una ferita ancora aperta. Ricevere la notizia di essere fra i primi classificati, mi ha fatto molto piacere e mi ha riempito di soddisfazione, scrivere sta diventando una passione, conclude Michele Clemente. un modo fantastico per liberare la propria mente da affanni e preoccupazioni e, magari, ottenere dei buoni risultati”.   Che dire di più, dopo una dichiarazione così? Sicuramente nuovi scrittori si profilano all’orizzonte. Certo tutti i tre ragazzi premiati sono sulla buona strada, il giovane Michele Clemente sicuramente è già molto avanti!

F. Pensabene

8 Maggio 2010 0

Firmato il contratto nazionale del personale delle aree dirigenziali della pubblica Sanità

Di Comunicato Stampa

Nel pomeriggio del 6 maggio 2010 l’A.ra.N. e le Organizzazioni e Confederazioni rappresentative hanno firmato i Contratti Collettivi Nazionali di lavoro del personale delle aree dirigenziali del Servizio Sanitario Nazionale – II biennio economico 2008/2009 – e i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro per le sequenze contrattuali degli artt. 28 e 29 dei CCNL dell’area dirigenza medico – veterinaria e della dirigenza sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa sottoscritti il 17.10.2008. “Tali contratti scaduti lo scorso 31 dicembre – dichiara in una nota Giulio Rossi, responsabile del gruppo aziendale UIL FPL dell’Ospedale di Alatri (Fr) – riguardano circa 130.000 medici e veterinari del Servizio sanitario nazionale (Area IV) e 22.000 dirigenti dell’Area sanitaria, Tecnica, Professionale e Amministrativa. Le sequenze contrattuali hanno riguardato alcuni importanti aspetti di parte normativa, tra cui, in attuazione delle disposizioni della “Riforma Brunetta”, ’innovazione più significativa è rappresentata da una specifica regolamentazione della responsabilità disciplinare, per la quale viene introdotto un articolato sistema di sanzioni, anche di natura conservativa, nelle ipotesi di violazione, da parte dei dirigenti, degli obblighi di servizio e comportamentali. In tale ambito è stata anche introdotta la possibilità della reintegrazione del dirigente illegittimamente licenziato, finora non prevista. Ulteriori interventi di “manutenzione” sono stati effettuati su altri istituti, quali , ad esempio, gli incarichi dirigenziali, la mensa e le ferie. Sotto quest’ultimo aspetto, è stato fornito un importante chiarimento in materia di riposi per rischio radiologico, in coerenza con le più recenti pronunce della Corte di cassazione. Per quanto riguarda i CCNL del secondo biennio, l’aumento economico medio è di 179,32 euro mensili per l’area IV e 152,00 euro per l’Area III. Nell’ambito dell’incremento del 3,2% è anche prevista la rivalutazione delle indennità di esclusività, pari a 26 euro mensili. A ciò si aggiungono le risorse aggiuntive, pari allo 0,8%, che le Regioni – se in condizioni di virtuosità finanziaria – potranno destinare a progetti e programmi di miglioramento dei servizi all’utenza”.

8 Maggio 2010 0

8 maggio, giornata mondiale della Croce Rossa

Di redazionecassino3

In tutto il mondo ogni anno l’8 maggio si festeggia la Croce Rossa. La giornata è ricordata anche a Cassino, dove questa mattina i volontari della Cri di Cassino e dei paesi limitrofi hanno allestito alcuni stand per una serie di iniziative volte alla prevenzione ed informazione su malattie quali l’Aids ma anche alla sicurezza stradale. Inoltre i volontari, hanno distribuito preservati allo scopo di incentivare il sesso sicuro contro malattie veneree come l’aids. [nggallery id=112]

8 Maggio 2010 0

Insegnante, mestiere destinato a scomparire? Assunzioni congelate e 400 esuberi in provincia

Di Natalia Costa

Con 91 pensionamenti e 200 esuberi la scuola superiore in provincia di Frosinone ha le porte chiuse per i nuovi reclutamenti. I tagli della finanziaria parlano chiaro ed il prossimo anno scolastico sono decine gli insegnanti che resteranno senza lavoro. Puntare sull’insegnamento era l’ambizione delle generazioni precedenti quando il mondo della scuola riconosceva la professionalità e gli stipendi erano buoni. Ad oggi in provincia di Frosinone la situazione è drammatica. Nella scuola media gli esuberi sono 50 ed i pensionamenti 80, nella scuola primaria 170 gli esuberi e 65 i pensionamenti. Tutto questo significa che ad oggi entrare nel mondo della scuola è impossibile e non si sa quando la situazione migliorerà. Le assunzioni sono congelate sino a data da destinarsi. “Le ripercussioni di questa situazione in provincia sono gravi, le classi sono sempre più affollate, il personale docente diminuisce, la scuola che non riesce a sopperire con l’adeguato numero di insegnanti si vedrà costretto a tagliare le ore di studio in classe – Afferma Giuseppina Giugliano Uil Scuola Frosinone – La qualità dell’offerta formativa ne risente per non parlare poi del personale che si trova senza lavoro con una professionalità acquisita, ricollocarsi è difficile, sono tante le perplessità che i nostri iscritti ci palesano, è difficile trovare risposte.” Un esercito di insegnanti senza un futuro lavorativo, persone tra i 40 ed i 50 anni che non hanno tra le mani un’alternativa professionale. Lo stato li taglia fuori per riequilibrare il bilancio e quelli che lavoravano da precari nella scuola rischiano di restare perennemente senza cattedra.

Tamara Graziani

8 Maggio 2010 0

Ubriaco causa un incidente stradale con feriti, denunciato 38enne

Di Comunicato Stampa

Questa notte ad Alatri, i carabinieri del NORM della locale Compagnia, hannio denunciato in stato di libertà per “guida in stato di ebbrezza alcolica”, C.A. 38 anni del luogo. L’uomo, mentre era alla guida della propria autovettura, è rimasto coinvolto in un sinistro stradale con feriti, sottoposto ad accertamento presso il locale ospedale “San Benedetto” è risultato avere un grado alcolemico superiore a quello consentito dalla legge. La patente di guida è stata ritirata ed il mezzo sottoposto a sequestro.