Tag: aveva

29 Giugno 2010 0

Banconote false, un 21enne ne aveva 6 da 100 euro

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Banconote false e “fotocopiate” sono state trovate in possesso ad un giovane Campano. Il 20enne Marco Pellegrino, originario di Santa Maria Capuavetere (Ce) evidentemente le stava piazzando tra i commercianti di Arce quando è stato fermato dai carabinieri che, al comando del capitano PierFrancesco Di Carlo, lo hanno trovato in possesso di 6 banconote da cento euro di ottima fattura ma tutte lo stesso numero seriale. Ulteriore attività di indagine da parte dei militari ha permesso di accertare che il 21enne, poco prima, aveva attuato la “spendita” delle banconote falsificate presso due distinti distributori di carburanti, nei comuni di Roccasecca e Cassino. Le banconote falsificate sono state sottoposte a sequestro, mentre l’arrestato, ad espletate formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Cassino. La foto pubblicata può servire ad altri commercianti a capire di essere stati truffati e rivolgersi ai carabinieri. Er. Amedei

24 Giugno 2010 0

Rapinatore in manette, aveva assaltato la Banca pop. di Lanciano e Sulmona

Di redazione

questa mattina, a Cerignola (Fg), i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Ortona (Ch) comandati dal capitano Gian Filippo Manconi, unitamente a quelli della Compagnia di Cerignola, in esecuzione dell’ordinanza per l’applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Chieti Dott. Marina VALENTE, hanno arrestato Antonio DI BITONTO, 21enne di Cerignola, poiché ritenuto responsabile, in concorso con altri tre malviventi ancora da identificare, della rapina perpetrata il 12 ottobre 2009 ai danni dell’Agenzia della Banca Popolare di Lanciano e Sulmona della Frazione Villa Caldari di Ortona. In quella circostanza quattro individui travisati, di cui uno armato di taglierino, si introducevano nella citata agenzia e minacciando il direttore ed i dipendenti si facevano consegnare la somma di circa 8.000 euro. I malviventi si erano dileguati a bordo di un’autovettura di grossa cilindrata che veniva successivamente rinvenuta nel corso dei servizi di controllo e cinturazione dell’area e risultava provento di furto perpetrato in Lanciano nella stessa mattinata. Veniva quindi avviata una tempestiva ed articolata attività investigativa, coordinata dalla Dott. Rosangela DI STEFANO Sostituto Procuratore di Chieti, svolta anche attraverso il minuzioso esame delle registrazioni dell’impianto video della Banca e la comparazione delle immagini con i cartellini segnaletici in archivio; tali laboriose operazioni determinavano una prima individuazione dell’odierno arrestato, mentre un approfondimento investigativo condotto in collaborazione con la Sezione Fonica e Audiovideo del Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Roma, consentiva di accertare che uno dei quattro rapinatori si identificava proprio nel DI BITONTO. Sono ancora in corso le indagini finalizzate alla individuazione degli altri tre rapinatori.

3 Maggio 2010 0

Muore a 16 anni per overdose/2, fratello in manette; aveva nascosto droga per far arrestare due spacciatori

Di redazione

Accecato dalla sete di vendetta per la morte del fratello Tommaso di appena 16 anni, ha creato una trappola per far arrestare i due che lui riteneva essere gli spacciatori che rifornivano di droga il fratello. Un piano che gli è riuscito almeno in parte ma questa mattina è stato arrestato con l’accusa di calunnia. Si tratta di Luciano Martini, 27 anni di Cervaro. Qualcuno gli aveva fatto credere che a causa la morte di “Tommy goal” così chiamavano il fratello morto per ovedose l’11 giugno fossero due spacciatori di Cervaro. Lui, quindi, forse mal consigliato, ha architettato un piano: avrebbe nascosto della droga su un balcone di proprietà dei due, da lui, indiziati. Una segnalazione alla polizia è servita per indirizzare le indagini nei loro confronti e, dieci giorni dopo la morte del fratello, i presunti colpevoli erano in manette. I carabinieri, però, hanno scoperto tutto, non solo hanno arrestato i veri colpevoli di quello spaccio mortale, ma, per calunnia, hanno arrestato anche lui. ermadei@libero.it

5 Marzo 2010 0

Arrestato 24enne, aveva 70 bussolotti di eroina

Di redazione

Viaggiava su una Fiat Punto con 70 bussolotti di eroina, e 300 euro in contanti quando, alla vista di un posto di controllo dei carabinieri, ha tentato di disfarsene. L’episodio è avvenuto a San Vittore del Lazio (Fr) all’uscita del casello autostradale. A finire in manette è stato, ieri sera, Benedetto Romano 24 anni di Cassino. Una manovra che non gli è riuscita grazie al pronto intervento dei militari della stazione di Cervaro agli ordini del capitano Adolfo Grimaldi, coordinati dal maresciallo Giuseppe De Biase. I carabinieri, infatti, lo hanno bloccato recuperando bussolotti, in tutto 70, contenenti complessivamente 62 grammi di eroina. Per questo i militari hanno tratto in arresto Benedetto Romano 24 anni di Cassino sequestrando, oltre la droga, anche la somma di 300 euro. Er. Amedei

27 Novembre 2009 0

Sorpreso con l’ecstasy, un 45enne aveva 84 pasticche

Di redazione

ICarabinieri della locale Sezione di Polizia giudiziaria di Frosinone, collaborati da quelli del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo, hanno tratto in arresto Vincenzo G., 45 anni di Arce, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, a seguito di perquisizione estesa anche al luogo di lavoro, è stato trovato in possesso di 84 pasticche di ecstasy, per un peso complessivo di 32,268 grammi, poste sotto sequestro. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Frosinone.

12 Novembre 2009 0

Pusher in manette, a casa aveva laboratorio confezionamento

Di redazione

I carabinieri della compagnia di Cassino (Fr), nel corso di un servizio antidroga, hanno arrestato nella flagranza del reato di Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, R. A., 24enne di Cassino. Il giovane è stato bloccato dai militari operanti nel centro città mentre era alla guida di un’auto e, sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di 25 grammi di hashish e di 1,5 un grammo di Marijuana. Da successiva perquisizione domiciliare, sono state rinvenute altre 8 dosi di Cocaina per complessivi 6,110 grammi, un grammo di Marijuana, 2 bilancini di precisione, varia attrezzatura per il taglio e confezione delle dosi, e la somma di 750 euro provento di spaccio, il tutto sottoposto a sequestro. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Cassino a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

18 Marzo 2009 0

Tenta di seppellire la moglie: non aveva soldi per il funerale

Di redazione

In fondo, come dargli torto: con quello che costano, oggi, i funerali! Così, un giapponese di 59 anni avrebbe dato degna sepoltura alla sua cara moglie da poco deceduta, scavandole una fossa, se non fosse stato fermato dalla polizia. Hiroshi Nakamura, questo il nome dell’uomo, non aveva soldi per rivolgersi ai necrofori, e per questo aveva scelto un posticino nei pressi della loro casa; adesso, risulta indagato per abbandono e occultamento di cadavere. La polizia era stata allertata dalla polizia, che gli aveva visto trascinare un grosso involucro, da cui pare fuoriuscissero un paio di gambe.