Categoria: Lazio

1 Aprile 2010 0

Muore 69enne travolto dalla sua auto, sulla stessa strada dove aveva perso la vita un suo figlio

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Terribile incidente ieri a Roccasecca. Un sessantanovenne è morto investito dalla sua auto davanti ai suoi familiari. La sua auto si era bloccata su una delle arterie più pericolose del comune di Roccasecca. Il  pensionato aveva immediatamente avvisato i familiari del pericolo e con loro stava provvedendo a rimettere in moto la vettura, ma per una tragica fatalità ancora al vaglio degli inquirenti, la stessa è ripartita ma all’indietro. Uno sportello lo ha travolto ed è precipitato insieme all’auto in una scarpata, morendo sul colpo.  Sul medesimo tratto, quasi per un tragico destino, uno dei suoi figli era già stato ‘vittima’ di un terribile incidente.

31 Marzo 2010 0

Di notte a far pratica di guida e di sesso, denunciato 17enne

Di redazione

La primavera, o forse i bollori dovuti alla giovane età, ha fatto sì che un 17enne, la scorsa notte, si mettesse nei guai facendosi beccare dai carabinieri della compagnia di Cassino alla guida dell’auto dello zio senza patente e senza assicurazione. Il ragazzo residente a Piumarola, frazione di Villa Santa Lucia (Fr), era a spasso, in piena notte, sullo stradone della Fiat, luogo di ritrovo di lucciole. Aveva raggiunto la zona prendendo in prestito, pare senza permesso, l’Alfa 166 dello zio e, solo soletto, se ne andava a caccia di donne a pagamento. Quando i militari lo hanno fermato lo hanno trovato, ovviamente senza patente, ma anche senza polizza assicurativa. Per questo il minorenne è stato denunciato, l’auto sequestrata e lui, è stato affidato ai genitori. Er. Amedei

31 Marzo 2010 0

Palo della telefonia blocca la strada per l’abbazia, black out telefonico

Di redazione

Un palo della telefonia ha costretto agli straordinaria, ieri sera, i vigili del fuoco e i vigili urbani di Cassino. Il maltempo di alcuni giorni fa ha causato il cedimento di una grossa quercia i cui rami si sono appoggiati pesantemente sul cavo tanto da spezzare il palo in legno. Il tutto è accaduto sulla strada provinciale per Montecassino all’atezza dell’incrocio con via Pinchera. Oggi pomeriggio il palo ha ceduto ulteriormente fino ad occupare parte della rete stradale. Per questo sono intervenuti i vigili urbani coordinati dal tenente Acquaro, i pompieri e personale della Telecom. Per rimuovere il palo danneggiato è stato necessario interrompere la linea telefonica nella zona che verrà ripristinata quanto prima. Er. Amedei

31 Marzo 2010 0

Litiga con un meccanico e spara contro la porta dell’officina

Di redazione

Ha esploso colpi di fucile contro la porta di una officina meccanica. Il gesto compiuto a Trorrice (Fr) da A. D. 27 anni di Ripi (Fr) è dovuto probabilmente a dissidi di natura economica che il giovane aveva con il proprietario del capannone. I Carabinieri, dopo averlo rintracciato, lo hanno denunciato in stato di libertà per porto abusivo d’arma da fuoco e danneggiamento. L’indagini proseguono al fine di recuperare l’arma utilizzata per la consumazione del reato.

31 Marzo 2010 0

Coca “mascherata” da caramella, un giovane la tiene in bocca fino a quando gli agenti lo costringono a sputarla

Di redazione

Masticava, masticava, e continuava a masticare fino a quando gli agenti non gli hanno chiesto cosa avesse in bocca. Si tratta di un giovane di Cassino sottoposto ad un controllo stradale. Dopo una accurata perquisizione personale e della sua auto, gli uomini in divisa non sono riusciti a trovare nulla. La presenza di quella che sembrava o veniva trattata come una caramella però, ha insospettito gli agenti di polizia che hanno chiesto al giovane di sputarla. Inizialmente il cassinate ha tentato di convincere i poliziotti dell’inutilita del gesto, ma dopo l’insistenza, è stato costretto ad ubbedire sputando, così una “pallina” di carta alluminata contenete alcuni grammi di cocaina. Il giovane, quindi è stato segnalato alla prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. Er. Amedei

31 Marzo 2010 0

“Mio padre ucciso da un bruto per difendere alcuni ragazzini”, parla la figlia di Umberto Magni

Di redazione

“Finalmente avete dato un nome all’”anziano” di Ferentino, aggredito, massacrato e ucciso come ho letto nei diversi titolo degli articoli, estratti dai quotidiani locali”. Lo scrive Stefania Magni, figlia di Umberto Magni, a commento dell’articolo relativo alla triste fine del padre. Il 76enne è stato picchiato da un uomo di molto più giovane solo perché Umberto aveva difeso alcuni ragazzini dallo stesso aggressore. Una vicenda che la figlia ricostruisce in una toccante storia che noi abbiamo affidato alla rubrica “Mela Racconti la Tua Storia”.

31 Marzo 2010 0

Regionali 2010/Anna Maria Tedeschi, al Consiglio Regionale per i problemi del territorio e dei cittadini

Di redazionecassino1

Anna Maria Tedeschi, neo eletta al Consiglio Regionale del Lazio per l’Italia dei Valori. Un risultato importante e prestigioso per il successo del partito, ma anche personale. Una  forte affermazione in termini di preferenze, ma anche un’ottima affermazione politica di tutto il partito. Un risultato prestigioso avvalorato dalla sua prima candidatura e culminato con la sua prima elezione alla massima assise regionale. Una campagna elettorale, sobria, fatta attraverso il contatto diretto con i cittadini, evitando le ‘spese folli’ che hanno contraddistinto molti candidati di altri schieramenti, ma ascoltando i problemi della gente, dei numerosi cittadini che partecipavano ai suoi comizi. Proprio i comizi elettorali, come avveniva negli anni passati, forse sono stati il suo vero punto di forza, poi premiato dall’elettorato con le numerose preferenze ottenute.  “Al rammarico per la perdita della Presidenza della Regione Lazio, da parte del centro-sinistra – dichiara Anna Maria Tedeschi – si affianca la soddisfazione per il radicamento sul territorio dell’Italia dei Valori. Il risultato più che positivo per il nostro partito, unitamente ad una campagna elettorale che ha voluto comunicare alla gente soprattutto il programma politico per il territorio, ha consentito che io possa fare una seria opposizione in Regione. La carica di consigliere regionale è una grande opportunità: la democrazia è fatta da chi governa e da chi fa opposizione in modo serio e costruttivo, questo è il mio impegno verso i cittadini, un impegno che si fonda sui valori dell’onestà, della trasparenza, della solidarietà sociale. Per i prossimi cinque anni il lavoro alla Pisana e in Ciociaria sarà intenso e svolto con spirito di servizio. Ritengo fondamentale, ed è quello che ho sempre cercato di evidenziare e di portare all’attenzione dei cittadini che partecipavano ai mie incontri elettorali, che per me la politica è questo: servizio alla cittadinanza ed al territorio. E’ su questi principi e su questi obiettivi che orienterò tutto il mio lavoro per i prossimi cinque anni”.



30 Marzo 2010 0

Rubano una pelliccia da 10mila euro, arrestati dopo 5 mesi

Di redazione

Hanno rubato con destrezza una preziosissima pelliccia di cincillà ma, dopo 5 mesi, sono stati arrestati dai carabinieri di Cassino. Si tratta di una coppia di Secondigliano di Napoli che, a novembre dello scorso anno, fingendosi acquirenti, visitarono la pellicceria Jo Pelle di Cassino (Fr). In un momento di disattenzione del proprietario, la donna, probabilmente riuscì a nascondere la pelliccia sotto un grosso cappotto. a quel punto i due uscirono e si dileguarono mentre la proprietaria, si accorse del furto solamente quando ormai era troppo tardi. A gennaio i due sono tornati a Cassino ed una parente della proprietaria della pellicceria li ha notati uscire da un altro negozio del centro. Ha quindi chiamato i carabinieri e preso il numero di targa. Nell’immediato i militari al comando del capitano Adolfo Grimaldi e del capitano Francesco Maceroni non riuscirono ad assicurare alla giustizia i due ladri. Le indagini, però, partendo dalla targa della loro auto, ha permesso, di risalire ai loro nomi e, ieri pomeriggio, sono stati arrestati a Napoli. Si tratta di A.S. 36 anni e A.B. 43 anni. Er. Amedei

30 Marzo 2010 0

In viaggio con un panetto di hashish, due uomini in manette

Di redazione

Due uomini, uno residente ad Alvito, l’altro ad Atina, sono stati arrestati questa notte dai carabinieri di Atina perché trovati in posesso di un cospicuo quantitativo di hashish. I militari hanno effettuato un controllo sulla loro auto, una Renault, rinvenendo un panetto di hashish da 260 grammi. per i due è scattatyo l’arresto per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti. Er. Amedei

30 Marzo 2010 1

Regionali 2010 / Con 22.144 preferenze Mario Abbruzzese è consigliere regionale

Di redazione

Ventiduemila e centoquarantaquattro preferenze. Questo è l’importantissimo risultato che Mario Abbruzzese ha raccolto nel corso della sua lunga ed estenuante campagna elettore, “spalmata” su tutti e 91 Comuni della Provincia di Frosinone, senza lasciare nessuno indietro. L’ormai onorevole Abbruzzese è, a pieno titolo, uno dei cinque consiglieri regionali (eletti fra maggioranza ed opposizione) che il territorio è riuscito a mandare alla Regione Lazio, passata dalle mani del centrosinistra in quelle del centrodestra capeggiato da Renata Polverini. Un traguardo davvero straordinario se si pensa che Abbruzzese, solo nella sua città natale, Cassino, ha portato a casa, contro tutti, la bellezza di 4600 preferenze. “La campagna denigratoria e lo sciacallaggio politico che qualcuno ha tentato di fare nei miei confronti per screditare il mio lavoro – ha detto riferendosi alla questione amianto a Villa Santa Lucia – è servita davvero a poco. La gente ha capito chi, sul nostro territorio, stava portando avanti l’iter per dare il via allo stabilimento per lo smaltimento dell’amianto: non di certo Mario Abbruzzese presidente del Cosilam. Da domani, in Regione, comincerò a lavorare per fermare chi davvero voleva l’amianto a Villa. Mi batterò fino in fondo per fermare l’istallazione dello stabilimento sulla nostra terra”. Parole forti, concrete, come i tanti impegni che Abbruzzese ha preso con le migliaia di cittadini della Provincia di Frosinone, con cui si è confrontato in queste settimane di campagna elettorale. “Ha vinto la politica del “fare” – ha continuato il consigliere regionale – perché la gente ha compreso fino in fondo il mio progetto politico, basato sul rilancio dell’economia e sulla ripresa dello sviluppo economico della nostra Provincia. Sono stato l’unico candidato che ha parlato di cose fatte, di cose veramente concrete, mentre gli altri erano impegnati a fare la politica dell’odio, degli insulti e dello sciacallaggio, dimenticandosi della gente che, per chi fa attività politico-amministrativa, deve sempre e comunque essere il punto di riferimento, la cosa da cui partire. E’ proprio a loro, ai tantissimi cittadini, che va il mio più sentito ringraziamento. E’ proprio a loro che dedico la mia vittoria”. Mario Abbruzzese ha dimostrato ampiamente di avere le idee chiare sul da farsi. Il suo programma politico non ha lasciato nulla al caso. Sviluppo infrastrutture, lavoro e sanità, sono stati i punti cardine e gli impegni che ha preso con tutti i cittadini della Provincia di Frosinone. “Non andrò in Regione per fare la comparsa – ha annunciato Abbruzzese – ma per ricoprire un incarico di primo piano: bisogna puntare e lavorare per un assessorato. Sono convinto che Renata Polverini manterrà la sua promessa, visto anche il grandissimo consenso ottenuto da tutti i candidati del Popolo della Libertà nelle province del Lazio”. L’elezione di Mario Abbruzzese alla Pisana aprirà sicuramente una “nuova stagione” politica per il centrodestra e per il Pdl provinciale. Saranno tantissime le “riflessioni” che dovranno essere fatte. A partire proprio da Cassino, dove Mario Abbruzzese ha stretto attorno a lui dieci consiglieri e cinque assessori, la metà degli amministratori cittadini. “E’ un gruppo forte e merita rispetto – ha affermato riferendosi ai “quindici” -. Non si faranno più sconti a nessuno”, ha tuonato Abbruzzese rivolgendosi a chi, in campagna elettorale, si è schierato apertamente, per un motivo o per un altro, in favore di candidati del nord della Provincia. “Io continuerò a fare una politica rivolta agli interessi del territorio e al fianco dei cittadini, delle famiglie e dei giovani, vero volano per far ripartire il “motore” dell’economia locale. Questa è l’unica cosa che mi interessa. Questi sono i motivi che mi hanno sempre spinto ad andare avanti. Questo mi ha portato al successo”.